La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Definizioni di turismo Linsieme dei rapporti e dei fenomeni che risultano dal viaggio e dal soggiorno di persone non residenti, purché il loro trasferimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Definizioni di turismo Linsieme dei rapporti e dei fenomeni che risultano dal viaggio e dal soggiorno di persone non residenti, purché il loro trasferimento."— Transcript della presentazione:

1 Definizioni di turismo Linsieme dei rapporti e dei fenomeni che risultano dal viaggio e dal soggiorno di persone non residenti, purché il loro trasferimento non dia luogo a insediamento e non sia legato ad alcuna attività lucrativa principale (W. Hunziker e K. Krapf) Lo spostamento dal luogo di abituale residenza in uno o più luoghi di temporaneo soggiorno, al fine di soddisfare determinati bisogni di diporto, con conseguente trasferimento di redditi a puro scopo di consumo (A. Bertolino)

2

3 Turismo attivo Dipende dalle caratteristiche demografiche e socio-economiche dellarea di origine dei flussi turistici: età, sesso, stato di salute livello reddituale orientamenti socio-politici livello di urbanizzazione livello culturale

4 Turismo proprio e improprio Turismo proprio: spostamento dal luogo di abituale residenza per diporto o per motivi culturali che dà luogo a uno o più pernottamenti Turismo improprio: il fare turismo per motivi diversi da quelli puramente ricreativi e diportistici Escursionismo: spostamento che non dà luogo a pernottamenti, esaurendosi in un tempo inferiore alla giornata

5 Il turismo proprio può essere distinto in varie tipologie in base a : Motivazioni Caratteristiche temporali Caratteristiche dei soggetti interessati e delle modalità di organizzazione Posizione geografica della meta rispetto alla località di origine Modalità di spostamento e di trasporto Caratteristiche delle attrezzature ricettive

6 Le motivazioni del turismo Lagire turistico è dato da una istanza interiore che spinge luomo a lasciare i luoghi noti, di abituale residenza, per cercare un Altrove, eccezionale perché inconsueto e lontano, che permetta di cambiare il registro esistenziale della propria esperienza. Dunque motivazioni psicologiche, per soddisfare una pluralità di bisogni, congiuntamente o disgiuntamente: recupero e rigenerazione; compensazione e integrazione sociale; fuga; comunicazione; libertà e autodeterminazione, autorealizzazione e felicità; curiosità e interesse per il resto del mondo. Cohen: 5 generi di vacanza (ricreativo, diversivo, esperienziale, sperimentale, esistenziale) Radzik: 4 motivazioni di base (natura, cultura, divertimento, rapporti sociali)

7 Motivazioni - tipologie Turismo naturalistico Turismo climatico Turismo balneare Turismo montano Turismo lacuale Turismo rurale Turismo sportivo Turismo culturale (archeologico, darte, spettacoli e eventi, ricordo) e para-culturale (parchi danimazione, giardini, cimiteri) Turismo religioso Turismo enogastronomico

8 Caratteristiche temporali Turismo di breve periodo Vacanza Turismo stanziale o soggiorno Turismo estivo Turismo invernale Week-end Alta, media e bassa stagione

9 Modalità di organizzazione Soggetti interessati Turismo individuale o auto-organizzato Turismo organizzato Turismo elitario Turismo di massa Turismo giovanile Turismo di famiglia Turismo della terza età

10 Tipologie di turisti Modello di Plog Individui psicocentrici (mete prossime, turismo di massa) Individui allocentrici (mete lontane ed esotiche, turismo avventura) Turisti istituzionalizzati Turisti non istituzionalizzati (esploratori, girovaghi)

11 Turismo improprio Turismo per motivi di salute Termalismo Turismo congressuale Turismo daffari e di servizio Turismo per motivi familiari Turismo scientifico e di ricerca Turismo di studio Turismo per partecipazione ad eventi

