La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La disciplina del commercio, le vendite straordinarie e sottocosto dott. Lorenzo Benatti 12-18 ottobre 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La disciplina del commercio, le vendite straordinarie e sottocosto dott. Lorenzo Benatti 12-18 ottobre 2007."— Transcript della presentazione:

1 La disciplina del commercio, le vendite straordinarie e sottocosto dott. Lorenzo Benatti ottobre 2007

2 Forme di commercio n commercio allingrosso, n commercio al dettaglio, n commercio su aree pubbliche, n attività di somministrazione di alimenti e bevande, n impresa turistica, n forme particolari di vendita.

3 Attività di somministrazione di alimenti e bevande n Si intende attività di somministrazione di alimenti e bevande la vendita per il consumo sul posto, che comprende tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti nei locali dellesercizio o in una superficie aperta al pubblico alluopo attrezzati (L. R. 26 luglio 2003, n. 14, in precedenza L. 25 agosto 1991, n. 287).

4 Impresa turistica n Per impresa turistica si intende quella che svolge attività di gestione di struttura ricet- tiva o di produzione, organizzazione e vendita viaggi e servizi turistici. n Fonti normative: u L. 29 marzo 2001, n. 135, u DPCM 13 settembre 2002, u L.R. 28 luglio 2004 n. 16, u L.R. 31 marzo 2003, n. 7.

5 Disciplina del commercio n n D. Lgs. 31 marzo 1998, n n n Il decreto stabilisce i principi e le norme generali sullesercizio dellattività commerciale (art. 1, comma 1). n n Disciplina regionale: u u L.R. 25 giugno 1999, n. 12 per il commercio su aree pubbliche, u u L.R. 5 luglio 1999, n. 14 per il commercio in sede fissa.

6 Finalità del D. Lgs. 114/98 n n Le finalità della disciplina sono enunciate dal terzo comma dellart. 1, tra cui: u u a) la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la libera circolazione delle merci; u u b) la tutela del consumatore; u u c) lefficienza, la modernizzazione e lo sviluppo della rete distributiva;

7 Soggetti esclusi n farmacisti, n rivenditori di generi di monopolio, n produttori agricoli, singoli o associati, n rivenditori carburanti, n pescatori, cacciatori, ecc., n vendita delle proprie opere darte, n vendite fallimentari n vendite nelle fiere, n sale cinematografiche.

8 Commercio allingrosso n n Si intende commercio all'ingrosso «l'attività svolta da chiunque professionalmente ac- quista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti, all'ingros- so o al dettaglio, o ad utilizzatori professio- nali, o ad altri utilizzatori in grande. Tale at- tività può assumere la forma di commercio interno, di importazione o di esportazione» (art. 4, comma 1, lett. a) D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114).

9 Commercio al dettaglio n n Si intende commercio al dettaglio «l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale» (art. 4, comma 1, lett. b) D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114).

10 Settori merceologici n settore alimentare, occorre: u possedere i requisiti di onorabilità, u possedere i requisiti di professionalità, u rispettare i regolamenti locali; n settore non alimentare occorre: u possedere i requisiti di onorabilità, u rispettare i regolamenti locali.

11 Requisiti di onorabilità n Sono individuati un certo numero di soggetti che non possono esercitare lattività commerciale, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione (art. 5, comma 2): u falliti; u soggetti che abbiano subito determinate con- danne di natura penale o che siano sottoposti a particolari misure di prevenzione; u negli ultimi cinque anni

12 Requisiti di professionalità Quanti operano nel settore alimentare devono godere di uno dei seguenti requisiti (art. 5, comma 5): n avere frequentato un apposito corso istituito dalla regione, n aver esercitato impresa nel settore (o avervi prestato opera) per un biennio nellultimo quinquennio, n essere iscritto nellultimo quinquennio nel REC per il settore alimentare. Nelle società i requisiti devono essere posseduti dal legale rappresentante o da altra persona specificatamente preposta allattività commerciale (art. 5, comma 6).

13 Classificazione commercio al dettaglio n Commercio in sede fissa: u Esercizi di vicinato, u Medie strutture di vendita, u Grandi strutture di vendita. n Commercio su aree pubbliche. n Forme particolari di vendita.

