La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia e politica del territorio Facoltà di Scienze Economiche ed Aziendali (S.E.A.) Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management Prof. Filippo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia e politica del territorio Facoltà di Scienze Economiche ed Aziendali (S.E.A.) Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management Prof. Filippo."— Transcript della presentazione:

1 Economia e politica del territorio Facoltà di Scienze Economiche ed Aziendali (S.E.A.) Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management Prof. Filippo Bencardino Lezione n. 3

2 Gli obiettivi e le ipotesi di base Si ribaltano le ipotesi di struttura spaziale della domanda e dellofferta: il luogo di produzione ha dimensione spaziale, il mercato è puntiforme Si abbandona lobiettivo di identificare le aree di mercato e si passa allindividuazione delle aree di produzione Il principio organizzatore dello spazio è laccessibilità al mercato - centro daffari Viene introdotto il concetto di costo del suolo o rendita fondiaria La rendita fondiaria è un criterio univoco per la scelta localizzativa delle attività agricole, produttive e residenziali I modelli studiano la localizzazione delle attività produttive e residenziali nello spazio urbano Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

3 Il Modello di Von Thünen Ipotesi semplificatrici: spazio di produzione (pianura) continuo spazio omogeneo con uguale fertilità delle terre e stesse infrastrutture di trasporto unico mercato di sbocco puntiforme (borgo) modello supply oriented a domanda illimitata perfetta distribuzione dei fattori produttivi una funzione produttiva specifica per ogni bene agricolo a coefficienti fissi e rendimenti costanti mercato agricolo in concorrenza perfetta (i prezzi sono dati) costi di trasporto unitario costanti nello spazio:il CT dipende dalla distanza e dal volume di produzione Individuare la suddivisione delle terre tra i coltivatori localizzati intorno al borgo Obiettivo: Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

4 Rendita residuale È il livello di rendita al quale il coltivatore è disposto a pagare la terra ed è pari a : R (d)= (p-c- τ d) x Le diverse curve di offerta di rendita dipendono anche dalla deperibilità dei beni Lequazione individua i differenti livelli di rendita ai quali il coltivatore è disposto a pagare terre a diverse distanze Rendita unitaria Distanza Borgo Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

5 r (A) r (B) r (C) A B C ab c Rendita unitaria Distanza Il modello supera la visione ricardiana che legava la redditività delle terre esclusivamente alla loro fertilità introdu- cendo la variabile accessibilità/distanza quale ragione della diversa rendita del suolo e, quindi, della scelta distributiva Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

6 Ipotesi semplificatrici: esiste una città spazio omogeneo con una perfetta distribuzione dei fattori produttivi le infrastrutture coprono la città in senso radiale (spazio isotropo) unico centro daffari quale localizzazione appetibile dal punto di vista produttivo i ricavi e i costi di produzione (poiché comprensivi dei costi di trasporto) sono funzione della distanza Nella competizione tra attività produttive per le localizzazioni centrali, il modello evidenzia lallocazione di produzioni alternative nello spazio urbano Obiettivo: Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione Il Modello di Alonso: la localizzazione urbana delle attività produttive

7 Lequazione esprime l offerta di rendita ossia la rendita unitaria che limprenditore è disposto a pagare alle diverse distanze dal centro Una localizzazione più centrale implica, a parità di profitti, una maggiore disponibilità a pagare per luso del suolo, grazie ai minori costi di trasporto e ai maggiori ricavi La diversa fertilità delle terre dei modelli agricoli può essere sostituita come diversa produttività dei modelli più centrali per la maggiore accessibilità allinformazione Rendita unitaria Centro Distanza Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione Rendita residuale Il livello di rendita è deciso dallimprenditore sottraendo dai ricavi di vendita i costi di produzione e un minimo profitto : R (d)= [(p x - π – c(d)] x(d) R (d)= (p-c- τ d) x

8 Rendita unitaria Centro Distanza r1r1 r1 r2 r3 In presenza di tre diverse attività produttive è possibile per ognuna individuare una diversa curva di rendita offerta: le attività si disporranno sul suolo urbano a seconda della disponibilità a pagare Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione Attività 1 Attività 2 Attività 3

9 Ipotesi semplificatrici: esiste una città spazio omogeneo con una perfetta distribuzione dei fattori produttivi le infrastrutture coprono la città in senso radiale (spazio isotropo) la città è caratterizzata da un unico centro daffari, localizzazione appetibile dal punto di vista residenziale una nuova variabile che influenza la scelta localizzativa è la dimensione dellappartamento U = u (d, z, q) Data una certa distanza dal centro, e una qualsiasi combinazione di q e z, una diminuzione della dimensione dellappartamento può essere compensata dallaumento di altri beni, secondo il concetto di curva di indifferenza Dove: z = altri beni q = dim. appartamento d = distanza centro Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione Il Modello di Alonso: la localizzazione urbana delle attività residenziali Tre variabili: - Costo suolo - Dimensione appartamento - Costi di trasporto

