La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Umberto Conti Unità Operativa di Malattie Cardiovascolari II Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Ospedale Santa Chiara, Pisa. Utilità dellecocardiografia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Umberto Conti Unità Operativa di Malattie Cardiovascolari II Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Ospedale Santa Chiara, Pisa. Utilità dellecocardiografia."— Transcript della presentazione:

1 1 Umberto Conti Unità Operativa di Malattie Cardiovascolari II Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Ospedale Santa Chiara, Pisa. Utilità dellecocardiografia nel trattamento della dissincronia ventricolare MCV II PISA

2 2 Studi clinici : End point mortalità e ospedalizzazione COMPANION (N.Eng.J.Med 2004:350;21; 2140) (parallel-arm trial), Cardiac- resynchronization therapy with or without an implantable defibrillator in advanced chronic heart failure CARE-HF (N.Eng.J.Med 2005:352; (parallel- arm trial), The effect of cardiac resynchronization on morbidity and mortality in heart failure Ogni 9 device-CRT impiantati si prevengono 1 morte e 3 ospedalizzazioni (3 anni circa)

3 3

4 4 Asincronia elettrica/meccanica ASINCRONIA ELETTRICA: BBS/QRS largo (30-50% dei pazienti con insufficienza cardiaca avanzata – prognosi negativa) ASINCRONIA MECCANICA atrio-ventricolare interventricolare intraventricolare ( intramurale )

5 5 Limiti dellECG nel rilievo dellasincronia 1) Non ha una sensibilità sufficiente per rilevare la presenza di un ritardo elettromeccanico nelle singole regioni del ventricolo sinistro. 2) Alcuni pazienti presentano unasincronia meccanica senza ritardi elettrici (ipertrofia-fibrosi-collagene-modificazioni ultrastrutturali dei miociti)

6 6 Necessità di criteri addizionali di selezione ~ 30% dei pazienti sottoposti a CRT sono non-responders (parametri clinici ed ecocardiografici) ~ 30% dei pazienti nel braccio di controllo presentano un miglioramento clinico

7 7 SINCRONIA ATRIO-VENTRICOLARE. La migliore performance ventricolare si ottiene quando la contrazione atriale precede linizio della sistole ventricolare, così da produrre un volume telediastolico ottimale e una gettata sistolica ottimale. Tre Livelli di Sincronia SINCRONIA INTERVENTRICOLARE. La corretta interazione attraverso il setto interventricolare è il principale vantaggio che discende dalla contrazione coordinata dei due ventricoli. SINCRONIA INTRAVENTRICOLARE. La sincronia di contrazione delle pareti del ventricolo sinistro permette la massima efficienza meccanica nelleiezione della normale gettata sistolica.

8 8 ASINCRONIA ATRIO-VENTRICOLARE VALUTAZIONE CON IL DOPPLER STANDARD DEL FLUSSO DIASTOLICO VALVOLARE MITRALICO RITARDO A-V OTTIMALE: MASSIMO TEMPO DI RIEMPIMENTO DIASTOLICO FINO ALL INTERRUZIONE DELL ONDA A PROVOCATA DALLA CHIUSURA DELLA MITRALE

9 9

10 10 ASINCRONIA INTERVENTRICOLARE RITARDO TRA LINIZIO DELLATTIVAZIONE DEL VENTRICOLO DESTRO E DEL VENTRICOLO SINISTRO a) Valutazione Doppler (q-Ao – q-Polm) CUT OFF: 40 msec b) Valutazione TDI (pulsato) (q-S tric - q-S later) Rouleau F,Pacing Clin Electrphysiol 2001

11 11 SPWMD 130 msec (septal to posterior wall motion delay) ASINCRONIA INTRAVENTRICOLARE

12 12

13 13 TDI e CRT TDI tradizionale TSI (tissue synchronization imaging) TISSUE TRACKING STRAIN e STRAIN RATE

14 14 TDI e CRT Vantaggi TDI: 1) buona risoluzione temporale 2) buona riproducibilita 3) discreta diffusione 4) ottima validazione in letteratura Limiti TDI: 1) qualita delle immagini 2) prevalente studio della funzione longitudinale 3) influenzato dal trascinamento passivo (ischemia) e dal movimento di traslazione del cuore 4) puo essere registrato solo un segmento miocardico per ogni ciclo cardiaco 5) angolo Doppler/movimento tissutale (soprattutto nei cuori globosi)