12 Turismo passivo o ricettivo Luoghi del turismo (stazioni-località-nuclei-centri) Tipologie dei centri turistici Attrezzature turistiche Movimento turistico Regioni turistiche

13 Centri turistici - tipologie Monofunzionali (specializzati) – polifunzionali Monostagionali – bistagionali Centri di turismo alberghiero – extra-alberghiero – residenziale Macro-meso-micro stazioni Costieri – interni Di transito – di soggiorno

14 La regione turistica Una regione turistica è unarea capace di attrarre flussi costanti e periodici e in cui lorganizzazione del territorio è funzionale al soddisfacimento delle esigenze ricreative e culturali dei fruitori La configurazione turistica di una regione risulta sempre legata alla sua storia evolutiva, oltre che allassetto paesaggistico e geomorfologico del territorio

15

16 Tipologie di regione turistica potenziale: sono presenti attrattive culturali e paesaggistiche in grado di attirare flussi turistici se valorizzate in espansione: si registra una costante espansione della domanda che permette un accrescimento dellofferta, sia in termini qualitativi che tipologici mature: la domanda aumenta ma con tasso decrescente e si stabilizza la composizione tipologica dei flussi sature: le capacità di carico del territorio e del sistema di accoglienza sono superate, diminuisce lattrattività della regione e si verifica una dequalificazione dei flussi e dellimmagine in declino: si registrano una flessione accentuata della domanda e una dequalificazione dellofferta

17

18 Gli elementi dellattrattività turistica la presenza di risorse turistiche la fruibilità delle risorse turistiche laccessibilità da parte dei flussi turistici limmagine complessiva della regione

19 Per risorsa turistica si intende qualsiasi elemento territoriale, sia esso naturale o antropico, in grado di attirare un flusso turistico. Se ne possono individuare almeno 3: il contesto naturale, ambientale e paesaggistico il patrimonio storico-culturale le strutture complementari di natura ricreativa, ludica e di svago

20 Interpretazione: percepire la risorsa turistica come tale e individuare le linee di gestione della stessa Presentazione: informare i visitatori, attraverso strumenti mediatici, dellesistenza e delle caratteristiche della risorsa turistica

21

22

23 Forme di integrazione dellofferta turistico-ricettiva Verticale (ad es. tour operator) Orizzontale (catene alberghiere franchising o corporate) Sistemica (comprensori, consorzi turistici, sistemi turistici locali)

24

25

26

27 La capacità di carico turistico La capacità di carico di una regione turistica può essere definita come il massimo numero di persone che possono utilizzare la regione medesima senza provocare unalterazione dellambiente fisico, culturale e socio-economico, o un forte declino nella qualità del vissuto. Due sono quindi i punti di vista dai quali analizzare la c.d.c.: Dal punto di vista del turismo passivo (ambiente fisico, culturale, socio-economico): la c.d.c. rappresenta il massimo numero di turisti che larea può ospitare senza che ne risulti un danno allambiente fisico o un impoverimento delle peculiarità socio-culturali ed economiche della comunità locale; Dal punto di vista del turismo attivo (il turista e limmagine turistica della regione): la c.d.c. è il numero di visitatori compatibile con limmagine del prodotto turistico e con il tipo di esperienza ambientale e culturale che i turisti cercano. Il calcolo della capacità di carico di unarea turistica rappresenta, quindi, uno strumento per valutare i termini entro i quali lo sviluppo turistico può progredire senza distruggere le risorse stesse da cui esso dipende, garantendo, nel contempo, la soddisfazione degli obiettivi dellindustria turistica, dei turisti e, ovviamente, della popolazione locale.

