La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -"— Transcript della presentazione:

1 STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -

2 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI - Azienda di medio-piccole dimensioni; - Uno stabilimento produttivo; - Opera nel settore dei prodotti plastici; - Tecnologia stampaggio a iniezione Produzione e clientela sono classificate in base ai seguenti criteri: - Articoli grandi, medi, piccoli; - Prodotti per lindustria, per il consumo; - Paraurti, vasche, giocattoli, griglie, supporti, bobine, flaconi, cruscotti, maniglie; - Prodotti per settore automobilistico, degli elettrodomestici, dei cavi, dei cosmetici, per i grossisti di giocattoli; - Articoli componenti e prodotti compiuti; - Manufatti in polipropilene, ABS, policarbonato; - clienti nazionali, clienti esteri.

3 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Produzione e clientela sono classificate in base ai seguenti criteri: - Articoli grandi (44%), medi (20%), piccoli (36%); - Prodotti per lindustria (88%), per il consumo (12%); - Paraurti (25%), vasche (12%), giocattoli (12%), griglie (11%), supporti (11%), bobine (10%), flaconi (10%), cruscotti (6%), maniglie (3%); - Prodotti per settore automobilistico (45%), degli elettrodomestici (23%), dei cavi (10%), dei cosmetici (10%), per i grossisti di giocattoli (12%); - Articoli componenti (68%) e prodotti compiuti (32%); - Manufatti in polipropilene (70%), ABS (20%), policarbonato (10%); - clienti nazionali (80%), clienti esteri (20%).

4 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Informazioni dal management: - Pressione competitiva forte sui prodotti piccoli; - Forti differenze tra prodotti per il consumo (giocattoli) e per lindustria; - Importanti le diversità in relazione alla dimensione dei manufatti e al settore di destinazione. QUANTE ASA POSSIAMO INDIVIDUARE ? POSSIAMO ARTICOLARE LASA IN DIVERSE SUB-ASA ?

5 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Fasi: 1.Elencare tutti i possibili criteri di classificazione dei prodotti e dei mercati; 2.Ordinare i diversi criteri di classificazione secondo la loro importanza; 3.Costruire la matrice prodotti/mercati sulla base dei criteri più importanti; 4.Fornire la distribuzione percentuale del fatturato fra le diverse combinazioni prodotto/mercato.

6 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Criteri di classificazione dei prodotti: - Natura merceologica dellarticolo, la materia prima impiegata, la dimensione, il prezzo, differenti contenuti tecnologici, grado di intervento dellazienda (commercializzati, solo prodotti); Selezione: Criterio dimensionale (più rilevante dal punto di vista tecnico-produttivo: prodotti grandi sono i più ricchi di contenuti tecnologici e per questo al riparo dalla concorrenza)

7 Criteri di classificazione dei clienti e dei mercati: - La zona geografica, la dimensione dei clienti, il settore di impiego dei prodotti, il canale distributivo; Selezione: Criterio per settori di impiego dei prodotti ( più rilevante perché a settori di destinazione diversi corrispondono differenti caratteristiche della domanda, e, in parte, anche diversi caratteri dellofferta, ossia segmenti di mercato differenti) Criterio per zone geografiche (rilevante perché i problemi di vendita sono differenti sui mercati nazionali o esteri in termini di logica competitiva, caratteristiche degli acquirenti, gestione operativa) LE AREE STRATEGICHE DAFFARI

8 Prodotti Mercati Settore autoSettore elettr. Set. cavi Set. cosme Set. giocat Totale ItaliaEsteroItaliaEstero Grandi Medi Piccoli Totale100

9 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Prodotti Mercati Settore autoSettore elettr. Set. cavi Set. cosme Set. giocat Totale ItaliaEsteroItaliaEstero Grandi2610--8--44 Medi42752--20 Piccoli3-83-101236 Totale331215810 12100

10 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI - A ogni combinazione prodotto/mercato corrisponde un sottosistema aziendale strategicamente rilevante ? -Alcune combinazioni prodotto/mercato possono essere utilmente aggregate ? Struttura dellofferta Caratteristiche della domanda Dinamica concorrenziale Fattori critici di successo Struttura dei costi e del ciclo monetario

11 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Prodotti Mercati Settore autoSettore elettr. Set. cavi Set. cosme Set. giocat Totale ItaliaEsteroItaliaEstero Grandi2610--8--44 Medi42752--20 Piccoli3-83-101236 Totale331215810 12100

12 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI Settore auto: - I clienti erano pochi e operanti in un mercato internazionale - I fattori critici di successo erano gli stessi e, precisamente, in ordine di importanza: prezzo (deve essere conveniente anche rispetto prodotti succedanei in metallo), qualità (misurata con peso, resistenza a urti, ed estetica), e puntualità nelle consegne Un insieme coerente da gestire secondo un indirizzo unitario Settore elettrodomestici: - Prodotti medio piccoli rendevano somiglianti le 4 combinazioni prodotto/mercato Un insieme coerente da gestire secondo un indirizzo unitario Altri settori: - Bisogni differenziati, prodotti molto diversi tra loro, concorrenza e logiche competitive differenti Necessità di conduzione strategica differente

13 LE AREE STRATEGICHE DAFFARI 5 SUB-ASA 1.Prodotti per il settore automobilistico (+ grandi e medi) 2.Prodotti per il settore degli elettrodomestici (+ medi e piccoli) 3.Manufatti per lindustria dei cavi (+ grandi) 4.Articoli per il settore della cosmesi (+ piccoli) 5.Giocattoli


Scaricare ppt "STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE - Un caso di mappatura delle ASA -"

Presentazioni simili


Annunci Google