La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BILANCIO DELLE COMPETENZE Impresa ed auto imprenditorialità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BILANCIO DELLE COMPETENZE Impresa ed auto imprenditorialità."— Transcript della presentazione:

1

2 BILANCIO DELLE COMPETENZE Impresa ed auto imprenditorialità

3 IL BILANCIO Il bilancio delle competenze rappresenta un percorso di valutazione della situazione attuale e potenziale del lavoratore, che si conclude con l'elaborazione di un progetto che consenta lo sviluppo professionale della persona. Il bilancio delle competenze rappresenta un percorso di valutazione della situazione attuale e potenziale del lavoratore, che si conclude con l'elaborazione di un progetto che consenta lo sviluppo professionale della persona.

4 L ’ obiettivo professionale Fare un bilancio delle competenze significa quindi svolgere un ’ attenta autovalutazione al fine di definire un obiettivo professionale reale, concreto e comunicabile. Viene costruito utilizzando tutto quello che, in un modo o nell ’ altro, ha a che vedere con il lavoro nella vita di una persona e in particolare: Fare un bilancio delle competenze significa quindi svolgere un ’ attenta autovalutazione al fine di definire un obiettivo professionale reale, concreto e comunicabile. Viene costruito utilizzando tutto quello che, in un modo o nell ’ altro, ha a che vedere con il lavoro nella vita di una persona e in particolare:obiettivo professionaleobiettivo professionale

5 La motivazione La motivazione è l’energia, la benzina che ti spinge a fare qualsiasi cosa. È l’ingrediente indispensabile per la definizione dell’obiettivo professionale, per trovare un’occupazione e crescere professionalmente.

6 Le capacità Le capacità sono le cose che ti piace fare e che ti riescono bene. Sono gli ingredienti operativi del tipo di lavoro che farai, e sono trasferibili da un settore ad un altro. Si ottengono in parte con gli studi, ma soprattutto con l ’ esperienza sul campo. Le capacità, contestualizzate nel singolo individuo che le incrocia - in modo assolutamente creativo, irripetibile e spesso inconsapevole - con le proprie conoscenze, i valori, le modalità, lo stile e l'ambiente, diventano le famose "competenze". Le capacità sono le cose che ti piace fare e che ti riescono bene. Sono gli ingredienti operativi del tipo di lavoro che farai, e sono trasferibili da un settore ad un altro. Si ottengono in parte con gli studi, ma soprattutto con l ’ esperienza sul campo. Le capacità, contestualizzate nel singolo individuo che le incrocia - in modo assolutamente creativo, irripetibile e spesso inconsapevole - con le proprie conoscenze, i valori, le modalità, lo stile e l'ambiente, diventano le famose "competenze".

7 Gli interessi Gli interessi rappresentano nel lavoro il settore in cui ti piacerebbe lavorare ed esercitare le tue capacità. Può essere costituito da oggetti, servizi materiali e immateriali, dati e informazioni, e la loro conoscenza si ottiene soprattutto attraverso gli studi. Gli interessi rappresentano nel lavoro il settore in cui ti piacerebbe lavorare ed esercitare le tue capacità. Può essere costituito da oggetti, servizi materiali e immateriali, dati e informazioni, e la loro conoscenza si ottiene soprattutto attraverso gli studi.

8 I valori I valori sono le cose importanti per te nella vita, e costituiscono il motivo profondo per cui fai le cose, costituendo la base motivazionale delle tue azioni. Famiglia, amicizia, prestigio, tranquillità, indipendenza: ecco alcuni valori. I valori sono le cose importanti per te nella vita, e costituiscono il motivo profondo per cui fai le cose, costituendo la base motivazionale delle tue azioni. Famiglia, amicizia, prestigio, tranquillità, indipendenza: ecco alcuni valori.

