La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Georg Simmel (1858-1918): filosofia della vita urbana (pt.1) Sociologia della Comunicazione a.a. 2010\2011 Prof. Vincenzo Romania.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Georg Simmel (1858-1918): filosofia della vita urbana (pt.1) Sociologia della Comunicazione a.a. 2010\2011 Prof. Vincenzo Romania."— Transcript della presentazione:

1 Georg Simmel ( ): filosofia della vita urbana (pt.1) Sociologia della Comunicazione a.a. 2010\2011 Prof. Vincenzo Romania

2 Notizie biografiche Nasce il 1° marzo 1858 a Berlino da una famiglia ebraica convertita al Cristianesimo. Nel 1881 consegue la laurea presso l'università di Berlino e nel 1885 ottiene la prima cattedra come Privatdozent (docente pagato dalle tasse dei suoi studenti). Terrà il posto fino al I suoi corsi sono seguitissimi anche da studenti stranieri come Park e Santayana. Comuincia a collaborare a riviste di psicologia, sociologia e a riviste socialiste. Rifitua due inviti da università americane, sperando che la situazione a Berlino si sblocchi. Ma a causa dellantisemitismo del tempo, gli viene negata una cattedra di filosofia a Heidelberg nel 1907 e solo nel 1914,a 56 anni, diventa professore ordinario di filosofia all'università di Strasburgo. Il 28 settembre nel 1918 muore a Strasburgo.

3 Opere sociologiche più importanti Sulla differenziazione sociale (1890) Il problema della sociologia (1894) Filosofia del denaro (1900) La metropoli e la vita dello spirito (1903) The sociology of conflict (1904). La gratitudine: un tentativo sociologico (1907) Sociologia (1908) comprendente Excursus sullo straniero e Lo spazio e gli ordinamenti spaziali della società. La socievolezza (1911).

4 Scuole teoriche influenzate da Simmel Scuola Sociologica di Chicago: accento sulle relazioni fra gli individui come oggetto della sociologia; approccio ecologico; I futuri post-marxisti Bloch, Lukàcs, Benjamin. Linterazionismo simbolico Le recenti teorie delle reti.

5 La frammentarietà degli interessi di Simmel Simmel è stato spesso accusato di frammentarietà. Ciò è dovuto: Alla varietà dei suoi interessi (dalla filosofia, alla sociologia, allestetica); Allo stile di scrittura, nel quale il saggio breve costituisce lesito naturale; Al metodo simmeliano consistente nellindividuare delle analogie fra forme di fenomeni molto diversi. Per questo, la sua sociologia viene definita formale.

6 Il soggetto come centro di attenzione A differenza di Durkheim, Marx e Weber che hanno elaborato delle leggi generali della società, Simmel studia la condizione soggettiva dellindividuo come prodotto e produttore della società. E uno dei primi ad interessarsi ad alcuni dei temi fondamentali della sociologia della comunicazione interpersonale: lidentità individuale, le situazioni, i gruppi e le relazioni fra individui.

7 Tratto da Thinking Sociologically Hegels Influence: Individual and Society as a Dialectical Process Thesis (Autonomy) Antithesis (Conformity) Synthesis (The Social Individual) [Social Man] is not partially social and partially individual; rather, his existence is shaped by a fundamental unity, which cannot be accounted for in any other way than through the synthesis or coincidence of two logically contradictory determinations: man is both social link and being for himself, both product of society and life from an autonomous centre (Simmel, 1908). The individual is determined at the same time as he is determining; he is acted upon at the same time as he is self-actuating (Coser, 1977).

8 Dallindividuo alla società Loggetto della sociologia di Simmel sono le forme che assumono le relazioni di influenza reciproca e il processo in cui si reificano in forme stabili che è detto sociazione. Dalla sociazione ha origine la società ed hanno origine le sue istituzioni: In sé la "società" vera e propria è infatti quell'insieme di azioni reciproche, collaborazione e rivalità in cui interessi e contenuti materiali o individuali assumono una forma o si rafforzano grazie a impulsi o finalità" (la socievolezza, 41).

