La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Funzioni delle elezioni in ambito democratico Meccanismo per scegliere i componenti di organi monocratici o collegiali Strumenti principali della rappresentanza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Funzioni delle elezioni in ambito democratico Meccanismo per scegliere i componenti di organi monocratici o collegiali Strumenti principali della rappresentanza."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Funzioni delle elezioni in ambito democratico Meccanismo per scegliere i componenti di organi monocratici o collegiali Strumenti principali della rappresentanza e del controllo popolare sui governanti Strumenti principali di ritualizzazione e addomesticamento del conflitto politico

3 2 Sistemi elettorali: i principali aspetti Lambito territorialeLambito territoriale La formula di computo dei voti e allocazione dei seggiLa formula di computo dei voti e allocazione dei seggi Le soglie di rappresentanzaLe soglie di rappresentanza Il carattere categorico o ordinale del votoIl carattere categorico o ordinale del voto

4 3 Sistemi elettorali: le grandi categorie Sistema maggioritario a turno unico in collegi uninominali (Plurality: first past the post … vince chi ottiene la maggioranza relativa dei voti espressiSistema maggioritario a turno unico in collegi uninominali (Plurality: first past the post … vince chi ottiene la maggioranza relativa dei voti espressi Sistema maggioritario a doppio turno in collegi uninominali (Majority: vince al primo turno chi ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi, altrimenti si va al secondo turno)Sistema maggioritario a doppio turno in collegi uninominali (Majority: vince al primo turno chi ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi, altrimenti si va al secondo turno) Sistema di rappresentanza proporzionaleSistema di rappresentanza proporzionale

5 4 Fra Plurality e Majority: il voto alternativo australiano Il candidato vincente deve aver ottenuto la maggioranza assoluta dei voti espressiIl candidato vincente deve aver ottenuto la maggioranza assoluta dei voti espressi Lelettore deve indicare in ordine di preferenza tutti i candidati del suo collegio (pena la nullità del voto)Lelettore deve indicare in ordine di preferenza tutti i candidati del suo collegio (pena la nullità del voto) Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi il seggio si assegna come segue …Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi il seggio si assegna come segue …

6 5 5 candidati, voti espressi Candid ati ABGJWTOT. Prefere nze

7 6 G è escluso e le sue preferenze sono distribuite secondo le preferenze espresse Candida ti A B nessuna J W TOT. Preferen ze redis. tot

8 7 W è escluso e le sue preferenze sono distribuite secondo le preferenze espresse CandidatiA B J TOT. Preferenze redis. tot

9 8 A è escluso e le sue preferenze sono distribuite secondo le preferenze espresse CandidatiB J Preferenze redistribuite totali Responso elettorale TOT Eletto con la maggioranza assoluta dei voti

10 9 Tipi di sistemi elettorali maggioritari a doppio turno Sistemi a ballottaggio (chiuso: majority)Sistemi a ballottaggio (chiuso: majority) Secondo turno aperto o chiuso (plurality)Secondo turno aperto o chiuso (plurality) Criteri di ammissione al secondo turno 1.Doppio turno aperto: tutti i candidati del primo turno (o anche di più) 2.Doppio turno chiuso: con soglia di sbarramento (Francia: 12,5%) 3.Soglia di sbarramento alta: a) formazione coalizioni b) riduzione frammentazione

11 10 Funzionamento del doppio turno Al primo turno si vota il partito/candidato più vicino (voto sincero)Al primo turno si vota il partito/candidato più vicino (voto sincero) Al secondo turno si vota il partito/candidato meno lontano (voto strategico)Al secondo turno si vota il partito/candidato meno lontano (voto strategico) La valenza strategica del secondo turno:La valenza strategica del secondo turno: Si guarda la distribuzione di voti del primo turno e le potenziali alleanze fra candidati