28 DEFINIZIONE DELLA CAPACITA DI CARICO turismo passivoturismo attivo Fisica livelli accettabili di congestione; basso impatto visivo delledificato; tutela di flora e fauna; Livelli accettabili di rumore e di inquinamento; sufficiente capacità di smaltimento rifiuti. bassa congestione; attrattività del paesaggio; preservazione ecosistema; generale pulizia; basso livello di inquinamento. Economica Livello che garantisca profitti senza distorsioni o inflazione; Livello adeguato di occupazione Costo della vacanza in rapporto allesperienza vissuta. Socioculturale Livello che non danneggi lo stile di vita, la cultura locale; Livello che tuteli il patrimonio storico-artistico. Tradizioni Qualità artigianato Qualità enogastronomica Infrastrutturale Rete di trasporto Reti idrica, elettrica ecc. Alloggi, salute, sicurezza Standard accettabili di servizi di trasporto e di infrastrutture in genere.

29 METODI PER FAR FRONTE ALLA SATURAZIONE Incrementare la capacità Espandere la capacità dei servizi di pubblica utilità Espandere la capacità dei servizi di trasporto pubblico e infrastrutture Creare nuovi percorsi e migliorare quelli esistenti Distribuire opuscoli per sensibilizzare i turisti Incoraggiare la popolazione locale a partecipare al turismo Limitare la pressione Localizzare le attrazioni ad alto utilizzo vicino ai punti di accesso per ridurre la domanda di trasporto Disperdere le attrazioni turistiche per limitare la congestione Sviluppare e promuovere nuovi centri di attrazione Ridurre la stagionalità (politiche di prezzo) Limitare laccesso Prezzi maggiori per gli alloggi turistici o per i biglietti Proibire la costruzione di nuove infrastrutture Stabilire un numero massimo di alloggi nellarea Limitare i parcheggi e la disponibilità di posti Pedonalizzare i centri Numero massimo di persone che possono accedere in un determinato luogo di interesse turistico Chiudere alcuni luoghi (aree ecologicamente sensibili) in determinati periodi

30 Soft tourism Tasso di crescita lento Controllo sui flussi turistici Imprese turistiche di piccole dimensioni Aree marginali per il turismo, da valorizzare o da riqualificare

31 special interest tourism 20% dei viaggi internazionali tasso di crescita medio annuo del 4,2% passaggio dal paradigma delle 4S (turismo fordista) a quello delle 4E (turismo post-fordista)

32 Il turismo come esperienza esistenziale Fare turismo è un modo di svagarsi, ma anche di apprendere, giudicare, appropriarsi di ciò che si incontra, riconoscere lesistenza e limportanza di altre realtà, di altri paesaggi, altre civiltà antiche e moderne. E anche un modo per confrontarsi con il resto del mondo, cercando di comunicare con esso e di capirlo. Viaggiare è entrare dentro una realtà diversa, fisica e umana, di cui sperimentare in prima persona i caratteri e la storia. Guardare è anche capire che ciò che si vede non ha uno solo, ma mille volti. Giacomo Corna Pellegrini

33 Il turismo come esperienza culturale Il viaggio permette ai suoi fruitori di entrare in una realtà, fisica e umana, della quale sperimentare i caratteri e la storia. Il viaggio è, dunque, un fatto di cultura: dei popoli e degli ambienti che si incontrano si coglie la complessità dei quadri territoriali e culturali, la ricchezza di elementi, la varietà antropica e naturalistica, le relazioni. In questa prospettiva, il turismo rappresenta uno strumento per capire, indagare e interpretare - prima, durante e dopo il viaggio - il territorio e la cultura in esso presente.

34 Definizione geografica di cultura Distribuzione geografica e diffusione territoriale di lingue, religioni, tradizioni, costumi, usi alimentari, tipologie edilizie, modi di coltivare e produrre Permanenza nei luoghi dei segni di antiche civiltà, di momenti significativi della storia di uomini e popoli Somma delle interpretazioni che le caratteristiche naturali e antropiche hanno suggerito a quanti in quei luoghi hanno soggiornato o per quei luoghi sono transitati

35 Definizione di turismo culturale Cultural tourism is the movement of persons for essential cultural motivations such as study tours, performing arts and cultural tours, travel to festivals and other cultural events, visits to sites and monuments, travel to study nature, folklore and art, and pilgrimages (WTO, 1985)

