La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Universit à degli Studi G. d Annunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso La doppia diagnosi a cura del prof. Salvatore Sasso e della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Universit à degli Studi G. d Annunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso La doppia diagnosi a cura del prof. Salvatore Sasso e della."— Transcript della presentazione:

1 Universit à degli Studi G. d Annunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso La doppia diagnosi a cura del prof. Salvatore Sasso e della dott.ssa Ines Panessa

2 Che cosè la doppia diagnosi? La DOPPIA DIAGNOSI non è Una semplice somma di due diagnosi ma Unequazione a più incognite

3 Classificazione sec. First Gladis 1992 Pazienti con: Disturbo psichiatrico primario ed abuso\dipendenza secondari Disturbo da abuso\dipendenza primario e disturbi psichiatrici secondari Disturbi psichiatrici e disturbi da abuso\ dipendenza entrambi primari

4 1) Disturbo psichiatrico primario ed abuso\dipendenza secondari Evidenza clinicamente chiara dell esordio del disturbo psichiatrico in periodo precedente e di sicura astinenza dall uso di sostanze Concezione della self medication, ossia l uso di sostanze per controllare o annullare i sintomi di una malattia psichiatrica o gli effetti collaterali dei farmaci (Khantzian,1985)

5 2) Disturbo da abuso\dipendenza primario e disturbi psichiatrici secondari Effetti di intossicazione acuta Effetti di astinenza Effetti di intossicazione cronica Relazione temporale tra l uso di sostanze e la comparsa dei sintomi psichiatrici Sintomi psichiatrici adeguati alla sostanza

6 3) Disturbi psichiatrici e disturbi da abuso\dipendenza entrambi primari Decorsi indipendenti Sintomi psichiatrici sganciati dall uso di sostanze Lintervento su uno dei due disturbi non influenza la risoluzione dellaltro

7 Dati epidemiologici La probabilit à di trovare una diagnosi di ADDICTION in un paziente psichiatrico è di circa 1 su 2 Secondo le categorie diagnostiche i tassi variano: 30% disturbi depressivi;50% bipolari;50% schizofrenici;30%disturbi d ansia; 23% disturbi fobici; 80% personalit à antisociale Drake et al. 1989

8 Personality traits and psychopathology in drug addiction (Kokkevi, Facy, 1993) L uso di sostanze è un fenomeno multifattoriale in cui convergono sempre aspetti inerenti la personalit à ed elementi di ordine socioculturale: entrambi influenzano sia l esordio che il mantenimento di una carriera tossicomanica. In genere, la comorbidit à per DP si associa con un impairment complessivo del paziente pi ù rilevante:non esistono evidenze chiare, comunque, che i Dp facilitino la cronicizzazione del DUS

9 Teorie sull abuso e la dipendenza dalle droghe Paradigma disease: anomalie biologiche o psicologiche gi à presenti prima dell incontro con la droga. Paradigma adattivo: ricorso alla droga come risultato di un intreccio complesso di fattori, da quelli biologici a quelli cognitivo-motivazionali e di personalit à, a quelli interpersonali e situazionali. E un tentativo di far fronte a disparate situazioni tramite l uso di certe sostanze. Stress ambientale

10 Il modello disease Predisposizione Disturbi psicologici Suscettibilit à Possono influenzare e condizionare l esposizione alla droga, all alcolismo e alle tosicodipendenze. Altri fattori sono: Dipendenza economica Rottura familiare Rifiuto di s é Depressione Aggressivit à Narcisismo Malattia Criminalit à ambientale

11 Il modello adattivo Stili educativi inadeguati Carenze ambientali Inadeguatezza genetiche Fallimento nell integrazione Rottura familiare ………..possono predisporre alla scelta di condotte di addiction a droghe, gioco d azzardo,cibo,perversioni sessuali, criminalit à, fanatismo.

12 I disturbi da uso di sostanze e la loro comorbidit à di asse I e II Fattori di rischio

13 Fattori di rischio. Suicidio, tentativo di suicidio e autolesivit à L uso di sostanze è sempre pi ù citato come un fattore di rischio importante in relazione ai comportamenti autolesivi e suicidari. Elevati livelli di comorbidit à psichiatria, in particolare depressione e anomalie del comportamento, sono stati identificati nella popolazione e indicano la necessit à di un attento monitoraggio, specie negli esordi in et à precoce.

14 Fattori di rischio Se messi a confronto con casi controllo, gli adolescenti che portano a compimento un suicidio sono infatti pi ù frequentemente caratterizzati da: Abuso di sostanze attivo Comorbidit à per depressione Problemi legali Esposizione ad abusi sessuali Familiarit à per abuso di sostanze

15 Fattori di rischio Abuso di sostanze e famiglia I patterns relazionali nella famiglia di origine di un tossicodipendente variano considerevolmente. La psicopatologia corre in queste famiglie: disturbi mentali gravi e disturbo da uso di sostanze presentano percentuali diverse, ma stabili nei genitori e\o nei familiari stretti (30%)

16 Complessit à psicopatologica VS. Complessit à definizione degli obiettivi terapeutici

17 Treatment psychosocial approaches to dual diagnosis (Drake, Mueser, 2000) In genere, l approccio tradizionale al problema(assessment, diagnosi e trattamento) considera i due disturbi separatamente, sia dal punto di vista della diagnosi che della terapia. Le ricerche esistenti indicherebbero come i programmi tradizionali per la DD siano efficaci e come quelli integrati, che tendono a riunirle, siano invece pi ù promettenti.