9 Le modalità di lavoro La modalità di lavoro è il tipo di rapporto di lavoro e l ’ orario che vuoi avere. Ha a che fare con le dimensioni del tempo, dell'appartenenza, dell'autonomia. Puoi preferire un lavoro part- time, per stare con la famiglia o avere tempo per fare altre cose. Puoi volere un lavoro che ti occupi molte ore e ti riempia di responsabilità. Puoi volere un orario fisso e regolare. Ci sono molti modi e molti contratti di lavoro, in una società in cui non esiste più solo il lavoro “ fisso ”. La modalità di lavoro è il tipo di rapporto di lavoro e l ’ orario che vuoi avere. Ha a che fare con le dimensioni del tempo, dell'appartenenza, dell'autonomia. Puoi preferire un lavoro part- time, per stare con la famiglia o avere tempo per fare altre cose. Puoi volere un lavoro che ti occupi molte ore e ti riempia di responsabilità. Puoi volere un orario fisso e regolare. Ci sono molti modi e molti contratti di lavoro, in una società in cui non esiste più solo il lavoro “ fisso ”.contratti di lavorocontratti di lavoro

10 L ’ ambiente di lavoro Le tue competenze complessive hanno una forte interazione con l'ambiente in cui ti trovi a lavorare, e sono tra le cause maggiori, e spesso meno indagate, della realizzazione professionale. L'ambiente in cui lavori ha caratteristiche fisiche e umane che, cambiando da posto a posto, possono rendere molto diverso, nella realtà, un identico profilo professionale. Le tue competenze complessive hanno una forte interazione con l'ambiente in cui ti trovi a lavorare, e sono tra le cause maggiori, e spesso meno indagate, della realizzazione professionale. L'ambiente in cui lavori ha caratteristiche fisiche e umane che, cambiando da posto a posto, possono rendere molto diverso, nella realtà, un identico profilo professionale.

11 Lo stile personale Il tuo stile nel lavoro è il modo che hai di fare le cose. Qualcuno la chiama anche "saper essere" o addirittura “ personalità ”. Puoi avere le stesse capacità e conoscenze di un ’ altra persona, ma sarai sempre un individuo unico e particolare nel modo in cui fai quello che fai, mettendo nel lavoro qualcosa che è solo tuo. Il tuo stile nel lavoro è il modo che hai di fare le cose. Qualcuno la chiama anche "saper essere" o addirittura “ personalità ”. Puoi avere le stesse capacità e conoscenze di un ’ altra persona, ma sarai sempre un individuo unico e particolare nel modo in cui fai quello che fai, mettendo nel lavoro qualcosa che è solo tuo.

12 Le qualità personali Le qualità personali sono i punti di forza che ti portano ad eccellere in termini di performance ed efficienza sul lavoro. Sono le risorse che ti permettono di portare a compimento i compiti assegnati, di raggiungere gli obiettivi e realizzare i progetti. Le qualità personali sono i punti di forza che ti portano ad eccellere in termini di performance ed efficienza sul lavoro. Sono le risorse che ti permettono di portare a compimento i compiti assegnati, di raggiungere gli obiettivi e realizzare i progetti.

13 I punti deboli I punti deboli rappresentano i tuoi difetti e limiti. I punti deboli rappresentano i tuoi difetti e limiti. Valutarli ti permette di definire obiettivi professionali realistici e concreti che tengano conto delle tue limitazioni. Valutarli ti permette di definire obiettivi professionali realistici e concreti che tengano conto delle tue limitazioni.

14 Obiettivo Le risorse personali individuate rappresentano i singoli pezzi del puzzle che andranno combinati per realizzare la sintesi dell'obiettivo professionale che ti permetterà di muoverti alla ricerca di informazioni per scoprire quali sono le reali opportunità professionali nel mercato del lavoro e successivamente per muoverti alla ricerca del lavoro. la sintesi dell'obiettivo professionalericerca di informazioniricerca del lavorola sintesi dell'obiettivo professionalericerca di informazioniricerca del lavoro

15 Tre buoni motivi per il bilancio delle competenze 1... perché è l’unico modo per poter scegliere consapevolmente il tipo di professione che ti può interessare e soddisfare 2... perché definire l’obiettivo professionale ti permette di trovare un’occupazione soddisfacente in minor tempo 3... perché è il modo migliore per prepararti e vincere una selezione. Nessuno può essere padrone di sé se prima non si conosce - Baltasar Gr ácian -