14 Esercizi di vicinato n Superficie di vendita (art. 4, comma 1, lett. d) u non superiore a 150 mq. nei comuni con popolazione residente inferiore a abitanti u non superiore a 250 mq. nei comuni con popolazione residente superiore a abitanti. n Lapertura, il trasferimento di sede e lampliamento di un esercizio di vicinato «sono soggetti a previa comunica- zione al comune competente per territorio e possono essere effettuati decorsi trenta giorni dal ricevimento della comunicazione» (art. 7, comma 1).

15 Medie strutture di vendita n Superficie di vendita (art. 4, comma 1, lett. e) u superiore a 150 mq. e fino a mq nei comuni con popolazione residente inferiore a abitanti u superiore a 250 mq. e fino a mq. nei comuni con popolazione residente superiore a abitanti. n Lapertura, il trasferimento di sede e lampliamento di un esercizio di una media struttura di vendita «sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal comune competente per territorio, anche in relazione agli obiettivi di cui allarticolo 6, comma 1» (art. 8, comma 1).

16 Grandi strutture di vendita n Superficie di vendita (art. 4, comma 1, lett. f) u superiore a mq. nei comuni con popolazione residente inferiore a abitanti u superiore a mq. nei comuni con popolazione residente superiore a abitanti. n Lapertura, il trasferimento di sede e lampliamento di un esercizio di una grande struttura di vendita «sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal comune competente per territorio». La domanda è esaminata da una conferenza di servizi (art. 9, comma 1).

17 Gli orari di apertura n Gli orari degli esercizi di vendita al dettaglio sono liberi nel rispetto dei criteri fissati dai comuni sentite le organizzazioni locali dei consumatori, delle imprese del commercio e dei lavoratori dipendenti (art. 11, comma 1). n Devono osservare la chiusura domenicale e, nei casi stabiliti dai comuni, quella infrasettimanale di mezza giornata (art. 11, comma 4).

18 Prezzi dei prodotti n I prodotti esposti per la vendita al dettaglio debbono indicare, in modo chiaro e ben leggibile, il prezzo di vendita al pubblico (art. 14, comma 1).

19 Forme speciali di vendita n vendita in spacci interni, n vendita al dettaglio a mezzo di apparecchi automatici, n vendita per corrispondenza o tramite televisione o altri sistemi di comunicazione (compresa il commercio elettronico) n vendita effettuata presso il domicilio del consumatore,

20 Vendita in spacci interni n a dipendenti, militari, soci circoli, nelle scuole, ecc; n è soggetta ad apposita comunicazione al comune competente per territorio n e deve essere effettuata in locali non aperti al pubblico, che non abbiano accesso alla pubblica via (art. 16, comma 1).

21 Vendita a mezzo apparecchi automatici n è soggetta ad apposita comunicazione al comune competente per territorio (art. 17, comma 1).

22 Vendite al domicilio del consumatore n è soggetta a previa comunicazione al comune nel quale lesercente ha la residenza, se persona fisica, o la sede legale (art. 19, comma 1). n Se ci si avvale di altri soggetti: u comunicazione elenco autorità pubblica sicurezza, u occorrerà tesserino di riconoscimento u il titolare risponde civilmente delloperato dei suoi collaboratori.

23 Vendita per corrispondenza, televisione o altri sistemi di comunicazione n è soggetta a previa comunicazione al comune nel quale l'esercente ha la residenza, se persona fisica, o la sede legale (art. 18, comma 1). n è vietato inviare prodotti al consumatore se non a seguito di specifica richiesta. È consentito l'invio di campioni di prodotti o di omaggi, senza spese o vincoli per il consumatore (art. 18, comma 2).

24 Vendita per corrispondenza, televisione o altri sistemi di comunicazione n Nei casi in cui le operazioni di vendita sono effettuate tramite televisione, l'emittente televisiva deve accertare, prima di metterle in onda, che il titolare dell'attività è in possesso dei requisiti prescritti dal presente decreto per l'esercizio della vendita al dettaglio (art. 18, comma 4).