15 15 TDI CRT CRITERI di BAX (TDI pulsato) Intervallo di tempo tra linizio del QRS e il picco di velocita sistolica (onda S al TDI) Scansione apicale 4 camere e 2 camere (parte basale setto*,laterale*,inferiore e anteriore) Ritardo max tra i picchi di velocita sistolica > / = 65 msec: ASINCRONIA Bax JJ et al Am J Cardiol 2003

16 16

17 17 TDI e CRT CRITERI di YU (TDI pulsato con software dedicato) Scansione apicale (4 c, 2c, long axis) (parte basale e media di setto inf, laterale, anteriore, inferiore, setto ant, posteriore) Deviazione standard del tempo al picco delle velocita sistoliche di 12 segmenti Indice di ASINCRONIA di Yu: deviazione standard cut off: 34.4 msec Yu CM et al, Am J Cardiol 2003

18 18 TSI e CRT CODIFICA COLORIMETRICA DEL TEMPO AL PICCO DELLE VELOCITA DI OGNI SEGMENTO MIOCARDICO (TDI) CON TRASFERIMENTO SULLE REGIONI ANATOMICHE DEL VENTRICOLO SINISTRO (B-Mode) Tempo al picco < 200 msec colore verde Tempo al picco msec colore giallo-arancione (ritardo moderato) Tempo al picco > 300 msec colore rosso (ritardo grave) Vantaggi: visione di assieme della presenza/assenza di asincronia Limiti: bassa sensibilità e mancata distinzione tra movimento attivo e passivo della parete miocardica Cut-off: 65 msec ritardo tra opposte pareti SD 34.4 msec su 12 segmenti Yu CM, et al J Am Coll Cardiol 2005

19 19 TISSUE TRACKING STUDIA LO SPOSTAMENTO DI UN SEGMENTO MIOCARDICO VERSO IL TRASDUTTORE O IN ALLONTANAMENTO E QUINDI VALUTA LACCORCIAMENTO SISTOLICO LONGITUDINALE SI POSSONO DERIVARE DELLE CURVE DI SPOSTAMENTO (setto basale-medio e parete laterale basale-media) Sogaard P. et al Jam Coll Cardiol 2002

20 20 Calcolo dell asincronia intraventricolare con lo strain radiale Differenza di tempo dal picco dello strain radiale tra setto e parete posteriore. CUT OFF: 130 msec Dohi et al, Am J Card. 2005

21 21 Guidelines for cardiac resyncronization therapy European Heart Journal 2007

22 22

23 23 ECO 3-D/ 4D e CRT (Real time 3-D Echo) STUDIO SIMULTANEO dell INTERO VENTRICOLO (contrazione longitudinale,radiale e circonferenziale) e quindi possibilita di identificare la DISSINCRONIA GLOBALE durante lo STESSO BATTITO cardiaco SYSTOLIC DYSSYNERGY INDEX : derivato dalla dispersione del tempo necessario a raggiungere il volume minimo per ciascuno dei 16 segmenti vn < 3.5%(+ o – 1.8) normali > 15.6% (+ o – 1) severa disfunzione VS Vari software: ultimo il metodo TRIPLANO con 3 scansioni apicali durante il medesimo battito Kapetanakis S et al Circulation 2005

24 24

25 25 Limiti ECO 3D Scarsa disponibilita Costoso Poco utilizzabile nelle cattive finestre Basso frame-rate (20-30 frame/sec) e quindi scarsa risoluzione temporale

26 26 VVI Nuova tecnica ecocardiografica quantitativa che sovrappone le immagini dei vettori di velocita di pareti opposte alle tradizionali immagini 2-D Indipendente dall angolo di incidenza Studia le dinamiche longitudinali,radiali e circonferenziali Maxime Cannessson et al Am J Cardiol 2006

27 27 VVI

28 28 What Is Phase? Overall early motion (best-fit sinusoid is shifted to the left), is shown as a negative value Overall delayed motion (best-fit sinusoid is shifted to the right), is shown as a positive value Values are shown in milliseconds and as a percentage of the cardiac cycle Sinusoid curves of each segment Curves of any parameter for each segment + phase - phase Average phase is defined as zero value Average phase of all 6 segments

29 29 Velocity (cm/s)Time (ms) SeptumLateral Wall Normal LBBB

30 30 VVI e CRT

31 31 Limiti dell ECO Operatore dipendente Limiti intrinseci alle varie metodiche Time consuming Scelta tra i vari parametri (soprattutto in caso di contrasto)

32 32 ECG vs ECO nella selezione dei pazienti Linee guida Semplicità ed univocità dei criteri ECG Alcuni studi clinici accreditano l ECG di buona predittività Numerosi pazienti (> 4000) arruolati nei trials in base all ECG