16 Il vecchio saggio Immagina di essere molto vecchio, il viso scavato dalle rughe e gli occhi profondi e saggi di un uomo che ha vissuto a lungo e intensamente. Sei sulla sedia a dondolo, con una coperta sulle gambe, di fronte al caminetto nel giorno di Natale. Sei circondato dalle persone che ami, la tua famiglia, i tuoi amici, i tuoi nipoti; tutte persone che ti apprezzano e ti ammirano molto. Mentre le osservi, hai modo di ripensare alla tua vita, e ricordi le cose che hai fatto, quello che hai ottenuto, i successi e gli insuccessi e il contributo che hai dato agli altri. Hai svolto una professione che ti ha soddisfatto appieno e nei sei felice, e mentre gli altri attorno a te parlano, scherzano, ridono e si divertono tu ripercorri nella memoria gli anni passati sul lavoro e come un film rivedi le fasi cruciali della tua carriera. Il vecchio saggio (motivazione)

17 Le domande ( il vecchio saggio ) Che tipo di lavoro hai svolto? Q Qual è la cosa più importante che hai realizzato nel lavoro? Cosa ti ha dato più gioia? Cosa hai realizzato? Il lavoro cosa ti ha permesso di essere, di fare e di raggiungere? Cosa ti ha reso così soddisfatto?

18

19 L’analisi motivazionale La tappa conclusiva del percorso è data da una analisi complessiva dello stato motivazionale individuale che permetterà: 1. Un approccio diverso con se stessi; 2. Una migliore capacità decisionale; 3. L ’ assunzione di un ’ ottica in grado di permettere una auto valutazione

20 Si è soliti distinguere tra conoscenze (sapere), abilità (saper fare) e competenze (saper essere): Le CONOSCENZE sono acquisite studiando e memorizzando. Dal momento che un essere umano riesce a memorizzare solo il 10% di ciò che ascolta, il formatore deve parlare nella logica dell’apprendimento del pubblico e non della propria comunicazione

21 Aumentare le conoscenze significa aumentare un repertorio di contenuto che si possiede lungo tutto l ’ arco della vita (long life learning). Il termine “ conoscenza ” comprende quello che si è appreso innanzitutto in famiglia, poi a scuola e infine nel mondo del lavoro. In questo ambito è necessario distinguere tra due realtà:  la learning organization (letteralmente “ l ’ organizzazione che apprende ” ), concetto secondo cui un ’ azienda funzionerebbe bene se, al suo interno, i dipendenti apprendessero non solo dai corsi di formazione ma anche dalle altre persone;  la community aziendale, con la quale s ’ intende un ’ azienda che suscita la comunicazione tra le persone tramite le tecnologie;

22 Abilità e competenze Le ABILITA ’ sono acquisite con più facilità se sono presenti anche le attitudini (già Dewey, infatti, diceva che è più semplice apprendere facendo); esse forniscono la capacità di svolgere un certo lavoro; Le ABILITA ’ sono acquisite con più facilità se sono presenti anche le attitudini (già Dewey, infatti, diceva che è più semplice apprendere facendo); esse forniscono la capacità di svolgere un certo lavoro; Le COMPETENZE sono il risultato delle conoscenze e delle abilità e sono anche sinonimo di consapevolezza. Per quanto riguarda un ’ azienda, le competenze distintive indicano le competenze caratterizzanti la sua struttura. Le COMPETENZE sono il risultato delle conoscenze e delle abilità e sono anche sinonimo di consapevolezza. Per quanto riguarda un ’ azienda, le competenze distintive indicano le competenze caratterizzanti la sua struttura.

23 Definizione n° 1 COMPETENZA = caratteristica intrinseca individuale che è casualmente collegata ad una performance efficace e /o superiore in una mansione o in una situazione, misurabile sulla base di un criterio prestabilito. COMPETENZA = caratteristica intrinseca individuale che è casualmente collegata ad una performance efficace e /o superiore in una mansione o in una situazione, misurabile sulla base di un criterio prestabilito. Caratteristica intrinseca = la competenza è parte integrante e duratura della personalità dell ’ individuo, dalla quale può prendere il comportamento in un ’ ampia gamma di situazioni e di compiti di lavoro (saper fare). Caratteristica intrinseca = la competenza è parte integrante e duratura della personalità dell ’ individuo, dalla quale può prendere il comportamento in un ’ ampia gamma di situazioni e di compiti di lavoro (saper fare). Casualmente collegata = la competenza causa o produce comportamenti e risultati ottenuti. Casualmente collegata = la competenza causa o produce comportamenti e risultati ottenuti. Misurata su un criterio prestabilito = la competenza predice chi esegue un lavoro bene o male secondo criteri o standard specifici. Misurata su un criterio prestabilito = la competenza predice chi esegue un lavoro bene o male secondo criteri o standard specifici.