25 Diritto di recesso n Previsto per i contratti negoziati fuori dai locali commerciali ed i contratti stipulati a distanza; n E disciplinato dagli artt cod. cons. n «Il consumatore ha diritto di recedere senza alcuna penalità e senza specificare il motivo, entro il termine di 10 giorni lavorativi» (art. 64, 1° c., cod. cons.)

26 Diritto di recesso n Il diritto di recesso si esercita con linvio di una comunicazione scritta alla sede dellimprenditore mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento (art, 64, 2° c., cod. cons.). n Qualora espressamente previsto nellofferta o nellinformazione concernente il diritto di recesso, in luogo di una specifica comunicazione, è sufficiente la restituzione, entro gli stessi termini, della merce ricevuta (art, 64, 2° c., cod. cons.).

27 Contratti negoziati fuori dai locali commerciali n Capo I, sez. I, cod. cons. n Sono tali le vendite per corrispondenza, televisione o altri mezzi di comunicazione (art. 18 D. Lgs. 114/98), le vendite presso il domicilio dei consumatori (art. 19 D. Lgs. 114/98) ed alla propaganda a fini commerciali (art. 20 D. Lgs. 114/98).

28 Contratti negoziati fuori dai locali commerciali n Loperatore commerciale è tenuto a comunicare: u Lindicazione dei termini, delle modalità e delle eventuali condizioni per lesercizio del recesso, u Lindicazione del soggetto nei cui riguardi va esercitato il diritto di recesso ed il suo indirizzo, n Lindicazione dovrà essere contenuta nelleventuale nota dordine ovvero nel documento da rilasciare al momento della stipulazione del contratto ovvero sul catalogo.

29 I contratti stipulati a distanza n Capo I, sez. II, cod. cons. n Si applica alle vendite per corrispondenza, televisione o altri sistemi di comunicazione (art. 15 D. Lgs. 114/98). n Il contraente deve essere informato correttamente circa il venditore, i beni o servizi oggetto del contratto, del costo della tecnica di comunicazione utilizzata, dellesistenza del diritto di recesso (art. 52, cod. cons.)

30 I contratti stipulati a distanza n Il consumatore deve ricevere conferma per iscritto o, a scelta, su altro supporto duraturo a sua disposizione ed a lui accessibile, di tutte le informazioni di cui sopra, primo od al momento di esecuzione del contratto (art. 53, cod. cons.).

31 Vendite attraverso la televisione n Linformazione sul diritto di recesso «deve essere fornita nel corso della presentazione del prodotto o del servizio oggetto del contratto». «Per i contratti negoziati sulla base di una offerta effettuata tramite il mezzo televisivo, linformazione deve essere fornita allinizio e nel corso della trasmissione nella quale sono contenute le offerte»

32 Le televendite n Offerte dirette trasmesse al pubblico attraverso il mezzo televisivo o radiofonico. n «Le televendite devono evitare ogni forma di sfruttamento della superstizione, della credulità o della paura, non devono contenere scene di violenza fisica o morale o tali da offendere il gusto e la sensibilità dei consumatori per indecenza, volgarità o ripugnanza» (art. 29, cod. cons.). n «É vietata la televendita che offenda la dignità umana, comporti discriminazioni di razza, sesso o nazionalità, offenda convinzioni religiose e politiche, induca a comportamenti pregiudizievoli per la salute o la sicurezza o la protezione dell'ambiente. É vietata la televendita di sigarette o di altri prodotti a base di tabacco» (art. 30, 1° c., cod. cons.). n «Le televendite non devono contenere dichiarazioni o rappresentazioni che possono indurre in errore gli utenti o i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni» (art. 30, 2° c., cod. cons.). n Particolare attenzione è poi dedicata alla tutela dei minori.

33 Vendite a mezzo internet n Il ministero ha chiarito che il commercio così effettuato rientra tra le speciali forme di vendita per corrispondenza, televisione o altri strumenti di comunicazione. n Comunicazione al comune, u possibilità di esercizio decorsi 30 gg, u la comunicazione deve indicare il possesso dei requisiti, u per il settore alimentare occorre requisito professionalità.