33 33 The only reliable predictive criterion of positive response to CRT is the degree of QRS shortening

34 34

35 35 ECO e CRT Identificazione di potenziali responders alla CRT mediante la valutazione dellasincronia Guida al posizionamento dellelettrocatetere ventricolare sinistro Follow up post-CRT ( Valutazione Responders\non responders) Ottimizzazione del funzionamento del Device

36 36 RESPONDERS Emodinamici (risposta in acuto) Clinici (QoL, NYHA) Funzionali (vO2max, 6 min walking test) Ecocardiografici (CO, FE, reverse remodeling (–15% TSEV)

37 37 Ottimizzazione dei parametri del device -Calcolo immediato del Dp\Dt -Ottimizzazione del ritardo A-V -Calcolo dei Volumi e della FE -Calcolo del Tei index -Valutazione della insufficienza mitralica

38 38

39 39 Tei et al JACC, 1996

40 40

41 41 Asincronia AV Asincronia intra- inter ventricolare Ottimizzazione dei parametri del Device Valutazione immediata dei risultati emodinamici Controllo Follow up Responders\no Responders

42 42 Perché andare al buio se……… Possiamo accendere la luce ? Grazie per lattenzione

43 43

44 44 CRT e TISSUE TRACKING STUDIA LO SPOSTAMENTO DI UN SEGMENTO MIOCARDICO VERSO IL TRASDUTTORE O IN ALLONTANAMENTO CODIFICA COLORIMETRICA DEL NUMERO DI MILLIMETRI CHE OGNI SEGMENTO PERCORRE SPOSTANDOSI VERSO IL TRASDUTTORE DURANTE LA SISTOLE I SEGMENTI BASALI SI SPOSTANO DI PIU E QUELLI APICALI DI MENO SI POSSONO DERIVARE DELLE CURVE DI SPOSTAMENTO (setto basale-medio e parete laterale basale-media)

45 45

46 46 STRAIN RATE e CRT Vantaggi: a) distinzione del movimento attivo del miocardio dallo spostamento passivo (tethering) e dal movimento secondario alla translazione del cuore b) applicabile anche in finestre acustiche non ottimali Limiti: a) variabilita intra e interosservatore b) risoluzione temporale inferiore agli altri metodi TDI c) minor predittivita del successo della CRT ?

47 Lo STRAIN (e) valuta lentità della deformazione locale ed è espresso come variazione percentuale della lunghezza iniziale del segmento che si deforma dove l è la lunghezza originaria delloggetto dopo la deformazione e l 0 è la sua lunghezza originaria. Lo STRAIN RATE valuta la velocità con cui la deformazione si produce.

48 48 Strain e strain rate MAPPA DI COLORE S. LONGITUDINALE (apicale 4 C) giallo= accorciamento sistolico (avvicinamento del piano AV allapice) blu= allungamento diastolico (allontanamento del piano AV dallapice) S. RADIALE (parasternale) blu= ispessimento sistolico giallo= assottigliamento diastolico Verde = assenza di deformazione nella diastasi diastolica

49 49

50 50

51 51

52 52

53 53

54 54 Strain e strain rate PROFILO DI DEFORMAZIONE S. LONGITUDINALE come TDI ma a polarita invertita (sistole negativa e diastole positiva) S. RADIALE come TDI NB Mentre le velocita miocardiche (TDI) hanno un gradiente base/apice (i segmenti basali hanno le velocita maggiori per trascinamento e movimento dell anulus), i valori di strain rate sono relativamente omogenei

55 55

56 56

57 57 RMN e CRT RAPPRESENTAZIONE REAL TIME DELLA CONTRAZIONE CARDIACA Vantaggi: a) studio completo delle varie componenti della contrazione b) rileva zone cicatriziali c) non e operatore dipendente d) non ha i limiti tecnici dell ECO (angolo di incidenza,finestra acustica etc…) Limiti: a) costosa b) claustrofobia c) non utilizzabile se PM/ICD d) poco adatta al follow-up

58 58 Nuove raccomandazioni 2 IN CASO DI INDICAZIONE A PACE- MAKER PERMANENTE 1° Impianto 2° Upgrading di P.M. convenzionale Criteri generali, classe IIa (C)

59 59 VVI e CRT

60 60 VVI post CRT

61 61 VVI Post CRT

62 62 Nuove raccomandazioni 3 CRT + ICD Indicazione ICD classe 1 Criteri generali Classe 1 (B)