24 Definizione n° 2 COMPETENZA = il termine può essere usato sia al plurale con significato di “ differenti capacità ” messe in atto dalla persona in un dato contesto, sia al singolare come capacità generali ad elevato livello d ’ astrazione che riguarda l ’ interpretazione del contesto, la conoscenza di regole di produzione delle azioni e d ’ implementazioni di soluzioni efficaci. COMPETENZA = il termine può essere usato sia al plurale con significato di “ differenti capacità ” messe in atto dalla persona in un dato contesto, sia al singolare come capacità generali ad elevato livello d ’ astrazione che riguarda l ’ interpretazione del contesto, la conoscenza di regole di produzione delle azioni e d ’ implementazioni di soluzioni efficaci.

25 Definizione n° 3 COMPETENZA = la letteratura internazionale insiste attualmente su un modello multifattoriale di competenza professionale così definibile: riguarda un set eterogeneo, una mescolanza di conoscenze, abilità, skills, rappresentazioni, credenze. Si associano ad una prestazione riuscita; si articolano in una combinazione di elementi diversi che possono essere valutati e dimostrati nell ’ azione concreta, in una data situazione, differenziando i modi di comportarsi e le persone a livello di prestazione. COMPETENZA = la letteratura internazionale insiste attualmente su un modello multifattoriale di competenza professionale così definibile: riguarda un set eterogeneo, una mescolanza di conoscenze, abilità, skills, rappresentazioni, credenze. Si associano ad una prestazione riuscita; si articolano in una combinazione di elementi diversi che possono essere valutati e dimostrati nell ’ azione concreta, in una data situazione, differenziando i modi di comportarsi e le persone a livello di prestazione.

26 Definizione n° 4 COMPETENZA = rappresenta le caratteristiche individuali intrinseche che indicano i modi di comportarsi e di pensare che si ripetono nelle loro grandi linee in situazioni diverse e perdurano per un periodo di tempo ragionevolmente lungo. COMPETENZA = rappresenta le caratteristiche individuali intrinseche che indicano i modi di comportarsi e di pensare che si ripetono nelle loro grandi linee in situazioni diverse e perdurano per un periodo di tempo ragionevolmente lungo.

27 Le competenze di base Garantiscono alla persona la cittadinanza e sono fondamentali per l’occupabilità. Rappresentano un sapere minimo, un prerequisito e per poterle verificare è necessario sottoporre l’individuo a delle prove.

28 Le competenze trasversali Sono tecnicamente dette strategie di copying. Hanno la caratteristiche di non essere connesse ad una attività specifica, ma sono modalità di funzionamento cognitivo-affettivo-motorio che entrano in gioco in tutte le situazioni. Queste competenze sono cruciali per la trasferibilità in attività diverse. Sono tecnicamente dette strategie di copying. Hanno la caratteristiche di non essere connesse ad una attività specifica, ma sono modalità di funzionamento cognitivo-affettivo-motorio che entrano in gioco in tutte le situazioni. Queste competenze sono cruciali per la trasferibilità in attività diverse.

29 Le competenze tecnico- professionali Sono l’insieme di conoscenze e capacità connesse all’esercizio di un’attività professionale. Si tiene conto delle caratteristiche della mansione e del contenuto dell’attività.