34 Vendite a mezzo internet n Il D. Lgs. 114/1998 non prevede disposizioni particolari salvo una norma di indirizzo allart. 21. n Ad esse si applicano le disposizioni del cod. cons. relative ai contratti negoziati fuori dai locali commerciali ed ai contratti stipulati a distanza. n Il D. Lgs. 9 aprile 2003, n. 70 ha introdotto una disciplina del commercio elettronico

35 Disciplina commercio elettronico n Norme a tutela dellinformazione circa il venditore/offerente. n Devono essere indicate: u le fasi da seguire per la conclusione del contratto, u il modo in cui il contratto sarà archiviato e le modalità di accesso, u modalità per individuare e correggere errori, u codici di condotta cui aderisce lofferente/venditore, u gli strumenti di composizione delle controversie. n Il venditore deve accusare senza ritardo e per via telematica ricevuta dellordine contenete un riepilogo delle condizioni del contratto concluso.

36 Sanzioni (D. Lgs. 114/1998) n Sanzione amministrativa n Possibilità di disporre la sospensione dellattività n Altre sanzioni amministrative sono previste per la violazione delle norme relativa ai contratti stipulati fuori dai locali commerciali e dei contratti stipulati a distanza e in tema di televendite (art. 62 cod. cons.).

37 Commercio su aree pubbliche n Per commercio su aree pubbliche si intende «lattività di vendita di merci al dettaglio e la somministrazione di alimenti e bevande effettuata sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio marittimo o sulle aree private delle quali il comune abbia la disponibilità, attrezzate o meno, coperte o scoperte» (art. 27, lett. a) D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114). n Tale attività è sottoposta al rilascio di apposita autorizzazione comunale a persone fisiche o società di persone regolarmente costituite. n Disciplina dettagliata L.R. 12/1999.

38 Franchising n L. 6 maggio 2004, n n Definizione: «Laffiliazione commerciale (franchising) è il contratto, comunque denominato, fra due soggetti giuridici, economicamente e giuridicamente indipendenti, in base al quale una parte concede la disponibilità allaltra, verso corrispettivo, di un insieme di diritti di proprietà industriale o intellettuale relativi a marchi, denominazioni commerciali, insegne, modelli di utilità, disegni, diritti dautore, know-how, brevetti, assistenza o consulenza tecnica e commerciale, inserendo laffiliato in un sistema costituito da un pluralità di affiliati distribuiti sul territorio, allo scopo di commercializzare determinati beni o servizi». n Altre definizioni di interesse: know-how, diritto di ingresso, royalties.

39 La disciplina n Il contratto deve essere redatto per iscritto a pena di nullità; n se il contratto è a tempo determinato, laffiliante dovrà comunque garantire una durata minima sufficiente allammortamento e comunque non inferiore a tre anni; n sono previsti obblighi a carico delle parti e soprattutto quello di trasparenza delle condizioni contrattuali.

40 Associazioni rappresentative dei consumatori n sono legittimate ad agire a tutela degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti richiedendo al tribunale (art. 140, 1° c., cod. cons.): u di inibire gli atti e i comportamenti lesivi degli interessi dei consumatori e degli utenti; u di adottare le misure idonee a correggere o eliminare gli effetti dannosi delle violazioni accertate; u di ordinare la pubblicazione del provvedimento su uno o più quotidiani a diffusione nazionale oppure locale nei casi in cui la pubblicità del provvedimento può contribuire a correggere o eliminare gli effetti delle violazioni accertate.

41 Le vendite straordinarie

42 Vendite straordinarie Art. 15 D.Lgs , n. 114 n Vendite di liquidazione, n vendite di fine stagione, n vendite promozionali, tra cui u vendite sottocosto (commi da 7 a 9). n Nelle vendite disciplinate dal presente articolo lo sconto o il ribasso effettuato deve essere espresso in percentuale sul prezzo normale di vendita che deve essere comunque esposto (comma 5).

43 Vendite di liquidazione n Le vendite di liquidazione sono effettuate dallesercente dettagliante al fine di esitare in breve tempo tutte le proprie merci, a seguito di: cessazione dellattività commerciale, cessione dellazienda, trasferimento dellazienda in altro locale, trasformazione o rinnovo dei locali e possono essere effettuate in qualunque momento dellanno, previa comunicazione al comune dei dati e degli elementi comprovanti tali fatti (art. 15, comma 2). n Le regioni, sentiti i rappresentanti degli enti locali, le organizzazioni dei consumatori e delle imprese del commercio, disciplinano le modalità di svolgimento, la pubblicità anche ai fini di una corretta informazione del consumatore, i periodi e la durata delle vendite di liquidazione e delle vendite di fine stagione (comma 6).

