La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La politica monetaria della BCE Giuseppe Squeo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La politica monetaria della BCE Giuseppe Squeo."— Transcript della presentazione:

1 1 La politica monetaria della BCE Giuseppe Squeo

2 2 La politica economica Politica dei redditi Politica di bilancio Politica monetaria Insieme coordinato di provvedimenti che avvalendosi della intende perseguire obiettivi in termini di: Crescita economica Occupazione Stabilità dei prezzi Equilibrio bilancia pagamenti

3 3 Gli obiettivi della politica economica Gli obiettivi di politica economica vengono specificati, in base ai valori di talune grandezze rappresentative e misurabili con specifici indicatori, come proxy del fenomeno che vanno a rappresentare: il pil, per l a crescita economica; il tasso di disoccupazione per il mercato del lavoro ; lindice dei prezzi al consumo per linflazione ; il saldo della bilancia dei pagamenti per lequilibrio dei conti con lestero.

4 4 La politica di bilancio Manovra effettuata tramite il bilancio dello Stato con la finalità di incidere sulle variazione del reddito, delloccupazione, e di contenere linflazione. E una manovra che può agire sia sul lato delle entrate sia su quello delle uscite, incidendo sulla dinamica dei consumi privati e di quelli pubblici. Con il patto di stabilità si sono portati vincoli esterni alluso di questo strumento. La principale autorità competente della politica di bilancio è il Parlamento, che si avvale della legge finanziaria.

5 5 La politica dei redditi Volta a generare una crescita equilibrata dei salari e del margine di profitto praticato dalle imprese, compatibile con la dinamica della produttività aziendale, per eliminare alla base quelle frizioni nella distribuzione del valore aggiunto che provocano linflazione. E realizzata agendo con: 1.provvedimenti legislativi, 2.con accordi tra le parti sociali, 3.interventi delle autorità di governo al fine di persuadere le parti sociali. La responsabilità della gestione della politica dei redditi è affidata essenzialmente alle autorità governative e alle parti sociali.

6 6 Politica monetaria Linsieme delle azioni intraprese dalla Banca Centrale e dirette a modificare, orientare la moneta, il credito, la finanza. E un processo a uno o più stadi in cui vengono attivati determinati strumenti (Tasso di sconto, operazioni di mercato aperto) per conseguire obiettivi operativi (riserve bancarie, tassi di mercato monetario): 1.al fine di influenzare in via diretta le variabili monetarie conseguendo obiettivi intermedi (moneta, credito, tassi di interesse) (trasmissione tra variabili finanziarie); 2.per influire sugli obiettivi finali di natura reale: prezzi, cambio, reddito, occupazione (trasmissione tra variabili finanziarie e reali).

7 7 Gli stadi della politica monetaria Strumenti Obiettivi operativi Obiettivi finali Obiettivi intermedi 1° stadio 2° stadio 1 stadio

8 8 Strumenti ed obiettivi della politica monetaria Nella politica monetaria si distingue tra: strumenti, le variabili che sono sotto il controllo diretto delle autorità monetarie (tus, aliquota rob, operazioni mercato aperto, limiti crescita impieghi) e che possono essere manovrati tempestivamente allo scopo di controllare gli obiettivi operativi, quelli immediatamente realizzabili (base monetaria, tassi di mercato monetario, riserva obbligatoria), in funzione degli strumenti utilizzati, ed in grado di influire sugli obiettivi intermedi, variabili controllate indirettamente dalla banca centrale (tassi di mercato, le quantità di credito o di moneta), conseguiti con un certo ritardo ed un determinato grado di precisione ed in grado di influire sugli obiettivi finali, di natura economica, che riguardano come visto prezzi, cambio, reddito, occupazione.

9 9 Le caratteristiche delle variabili utilizzate nella politica monetaria Per essere efficaci le variabili utilizzate debbono possedere alcuni requisiti: relazione causale con gli obiettivi perseguiti stabilità della relazione rilevabilità e controllabilità periodica.

10 10 Le modalità di intervento Dal tipo di strumenti utilizzati si individuano due modalità di intervento: quella coercitiva, che, con atti amministrativi, direttamente fissa le grandezze più importanti ai fini del raggiungimento degli obiettivi intermedi. Modus operandi tipico delle fasi di emergenza che lascia poco spazio alle iniziative dei singoli; quella di mercato, che agisce sulla dialettica delle forze di mercato, puntando a modificare le scelte operate da queste ultime modificando le condizioni di mercato.

