La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sentenza n°1 Sede di giudizio Giudice di Pace di Trieste Sentenza del 10 dicembre 2002.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sentenza n°1 Sede di giudizio Giudice di Pace di Trieste Sentenza del 10 dicembre 2002."— Transcript della presentazione:

1

2 Sentenza n°1 Sede di giudizio Giudice di Pace di Trieste Sentenza del 10 dicembre 2002

3 Sentenza n°1 Massima Tra gli obblighi di diligenza e di buona fede nellesecuzione del contratto a carico dellagenzia di viaggi rientra quello di informare i clienti, appartenenti e non appartenenti agli Stati Membri dellUnione Europea, dellesistenza di restrizioni imposte dal paese di destinazione del viaggio per lingresso nel suo territorio.

4 Sentenza n°1 Soggetti ATTORI Alma Perkovic e Stefan Veljko CONVENUTISinfonia Viaggi s.r.l. Buon Viaggio s.p.a. Francorosso International

5 Sentenza n°1 Ricostruzione del fatto Alma Perkovic e Stefan Veljko acquistano, il 18/09/01, un pacchetto di viaggio per lEgitto dalla Sinfonia Viaggi s.r.l., informando lagenzia della nazionalità croata del Sig. Veljko e del suo essere domiciliato in Italia Allaeroporto il Sig. Veljko non viene fatto imbarcare causa invalidità del visto fornitogli da Francorosso La coppia ricorre al Giudice di Pace Sinfonia Viaggi, Buon Viaggio e Francorosso si costituiscono in giudizio Sentenza del 10/12/02 a favore degli attori

6 Sentenza n°1 Ragioni ATTORI sostengono linadempimento dei convenuti, i quali nellesercizio delle loro attività, ognuno per il compito ad esso spettante, hanno trascurato di considerare con la dovuta diligenza una circostanza di cui erano a conoscenza (cittadinanza croata di un viaggiatore) CONVENUTI contestano la pretesa attorea, deducendo che nessun inadempimento possa essere loro addebitato ed eccependo inoltre in via preliminare la carenza di legittimazione attiva del Sig. Veljko, in quanto cittadino extra-comunitario.

7 Sentenza n°1 Disposizione del giudice CONCLUSIONE Viene affermata la legittimazione attiva del Sig. Veljko (ex art.3 L.218/95) e tutte e tre le convenute sono tenute a rispondere del danno preteso dagli attori, consistente nellammontare del prezzo pagato di MOTIVAZIONI: tra gli obblighi di diligenza e di buona fede nellesecuzione del contratto a carico dellagenzia di viaggi rientra quello di informare i clienti dellesigenza di restrizioni dingresso imposte dal paese di destinazione del viaggio.

8 Sentenza n°1 Normative di riferimento L. 218/95 art.3, comma 1: L. 218/95 art.3, comma 1: la giurisdizione italiana sussiste quando il convenuto è domiciliato o residente in Italia, generalizzando la regola che sostituisce il criterio della nazionalità con il domicilio. L. 1084/77 (CCV): L. 1084/77 (CCV): art.3: art.3: nelladempimento degli obblighi derivanti dai contratti di viaggio, di organizzazione e intermediario di viaggio, lorganizzatore e lintermediario proteggono i diritti e gli interessi dei viaggiatori, secondo i principi generali del diritto e i buoni usi in questo campo. art. 22.1: art. 22.1: lintermediario di viaggi risponde di qualsiasi inosservanza che commette nelladempimento dei suoi obblighi, linosservanza venendo stabilita considerando i doveri che competono ad un intermediario di viaggio diligente Art ss. C.c.: Art ss. C.c.: contratto di mandato

9 Sentenza n°2 Sede di giudizio Giudice di Pace di Trento Sentenza dell11 dicembre 2002

10 Sentenza n°2 Massima Lagenzia di viaggi, nel caso di vendita di un pacchetto tutto compreso ad un cittadino extra- europeo, non è tenuta espressamente allobbligo di informazione sulle condizioni di viaggio in tema di passaporto e visto, statuito dallart.8, D.Lgs. N. 111/95, essendo richiesta la qualità di cittadino di Stato membro dellUnione Europea, ma è tenuta alla disciplina della responsabilità precontrattuale, come prevista e disciplinata dallart c.c.