44 L. R. Emilia Romagna n. 14 n Norme per la disciplina del commercio in sede fissa in attuazione del D. Lgs. 31 marzo 1998, n n Allart. 15 dispone che la giunta regionale, entro sessanta giorni dallentrata in vigore della legge regionale, approvi, tra laltro, le modalità di effettuazione delle vendite di liquidazione e di fine stagione. n La giunta regionale vi provvede con D.G.R. 1732/1999 e D.G.R. 2549/2003.

45 Vendite di liquidazione n possono essere effettuate durante tutto l'anno, per un periodo di durata non superiore alle sei settimane; nel caso di cessazione dell'attività commerciale, o di cessione dell'azienda, la vendita può essere effettuata per un periodo non superiore a tredici settimane. L'esercente, al termine dei periodi su-indicati, è obbligato a chiudere l'esercizio per i casi di cui al comma 3. n Non è comunque possibile l'effettuazione delle vendite di liquidazione, a seguito di trasformazione o rinnovo dei locali, nel mese di dicembre.

46 Vendite di liquidazione n Comunicazione al Comune ove ha sede il punto di vendita mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno almeno quindici giorni prima della data di inizio delle vendite medesime. n Tutta una serie di cautele sono previste circa le condizioni per potersi parlare di cessazione, trasferimento, rinnovo...

47 Vendite di liquidazione n Dalla data di invio della comunicazione, è vietato introdurre nei locali dell'esercizio ulteriori merci, sia in conto acquisto sia in conto deposito, del genere di quelle per le quali viene effettuata la vendita di liquidazione. n E' vietata la vendita di liquidazione con la modalità del pubblico incanto. n E' obbligatoria l'esposizione del prezzo praticato ordinariamente e lo sconto o ribasso espresso in percentuale sul prezzo normale di vendita che si intende praticare nel corso della vendita di liquidazione.

48 Termini vendite di liquidazione u cessazione dell'attività: al termine della fine della vendita di liquidazione; u cessazione e trasferimento dell'azienda: entro tre mesi dalla fine della vendita di liquidazione; u trasformazione o rinnovo dei locali: l'avvio delle opere deve avvenire entro tre mesi dalla fine della vendita di liquidazione.

49 Vendite di fine stagione n Le vendite di fine stagione riguardano i prodotti, di carattere stagionale o di moda, suscettibile di notevole deprezzamento se non vengono venduti entro un certo periodo di tempo (art. 15, comma 3).

50 Vendite di fine stagione n Ricordiamo che Le regioni, sentiti i rappresentanti degli enti locali, le organizzazioni dei consumatori e delle imprese del commercio, disciplinano le modalità di svolgimento, la pubblicità anche ai fini di una corretta informazione del consumatore, i periodi e la durata delle vendite di liquidazione e delle vendite di fine stagione (comma 6). n L. R. Emilia Romagna n. 14 n Allart. 15 dispone che la giunta regionale, entro sessanta giorni dallentrata in vigore della legge regionale, approvi, tra laltro, le modalità di effettuazione delle vendite di liquidazione e di fine stagione. n La giunta regionale vi provvede con D.G.R. 1732/1999 e D.G.R. 2549/2003.

51 Vendite di fine stagione n possono essere effettuate in due periodi dell'anno, dal 7 gennaio al 7 marzo e dal 7 luglio al 7 settembre, e si denominano, pertanto, vendita di fine stagione estive od invernali. n Occorre una comunicazione al Comune con l'indicazione della data di inizio e della sua durata, da inviarsi almeno cinque giorni prima dell'inizio.

