La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lattivazione delle filiere ricerca- imprese-mercato: il caso Pont-Tech Prof. Riccardo LANZARA (Università di Pisa) NUOVI APPROCCI AL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lattivazione delle filiere ricerca- imprese-mercato: il caso Pont-Tech Prof. Riccardo LANZARA (Università di Pisa) NUOVI APPROCCI AL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO."— Transcript della presentazione:

1 Lattivazione delle filiere ricerca- imprese-mercato: il caso Pont-Tech Prof. Riccardo LANZARA (Università di Pisa) NUOVI APPROCCI AL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO. UNA DISCUSSIONE A PARTIRE DAL PIANO INDUSTRIALE DI PONT-TECH IRPET- Firenze, 13 novembre 2006

2 Il territorio di riferimento (Toscana Occidentale) è caratterizzato dalla forte presenza di attività industriali tradizionali (Meccanica; Settore conciario; Settore calzaturiero; Settore mobiliere) e di strutture universitarie e di ricerca allavanguardia Nellarea vi sono forti presenze dellICT, dellelettronica, della chimica e della farmaceutica; notevoli le potenzialità di sviluppo del settore della produzione di energia sia da fonti tradizionali che rinnovabili (in provincia di Pisa si trova il principale bacino geotermico nazionale) e delle tecnologie per lambiente. Larea è dotata di un sistema infrastrutturale multifunzionale (Porto di Livorno; Interporto di 1° livello, Aeroporto di Pisa; snodo ferroviario; nodo Autostradale e di Grande Comunicazione) Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

3 LANALISI SWOT STRENGHTWEAKNESS OPPORTUNITIESTHREADS Contrazione delle attività tradizionali non adeguatamente compensata da processi innovativi nelle imprese esistenti e nuove iniziative imprenditoriali. Tendenza all'impoverimento del patrimonio di competenze professionali qualificate. Aggravamento ciclico dei fattori di debolezza. Radicata vocazione industriale dell'area. Presenza di Network tra Istituzioni e Organismi dedicati alla promozione dello sviluppo ed al trasferimento tecnologico. Inserimento in uno dei principali insediamenti nazionali di strutture pubbliche di ricerca ed universitarie. Presenza nell'area di attività connesse alla "economia della conoscenza" e di imprese spin-off di recente costituzione. Forte sbilanciamento del sistema produttivo locale nelle attività di subfornitura meccanica e, più in generale, in quelle di settori a prodotti e tecnologie mature. Esasperata sensibilità agli andamenti della grande industria. Esposizione alle minacce competitive costituite dalle opportunità di approvvigionamenti alternativi in aree low- cost. Disponibilità di strutture ed aree derivanti da ristrutturazioni aziendali o da programmi pubblici di investimento. Operatività del nuovo Polo di ricerca della Scuola Superiore Sant'Anna. Preesistenza di programmi di investimento di soggetti diversi ispirati alla medesima strategia Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

4 Piaggio Comune di Pontedera Provincia di Pisa Unione Industriale Pisana C.N.A. Pisa Scuola Superiore SantAnna Universita of Pisa Comune di Calcinaia Comune di Bientina Gli azionisti di Pont-Tech UNIVERSITA ENTI LOCALI SISTEMA INDUSTRIALE BANCHE (entro 2006)

5 Si sono ad oggi insediate nellincubatore di Pont-Tech le seguenti imprese: Aedit Srl: spin-off Accademica della Scuola Superiore SantAnna di Studi Universitari e di Perfezionamento – Pisa, attiva nelle tecnologie ambientali con particolare riferimento al software di monitoraggio agro-ambientale Evidence Srl: una spin-off del laboratorio Retis (Real- Time Systems) della Scuola SantAnna. Fondata nel 2002 da tre ricercatori opera nel campo dei sistemi operativi e applicativi Real-Time. E-pix è una società attiva nel campo dell e-commerce and graphics. Gestisce tra laltro un e-bookstore specializzato in design e advertising. Encrea Srl: una start-up fondata nel 2004 da tre ricercatori della Scuola Sup. SantAnna. Encrea lavora allintegrazione e allo sviluppo delle Tecnologie Meccanica di Precisione e Microingegneria. ProteoGen Bio Srl: fondata nel Settembre 2003 è una spin-off Accademica dellUniversità di Pisa, attiva nel campo delle Tecnologie Bioinformatiche a sostegno delle moderne tecniche di biologia molecolare e alla loro applicazione nel settore biomedico. Fabrica 136 è una spin-off della stessa Pont-Tech, che lavora nella Formazione Professionale e Manageriale e nellanalisi territoriale NellIncubatore era inoltre insediata SIR Comunicazione, una una società attiva nel campo della progettazione e dei servizi per la Grafica e la Comunicazione. Limpresa ha lasciato lincubatore nel corso del 2006 per muoversi sul mercato ma resta nel network di riferimento di Pont-Tech Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech AIM Consulting: realizzazione servizi internet e integrazione di applicazioni multipiattaforma con database server. Supporto nella progettazione e realizzazione di portali internet. Consulenza per studi di fattibilità per la scelta di soluzioni tecnologiche e architetturali e per la risoluzione di problemi di business aziendali. Formazione nel settore programmazione e progettazione. Company Services: Finanza aziendale, marketing e vendite. Ricerche di mercato. Corsi e formazione per organizzazione reti di vendita, selezione del personale e gestione risorse umane.