30 5 caratteristiche delle competenze 1. S ono gli schemi mentali, i bisogni, le spinte, le motivazioni interiori che normalmente inducono una persona ad agire. Le motivazioni spingono, guidano e selezionano il comportamento verso determinati obiettivi. 2. R appresentano i tratti, le caratteristiche fisiche e una generale disposizione di comportamenti caratterizzati da determinati ruoli e situazioni. 3. S ono l’immagine di sé con atteggiamenti, valori e autopercezione. 4. S ono conoscenze di discipline o argomenti specifici. 5. S ono skills cioè le capacità di eseguire un determinato compito intellettivo.

31 L ’ osservabilità In generale le conoscenze e le skills tendono ad essere delle caratteristiche osservabili e relativamente superficiali. L ’ immagine di sé, i tratti e le motivazioni invece, sono sommerse.

32 Il bilancio delle competenze Il bilancio di competenze nasce in Francia come una situazione strutturata che consente al lavoratore di verificare le competenze in riferimento a due possibilità: avere la consapevolezza di quali competenze si possiedono e utilizzare al meglio le conoscenze acquisite. Ad occuparsi di bilancio di competenza in Francia sono i centri istituzionali di bilancio competenze (C.I.B.C.),centri d ’ ordine sindacale che emanano questi documenti al lavoratore in quanto suo diritto richiederli. Il bilancio in questa ottica è considerato come una prospettiva di recupero d ’ autostima. In questo paese il bilancio è diventato una manutenzione del personale ed esistono consulenti di bilancio che s ’ interessano di questo settore. Il bilancio di competenze nasce in Francia come una situazione strutturata che consente al lavoratore di verificare le competenze in riferimento a due possibilità: avere la consapevolezza di quali competenze si possiedono e utilizzare al meglio le conoscenze acquisite. Ad occuparsi di bilancio di competenza in Francia sono i centri istituzionali di bilancio competenze (C.I.B.C.),centri d ’ ordine sindacale che emanano questi documenti al lavoratore in quanto suo diritto richiederli. Il bilancio in questa ottica è considerato come una prospettiva di recupero d ’ autostima. In questo paese il bilancio è diventato una manutenzione del personale ed esistono consulenti di bilancio che s ’ interessano di questo settore.

33 Bilancio Italia In Italia il bilancio di competenze è svolto in strutture pubbliche e nei centri per l’impiego; queste strutture sono andate a sostituire i tradizionali centri di collocamento e oggi sono parte delle province, senza più dipendere dal Ministero del Lavoro.

34 Cosa prevede Il bilancio prevede l ’ accoglienza dei momenti individuali, il colloquio e un patto sottoscritto dalla struttura e dal cliente. Il bilancio prevede l ’ accoglienza dei momenti individuali, il colloquio e un patto sottoscritto dalla struttura e dal cliente. Il rapporto consulente-cliente è anche pedagogico: l ’ obiettivo è quello di far crescere la persona. (Rogers: “ la terapia centrata sul cliente ” ). Il rapporto consulente-cliente è anche pedagogico: l ’ obiettivo è quello di far crescere la persona. (Rogers: “ la terapia centrata sul cliente ” ). L ’ obiettivo del bilancio è quello di identificare e ricostruire tutte le conoscenze, abilità e risorse che possiede il cliente. Serve quindi a valorizzare la persona in funzione delle possibilità offerte dal contesto. Ciò fa sì che possa avvenire il locus of control, cioè possedere il controllo della situazione L ’ obiettivo del bilancio è quello di identificare e ricostruire tutte le conoscenze, abilità e risorse che possiede il cliente. Serve quindi a valorizzare la persona in funzione delle possibilità offerte dal contesto. Ciò fa sì che possa avvenire il locus of control, cioè possedere il controllo della situazione

35 Auto valutazione Per l ’ autovalutazione delle competenze si utilizzano dei test di potenzialità di crescita come ad esempio: il GMA, test multifattoriale; il GMA, test multifattoriale; il BIG FIVE, test che individua la personalità come fattore intuitivo; il BIG FIVE, test che individua la personalità come fattore intuitivo; il MMPI, test che più viene utilizzato in Italia. il MMPI, test che più viene utilizzato in Italia. TOM, test orientamento motivazionale TOM, test orientamento motivazionale

36 Certificazione Nel nostro paese si parla di certificazione delle competenze dagli anni novanta e significa tener conto di ciò che una persona sa fare, senza considerare la formazione scolastica.