52 Vendite di fine stagione n è obbligatorio esporre il prezzo praticato ordinariamente e lo sconto o ribasso espresso in percentuale sul prezzo normale di vendita che si intende praticare nel corso della vendita di fine stagione. n è fatto obbligo di disporre le merci offerte nelle vendite regolate al presente punto in maniera inequivocabilmente distinta e separata da quelle che eventualmente siano contemporaneamente poste in vendita alle condizioni ordinarie; ove una tale separazione non sia praticabile, la vendita ordinaria viene sospesa.

53 Vendite di liquidazione e di fine stagione n E' obbligatorio che la pubblicità citi, espressamente, gli estremi della comunicazione al Comune, nonché la durata della vendita stessa. n Nel caso venga indicato un solo prezzo, è fatto obbligo di vendere a quel prezzo tutti gli articoli che rientrano nella voce reclamizzata. n E' fatto obbligo di praticare nei confronti del consumatore i prezzi pubblicizzati senza limitazioni di quantità e senza alcun abbinamento di vendite, fino all'esaurimento delle scorte.

54 Vendite di liquidazione e di fine stagione n Gli organi di vigilanza del Comune, muniti dell'apposita tessera di riconoscimento, hanno facoltà di accedere ai punti di vendita per effettuare i relativi controlli. n 9 - Nelle vendite di cui ai precedenti punti 1 e 2 è vietato il riferimento, nella presentazione della vendita o nella pubblicità, a fallimento, a procedure fallimentari e simili, anche come termine di paragone.

55 Vendite promozionali n Le vendite promozionali sono effettuate dallesercente dettagliante per tutti o una parte dei prodotti merceologici e per periodi di tempo limitato (art. 15, comma 4).

56 Le vendite sottocosto

57 Discipline coinvolte n Antitrust n Concorrenza sleale n Disciplina commercio Prima della riforma del commercio In linea di principio la concorrenza di prezzo è vista favorevolmente, in certi casi, tuttavia, può generare distrosioni inaccettabili

58 Non sono vendite sottocosto n Le vendite sottomercato (vendite effettuate a prezzi minori di quelli praticati sul mercato da altri venditori). Tali ribassi rientrano nel gioco della concorrenza. n Le vendite a prezzo inferiore rispetto a quello concordato (vendite a prezzo inferiore rispetto al listino del produttore). Tali ribassi sono possono eventualmente essere ritenuti violazioni contrattuali.

59 Vendite sottocosto secondo Antitrust I ribassi di prezzo sono ritenuti illeciti quando si verificano alcune condizioni: n Limpresa che li pratica è in posizione dominante (è unipotesi di abuso di quella posizione) n Il prezzo praticato è un prezzo predatorio.

60 Prezzo predatorio n Comportamento dellimprenditore che offre beni o servizi a prezzi inferiori ai costi di produzione, onde conquistare la clientela dei concorrenti, fino ad escluderli dal mercato oppure al fine di dissuadere rivali ancora potenziali dallentrare nel mercato stesso. n Talora il prezzo sottocosto è praticato in un mercato in cui limprenditore dispone di una posizione di monopolio o di dominio assoluto, per impedire lingresso (o favorire luscita) di un concorrento in un altro mercato collegato.

61 Parametri di riferimento n Svariati criteri: u Commissione UE: costi medi totali,costi medi variabili; u Corte di giustizia europea: F se il prezzo inferiore ai costi variabili è sicuramente predatorio, F se il prezzo è minore ai costi medi ma superiore a quelli variabili, è predatorio se vi è la finalità di escludere il concorrente, u Antitrust italiana: F se il prezzo è inferiore al costo incrementale medio di breve periodo è sicuraemnte predatorio; F se il prezzo è superiore al costo incrementale medio di lungo periodo sicuramente non è predatorio; F se il prezzo è compreso tra i due, la valutazione del comportamento dipenderà dalla valutazione di altri aspetti tra cui il contesto in cui si inserisce.

62 Vendite sottocosto come compor- tamento di concorrenza sleale n Art. 2598, n. 3, c.c. n Orientamento tradizionale: Anche in questo caso la vendita è illecita solo se e quando governata dallintento di acquisire una posizione di monopolio ovvero di eliminare un concorrente.