6 Pont-Tech opera in stretta connessione con il POLO SANTANNA VALDERA (SCUOLA SUPERIORE SANTANNA) Data di costituzione: 2002 Obiettivi: valorizzare i risultati della ricerca e costituire un ponte con i centri internazionali del sapere, favorendo le politiche di sviluppo del territorio Attività: ricerca avanzata nel campo della robotica, bioingegneria, biotecnologie, microingegneria, nanotecnologie, ambienti virtuali Struttura: mq (altri 600 mq in fase di progettazione) 130 laureati in discipline tecnico-scientifiche di cui 50 dottorandi 7 tra laboratori e centri di ricerca 2 camere bianche classe laboratori CAD 4 aule con dotazioni informatiche 10 imprese spin off 20 alloggi in Foresteria Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

7 I laboratori di ricerca del Polo SantAnna Valdera ARTS Lab - Advanced Robotics Technology and Systems Laboratory: -Sensors, signals & systems for Rehabilitation -Biomechanic and Neural Control of the movement -Biomechatronic -Biomedical Robotic -Bioengineering of rehabilitation -DOMOTIC HOUSE BIO Labs - Biological Laboratories: -Biochemistry -Biotechnology -Cell vegetable Culture -Ground Water Analysis -Entomology RETIS - Real-Time Systems Laboratory: -Real-Time Operation Systems -Embedded Systems -Information Systems EZ Labs Research Areas Technologies for an Easy, Safe and Healthy Seniority Application fields include all the functional living environments: -Home and working Environment -Territorial and individual Services -Private and public Mobility -Personal Connectivity PERCRO - Perceptual Robotics Laboratory: -Telepresence -Virtual Reality -Aptic Interfaces -Perceptive Robotic -Telesurgery CRIM - Center for Applied Research in Micro and Nano Engineering: -Endoscopy -Minimally invasive Surgery -Environmental Technologies -Sensors Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

8 Inoltre nel Polo SantAnna Valdera operano: LIN-SAT LAB (Innovazione dei Sistemi Aziendali e Territoriali) per lo studio, lo sviluppo e la sperimentazione di metodologie innovative per la valorizzazione dei risultati della ricerca scientifica e tecnologica e per lo studio e limplementazione di politiche territoriali basate sullinnovazione tecnologica, organizzativa e normativa Il Centro di Ricerca di Robotica Umanoide in collaborazione con la Waseda University di Tokio Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

9 4. Pont-Tech - Incubatore dimpresa Pont-Tech è insediata nel cuore di un distretto centrale ricco di funzioni pregiate realizzato con la ristrutturazione urbanistica di una vasta area industriale dismessa 3. Laboratori di Ricerca Scuola Sup. S. Anna

10 LA REALIZZAZIONE DI UN POLO DI RICERCA E DI UN POLO DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO NELLAREA COSTITUISCE IL PUNTO DI PARTENZA DI UNA NUOVA STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE I punti principali della strategia di sviluppo : Mettere a disposizione del Sistema Economico Locale risorse, servizi e strutture altamente qualificati (Polo SantAnna Valdera ) favorendo il contatto fra i ricercatori e le imprese Favorire lo sviluppo innovativo e competitivo delle imprese esistenti e la nascita di nuove attività in nuovi settori (Pont-Tech) Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

11 MACRO LINEE DI AZIONE 2 assi di lavoro (secondo le linee di programmazione dello sviluppo locale della Valdera): 1° asse: attivazione e sviluppo di processi innovativi nelle imprese esistenti 2° asse: attivazione e sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali in nuovi settori Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

12 - Migliorare lintegrazione di sistema tra Indotto e Committente (Piaggio) - Migliorare la capacità progettuale diffusa: Attivazione di un Polo di Design Industriale - Migliorare le diagnosi e le proposte: Door to door Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech Attivazione e sviluppo di processi innovativi nelle imprese esistenti.