11 11 Gli strumenti della politica monetaria Gli strumenti possono essere distinti in base alle variabili oggetto dellintervento, tra controllo: della base monetaria, mediante –rifinanziamento delle aziende di credito; –operazioni di mercato aperto; dei tassi policy praticati dalla Banca Centrale: –tasso di rifinanziamento principale –tasso depositi overnight –tasso rifinanziamento marginale; diretto con vincoli amministrativi, quali: –coefficiente di riserva obbligatoria; –massimali sugli impieghi; –composizione qualitativa degli impieghi; –dimensione e composizione attività in valuta.

12 12 Gli obiettivi operativi Base monetaria Tassi mercato monetario Livello riserva obbligatoria

13 13 La base monetaria La moneta è costituita dalle attività finanziarie che possono essere utilizzate come mezzo di pagamento. M (offerta moneta) = BMp (contanti) + D (depositi) Per base monetaria si intende la moneta direttamente creata dalla Banca Centrale; comprende la moneta legale e qualsiasi attività finanziaria convertibile immediatamente e senza costi in moneta legale di nuova creazione. BM (base monetaria) = BMp + RB (riserve bancarie)

14 14 Canali della base monetaria Banconote Riserve bancarie Certificati deposito Patrimonio Riserve oro-valute Prestiti Titoli Crediti v/ P.A. Base monetaria Moneta c/o pubblico e riserve bancarie Rifinanziamento Aliquota R.O. Utilizzo (assorbimento) Creazione (immissione) Operazioni mercato aperto

15 15 Moltiplicatore della base monetaria Bm (base monetaria ) = Bmp (pubblico) + Rb (banche) Offerta moneta Om = Bmp + D (depositi bancari monetari) dividendo per BM Om/Bm = BMp+D/(Bmp+Rb) dividendo per D il secondo membro Om/Bm = (Bmp/D + 1)/(Bmp/D+Rb/D) ove p = Bmp/D =M propensione pubblico a scorte moneta b = Rb/D = propensione a detenere moneta per banche Om = Bm (p+1)/(p+b) si evidenzia lofferta di moneta è direttamente proporzionale alla base monetaria grazie al suo moltiplicatore.

16 16 Stabilità del moltiplicatore p (propensione a detenere moneta legale) dipende dal livello dei tassi di interesse, più si elevano meno conviene detenere contante; b (propensione a detenere riserve bancarie) dipende dal costo implicito a detenere riserve (rendimenti alternativi e delle riserve), dal vincolo di riserva e movimenti in entrata ed uscita di moneta legale. Con riferimento allEurosistema il moltiplicatore è stimato in 10 (p=9%; b= 3%; 1,09/0,12) circa.

17 17 Tassi di mercato monetario Quelli, essenzialmente, praticati sul mercato a breve, soprattutto interbancario, che elevando (riducendo) il costo del denaro per le banche, influenzano quelli praticati verso la clientela. Essi principalmente sono: 1) depositi overnight, 2) depositi a un mese, 3) depositi a tre mesi, 4) depositi a sei mesi, 5) depositi a un anno.

18 18 Livello riserva obbligatoria La variazione del coefficiente di riserva obbligatoria, consente di aumentare (ridurre) strutturalmente tale aggregato. A parità di attivo della Banca Centrale questo consente di ridurre (aumentare) la moneta circolante o eventuali titoli emessi dalla Banca Centrale. Aumenta (riduce) la dipendenza delle banche dalla BCE, poiché riduce (aumenta) lammontare di liquidità disponibile.

19 19 Gli obiettivi intermedi Tassi di interesse Quantità di credito Quantità di moneta

20 20 Tassi dinteresse Il livello dei tassi, la struttura per scadenze, le aspettative di andamento dei tassi sono rilevanti ai fini del perseguimento degli obiettivi finali di politica monetaria. Pertanto, la politica monetaria potrebbe prendere come riferimento guida il livello, landamento temporale e/o la struttura per scadenze dei tassi dinteresse.

21 21 Obiettivi intermedi: quantità creditizie –Credito Totale, costituito dai finanziamenti (prestiti bancari e obbligazioni collocate sullinterno) totali agli altri residenti (residenti al netto IFM e amministrazioni pubbliche) italiani e debito delle Amministrazioni pubbliche italiane. –Credito Totale Interno (CTI), costituito dai finanziamenti interni agli altri residenti italiani e debito sullinterno delle Amministrazioni pubbliche.

22 22 Obiettivi intermedi: quantità monetarie –M1, aggregato monetario ristretto, costituito dal circolante più i depositi in conto corrente; –M2, aggregato monetario intermedio, costituito oltre che da M1 anche dai depositi con durata fino a due anni o ritirabili con preavviso fino a tre mesi; –M3, aggregato monetario ampio, costituito oltre che da M2 anche dai pct e dalle quote di fondi comuni monetari e titoli di mercato monetario.