10 Altri beni (z) Dimensione dellappartamento (q) uouo u2u2 u1u1 Lindividuo cercherà di posizionarsi lungo una curva di indifferenza più alta ma comunque al di sotto del proprio vincolo di bilancio ( a condizione che il suo reddito eguagli le spese ) Rendita unitaria CentroDistanza Curva di rendita effettiva dodo d1d1 R(d 1 ) R(d o ) Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

11 Allindividuo risulterà indifferente scegliere localizzazioni più o meno periferiche quando il risparmio che scaturisce dai costi di trasporto più contenuti e dallacquisto di un appartamento più piccolo uguaglia i maggiori costi di suolo tipici di localizzazioni centrali In ipotesi di incremento del reddito: 1) Se prevale lesigenza di un appartamento di maggiori dimensioni lindividuo si localizzerà in aree più periferiche 2) Se prevale la considerazione di un maggior costo opportunità speso in trasporto, si localizzerà in unarea centrale Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione Condizione di Muth

12 Modello di equilibrio generale delle attività produttive Lobiettivo è individuare: Modello di equilibrio generale delle attività residenziali Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione - la dimensione massima della città, - la densità di imprese, - landamento del prezzo del suolo, ovvero la rendita effettiva. - dimensione massima della città, - densità della popolazione - andamento del prezzo del suolo in ipotesi di città chiusa e città aperta Lobiettivo è individuare: I Modelli di Equilibrio Generale (metà anni 80) Individuano a quali condizioni di prezzo del suolo (rendita) si raggiunge una situazione di equilibrio localizzativo caratterizzato da uguale utilità per tutti gli individui o uguale profitto per tutte le imprese e quale densità abitativa avranno le diverse aree in questa condizione

13 Ipotesi semplificatrici: è nota la percentuale di suolo (s) da destinare ad attività produttive è nota la densità di equilibrio delle n imprese esistenti sul suolo urbano le imprese sono tutte specializzate nella produzione dello stesso bene Y d =aT d α K d α-1 Dove: - d è la distanza dal centro - Y è la quantità di bene prodotto dallazienda - a è una costante rappresentante il progresso tecnico - T e K sono la quantità di terra e di capitale utilizzati nel processo produttivo - α e α-1 misurano lefficienza rispettivamente del fattore produttivo terra e capitale Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione Dati esogeni I Modelli di Equilibrio Generale delle attività produttive FUNZIONE DI PRODUZIONE:

14 massimizzazione del profitto dellimpresa Lincontro tra le curve isoquanto e isocosto individua la combinazione di fattori produttivi terra e capitale che garantisce la massimizzazione del profitto dellimpresa Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione 1) Le diverse combinazioni di terra e capitale sono rappresentate dalle curve di isoquanto espressive di livelli superiori di produzione man mano che ci si allontana dallorigine 2) Le diverse combinazioni di fattori che mantengono costanti i costi di produzione sono rappresentate dalle curve di isocosto Capitale Terra Isoquanto Isocosto Y2Y2 Y1Y1

15 Rendita unitaria Centro Distanza Curva di rendita effettiva dodo d1d1 R(d 1 ) R(d o ) Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

16 Condizione di Muth Nel caso delle attività produttive limpresa è in una condizione di indifferenza localizzativa se i vantaggi in termini di risparmio di costi di trasporto per la nuova localizzazione sono pari allincremento del costo del suolo urbano A parità di localizzazione limpresa, per far fronte allincremento del prezzo del suolo, userà quantità inferiori del bene terra per unità prodotta Lungo la curva di offerta di rendita, ogni localizzazione dellimpresa è indifferente, lungo tale curva infatti il costo dello spostamento nello spazio è nullo e, quindi, i profitti sono inalterati Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

17 Ipotesi : se le n imprese hanno tutte la stessa funzione di produzione se è nota la quantità di equilibrio del bene nella città (Y*) LA CURVA DI RENDITA AL CONFINE DELLA CITTA Indica : - la densità di utilizzo del suolo - il livello di profitto massimo che unimpresa può raggiungere - la dimensione totale della città - quale raggio della città rende la quantità prodotta in equilibrio sul mercato urbano esattamente uguale a quella esogena data Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

18 Rendita unitaria CentroDistanza d max rara r( π o ) r( π 1 )= curva di offerta di rendita di equilibrio r( π 2 ) brc E A r a = valore del suolo al margine della città Il valore della rendita urbana è pari al valore della rendita agricola Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione

19 I pregi dei modelli dellequilibrio generale descrivono condizioni del tutto rispondenti alla realtà: - la rendita del suolo urbano che varia rispetto alla distanza dal centro - la localizzazione centrale a favore di attività a elevato valore aggiunto - ampi spazi suburbani per le attività residenziali I limiti dei modelli dellequilibrio generale ruolo decisivo dei movimenti pendolari nella determinazione dellequilibrio spaziale i modelli non si interessano del modo in cui si organizza la città né di quello che accade al di fuori della stessa non si tiene quindi conto dei vantaggi che le imprese possono acquisire localizzandosi in città diverse (diverse economie di agglomerazione, diverse offerte di rendita) Le Teorie dellaccessibilità e della Localizzazione


Scaricare ppt "Economia e politica del territorio Facoltà di Scienze Economiche ed Aziendali (S.E.A.) Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management Prof. Filippo."

Presentazioni simili


Annunci Google