La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giulia Roncalli A.A. 2005-2006 La contingenza sincronica Il potere degli opposti come possibilità logica e reale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giulia Roncalli A.A. 2005-2006 La contingenza sincronica Il potere degli opposti come possibilità logica e reale."— Transcript della presentazione:

1 Giulia Roncalli A.A La contingenza sincronica Il potere degli opposti come possibilità logica e reale

2 Stephen Dumont, Stephen Dumont, The origin of Scotus’s theory of synchronic contingency Scott MacDonald, Scott MacDonald, Synchronic contingency, instants of nature, and libertarian freedom: comments on “the background to Scotus’s theory of will

3 La teoria della contingenza sincronica La teoria della contingenza sincronica L’origine della teoria L’origine della teoria La contingenza del mondo attuale e i mondi possibili La contingenza del mondo attuale e i mondi possibili Il potere degli opposti come possibilità logica e reale Il potere degli opposti come possibilità logica e reale

4 La contingenza sincronica La teoria della contingenza sincronica consente di conciliare la prescienza divina con la libertà del volere umano La teoria della contingenza sincronica consente di conciliare la prescienza divina con la libertà del volere umano Il volere umano è libero solo a patto che il presente e il futuro siano contingenti Il volere umano è libero solo a patto che il presente e il futuro siano contingenti

5 La contingenza sincronica La causa primaria della contingenza delle cose terrene è il volere divino La causa primaria della contingenza delle cose terrene è il volere divino In quale modo il volere umano è responsabile di qualche tipo di contingenza? In quale modo il volere umano è responsabile di qualche tipo di contingenza?

6 La contingenza sincronica LIBERTAS: rispetto a che cosa il volere umano è libero? Rispetto agli ATTI OPPOSTI, ma si tratta di un potere passivo e imperfetto Rispetto agli ATTI OPPOSTI, ma si tratta di un potere passivo e imperfetto Rispetto agli OGGETTI OPPOSTI, e in tal caso si tratta di un potere attivo e perfetto che, in quanto tale, può essere attribuito a Dio Rispetto agli OGGETTI OPPOSTI, e in tal caso si tratta di un potere attivo e perfetto che, in quanto tale, può essere attribuito a Dio

7 La contingenza sincronica POSSIBILITAS SIVE CONTINGENTIA: quale contingenza deriva dalla libertà del volere? Il potere per gli atti opposti è un potere in successione: è la contingenza legata al MUTAMENTO NEL TEMPO Il potere per gli atti opposti è un potere in successione: è la contingenza legata al MUTAMENTO NEL TEMPO Il potere per gli oggetti opposti è un potere senza successione: è la CONTINGENZA SINCRONICA Il potere per gli oggetti opposti è un potere senza successione: è la CONTINGENZA SINCRONICA

8 La contingenza sincronica Il volere come potere sincronico degli opposti è: Una POSSIBILITA’ REALE, che dipende dalla PRIORITA’ DI NATURA di cui gode il volere rispetto agli opposti oggetto della sua volizione Una POSSIBILITA’ REALE, che dipende dalla PRIORITA’ DI NATURA di cui gode il volere rispetto agli opposti oggetto della sua volizione Una POSSIBILITA’ LOGICA, che consiste nella non contraddizione tra i termini (NON REPUGNANTIA TERMINORUM) Una POSSIBILITA’ LOGICA, che consiste nella non contraddizione tra i termini (NON REPUGNANTIA TERMINORUM)

9 La contingenza sincronica LA LOGICA MODALE “una volontà che vuole a è capace di non volere a” Nel SENSO COMPOSTO la proposizione è falsa perché significa “una volontà che sta desiderando a non sta desiderando a” Nel SENSO COMPOSTO la proposizione è falsa perché significa “una volontà che sta desiderando a non sta desiderando a” Nel SENSO DIVISO la proposizione è vera perché significa “una volontà che nel tempo t’ vuole a è capace nel tempo t’’ di non volere a” Nel SENSO DIVISO la proposizione è vera perché significa “una volontà che nel tempo t’ vuole a è capace nel tempo t’’ di non volere a”

10 La contingenza sincronica “una volontà che in t’ vuole a è capace in t’ di non volere a” Nel senso composto la proposizione è falsa perché è analizzata come Soggetto: una volontà che in t’ vuole a Soggetto: una volontà che in t’ vuole a Copula: è capace di Copula: è capace di Predicato: non volere a in t’ Predicato: non volere a in t’