9 Dalla sociazione alla società\1 Impulsi erotici, religiosi o semplicemente socievoli, scopi di difesa o di attacco, di gioco, di acquisizione, di aiuto e di insegnamento, nonché innumerevoli altri fanno sì che luomo entri in una coesistenza, in un agire luno per laltro, con laltro e contro laltro, in una correlazione di situazioni, sia che eserciti effetti sugli altri sia che ne subisca da altri. Queste azioni reciproche significano che dai portatori individuali di quegli impulsi e scopi occasionali sorge ununità, cioè appunto una >

10 Dalla sociazione alla società\2 In sé e per sé questi materiali di cui è piena la vita, queste motivazioni che la sospingono, non sono ancora di carattere sociale. Né la fame o lamore, né il lavoro o la religiosità, né la tecnica o le funzioni e i risultati dellintelligenza costituiscono ancora – così come sono dati immediatamente, e secondo il loro senso puro – una sociazione: la costituiscono soltanto quando strutturano la coesistenza isolata degli individui uno accanto allaltro in determinate forme di coesistenza con e per laltro, le quali rientrano sotto il concetto generale dellazione reciproca. La sociazione è dunque la forma (Sociologia, p. 9). Il compito della sociologia è quindi prettamente descrittivo: classificare e descrivere le forme, senza che venga avanzata una teoria dellazione sociale.

11 Es. del metodo formale: lamore Simmel affronta due forme dellamore nel saggio Filosofia del Denaro: il matrimonio e la prostituzione, cercando di comprendere come essi siano espressione di un mondo nel quale il denaro ha reso astratti e formali tutti i rapporti umani. Della prostituzione dice: Di tutti i rapporti umani la prostituzione è forse il caso più pregnante di degradazione reciproca alla condizione di puro mezzo (Filosofia del Denaro, pp. 536).

12 La sociologia come nuovo metodo Nella misura in cui si appoggia alla considerazione che luomo devessere compreso come essere sociale e che la società è la portatrice di ogni accadere storico, essa non contiene alcun oggetto che non venisse già trattato in una delle scienze esistenti, ma è soltanto una nuova via per tutte queste, un metodo scientifico che non costituisce – proprio per la sua applicabilità alla totalità dei problemi – una scienza a sé (Sociologia, cap. 1 Il problema della società).

13 Le forme come analogie fra gruppi diversi In gruppi sociali i più diversi che si possano immaginare per i loro scopi e per il loro intero significato, noi torivamo tuttavia i medesimi modi formali di atteggiamento reciproco tra gli individui. Sovra-ordinazione e subordinazione, concorrenza, imitazione, divisione del lavoro, formazione di partiti, rappresentanza… si ritrovano in una società statale e in una comunità religiosa, in una banda di congiurati e in una consociazione economica, in una scuola artistica e in una famiglia. Per quanto molteplici possano essere gli interessi dai quali si perviene a queste associazioni, le forme in cui esse si attuano possono tuttavia essere le medesime (83).

14 Oggetti di ricerca della sociologia In modo corrispondente si deve dunque procedere con tutti i grandi rapporti e le azioni reciproche che formano la società: con la formazione dei partiti, con limitazione, con la formazione di classi, di cerchie e di suddivisioni secondarie…A tali problemi principali si aggiungono poi, sostenendo in modo uniforme la determinatezza formale dei gruppi, dei fatti da una parte più specifici e dallaltra più complicati, come per esempio il significato dell >, quello del > come elemento organico della società, quello della determinatezza numerica degli elementi dei gruppi, del primus inter pares e del tertius gaudens (ivi, 88-89).

15 Un approccio anche micro/1 In complesso la sociologia si è propriamente limitata a quei fenomeni sociali nei quali le forze in azione reciproca sono già cristallizzate in base ai loro portatori immediati, perlomeno a costituire unità ideali. Stati e unioni sindacali, gruppi sacerdotali e forme di famiglia, costituzioni economiche ed eserciti, corporazioni e comuni, formazione di classi e divisione del lavoro industriale – questi e i grandi organi e sistemi del genere sembrano costituire la società ed esaurire lambito della scienza che la riguarda. [..]

16 Un approccio anche micro/2 Oltre a quei fenomeni macroscopici, che si impongono da tutte le parti per la loro estensione e per la loro importanza esterna, esiste un numero sterminato di forme di relazione e di modi di azione reciproca tra gli uomini che sono di dimensioni minori e meno appariscenti nei casi particolari, ma che vengono offerti da questi casi particolari in una quantità inestimabile e che, sia pure infiltrandosi tra le formaizoni sociali più comprensive, per così dire ufficiali, sono quelle che sole danno origine alla società quale noi la conosciamo.