37 IFTS In Italia la competenza viene certificata anche con gli I.F.T.S. (istruzione,formazione,tecnica superiore), un corso post-diploma composto da due moduli per un totale di 1200 ore. In Italia la competenza viene certificata anche con gli I.F.T.S. (istruzione,formazione,tecnica superiore), un corso post-diploma composto da due moduli per un totale di 1200 ore.

38 Il portafoglio Il portafoglio Esiste anche un Portafoglio delle Competenze che è l’insieme delle competenze organizzate, e viene citato anche nei documenti ministeriali.

39 Gli studi sulle competenze Il primo tentativo di strutturare in maniera ordinata le competenze, secondo una scala anch ’ essa ordinata, risale al Il primo tentativo di strutturare in maniera ordinata le competenze, secondo una scala anch ’ essa ordinata, risale al Spencer e Spencer riprendono il lavoro svolto sulle competenze “ generiche ” e decidono nel 1989 di studiare le competenze rilevate nelle oltre duecento mansioni per le quali erano disponibili i modelli di competenza. Spencer e Spencer riprendono il lavoro svolto sulle competenze “ generiche ” e decidono nel 1989 di studiare le competenze rilevate nelle oltre duecento mansioni per le quali erano disponibili i modelli di competenza.

40 Il bilancio: cosa Imparando a fare il punto sulle tue competenze, nel senso più ampio del termine, impari ugualmente a mettere in relazione quattro elementi chiave: Ciò che sei (bilancio di personalità); Cosa sai fare (attitudini personali e professionali); Cosa puoi fare (potenzialità); Cosa speri di fare (obiettivi).

41 Il confronto Successivamente dovrai mettere a confronto questi elementi con la situazione attuale del mercato del lavoro nel settore che ti interessa, per poi definire nel dettaglio un progetto professionale unito, all ’ occorrenza, a un progetto formativo.

42 Gli effetti - 1 Gli effetti indotti del bilancio di competenze sono molteplici; in particolare ciò ti permette di: Acquisire fiducia: valutando l ’ insieme delle tue conoscenze, delle tue attitudini, delle tue esperienze. Il bilancio delle competenze può anche permetterti di scoprire delle qualità o delle attitudini insospettate.

43 Gli effetti - 2 Definire un orientamento professionale: grazie a queste conoscenze, potrai più facilmente orientarti professionalmente, definire un progetto professionale, un piano di carriera, un ’ evoluzione che ti corrisponda. La consapevolezza della tua attuale situazione e i tuoi obiettivi non possono che servirti di fronte a un selezionatore.

44 Gli effetti - 3 Iniziare a modificare i propri obiettivi professionali: il bilancio di competenze può anche rivelare che il tuo orientamento va modificato; ciò può aiutarti ad assicurarti un buon reinserimento professionale, o a valutare la possibilità di realizzazione dei tuoi progetti.

45 Il bilancio: come Un bilancio di competenze si effettua generalmente in tre fasi. La fase preliminare. È essenzialmente una fase informativa. Un buon bilancio si realizza quando il beneficiario è consapevole dei metodi e delle tecniche utilizzati, e delle conclusioni.

46 La fase investigativa La fase investigativa ha come scopo l ’ analisi delle motivazioni del candidato, sia professionali che personali. Ciò permette di identificare le proprie competenze e attitudini insieme alle proprie conoscenze generali. Infine, delinea i possibili sviluppi professionali.

47 La fase conclusiva La fase conclusiva consiste in un colloquio personalizzato nel quale: Si presentano al candidato i risultati del bilancio; Il candidato e il consulente studiano insieme tutti gli aspetti del progetto personale e di un eventuale progetto formativo; Se necessario possono definire insieme le prime tappe di questi progetti; Si chiede al candidato di fare una sintesi del bilancio.

48 In sintesi Il bilancio di competenze consiste nel mettere in luce competenze, attitudini e progetti professionali di ciascuno. Può evidenziare la necessità di un nuovo orientamento professionale o di ulteriore formazione.


Scaricare ppt "BILANCIO DELLE COMPETENZE Impresa ed auto imprenditorialità."

Presentazioni simili


Annunci Google