23 23 Il Sistema delle banche centrali europee (SEBC) La Banca Centrale Europea rappresenta il vertice istituzionale ed operativo del sistema. E composta di un Presidente e di un Vice Presidente. Il SEBC opera sotto la guida di tre organi decisionali: Il Consiglio Direttivo, composto dai membri del Comitato Esecutivo e dai governatori delle banche centrali aderenti allUME. IL Comitato Esecutivo composto dal Presidente, Vicepresidente e altri quattro membri, tutti scelti dai governi dei Paesi dellUme. Il Consiglio Generale, composto da tutti i membri del consiglio direttivo più i governatori dei Paesi dellUnione non aderenti allUME.

24 24 IL SEBC La politica monetaria comune si applica ai Paesi aderenti allUme, che condividono anche la moneta: leuro. Nel SEBC convivono due esigenze contrapposte: accentramento delle decisioni, da parte degli organi collegiali previsti; decentramento delle attività, tramite lazione delle banche centrali nazionali. I compiti del SEBC (art ): definire e attuare la politica monetaria della comunità; svolgere le operazioni sui cambi; detenere e gestire le riserve ufficiali in valuta degli Stati membri; promuovere e regolare il funzionamento dei sistemi di pagamento.

25 25 Gli obiettivi del SEBC Il trattato di Maastricht stabilisce che la politica monetaria del SEBC deve essere indirizzata: In via prioritaria (art ) al mantenimento della stabilità dei prezzi; In via sussidiaria (art. 2) al sostentamento delle politiche economiche generali della comunità. La preminenza dellobiettivo della stabilità dei prezzi nasce dalla consapevolezza che la crescita economica deve poggiare sulla libera concorrenza, garantita dalla trasparenza e dalla stabilità dei prezzi e non da arbitrarie redistribuzioni di ricchezza operate dallinflazione.

26 26 Lo schema della politica monetaria In via di massima semplificazione la politica monetaria può essere ricondotta a due schemi: monetary targeting, ove lobiettivo di riferimento è la crescita di un aggregato monetario di riferimento; inflation targeting, invece, il riferimento è il tasso programmato dellindice dei prezzi al consumo. Sostanzialmente, viene annunciato, per un certo orizzonte temporale predeterminato, lobiettivo in termini di tasso di crescita ritenuto accettabile dellaggregato di riferimento (monetario o inflattivo). Ove ci si discosti la BCE interviene con gli strumenti a sua disposizione con interventi correttivi.

27 27 Lo schema della politica monetaria (2) NellUme lo schema adottato è quello della inflation targeting. In merito la BCE ha fissato l obiettivo di stabilità dei prezzi nellincremento del 2% dellindice dei prezzi al consumo da mantenere in un orizzonte temporale di medio termine. Laver fissato come desiderabile una crescita inferiore al 2%, non implica laccettazione di situazioni deflazionistiche. Per raggiungere il citato obiettivo la politica della BCE è incentrata sia sul controllo (non vincolante) della quantità di moneta (M3), sia alle prospettive di crescita dei prezzi tramite indicatori come la curva dei rendimenti, le aspettative degli imprenditori e dei consumatori, il costo del lavoro, i tassi di cambio, la capacità produttiva.

28 28 Gli strumenti del SEBC operazioni di mercato aperto temporanee definitive operazioni rifinanz.to marginale operazioni deposito Operazioni su iniziativa del SEBC Operazioni su iniziativa controparti Riserva obbligatoria

29 29 Operazioni di mercato aperto 1.operazioni di rifinanziamento principale 2.operazioni di rifinanziamento a più lungo termine 3.operazioni di fine tuning 4.operazioni di tipo strutturale svolte su iniziative della BCE che ne stabilisce le modalità e le condizioni sono indirizzate a controllare i tassi di interesse, determinare le condizioni di liquidità sul mercato e segnalare lorientamento della politica monetaria

30 30 Operazioni di mercato aperto (2) Operazioni di rifinanziamento principale, operazioni temporanee di finanziamento con frequenza settimanale e scadenza a due settimane, effettuate dalla BCN con aste standard. Sono uno strumento centrale per il conseguimento degli obiettivi, fornendo la maggior parte del rifinanziamento necessario al settore finanziario. Operazioni di rifinanziamento a più lungo termine, operazioni temporanee con frequenza mensile e scadenza a tre mesi, fatte dalle BNC con aste standard. Sono fatte in modo da non influenzare i tassi e non hanno valore segnaletico.