17 Un approccio anche micro/3 La limitazione ai primi fenomeni ricorda la scienza primitiva del corpo umano interno, che si limitava ai grandi organi, nettamente delimitati, come il cuore, il fegato, i polmoni, lo stomaco ecc.,e trascurava invece gli innumerevoli tessuti, privi di una denominazione popolare o non conosciuti, senza i quali quegli organi più distinti non darebbero mai luogo a un corpo vivente (93).

18 Simmel, La metropoli e la vita dello spirito (1908) Tema analizzato: la metropoli come costellazione di fenomeni e come stile di vita IDEE PRINCIPALI La metropoli comporta una intensificazione della vita nervosa La vita psichica metropolitana assume carattere intellettualistico Il denaro diventa il medium della gran parte delle relazioni Tutta la vita sociale ed in particolare il tempo sono molto coordinati I 3 elementi precedenti, intrecciandosi, rendono oggettivo, molteplice, complesso, calcolato, impersonale, universale e riservato, il carattere delle relazioni sociali. Partecipiamo infatti contemporaneamente a molteplici cerchie sociali. Labitante idealtipico della metropoli è lindividuo blasé (43, Joyce)

19 Simmel, La metropoli e la vita dello spirito (1908) IDEE PRINCIPALI Lindividuo esperisce uninedita libertà individuale (47)… … ma contemporaneamente un inedito senso di solitudine Le metropoli sono il luogo del cosmopolitismo Le metropoli spingono alla divisione del lavoro, alla specializzazione ed allindividualismo… …alla esaltazione delle particolarità estreme, alla creazione di nuovi stili di vita, nuove identità. La città è il luogo ove ognuno è straniero E quindi il luogo della non appartenenza e della tolleranza (Benjamin) La cultura urbana diviene perciò il tratto prevalente delle società moderne Essa promuove la mobilità sociale, sia orizzontale che verticale, la fluidità ed il mutamento sociale.

20 Esempi letterari della scoperta della città: Dreiser, Carrie Balzac, Papà Goriot eLe illusioni perdute Cather, La mia Antonia, Crane, Maggie, ragazza di strada Fante, Chiedilo alla polvere Joyce, Dubliners e Ulisse Wolf, Mrs. Dalloway Woolrich, Si parte alle sei

21 Simmel, La moda (1895) IDEE PRINCIPALI Nelle società moderne, gli individui vivono una continua tensione fra differenziazione e identificazione (483). La seconda si realizza nellimitazione che ha la funzione di rassicurare il soggetto e di deresponsabilizzarlo per le sue azioni (484). La doppia funzione della moda sta nella sua natura legata alla classe sociale (485). Essa ha la capacità di unire e separare: è una cornice che allo stesso tempo include ed esclude (486). Per la sua natura formale è indipendente dai contenuti: serve a unire, indipendentemente da come (486).

22 Simmel, La moda (1895) IDEE PRINCIPALI Non si esprime più tramite la creazione individuale ma è un processo socialmente organizzato per fini economico-produttivi (487). Essa è sempre proprietà delle classi superiori, per quanto temporaneamente: appena si diffonde alle classi inferiori perde la sua identità di moda (488). Perciò essa è sempre proprietà di pochi e aspirazione di tutti (491). Da essa ha infatti origine linvidia (493- 4). Per questa temporaneità essa esprime anche il cambiamento sociale e il mutamento dei costumi (493). Anche chi si veste non alla moda imita ed è influenzato dalla moda stessa (496). Il legame fra moda e donne si spiega attraverso la debole posizione sociale delle donne nella società (497). La moda ha anche un contenuto sanzionatorio che si esprime tramite la vergogna (501). In conclusione, essa ha una funzione di conciliazione fra opposti, gli stessi che regolano tutta la vita sociale.

23

24 Il ciclo di moda hipster

25

26 Moda e condizione femminile

27 Moda e corpo femminile

28 Moda e status symbol

29 Moda e parodie del genere tribu-dei-ragazzi-con-la-gonna/ tribu-dei-ragazzi-con-la-gonna/ /prova-ila-francy.asp 000/prova-ila-francy.asp

30 Moda e subculture musicali de_ html 11/03/08/ _lal_atl_recap.nba/in dex.html V5KAw&feature=related

31 Moda e organizzazione sociale I fashion blogs: I cool hunters:


Scaricare ppt "Georg Simmel (1858-1918): filosofia della vita urbana (pt.1) Sociologia della Comunicazione a.a. 2010\2011 Prof. Vincenzo Romania."

Presentazioni simili


Annunci Google