13 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 1/11 Linnovazione è un fenomeno corale: non esiste un unico attore che opera isolato, ma una serie di attori ciascuno dei quali gioca una sua parte ed ha delle proprie responsabilità Linnovazione nasce e si sviluppa allinterno di una rete di relazioni molto complesse fra tutti gli attori Una rete funziona se fra tutti gli attori vi è conoscenza e fiducia reciproca (trust), se esiste un coinvolgimento collettivo e paritario (voice) e se vi è lealtà nei comportamenti (loyalty) Un processo innovativo ha buone probabilità di successo se gli obiettivi sono compresi e condivisi da tutti gli attori Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

14 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 2/11 Fra i centri di ricerca e le piccole e medie imprese (PMI) vi sono molte difficoltà di rapporto e di collaborazione sia sul piano dellofferta………: I risultati della ricerca non sono direttamente trasferibili al sistema delle PMI (il mito del trasferimento tecnologico) Le università ed i centri di ricerca non sono fabbriche di prodotti, ma fabbriche di conoscenza Hanno inoltre linguaggi, obiettivi e tempi che non coincidono con quelli delle imprese Linnovazione technology push non funziona! Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

15 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 3/11 … ma anche sul piano della domanda: Le PMI difficilmente riescono a definire il proprio fabbisogno di innovazione e si limitano a segnalare delle difficoltà di ordine generale o a richiedere miglioramenti delle tecnologie già utilizzate I processi innovativi adottati dalle PMI sono di tipo incrementale (step by step innovation) e routinari lungo traiettorie tecnologiche stabilizzate Linnovazione demand pull non funziona! Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

16 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 4/11 Obiettivi: Inserire fra sistema scientifico e sistema industriale un polo di competenza, che sappia leggere ed interpretare levoluzione tecnologica ed al contempo i bisogni delle imprese Promuovere la trasformazione dei risultati della ricerca in prodotti utili ed utilizzabili, favorendo la nascita di reti fra tutti gli attori interessati al processo di innovazione Individuare processi di innovazione intorno ai quali costruire le reti Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

17 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 5/11 La costruzione di obiettivi comuni e condivisi passa attraverso : La individuazione di una missione La individuazione di possibili filiere ricerca- impresa- mercato basate su nuove opportunità tecnologiche che potrebbero avere forti potenzialità di sviluppo nellarea Lorganizzazione e la gestione di gruppi di progetto costituiti dagli attori interessati (laboratori-imprese- istituzioni-istituti di credito) La promozione della costruzione e/o del completamento delle filiere Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

18 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 6/11 La missione: Migliorare la qualità della vita attraverso la tecnologia Technology and Quality of life Le filiere individuate: Idrogeno (10 milioni di ) Bio-carburanti Recupero plastica Biomedicale Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

19 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 7/11 Gli strumenti e le metodologie: promuovere e sostenere la nascita di imprese spin off della ricerca (incubatore) realizzare e gestire laboratori tecnici di servizio alle imprese (meccanica avanzata, plastica, virtual reality, biotecnologie) promuovere e sostenere il door to door dellinnovazione promuovere interventi di formazione finalizzati allo sviluppo delle capacità relazionali fra gli attori Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

20 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 8/11 Le imprese spin off (imprenditori tecnologici) ed i laboratori tecnici svolgono la funzione di interpretare I fabbisogni delle PMI e di tradurli in proposte innovative sviluppando i risultati della ricerca Il door to door è portato avanti dalle imprese spin off, dai laboratori tecnici e/o da gruppi formalizzati di ricercatori interessati a sviluppare in senso applicativo le proprie ricerche, che, con il supporto di Pont-Tech, contattano e visitano in modo sistematico le PMI Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

21 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 9/11 La formazione Obiettivi: sviluppare attraverso lattività formativa di tutti gli attori un tessuto comune di competenze sviluppare un forte orientamento allinterazione, allo scambio di esperienze, alla risoluzione dei problemi, alla gestione comune dei processi di cambiamento e di innovazione sviluppare un linguaggio comune Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

22 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 10/11 La formazione Il processo metodologico: Individuare processi di cambiamento e di innovazione critici (progetti di filiera) Individuare i fabbisogni formativi degli attori coinvolti nei processi selezionati (conoscenze e competenze necessarie) Progettare e realizzare azioni formative per produrre apprendimento a livello di singolo attore e a livello dellintera rete Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

23 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI PONT-TECH 11/11 Lazione di PONT-TECH in sintesi è rivolta ad individuare quelle tecnologie sviluppate nei laboratori di ricerca che, opportunamente fertilizzate (con lapporto di nuovi partner, con lottenimento di opportuni finanziamenti e con la costruzione di un quadro normativo ed istituzionale) possono costituire una nuova opportunità di business per le imprese ed il territorio PONT-TECH è lattore che opera per la costruzione della rete di relazioni necessarie per lo sviluppo di nuove filiere ricerca-impresa-mercato Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech

24 GRAZIE PER LATTENZIONE PER CONTATTI: Lattivazione delle filiere ricerca-imprese-mercato: il caso Pont-Tech


Scaricare ppt "Lattivazione delle filiere ricerca- imprese-mercato: il caso Pont-Tech Prof. Riccardo LANZARA (Università di Pisa) NUOVI APPROCCI AL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO."

Presentazioni simili


Annunci Google