La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fabio Belli - Pisa1 ANMCO 2011 - VIAREGGIO CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fabio Belli - Pisa1 ANMCO 2011 - VIAREGGIO CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO."— Transcript della presentazione:

1 Fabio Belli - Pisa1 ANMCO VIAREGGIO CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO

2 Fabio Belli - Pisa2 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Ognuno con ogni diligentia possibile, si guarderà di non trattare li poveri infermi con mali portamenti, ma più presto trattare con mansuetudine et charità… (San Camillo de Lellis, 1582) Non risponde di lesioni colpose un infermiere che, nelleseguire, legalmente autorizzato, delle iniezioni, abbia perforato il nervo sciatico del paziente, producendone la paralisi, perché un infermiere non è tenuto a conoscere lanatomia topografica (Tribunale di Pavia, 1930)

3 Fabio Belli - Pisa3 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Evoluzione della Normativa Professionale Dal D.P.R. 14 marzo 1974, n. 225 (Mansionario infermieristico) A D.M. 14 settembre 1994, n. 739 (Profilo professionale dellinfermiere) Legge 26 febbraio 1999, n.42 (Disposizioni in materia di professioni sanitarie) Legge 251, 10 agosto 2000 (Disciplina delle Professioni Sanitarie))

4 Fabio Belli - Pisa4 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Cosa è il consenso informato Il Consenso informato è il fondamento etico – giuridico – deontologico dell'atto sanitario, e ne è quindi il presupposto di legittimità

5 Fabio Belli - Pisa5 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Fonti Giuridiche e Normative Costituzione Italiana: Art. 13 comma 1 Art. 32 Codice Civile art Legge /12/1978 (istituzione del SSN) Convenzione Europea dei Diritti dell'uomo art 8 Convenzione di Oviedo Codice di Norimberga

6 Fabio Belli - Pisa6 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Fonti etico – deontologiche Codice di deontologia medica (art. 35) Codice deontologico dell'infermiere (art.20,24) Convenzione europea di bioetica cap. 2 art. 5

7 Fabio Belli - Pisa7 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Evoluzione del consenso informato USA 1957 si passa dal Consenso del paziente all' Informed Consent

8 Fabio Belli - Pisa8 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Passaggio da Standard professionale a Standard di informazione del paziente ragionevole a Standard soggettivo

9 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Consenso informato come «principio immanente» nel nostro ordinamento. Impossibilità di «interventi extraconsensuali» Consenso informato come parte integrante nel processo di gestione del rischio clinico e prevenzione degli eventi avversi Fabio Belli - Pisa9

10 10 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Consenso informato = strumento di partecipazione e condivisione Passaggio da Medicina difensiva a Best Practice

11 Fabio Belli - Pisa11 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Requisiti formali del consenso informato Il consenso informato è un atto a forma libera. Non richiede la forma scritta se non quando previsto dalla legge, e cioè: pratiche diagnostiche e/o terapeutiche invasive prestazioni sanitarie che possono comportare conseguenze rilevanti sull'integrità psicofisica Il consenso è implicito per gli atti sanitari di routine

12 Fabio Belli - Pisa12 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Personale (chi è titolato ad esprimere il consenso) Informato/consapevole /completo Attuale Veritiero Manifesto Libero Specifico Richiesto Revocabile in qualsiasi momento

13 Fabio Belli - Pisa13 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Il consenso informato e consapevole, non è una firma su un pezzo di carta, ma il risultato di un processo di informazione e comprensione che porta ad una scelta autonoma del paziente. INFORMATION COMPETENCE FREEDOM

14 Fabio Belli - Pisa14 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Chi eroga linformazione Il medico curante Il medico specialista Il direttore di U.O. o suo delegato E lInfermiere?

15 Fabio Belli - Pisa15 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO LInfermiere collabora, in base alle disposizioni di legge ed al proprio codice deontologico, alla corretta informazione del paziente, rilevando leffettiva comprensione e integrando e chiarendo, ove richiesto, le procedure esposte, in relazione alle proprie specifiche competenze. Controlla che la documentazione relativa sia presente in cartella.

16 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Il rifiuto delle cure Il paziente ha il diritto, una volta ricevuta una informazione completa, chiara, veritiera ed esaustiva, di negare il consenso alla prestazione sanitaria. Si autodetermina nel proprio interesse Fabio Belli - Pisa16

17 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Dissenso alla prestazione: Alterazione del piano di cura previsto Modifica della routine organizzativa Attrito tra le figure professionali coinvolte Consenso informato = procedura standardizzata Fabio Belli - Pisa17

18 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Consenso informato infermieristico Infermiere come professionista autonomo in un suo spazio di competenza ed attribuzioni Infermiere come professionista in veste collaborante e di esecuzione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche di carattere medico. Fabio Belli - Pisa18

19 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Cosa si intende per Prestazione Infermieristica: «E il risultato conseguito mediante lo svolgimento di un complesso di azioni fra loro coordinate, per risolvere un bisogno specifico manifestatosi in una persona. È una risposta pensata, creata, elaborata, attuata e valutata dallinfermiere» (Cantarelli) Fabio Belli - Pisa19

20 Fabio Belli - Pisa20 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO IL CONSENSO INFORMATO NELLURGENZA Allorchè sussistono condizioni di urgenza, tenendo conto delle volontà della persona, se espresse, il medico deve attivarsi per assicurare l' assistenza indispensabile. (Codice di deontologia medica ) non è punibile chi lede o pone in pericolo un diritto, col consenso della persona che può validamente disporne (art. 50 c.p.) non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare se od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato ne altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionale al pericolo (Art 54 c.p. Stato di necessità)

21 Fabio Belli - Pisa21 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Posizione di garanzia linfermiere è titolare ex lege di una posizione di garanzia nei confronti del paziente, espressione dellobbligo di solidarietà costituzionalmente imposto, e deve tendere ad assicurare, per lintera durata del turno di lavoro, il benessere psicofisico del paziente… (Corte di appello di Milano, 16/12/2005) LInfermiere ha lobbligo di agire con cautela e di astenersi dallagire e non cooperare se ritiene che il paziente non sia informato

22 Fabio Belli - Pisa22 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Strumenti utili Modulistica propria della U.O. Cardiologia Questionari di feedback Supporti audiovisivi

23 Fabio Belli - Pisa23 CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO Conclusioni LInfermiere riveste un ruolo centrale in tutto il processo che porta alla condivisione e accettazione di un CONSENSO INFORMATO E CONSAPEVOLE Inteso come nuovo sistema relazionale tra operatori sanitari e paziente.

24 Fabio Belli - Pisa24


Scaricare ppt "Fabio Belli - Pisa1 ANMCO 2011 - VIAREGGIO CONSENSO INFORMATO E RISCHIO CLINICO."

Presentazioni simili


Annunci Google