63 Nuovo orientamento n Inaugurato da cass. 21 aprile 1983, n n la ratio del divieto della vendita sottocosto è da individuare nella obiettiva necessità di presidiare le regole di competizione economica n la vendita sottocosto è illecita se idonea a produrre «rilevanti effetti dannosi o turbando in misura sensibile le condizioni di mercato o mettendo specificatamente in difficoltà un determinato concorrente» n la vendita sottocosto è illecita se si presenta come operazione non isolata ed estemporanea, ma si connoti per reiterazione o sistematicità

64 Ma... n anche la vendita sottocosto attuata a scopo promozionale senza rispettare le prescrizioni di legge in materia, che sono volte a tutelare il pubblico degli acquirenti ed al tempo stesso ad assicurare lordinato svolgimento dellattività di commercio, nellambito di uniniziativa commerciale durata pochi giorni, è stata giudicata atto di concorrenza sleale in quanto idonea a danneggiare laltrui azienda

65 In conclusione... n La vendita sottocosto impedisce al consumatore di formarsi un giudizio corretto e infrange le regole su cui gli operatori economici confidano. n La vendita sottoscosto è lecita solo in presenza di particolari circostanze che la giustifichino sul piano econominco- aziendale o commerciale.

66 Intervento legislativo specifico n Il legislatore italiano, a differenza di quello di altri paesi a lungo non si è occupato del problema. n Il testo legislativo è evidentemente frutto di compromessi, seguiti a molte proposte di legge consultazioni e discussioni.

67 Definizione n Per vendita sottocosto si intende la vendita al pubblico di uno o più prodotti effettuata ad un prezzo inferiore a quello risultante dalle fatture di acquisto maggiorato dellimposta sul valore aggiunto e di ogni altra imposta o tassa connessa alla natura del prodotto e diminuito degli eventuali sconti o contribuzioni riconducibili al prodotto medesimo purché documentati (art. 15, comma 7 D. Lgs. 114/98 e art. 1 c. 1 DPR 218/01).

68 Disciplina (1) n La legge attribuisce al governo il potere di disciplinare le vendite sottocosto attraverso D.P.R. n Si applicano le disposizioni sanzionatorie previste dai commi 2 e 3 dellart. 22 del D. Lgs. 114/98 (sospensione attività per un massimo di 20 gg.; sanzione amministrativa da a di £.). n Al Ministero dellindustria viene affidato il compito di promuove la sottoscrizione di codici di autoregolamentazione delle vendite sottocosto tra le organizzazioni rappresentative delle imprese produttrici e distributive (comma 9).

69 Disciplina (2) n D.P.R. 6 aprile 2001, n n Circolare Ministero attività produttive 3528/C del 24 ottobre 2001.

70 Ancora la definizione n Per vendita sottocosto si intende la vendita al pubblico di uno o più prodotti effettuata ad un prezzo inferiore a quello risultante dalle fatture di acquisto maggiorato dellimposta sul valore aggiunto e di ogni altra imposta o tassa connessa alla natura del prodotto e diminuito degli eventuali sconti o contribuzioni riconducibili al prodotto medesimo purché documentati (art. 15, comma 7 D. Lgs. 114/98 e art. 1 c. 1 DPR 218/01).

71 Alcuni problemi n Quali costi vanno considerati? n Tipologia di costo tipica del dettagliante. n Cosa sono le contribuzioni? n Vanno considerati gli sconti complessivi sulla vendita?

72 Limiti di tempo n La vendita sottocosto «può essere effettuata solo tre volte nel corso dell'anno; ogni vendita sottocosto non può avere una durata superiore a dieci giorni» (art. 1, comma 4). n «Non può essere effettuata una vendita sottocosto se non è decorso almeno un periodo pari a venti giorni, salvo che per la prima vendita sottocosto dell'anno» (art. 1, comma 5).

73 Limiti di oggetto n «Il numero delle referenze oggetto di ciascuna vendita sottocosto non può essere superiore a cinquanta» (art. 1, comma 4).

74 Comunicazione al Comune n La vendita sottocosto «deve essere comunicata al comune dove è ubicato l'esercizio almeno dieci giorni prima dell'inizio» (art. 1, comma 4).