18 Una risposta terapeutica al problema della doppia diagnosi Il lavoro da svolgere si colloca in una struttura di tipo gruppale costituita da: 1. Aspetto medico – psichiatrico 2. Aspetto psicoterapeutico 3. Gruppi terapeutico – riabilitativi 4. Progetti individualizzati

19 La proposta terapeutica consiste nell integrazione delle famiglie di qs. pazienti all interno di gruppi di confronto e gruppi terapeutici. Ciò permetterebbe alle strutture familiari di acquisire consapevolezza della problematica e della sua diffusione nei vari strati sociali

20 La comunit à terapeutica per DD Tra le risposte per il trattamento della DD, va inserita la CT residenziale che permette al paziente di svolgere un percorso biennale in ambiente protetto

21 Il dibattito Resta un incognita tra le varie posizioni terapeutiche: -Meglio isolare il paziente oppure - assisterlo facendolo gradualmente reintegrare con il mondo esterno?

22 Addiction Termine proposto nel 1919 come sostituto di inebriety, indica la dipendenza da sostanze esogene e, in senso pi ù vasto, la dipendenza da sensazioni, situazioni, comportamenti, oggetti tutti capaci di indurre, per la loro natura gratificante, comportamenti di dedizione Traducibile come dedizione, anche se il termine anglosassone ha connotati di maggiore assolutezza e di ineludibilit à nella relazione con l oggetto da cui si dipende (il vocabolo deriva infatti dal latino addictio = schiavit ù )

23 DIPENDENZE: oggetti Da sostanze psicoattive Da cibo Comportamentali ( dipendenze senza droga ) Stimolazione sensoriale (es. videodipendenze) Arousal (es. gambling patologico) Relazione (es. dipendenze affettive) Sociali Comportamenti socialmente condivisi (es. esercizio fisico, workaholism)

24 Intossicazione da sostanze Intossicazione acuta: violenta e pronunciata modificazione delle condizioni somatiche e psichiche. I sintomi connessi regrediscono del tutto e l individuo, metabolizzata completamenter la sostanza, ritorna allo stato iniziale Overdose: comparsa di effetti avversi per un aumento del dosaggio di una sostanza nel tentativo di mantenere o accrescerne gli effetti gratificanti Intossicazione cronica: si determina in seguito alla ripetizione di singole somministrazioni per un lasso di tempo variabile da sostanza a sostanza ed è caratterizzata da lesioni organiche che si traducono in alterazioni fisiche e psichiche

25 Disturbi psichici indotti da sostanze Delirium Demenza Disturbo Amnestico Disturbo Psicotico Disturbo psichico residuo o ad esordio tardivo (flashbacks, disturbo di personalit à, sindrome affettiva residua) Disturbi dellUmore Disturbi dAnsia Disturbi del Sonno Disfunzioni Sessuali

26 Metodiche Diagnostiche Test di screening comportamentale Scale specifiche per la valutazione dello stato clinico (astinenza, craving) Strumenti di assessment per aree problematiche (es. Addiction Severity Index) Test farmacologici di provocazione dell astinenza Determinazioni dirette delle sostanze d abuso (esami tossicologici) Indici di intossicazione cronica

27 The synapse trasmission

28 Dopamine and the production of cyclic AMP

29 Dipendenza fisica e psichica OPPIOIDI Oppio e derivati: eroina, morfina, codeina Derivati di sintesi: meperidina, metadone, fentanil Agonisti parziali ed agonisti- antagonisti: pentazocina, buprenorfina PSICOSTIMOLANTI Cocaina Amfetamine e derivati: destroamfetamina, metamfetamina, metilfenidato Nicotina e Caffeina DEPRESSORI Alcol, Barbiturici, Cloralio, Meprobamato, Benzodiazepine CANNABINOIDI Tetraidrocannabinolo

30 Dipendenza psichica: ALLUCINOGENI CLASSICI LSD, Mescalina, Psilocibina, Dimetiltriptamina, Fenciclidina, Ketamina ALLUCINOGENI AMFETAMINICI E DESIGNER DRUGS MDMA, (ecstasy), MDEA, MMDA, DOM, PMA, 2-CT-2, 2-CT-7 INALANTI (solventi volatili) Toluene, Acetone, Benzene, Tricloroetilene, 1,2 dicloropropano, Idrocarburi alogenati, Nitriti organici (popper)

31 Sindrome di dipendenza (Edwards, 1986) Dipendenza come sindrome bio-psico-sociale caratterizzata da alcuni elementi fondamentali: La consapevolezza di una compulsione all uso di una sostanza, di solito durante il tentativo di interrompere un consumo moderato Il desiderio di interrompere l uso della sostanza pur continuandolo Un comportamento d uso della sostanza stereotipato Predominanza del comportamento di ricerca della sostanza rispetto ad obiettivi prioritari della vita Evidenza di neuroadattamento Rapido ripristino delle condizioni di dipendenza anche dopo lunghi periodi di remissione

32 Differenze individuali Consumatori \ tossicofilia:soggetti non ancora dipendenti dalla sostanza. L uso di sostanze non provoca danni eccessivi al soggetto che può smettere di farne uso; Farmacodipendenti \ tossicodipendenza:soggetti ormai dipendenti che non riescono a rinunciare alla sostanza, neanche se i danni prodotti sono evidenti; Tossicomania: la vita emotiva del soggetto finisce per chiudersi intorno alla sostanza, che occupa la maggior parte del suo tempo e dei suoi pensieri.


Scaricare ppt "Universit à degli Studi G. d Annunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso La doppia diagnosi a cura del prof. Salvatore Sasso e della."

Presentazioni simili


Annunci Google