12 11 Funzionamento del doppio turno La strategia della desistenzaLa strategia della desistenza: non ci si presenta al secondo turno, per appoggiare il candidato meno distante e per ottenere in cambio la desistenza di un altro partito in un collegio elettoralmente più favorevole Alleanze elettorali e desistenze al primo turno

13 12 Meriti del doppio turno Riduzione della frammentazione partiticaRiduzione della frammentazione partitica Valorizzazione dei partiti maggiormente strutturatiValorizzazione dei partiti maggiormente strutturati Incentivazione alla formazione di coalizioni elettorali-politiche stabili (prima del voto e prima del secondo turno)Incentivazione alla formazione di coalizioni elettorali-politiche stabili (prima del voto e prima del secondo turno) Efficacia dis-rappresentativa (sottorappresentanza dei partiti estremi)Efficacia dis-rappresentativa (sottorappresentanza dei partiti estremi)

14 13 Limiti del doppio turno Dis-rappresentatività (una coalizione con un consenso di gran lunga inferiore al 50% può ottenere una maggioranza schiacciante): Gollisti e Giscardiani 1993, 83% seggi con 39,7% votiDis-rappresentatività (una coalizione con un consenso di gran lunga inferiore al 50% può ottenere una maggioranza schiacciante): Gollisti e Giscardiani 1993, 83% seggi con 39,7% voti Esiti incoerenti con la logica degli schieramenti politici (ballottaggio Chirac e Le Pen)Esiti incoerenti con la logica degli schieramenti politici (ballottaggio Chirac e Le Pen)

15 14 Sistemi di rappresentanza proporzionale Proporzionalità della conversione dei voti in seggiProporzionalità della conversione dei voti in seggi Il problema della frammentazione partitica (soglie di sbarramento)Il problema della frammentazione partitica (soglie di sbarramento) Il problema dellefficacia di governo (premi di maggioranza)Il problema dellefficacia di governo (premi di maggioranza)

16 15 Proporzionale: regola dHondt Parti ti Votidiv. 1div. 2div. 3div. 4Seggi A (1) (3) (6) (8) 4 B (2) (5) (7) C (4) D

17 16 Proporzionale: regola Saint Lagüe Parti ti Votid. 1,4div. 3div. 5div. 7Seggi A (1) (4) (6) B (2) (5) (8) C (3) (7) D

18 17 Proporzionale: formula Hare (ratio: /8=52.875) Parti ti VotiRatioSeggi pieni RestiTotale seggi A , B , C , D ,

19 18 Voto singolo trasferibile Garantisce proporzionalità anche in circoscrizioni piccole Consente allelettore di valutare i singoli candidati Esempio: 5 seggi Quoziente: (voti validi/seggi)+1 Nelles.: 8.096

20 Voto singolo trasferibile (q= Voto singolo trasferibile (q= 8.096) Cand Mo9545*EL-1449 Do *EL Hi *EL Fa *EL Ge *EL Ki McC ** ELIMINA TO Coo ** ELIMINA TO OCo ** ELIMINA TO Bri ** ELIMINA TO

21 20 Fattori esplicativi del comportamento elettorale [Miller e Shanks 1996] Caratteri sociali ed economici durevoliCaratteri sociali ed economici durevoli Identificazioni partitiche di lungo periodoIdentificazioni partitiche di lungo periodo Preferenze relative a temi di politiche correntiPreferenze relative a temi di politiche correnti Percezioni delle condizioni attuali del paesePercezioni delle condizioni attuali del paese Valutazioni retrospettive del governo in carica e dei suoi risultatiValutazioni retrospettive del governo in carica e dei suoi risultati Valutazione delle qualità personali dei candidatiValutazione delle qualità personali dei candidati Valutazioni prospettive della potenziale efficacia futura di candidati e partitiValutazioni prospettive della potenziale efficacia futura di candidati e partiti


Scaricare ppt "1 Funzioni delle elezioni in ambito democratico Meccanismo per scegliere i componenti di organi monocratici o collegiali Strumenti principali della rappresentanza."

Presentazioni simili


Annunci Google