75 Tutela dellinformazione consumatore n indicazione chiara ed inequivocabile dei prodotti, del quantitativo disponibile per ciascuna referenza e del periodo temporale della vendita, nonché delle relative circostanze nel caso dei prodotti di cui all'articolo 2, comma 1, lettere d) ed e); n inequivocabile identificazione dei prodotti in vendita sottocosto all'interno dell'esercizio commerciale

76 Eccezioni al divieto di vendita sottocosto (art. 2, comma 1) n prodotti alimentari freschi e deperibili, n dei prodotti alimentari di prossima scadenza, n prodotti tipici delle festività tradizionali, quando queste siano trascorse n dei prodotti il cui valore commerciale sia significativamente diminuito, n dei prodotti non alimentari difettati, dei quali sia lecita la vendita e garantita la sicurezza,

77 Eccezioni al divieto di vendita sottocosto (art. 2, comma 2) n in caso di ricorrenza dell'apertura dell'esercizio commerciale o della partecipazione al gruppo del quale l'esercizio fa parte, con cadenza almeno quinquennale; n di apertura di un nuovo esercizio commerciale; n di avvenuta ristrutturazione totale dei locali anche qualora si sia proceduto, prima della ristrutturazione, alla vendita di liquidazione;

78 Obblighi n No comunicazione comune, n No limiti di tempo (critica), n No limiti doggetto, n Si obblighi informativi a tutela consuma- tore.

79 Divieto assoluto n «È vietata la vendita sottocosto effettuata da un esercizio commerciale che, da solo o congiuntamente a quelli dello stesso gruppo di cui fa parte, detiene una quota superiore al cinquanta per cento della superficie di vendita complessiva esistente nel territorio della provincia dove ha sede l'esercizio, con riferimento al settore merceologico di appartenenza» (art. 1, comma 2).

80 Disposizioni particolari n Lart. 6 del DPR conferma: u la competenza dellAGCM nel caso vendita sottocosto che costituisca abuso di posizione dominante; u la competenza del giudice ordinario nel caso la vendita sottocosto costituisca atto di concorrenza sleale ai sensi dellart. 2598, n. 3, c.c.

81 Esclusioni n Il D.P.R. non si applica u alle vendite promozionali non effettuate sottocosto e alle vendite di liquidazione e di fine stagione, nonché alle vendite disposte dall'autorità giudiziaria nell'ambito di una procedura di esecuzione forzata o fallimentare (art. 1, comma 8, DPR). u agli esercenti il commercio sulle aree pubbliche (art. 1, comma 9, DPR).

82 e la giurisprudenza restrittiva... Tutte le volte in cui una vendita sotto costo è attuata nel rispetto delle leggi sul commercio non vi può essere concorrenza sleale Di fatto, i dettaglianti (compresa la GDO) possono oggi vendere sotto costo senza grossi problemi Visto che lorientamento della giurisprudenza più recente era nel senso che la vendita sotto costo può costituire atto di concorrenza sleale, è utile domandarsi quando questo principio potrebbe ancora trovare applicazione... mantiene la sua validità tutte le volte che la disciplina delle vendite sottocosto non trova applicazione.

83 Non sono sottoposte al DPR n Le vendite sottocosto rientrano tra le vendite straordinarie di cui allart. 15 D.Lgs. 114/98, sono perciò vendite al dettaglio e non allingrosso, né le vendite del produttore. n Sono vendite al pubblico per cui non vi rientrano le vendite negli spacci interni. n Si ritiene che non vi rientrino neppure le vendite per mezzo apparecchi automatici, per corrispondenza, tramite televisione o altri mezzi di comunicazione (compreso commercio elettronico) e presso il consumatore (circ. min. 3528/2001). n Le vendite su aree pubbliche.

84 Rimedi alternativi n Prezzi civetta. n Prezzi predatori (se limpresa è in posizione dominante). n Pubblicità ingannevole e comparativa. n Pregiudizio alla reputazione del marchio determinato dalla sua utilizzazione in modo non conforme allimmagine creata dal titolare. n Violazioni di patti di prezzo imposto.

85 La disciplina del commercio, le vendite straordinarie e sottocosto dott. Lorenzo Benatti


Scaricare ppt "La disciplina del commercio, le vendite straordinarie e sottocosto dott. Lorenzo Benatti 12-18 ottobre 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google