La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -"— Transcript della presentazione:

1 STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -

2 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI - Azienda di medio-piccole dimensioni; - Uno stabilimento produttivo; - Opera nel settore dei prodotti plastici; - Tecnologia stampaggio a iniezione Produzione e clientela sono classificate in base ai seguenti criteri: - Articoli grandi, medi, piccoli; - Prodotti per lindustria, per il consumo; - Paraurti, vasche, giocattoli, griglie, supporti, bobine, flaconi, cruscotti, maniglie; - Prodotti per settore automobilistico, degli elettrodomestici, dei cavi, dei cosmetici, per i grossisti di giocattoli; - Articoli componenti e prodotti compiuti; - Manufatti in polipropilene, ABS, policarbonato; - clienti nazionali, clienti esteri.

3 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Produzione e clientela sono classificate in base ai seguenti criteri: - Articoli grandi (44%), medi (20%), piccoli (36%); - Prodotti per lindustria (88%), per il consumo (12%); - Paraurti (25%), vasche (12%), giocattoli (12%), griglie (11%), supporti (11%), bobine (10%), flaconi (10%), cruscotti (6%), maniglie (3%); - Prodotti per settore automobilistico (45%), degli elettrodomestici (23%), dei cavi (10%), dei cosmetici (10%), per i grossisti di giocattoli (12%); - Articoli componenti (68%) e prodotti compiuti (32%); - Manufatti in polipropilene (70%), ABS (20%), policarbonato (10%); - clienti nazionali (80%), clienti esteri (20%).

4 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Informazioni dal management: - Pressione competitiva forte sui prodotti piccoli; - Forti differenze tra prodotti per il consumo (giocattoli) e per lindustria; - Importanti le diversità in relazione alla dimensione dei manufatti e al settore di destinazione. QUANTE ASA POSSIAMO INDIVIDUARE ? POSSIAMO ARTICOLARE LASA IN DIVERSE SUB-ASA ?

5 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Fasi: 1.Elencare tutti i possibili criteri di classificazione dei prodotti e dei mercati; 2.Ordinare i diversi criteri di classificazione secondo la loro importanza; 3.Costruire la matrice prodotti/mercati sulla base dei criteri più importanti; 4.Fornire la distribuzione percentuale del fatturato fra le diverse combinazioni prodotto/mercato.

6 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Criteri di classificazione dei prodotti: - Natura merceologica dellarticolo, la materia prima impiegata, la dimensione, il prezzo, differenti contenuti tecnologici, grado di intervento dellazienda (commercializzati, solo prodotti); Selezione: Criterio dimensionale (più rilevante dal punto di vista tecnico-produttivo: prodotti grandi sono i più ricchi di contenuti tecnologici e per questo al riparo dalla concorrenza)

7 Criteri di classificazione dei clienti e dei mercati: - La zona geografica, la dimensione dei clienti, il settore di impiego dei prodotti, il canale distributivo; Selezione: Criterio per settori di impiego dei prodotti ( più rilevante perché a settori di destinazione diversi corrispondono differenti caratteristiche della domanda, e, in parte, anche diversi caratteri dellofferta, ossia segmenti di mercato differenti) Criterio per zone geografiche (rilevante perché i problemi di vendita sono differenti sui mercati nazionali o esteri in termini di logica competitiva, caratteristiche degli acquirenti, gestione operativa) LE AREE STRATEGICHE DAFFARI

8 Prodotti Mercati Settore autoSettore elettr. Set. cavi Set. cosme Set. giocat Totale ItaliaEsteroItaliaEstero Grandi Medi Piccoli Totale100

9 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Prodotti Mercati Settore autoSettore elettr. Set. cavi Set. cosme Set. giocat Totale ItaliaEsteroItaliaEstero Grandi Medi Piccoli Totale

10 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI - A ogni combinazione prodotto/mercato corrisponde un sottosistema aziendale strategicamente rilevante ? -Alcune combinazioni prodotto/mercato possono essere utilmente aggregate ? Struttura dellofferta Caratteristiche della domanda Dinamica concorrenziale Fattori critici di successo Struttura dei costi e del ciclo monetario

11 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Prodotti Mercati Settore autoSettore elettr. Set. cavi Set. cosme Set. giocat Totale ItaliaEsteroItaliaEstero Grandi Medi Piccoli Totale

12 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Settore auto: - I clienti erano pochi e operanti in un mercato internazionale - I fattori critici di successo erano gli stessi e, precisamente, in ordine di importanza: prezzo (deve essere conveniente anche rispetto prodotti succedanei in metallo), qualità (misurata con peso, resistenza a urti, ed estetica), e puntualità nelle consegne Un insieme coerente da gestire secondo un indirizzo unitario Settore elettrodomestici: - Prodotti medio piccoli rendevano somiglianti le 4 combinazioni prodotto/mercato Un insieme coerente da gestire secondo un indirizzo unitario Altri settori: - Bisogni differenziati, prodotti molto diversi tra loro, concorrenza e logiche competitive differenti Necessità di conduzione strategica differente

13 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI 5 SUB-ASA 1.Prodotti per il settore automobilistico (+ grandi e medi) 2.Prodotti per il settore degli elettrodomestici (+ medi e piccoli) 3.Manufatti per lindustria dei cavi (+ grandi) 4.Articoli per il settore della cosmesi (+ piccoli) 5.Giocattoli


Scaricare ppt "STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -"

Presentazioni simili


Annunci Google