La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laureando: Relatore: Correlatore: Enrico Squadroni Luca Tommasi Correlatore: Alfredo Brancucci Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. dAnnunzio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laureando: Relatore: Correlatore: Enrico Squadroni Luca Tommasi Correlatore: Alfredo Brancucci Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. dAnnunzio."— Transcript della presentazione:

1 Laureando: Relatore: Correlatore: Enrico Squadroni Luca Tommasi Correlatore: Alfredo Brancucci Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. dAnnunzio - Chieti

2 Il riconoscimento dei volti è unabilità umana di vitale importanza, con un alto grado di rilevanza sociale.. Lelaborazione dei volti è formata da un gran numero di processi percettivi e cognitivi.. ESTRAPOLAZIONEIDENTIFICAZIONE ACCESSO AL NOME ESPRESSIONE FACCIALE

3 A livello cerebrale è presente un bias in favore dellemisfero destro nellidentificazione del sesso dei volti

4 Lemisfero destro è specializzato per la percezione dei volti 1. Studi su primati non umani 2. Studi su prosopagnosia 3. Studi di neuroimmagine 4. Studi comportamentali

5 Modello cognitivo per la percezione dei volti (Haxby, Hoffmann e Gobbini, 2000) SISTEMA ESTESO: altre elaborazioni in accordo ad altri sistemi neurali SISTEMA PRINCIPALE: analisi visive GIRO OCCIPITALE INFERIORE: Prima percezione delle caratteristiche facciali SOLCO TEMPORALE SUPERIORE SOLCO TEMPORALE SUPERIORE: Aspetti variabili dei volti – percezione della direzione dello sguardo, dellespressione e dei movimenti delle labbra GIRO FUSIFORME LATERALE GIRO FUSIFORME LATERALE: Aspetti invariabili dei volti – percezione della sola identità SOLCO INTRAPARIETALE SOLCO INTRAPARIETALE: Dirige lattenzione spaziale CORTECCIA UDITIVA: Percezione del linguaggio prelessicale AMIGDALA, INSULA, SISTEMA LIMBICO SISTEMA LIMBICO: emozione LOBO TEMPORALE ANTERIORE LOBO TEMPORALE ANTERIORE: Identità, nome e informazioni biografiche

6 Gillian Rhodes 1985 Gillian Rhodes 1985 Stimoli: facce chimeriche

7 Il sistema visivo è organizzato in modo che le informazioni presentate allemicampo visivo sinistro dellosservatore vengono elaborate dallemisfero destro, e le informazioni presentate allemicampo visivo destro dellosservatore vengono elaborate dallemisfero sinistro Le facce chimeriche sono stimoli ottenuti dallaccostamento di due emifacce Le facce chimeriche sono stimoli ottenuti dallaccostamento di due emifacce (di uno stesso volto o di volti diversi)

8 Gillian Rhodes 1985 Gillian Rhodes 1985 Stimoli: facce chimeriche Presentazioni: centrali e lateralizzate

9 Le facce chimeriche sono stimoli ottenuti dallaccostamento di due emifacce Le facce chimeriche sono stimoli ottenuti dallaccostamento di due emifacce (di uno stesso volto o di volti diversi)

10 i soggetti si basano sulle caratteristiche dellemifaccia sinistra per giudicare la bellezza, letà, le emozioni ed il genere Burt & Perrett 1995 Burt & Perrett 1995

11 Parente & Tommasi 2008 Parente & Tommasi 2008 stimoli: volti interi stimoli: volti interi e chimerici presentazioni: dritte presentazioni: dritte ed invertite ed invertite

12 Superiorità del genere femminile nellidentificazione del sesso dei volti (Lewin, Herlitz, 2002; Cellerino, Borghetti, Sartucci, 2004) Superiorità del genere femminile nellidentificazione del sesso dei volti (Lewin, Herlitz, 2002; Cellerino, Borghetti, Sartucci, 2004)

