La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE. Cè comunicazione non verbale ogni volta che una persona influenza laltra attraverso uno di questi segnali/canali:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA COMUNICAZIONE NON VERBALE. Cè comunicazione non verbale ogni volta che una persona influenza laltra attraverso uno di questi segnali/canali:"— Transcript della presentazione:

1 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

2

3 Cè comunicazione non verbale ogni volta che una persona influenza laltra attraverso uno di questi segnali/canali:

4 È possibile parlare di comportamento non verbale o espressione di emozioni quando la comunicazione non è intenzionale. Comunicazione propriamente detta Segni non intenzionali Esprimere emozioni; Comunicare atteggiamenti interpersonali; Accompagnare e sostenere il discorso; La presentazione di sé; Rituali.

5 Differenze culturali nella comunicazione non verbale Espressione facciale Elementi universali e variazioni: Alexander e Badab (1981): rispetto ai bambini americani, i bambini israeliani rispondevano meno frequentemente con un sorriso al sorriso di una ricercatrice; Izard (1979): lo sguardo carico di disprezzo è lespressione più temuta dai giapponesi, e provoca sentimenti di vergogna; lasciare trasparire sul volto le proprie emozioni era considerato indegno di un samurai (Nitobe, 1969)

6 Gesti Elementi universali: Differenze culturali nella comunicazione non verbale

7 Creider (1972): variazioni nei gesti che accompagnano il discorso nelle lingue africane: Gusi: i gesti scandiscono la successione delle espressioni orali; Kipsigi: le frasi non sono scandite da alcuna enfasi vocale e i gesti che le accompagnano non sono collegati alle frasi. Graham (1975): esperimento sulla comunicazione di figure con e senza movimenti delle mani. I movimenti delle mani migliorano la comunicazione e leffetto è più evidente nei soggetti italiani. Gesti Variazioni culturali (due esempi):

8 Le funzioni dei gesti secondo Ekman e Friesen (1969) TipoDescrizione Gesti simbolici o emblemi Segnali non verbali che sostituiscono gli indici verbali Gesti illustratori Indici non verbali che chiariscono il significato delle parole Gesti indicatori di emozioni Indici non verbali che manifestano stati emotivi Gesti regolatori Indici non verbali che regolano linterazione Gesti di adattamento Indici non verbali che esprimono disagio, timidezza e simili

9 Gli indici non verbali secondo Burgoon, Buller e Woodall (1996) CodiceIndici Visivo Cinetica (movimenti del corpo), aspetto fisico e manufatti UditivoCaratteristiche della voce TemporaleUso interpersonale del tempo TattileTocco Spaziale Prossemica e ambiente (mobili, colore e temperatura)

10 CODICE VISIVO 1. COMPORTAMENTO CINETICO NEI GRUPPI Gesti; Postura; Espressioni facciali; Comportamento visivo. 2. ASPETTO FISICO E MANUFATTI Età, statura, sesso e genere; Razza, etnia e cultura; Manufatti.

11 CARATTERISTICHE DELLA VOCE Frequenza fondamentale; Ritmo del discorso; Timbro; Scioltezza; Qualità percepita della voce; Espressività CODICE UDITIVO

12 CODICE TATTILE 1. LOQUACITA 2. LATENZA DI RISPOSTA CODICE TEMPORALE CODICE SPAZIALE 1. TOCCO 1. ECOLOGIA DI GRUPPO Indici ambientali; Prossemica.

13 Le cinque sfere dello spazio personale

14 Distanza di fuga (0 – 15 cm)

15 Distanza critica (15 – 45 cm)

16 Distanza personale (0,5 – 1,2 m)

17 Distanza sociale (1,2 – 3,6 m)

18 Distanza pubblica (> 3,6 m)

19 FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996) 1. PRODUZIONE, ELABORAZIONE E COMPRENSIONE DEI MESSAGGI Esibizioni che aiutano a produrre o comprendere i messaggi, come gesticolare mentre si parla.

20 PRESA DI PRECISIONE Unione di pollice e dita (puntualizzazione)

21 PRESA DI PRECISIONE Accostamento di pollice ed indice (punto in discussione)

22 PRESA SALDA Pugno chiuso (convinzione, determinazione)

23 PRESA SALDA Dita e pollice raccolti (tentativi di convincere o imporsi)

24 COLPI SIMBOLICI Colpire con lindice (attacco verbale)

25 COLPI SIMBOLICI Alzare ed abbassare lindice (minaccia)

26 COLPI SIMBOLICI Agitare il pugno o la mano di taglio (veemenza, determinazione)

27 COLPI SIMBOLICI Spingere i palmi in avanti (disapprovazione, rifiuto)

28 GESTI CON LE MANI APERTE Alzare ed abbassare le mani aperte (intenzione di comunicare i pensieri)

29 GESTI CON LE MANI APERTE Dita aperte (contatto con tutti gli ascoltatori)

30 GESTI CON LE MANI APERTE Palmi alzati (appoggio, comprensione)

31 GESTI CON LE MANI APERTE Palmi abbassati (calmare, zittire)

32 GESTI CON LE MANI APERTE Palmi verso linterno (avvicinare alle proprie idee)

33 2.STRUTTURAZIONE DELLINTERAZIONE Esibizioni che esprimono controllo o privacy FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

34 Stare vicini con noncuranza (privacy in un luogo affollato)

35 3.GESTIONE DELLIDENTITÀ E DELLA PERSONALITÀ Esibizioni di mascolinità/femminilità, socievolezza e simili FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

36 4.ESPRESSIONE E CONTROLLO DELLE EMOZIONI Esibizioni di emozioni, come approvazione, rabbia o disaccordo FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

37 5.GESTIONE DELLA RELAZIONE Esibizioni che contribuiscono alle percezioni di dominanza, potere e intimità. FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

38 Mento sollevato (superiorità, altezzosità)

39 Evitamento dello sguardo (dominanza, potere)

40 Postura rilassata (sicurezza, superiorità)

41 Camminare impettiti o con le mani dietro la schiena (superiorità, sicurezza di sè)

42 Contatto fisico tra innamorati (intimità)

43 Contatto fisico tra genitori e figli (intimità)

44 6.GESTIONE DELLE CONVERSAZIONI Esibizioni di presa del turno e controllo dellargomento e decisioni di iniziare e terminare la conversazione FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

45 Esclusione

46 Reazione allesclusione

47 Interesse

48 7.GESTIONE DELLE IMPRESSIONI Esibizioni di comportamenti privati, come piangere, o pubblici, come sorridere FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

49 8.INFLUENZA E FACILITAZIONE SOCIALE Esibizioni, quali notevole contatto visivo e maggiore espressività facciale, che generano credibilità FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

50 9.MESSAGGI CONFUSI E INGANNO Esibizioni che includono controllo del contatto visivo e movimenti agitati delle gambe mentre si mente FUNZIONI SOCIALI DEGLI INDICI NON VERBALI (Burgoon et al., 1996)

51 Toccarsi locchio o lorecchio (bugie)

52 Grattarsi il collo (ipocrisia)

53 FINE


Scaricare ppt "LA COMUNICAZIONE NON VERBALE. Cè comunicazione non verbale ogni volta che una persona influenza laltra attraverso uno di questi segnali/canali:"

Presentazioni simili


Annunci Google