31 31 Operazioni di mercato aperto (3) Operazioni di fine-tuning, non hanno frequenza prestabilita e mirano a regolare la liquidità del mercato e a controllare levoluzione dei tassi, quando sopraggiungono fluttuazioni impreviste della liquidità nel mercato. Normalmente dovrebbero essere effettuate dalla BCN mediante aste veloci e procedure bilaterali Operazioni di tipo strutturale, mediante emissione di certificati di debito, operazioni temporanee e definitive. Sono effettuate ogni volta che la BCE intende modificare la posizione strutturale dellEurosistema nei confronti del settore finanziario.

32 32 Riserva obbligatoria Il regime di riserva obbligatoria (2%), applicato agli istituti dellarea delleuro, mira principalmente a stabilizzare i tassi di interesse del mercato monetario e a creare o ampliare un fabbisogno strutturale di liquidità. Essa consente di utilizzare un meccanismo di mobilizzazione; infatti: ladempimento degli obblighi di riserva è verificato sulla base delle riserve medie giornaliere detenute da una istituzione nel periodo mensile di mantenimento. La remunerazione è fatta in base al tasso di rifinanziamento principale dellEurosistema. Un livello così basso toglie, almeno per lItalia, il significato originario di strumento di fiducia verso i risparmiatori per fini di stabilità del sistema creditizio.

33 33 Operazioni su iniziativa delle controparti Operazioni di rifinanziamento marginale, per ottenere finanziamenti overnight dalle banche centrali nazionali a fronte di attività stanziabili a garanzia. In condizioni normali non sono previsti limiti quantitativi, il tasso di interesse è il limite massimo nel mercato overnight; Operazioni di deposito, per costituire depositi overnight presso le banche centrali nazionali, in condizioni normali non sono previsti limiti quantitativi, il tasso di interesse è il limite minimo nel mercato overnight. gestite dalle BCN e volte a immettere o assorbire liquidità overnight, in funzione delle esigenze delle controparti, per segnalare lorientamento monetario e stabilizzare le fluttuazioni dei tassi di interesse del mercato overnight.

34 34 il tasso di rifinanziamento principale Indicatore più significativo della politica monetaria del SEBC con il tasso rifinanziamento marginale e il tasso sui depositi overnight forma la triade dei tassi segnaletici della politica monetaria

35 35 Il corridoio dei tassi nel periodo gen-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 gen-00 feb-00 mar-00 apr-00 mag-00 giu-00lug-00 ago-00 set-00 ott-00 nov-00 dic-00 gen-01 feb-01 mar-01 apr-01 mag-01 giu-01lug-01 ago-01 set-01 ott-01 nov-01 dic-01 mese tassi % tetto=rifinaziamento marginale pavimento= depositi overnight rifinaziamento principale

36 36 Riflessi sul mercato monetario Il mercato monetario comprende le operazioni a breve e brevissima scadenza (da overnight a 12 mesi). Il controllo di questo mercato avviene con tre strumenti fondamentali: i tassi dei depositi overnight presso la Banca Centrale (pavimento); i tassi sulle operazioni di rifinanziamento marginale (tetto) i tassi di rifinanziamento principale e di fine tuning. Lobiettivo della BCE è quello di mantenere il tasso interbancario nel corridoio, operando sia con le operazioni di rifinanziamento principale, che funzionano da tassi guida, sia con il fine-tuning per regolare piccoli spostamenti. Operando sullampiezza e sul livello dei tassi del corridoio, da, invece, segnali di modifica del mercato, in senso restrittivo o ampliativo.

37 37 Riflessi sul mercato monetario (2) La presenza del corridoio, il valore indicativo del tasso di rifinanziamento principale, stabilizzano lEonia (tasso overnight europeo) su valori intorno al tasso di rifinanziamento principale. Questo livello viene trasmesso a sua volta agli altri tassi a breve, che, a loro volta, si stabilizzano attorno al tasso di rifinanziamento principale i tassi a breve. Questi tassi, poi, influenzano quelli sui prestiti e sui titoli; essendo correlati in modo diretto con i primi, anche se con qualche ritardo di aggiustamento.

38 38 I tassi in Italia

39 39 I riflessi sul settore monetario e reale I tassi fissati dalla BCE producono quindi riflessi diretti sul tasso interbancario influenzando tutto il sistema dei tassi, che a sua volta influenza: lofferta di moneta da parte dei risparmiatori che a tassi bassi potrebbe preferire lobiettivo della liquidità a quella del reddito; il credito bancario, che diventerebbe più (meno) oneroso o provocherebbe, con la variazione dei depositi (aumento o riduzione) riflessi sulle disponibilità bancarie e sul livello del credito. Poiché variazioni dei tassi influenzano il livello dei consumi e quello degli investimenti, ne verranno influenzati la produzione ed il reddito.


Scaricare ppt "1 La politica monetaria della BCE Giuseppe Squeo."

Presentazioni simili


Annunci Google