13 1. I soggetti sono più efficienti nel classificare volti del loro stesso genere (Cellerino, Borghetti, Sartucci, 2004; Wright, Sladden, 2003; Yamaguchi et al., 1994) 2. Superiorità femminile nellidentificare volti del loro stesso sesso (Rehnman, 2007; Rehnman, Herlitz, 2007) 3. Maggiore attenzione delle donne per volti femminili, con migliori performance rievocative (Loven, 2007)

14 1. Confermare il vantaggio dellemisfero destro nel giudizio sul sesso dei volti 2. Volti femminili 3. Confermare lesistenza di una superiorità del genere femminile nellidentificazione del sesso dei volti 4. Giudizio in funzione del sesso degli osservatori

15 Partecipanti : 40 soggetti destrimani 20 M e 20 F (21-30 anni) Materiale : 180 stimoli 2 blocchi di 90 stimoli randomizzati 90 volti maschili 90 volti femminili

16

17 fissazione centrale (1 s) stimolo (150 ms) blank +

18 SCHERMO SOGGETTO SPERIMENTALE + Compito : ai soggetti veniva chiesto di decidere rapidamente il genere dei volti che apparivano sullo schermo, ed erano incoraggiati a basare il loro giudizio su unimpressione generale...

19 Variabili indipendenti: 1. Sesso dei soggetti sperimentali (sesso), su 2 livelli (maschio- femmina) 2. Sesso del volto (genere), su 2 livelli (maschio-femmina) 3. Posizione di presentazione del volto (posizione), su 3 livelli (sinistra-centro-destra)

20 1. Volti maschili a sinistra 2. Volti maschili al centro 3. Volti maschili a destra 4. Volti femminili a sinistra 5. Volti femminili al centro 6. Volti femminili a destra totale: 6 condizioni

21 Variabili dipendenti: 1. Performance dei soggetti: % di risposte corrette 2. RTs: tempi medi di risposta

22 & sinistra: ± 0.017; centro: ± 0.018; destra: ± Maschi: ± 0.028; Femmine: ± maschi femmine Maschi: ± Maschi: ± Femmine: ± volti maschili volti femminili &

23 & Maschi sx: ± 0.016; Maschi cent.: ± 0.011; Maschi dx: ± Femmine sx: ± 0.017; Femmine cent.: ± 0.017; Femmine dx: ± volti maschili volti femminili

24 sinistra: ± 26.49; centro: ± 25.11; destra: ± & Maschi: ± 23.87; Femmine: ± volti maschili volti femminili &

25 Maschi sx: ± 29.05; Maschi cent.: ± 31.59; Maschi dx: ± 27.53; Femmine sx: ± 29.60; Femmine cent.: ± 34.69; Femmine dx: ± 39.22; Maschi sx: ± 38.53; Maschi cent.: ± 23.72; Maschi dx: ± 42.01; Femmine sx: ± 48.26; Femmine cent.: ± 45.48; Femmine dx: ± maschi femmine

26 I risultati sono consistenti con il noto vantaggio dellemisfero destro nellidentificazione del sesso dei volti I risultati hanno confermato che i soggetti di sesso femminile sono più efficienti in questo compito cognitivo

27 Le performance dei soggetti sono state superiori quando erano i volti maschili ad essere presentati centralmente Le performance dei soggetti non hanno evidenziato uninterazione tra il sesso dei volti presentati come stimoli ed il genere degli osservatori

28 Forse sono necessarie un minor numero di informazioni per riconoscere un volto di sesso maschile rispetto ad uno femminile

29 Laureando: Relatore: Correlatore: Enrico Squadroni Luca Tommasi Correlatore: Alfredo Brancucci Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. dAnnunzio - Chieti


Scaricare ppt "Laureando: Relatore: Correlatore: Enrico Squadroni Luca Tommasi Correlatore: Alfredo Brancucci Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. dAnnunzio."

Presentazioni simili


Annunci Google