11 La contingenza sincronica “una volontà che in t’ vuole a è capace in t’ di non volere a” Nel senso diviso la proposizione è vera perché è analizzata come costituita da due proposizioni Una non modale (DE INESSE) Una non modale (DE INESSE) “la volontà in t’ non vuole a” Una modale (DE POSSIBILI) Una modale (DE POSSIBILI) “la volontà in t’ è capace di volere a”

12 L'origine della contingenza sincronica L’origine della contingenza sincronica Scoto deriva la teoria del volere come potere degli opposti e la correlata teoria della contingenza sincronica da un teologo della generazione precedente: Olivi

13 L'origine della contingenza sincronica Olivi, come Scoto, si avvale della contingenza sincronica per risolvere un problema: gli angeli, nel PRIMO ISTANTE della loro creazione possono peccare?

14 L'origine della contingenza sincronica Ugo di San Vittore: il potere degli opposti è un potere che riguarda il futuro Gli angeli non avrebbero potuto peccare neppure nel primo istante della loro creazione perché in un istante non può agire alcun potere degli opposti e non si può dunque realizzare alcuna scelta tra due opposti

15 L'origine della contingenza sincronica Ma se il potere degli opposti fosse solo rispetto al futuro, il volere non sarebbe mai libero La volontà è prioritaria rispetto agli opposti oggetto della sua volizione, ma tale relazione non è temporale: si tratta bensì di una PRIORITA’ DI NATURA

16 L'origine della contingenza sincronica Scoto deriva direttamente da Olivi due elementi La SINCRONIA La SINCRONIA La RELAZIONE NATURALE La RELAZIONE NATURALE

17 L'origine della contingenza sincronica Il contributo originale di Scoto consiste Nell’aver modificato l’apparato della logica modale Nell’aver modificato l’apparato della logica modale Nell’aver sostenuto che la sincronia degli opposti è una possibilità sia logica sia reale Nell’aver sostenuto che la sincronia degli opposti è una possibilità sia logica sia reale

18 Mondi possibili L’atto di creazione del mondo ad opera di Dio è contingente in almeno due sensi Dio non ha creato il mondo necessariamente Dio non ha creato il mondo necessariamente Dio non era necessitato a creare questo mondo Dio non era necessitato a creare questo mondo

19 Mondi possibili La prescienza divina e il libero volere umano sarebbero privi di significato se il futuro fosse già determinato e non contingente

20 Possibilità logica e reale L’argomentazione LOGICA consiste nell’analisi delle proposizioni che attribuiscono al volere il potere degli opposti nello stesso tempo L’argomentazione LOGICA consiste nell’analisi delle proposizioni che attribuiscono al volere il potere degli opposti nello stesso tempo L’argomentazione METAFISICA consiste nell’analisi della contingenza sincronica in termini di priorità naturale L’argomentazione METAFISICA consiste nell’analisi della contingenza sincronica in termini di priorità naturale

21 Possibilità logica e reale L’argomentazione logica esiste una sorta di necessità del passato e del presente: ciò che è realizzato nel passato o nel presente non è logicamente necessario, dunque esiste la possibilità logica del suo opposto, ma non la possibilità reale

22 Possibilità logica e reale L’argomentazione metafisica una volontà che vuole a in t’ ha il reale potere di volere l’opposto di a nello stesso istante t’ Ciò è possibile perché tra potere reale e attuale realizzazione di uno degli opposti c’è una priorità naturale

23 Possibilità logica e reale Scoto dimostra il potere degli opposti senza successione temporale, ma deve sostituire tale successione con la successione naturale

24 Possibilità logica e reale la volontà che vuole a consiste in Seconda attualità, che consiste nell’ATTO del volere Seconda attualità, che consiste nell’ATTO del volere Prima attualità, che consiste nel POTERE del volere naturalmente prioritario rispetto all’atto Prima attualità, che consiste nel POTERE del volere naturalmente prioritario rispetto all’atto

25 Possibilità logica e reale Il volere è un potere reale capace di produrre contingentemente un oggetto o ugualmente il suo opposto Tuttavia si tratta di una possibilità logica ma non reale


Scaricare ppt "Giulia Roncalli A.A. 2005-2006 La contingenza sincronica Il potere degli opposti come possibilità logica e reale."

Presentazioni simili


Annunci Google