36 Tipologie di fruizione per il turismo culturale tradizionale: è quella del visitatore delle città darte, con una permanenza di 2/3 notti nella località e soggiorno in albergo, con visita alle attrazioni artistiche, ai musei, ecc., generalmente allinterno di percorsi classici di rimbalzo: rappresenta la modalità di fruizione culturale attuata da turisti che si trovano nellarea per motivi non strettamente culturali (lavoro, vacanza balneare, ecc.) e quindi dà luogo spesso ad escursionismo ad hoc: è legata ad una motivazione precisa ed alla possibilità di godere di una attrazione specifica (evento, mostra temporanea, festival, ecc.) etnoturistica: si caratterizza per lattenzione ad elementi di cultura popolare, folklore, ecc., spesso di paesi extra-europei di studio: è quella effettuata in concomitanza di viaggi di istruzione, oppure da studiosi che fanno delle attrazioni culturali loggetto del loro lavoro o studio di atmosfera: tipica di chi apprezza lambiente, lurbanistica, lincontro con la popolazione locale, lo shopping, la possibilità di vivere una esperienza coinvolgente, anche restando al di fuori di monumenti e musei

37 Il paesaggio culturale Il paesaggio è lipostasi della storia nel territorio, ne rivela la complessa fisionomia e consente di riconoscere e interpretare i segni della natura, degli uomini e delle loro interrelazioni. Un paesaggio diventa culturale quando riesce a metabolizzare nella sua essenza un valore simbolico, diventando il palinsesto sedimentato e complesso dellidentità culturale di un popolo. Ogni cultura instaura un rapporto con la natura, creando luoghi con specifici caratteri, che divengono specchio della società che li ha creati. Nel paesaggio culturale sono individuabili i mutamenti sociali, il modificarsi dei modi dellabitare, di produzione, delle forme urbane, delle attività economiche. Un paesaggio è quindi il prodotto di una determinata cultura in un determinato luogo. Piuttosto che essere un contrappunto di dettagli pittoreschi, il paesaggio è un insieme: una convergenza, un momento vissuto (Eric Dardel, 1952)

38 Il paesaggio è una qualità del territorio e anche una risorsa: come la fertilità del terreno, la presenza dacqua, duna miniera o dun pozzo di petrolio. Alcuni paesaggi divengono lemblema di piccoli spazi. Altri si diffondono sullintera faccia del globo. Ogni paesaggio, esteso o angusto, racchiude capitoli e frammenti della lunga storia della natura e della breve storia delluomo. Ma è grazie alluomo che il paesaggio diventa tale, acquista la sua essenza di qualità e di risorsa di un territorio. Come ogni risorsa, il paesaggio – inteso come materia prima - ha bisogno che ci sia qualcuno che lo scopra, che ne descriva le peculiarità, che lo metta in valore. Il turismo, più di ogni altra attività umana, trasforma questa materia prima in risorsa economica. Lindividuazione e la tutela dei paesaggi sono il presupposto per la felice esplicazione delluso turistico di un territorio.

39

40 Il concetto di bene culturale Il concetto di bene culturale, nellaccezione attuale, comprende i beni di interesse non solo archeologico, storico, artistico, archivistico e librario, ma anche ambientale e paesaggistico Il paesaggio è quindi da considerare un bene culturale e gli elementi naturali, qualora acquisiscano la funzione di spazio vissuto e di simbolo identitario, rientrano nel patrimonio culturale di un luogo

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65 Marketing dei beni culturali Perché si determini turismo, sul piano del marketing territoriale, è necessario che il bene culturale: sia capito e concepito prima di tutto dai residenti sia conosciuto e diventi un prodotto

66

67

68

69

70

71

72


Scaricare ppt "Definizioni di turismo Linsieme dei rapporti e dei fenomeni che risultano dal viaggio e dal soggiorno di persone non residenti, purché il loro trasferimento."

Presentazioni simili


Annunci Google