11 Sentenza n°2 Soggetti ATTORIAndreotti Sonia e Fassih Mohammed CONVENUTIs.r.l. Neve Sole

12 Sentenza n°2 Ricostruzione del fatto Sonia Andreotti stipula, anche per conto del Sig. Fassih (cittadino marocchino), un contratto di compravendita di un pacchetto turistico di tipo last minute per due pax per lEgitto dallagenzia s.r.l. Neve Sole Malgrado la coppia venga portata a conoscenza dallagenzia della necessità di un particolare visto, non si attiva al fine di procurarsi tale permesso Al momento dellimbarco il Sig. Fassih viene fermato perché non in possesso del particolare visto necessario e di conseguenza la coppia è impossibilitata a partire Il 03/10/01 i Sig.ri Andreotti e Fassih citano la s.r.l. Sole Neve in giudizio La s.r.l Sole Neve si costituisce in giudizio Sentenza dell11 dicembre 2002 a favore della s.r.l. Neve Sole

13 Sentenza n°2 Ragioni ATTORI sostengono che lagenzia di viaggi allatto della stipula del contratto non li ha informati della necessità che il sig. Fassih dovesse essere in possesso di apposito visto. Richiedono quindi la restituzione della somma versata e il risarcimento dei danni CONVENUTI contestano lassunto attoreo escludendo ogni responsabilità per i seguenti motivi: 1. Lagenzia sostiene invece di aver informato la sig.ra Andreotti della necessità del visto per il compagno. 2. Secondo lart.8, D.Lgs. N. 111/95 lagenzia non è espressamente tenuta allobbligo di informazione in tema di passaporto e visto nei confronti di cittadini extra-europei, quale risulta il Sig. Fassih

14 Sentenza n°2 Disposizione del giudice Conclusione la domanda attorea non si ritiene fondata e come tale va respinta Motivazioni: Grazie alla deposizione della teste Sandri Giuseppina, confermata dalla testimonianza del Sig. Gregari Federico, la s.r.l. Neve Sole dimostra di aver informato la Sig.ra Andreotti della necessità di procurarsi un visto particolare per il compagno di viaggio. È dimostrato che la s.r.l Neve Sole ha agito, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, secondo buona fede (Art.1337 c.c.)

15 Sentenza n°2 Normative di riferimento Art. 8, D.Lgs. 111/95: Art. 8, D.Lgs. 111/95: nel corso delle trattative e comunque prima della conclusione del contratto, il venditore o lorganizzatore forniscono per iscritto informazioni di carattere generale concernenti le condizioni applicabili ai cittadini dello Stato membro dellUE, in materia di passaporto e visto con lindicazione dei termini per il rilascio, nonché gli obblighi sanitari e le relative formalità per leffettuazione del viaggio. Art 1337 c.c.: Art 1337 c.c.: Le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, devono comportarsi secondo buona fede Art 1703 ss. c.c.: Art 1703 ss. c.c.: contratto di mandato L. 1084/77 (CCV): L. 1084/77 (CCV): art.3, 22.1

16 Sentenza 1 (Sig. Veljko) Responsabilità dellagenzia Sentenza 2 (Sig. Fassih) Negligenza del cliente Lagenzia, pur essendo a conoscenza della nazionalità extra-europea del cliente, non lo informa e gli procura un visto non adatto il cliente non parte Il giudice ritiene lagenzia responsabile in quanto: Non informando il cliente non ha agito secondo i principi di diligenza e buona fede Normative di riferimento: 1. L. 1084/77 (CCV) 2. D.Lgs. 111/95 3. Art 1703 ss. c.c. (mandato) 4. L. 218/95 Lagenzia, messa a conoscenza della cittadinanza extra-europea del cliente, lo informa della necessità di procurarsi un particolare visto; il cliente non provvede e quindi non parte Il giudice non ritiene lagenzia responsabile: né dato lart.8 D.Lgs. 111/95, in quanto essa ha informato il cliente, nonostante non ne avesse lobbligo, poichè si tratta di un cittadino extra-comunitario nè data lart 1337 c.c., in quanto, informando il cliente, lagenzia ha agito secondo buona fede. Normative di riferimento: 1. L. 1084/77 (CCV) 2. D.Lgs. 111/95 3. Art 1703 ss. c.c. (mandato) 4. Art 1337 c.c. (buona fede)

17 Conclusione Nonostante lart.8 D.Lgs. 111/95 faccia riferimento ai soli cittadini comunitari, da tale norma, e di conseguenza dalle sentenze analizzate, si evince che lagenzia di viaggi è tenuta, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, ad agire in buona fede e secondo la diligenza del professionista. Si ritiene quindi implicito lobbligo da parte dellagenzia di informare i propri clienti, indipendentemente dalla loro nazionalità, riguardo i documenti e le condizioni di viaggio.


Scaricare ppt "Sentenza n°1 Sede di giudizio Giudice di Pace di Trieste Sentenza del 10 dicembre 2002."

Presentazioni simili


Annunci Google