63 63 Nuove raccomandazioni 4 FIBRILLAZIONE ATRIALE PERMANENTE (25-50% degli scompensi in NHYA III e IV) Criteri generali Indicazione ad ABLAZIONE DEL NODO AV Classe IIa (C)

64 64 Benefici ottenuti nei vari trials con la CRT Miglioramento della qualità della vita (Minnesota Living with Heart Failure Questionnaire) Riduzione dei sintomi (classe NYHA) Miglioramento funzionale (6 minutes walking test – picco di consumo di O2) Miglioramento di vari indici di funzione sistolica e diastolica Riduzione del rimodellamento (riduzione del 10-15% del volume telesistolico del VS a 3-6 mesi) Riduzione dellinsufficienza mitralica funzionale Riduzione dellospedalizzazione per scompenso cardiaco Riduzione della mortalità

65 65 ECO e CRT (2) Pazienti con dissincronia meccanica ma QRS stretto potrebbero trarre beneficio dalla CRT I non responders con QRS largo eviterebbero una procedura costosa ed invasiva

66 66 ECO e CRT (3) L EFFICACIA DELLA CRT DIPENDE IN MODO RILEVANTE DALLA PRESENZA O MENO DI UNA ASINCRONIA SISTOLICA MECCANICA PRIMA DEL TRATTAMENTO L ECOCOLORDOPPLER E UN METODO UTILE PER RILEVARE e MISURARE LA SEVERITA DELL ASINCRONIA

67 67 Conclusioni (1) La CRT è al momento una valida opzione terapeutica nei pazienti sintomatici con severo scompenso cardiaco Numerosi studi clinici hanno documentato un miglioramento del quadro clinico e dei parametri strumentali negli scompensati trattati con CRT Gli studi più recenti hanno dimostrato anche una significativa riduzione della mortalità

68 68 TDI TRADIZIONALE E CRT Altri metodi Ansalone: Misurazione dell intervallo C-O (closure/opening mitral valve) (tra la fine dell onda A e l inizio dell onda E) (TDI M-mode e PW) Parti basali di ogni parete RITARDO DI ATTIVAZIONE ELETTROMECCANICA

69 69

70 70 Conclusioni (2) Attualmente, nella pratica clinica e in accordo con le linee guida, la selezione dei pazienti è prevalentemente basata sulla durata del QRS Sono sempre più numerosi i dati che indicano nellecocardiografia il gold-standard per lidentificazione dei pazienti che possono trarre beneficio dalla CRT

71 71 Conclusioni (3) Il TDI, permettendo una precisa valutazione dellasincronia, ha un accurato potere predittivo della risposta alla CRT Il rapido miglioramento della tecnologia, in particolare lECO 3 D, potrà dare un ulteriore aiuto nella selezione dei pazienti É prevedibile, in breve tempo, una revisione delle linee guida per la selezione dei candidati alla CRT con linclusione della valutazione dellasincronia con lecocardiogramma

72 72 CODIFICA COLORIMETRICA DEL TEMPO AL PICCO DELLE VELOCITA DI OGNI SEGMENTO MIOCARDICO (TDI) CON TRASFERIMENTO SULLE REGIONI ANATOMICHE DEL VENTRICOLO SINISTRO (B-Mode) Vantaggi: visione di assieme della presenza/assenza di asincronia Limiti: bassa sensibilita

73 73 Linee guida ACC/AHA/NASPE 2005 Classe I (livello di evidenza A) FE 35% NYHA III o IV QRS > 120 msec Sintomatici nonostante terapia ottimale

74 74 Nuove raccomandazioni 1 (Eur.H. Journal 2007,28:2256) NYHA III-IV Sintomatici in terapia ottimale F.E. = o < 35% Dilatazione ventricolare sinistra (>55mm telediastole o >30mm/mq o > 30mm/m(altezza) Ritmo sinusale QRS = o > 120 msec Classe 1 (A): CRT-P riduce la mortalita Classe 1 (B): CRT-D e un opzione accettabile nei pazienti con aspettativa di vita in buon stato funzionale > 1 anno

75 75 Linee guida NICE (National Institute for Health and Clinical Excellence) Recente o ripetuta NYHA III e IV Terapia medica ottimale F.E. = o < 35% Ritmo sinusale QRS = o > 150 msec QRS di msec + dissincronia meccanica all ECO

76 76

77 77


Scaricare ppt "1 Umberto Conti Unità Operativa di Malattie Cardiovascolari II Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Ospedale Santa Chiara, Pisa. Utilità dellecocardiografia."

Presentazioni simili


Annunci Google