La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Potestà normativa regionale. 2 Disciplina Regioni a statuto ordinario: Titolo V cost. Regioni a statuto speciale: statuti speciali (cfr. art. 116 +

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Potestà normativa regionale. 2 Disciplina Regioni a statuto ordinario: Titolo V cost. Regioni a statuto speciale: statuti speciali (cfr. art. 116 +"— Transcript della presentazione:

1 1 Potestà normativa regionale

2 2 Disciplina Regioni a statuto ordinario: Titolo V cost. Regioni a statuto speciale: statuti speciali (cfr. art art. 10 l. cost. 3/2001)

3 3 Potestà legislativa vecchio Titolo V Art. 117 (vecchio): [1] La Regione emana per le seguenti materie norme legislative nei limiti dei principi fondamentali stabiliti dalle leggi dello Stato, semprechè le norme stesse non siano in contrasto con l'interesse nazionale e con quello di altre Regioni: ordinamento degli uffici e degli enti amministrativi dipendenti dalla Regione; circoscrizioni comunali; polizia locale urbana e rurale; fiere e mercati; beneficenza pubblica ed assistenza sanitaria ed ospedaliera; istruzione artigiana e professionale e assistenza scolastica; musei e biblioteche di enti locali; urbanistica; turismo ed industria alberghiera; tramvie e linee automobilistiche di interesse regionale; viabilità, acquedotti e lavori pubblici di interesse regionale; navigazione e porti lacuali; acque minerali e termali; cave e torbiere; caccia; pesca nelle acque interne; agricoltura e foreste; artigianato; altre materie indicate da leggi costituzionali. [2] Le leggi della Repubblica possono demandare alla Regione il potere di emanare norme per la loro attuazione.

4 4 Potestà legislativa (art. 117 cost.) Potestà esclusiva statale (comma 2) Potestà concorrente (comma 3) Potestà residuale regionale (comma 4)

5 5 Potestà esclusiva statale (art. 117, comma 2) [2] Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: a) politica estera e rapporti internazionali dello Stato; rapporti dello Stato con l'Unione europea; diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea; b) immigrazione; c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose; d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni ed esplosivi; e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari; tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema tributario e contabile dello Stato; perequazione delle risorse finanziarie; f) organi dello Stato e relative leggi elettorali; referendum statali; elezione del Parlamento europeo; g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali; h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa locale; i) cittadinanza, stato civile e anagrafi; l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa; m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale; n) norme generali sull'istruzione; o) previdenza sociale; p) legislazione elettorale, organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane; q) dogane, protezione dei confini nazionali e profilassi internazionale; r) pesi, misure e determinazione del tempo; coordinamento informativo statistico e informatico dei dati dell'amministrazione statale, regionale e locale; opere dell'ingegno; s) tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali.

6 6 Ulteriori attribuzioni legislative statali - 1 Potere sostitutivo (art. 120, comma 2)

7 7 Ulteriori attribuzioni legislative statali - 2 Principi di sussidiarietà e adeguatezza (art. 118; Corte cost., 303/2003: il principio di legalità, il quale impone che anche le funzioni assunte per sussidiarietà siano organizzate e regolate dalla legge, conduce logicamente ad escludere che le singole Regioni, con discipline differenziate, possano organizzare e regolare funzioni amministrative attratte a livello nazionale e ad affermare che solo la legge statale possa attendere a un compito siffatto). [segue]

8 8 Ulteriori attribuzioni legislative statali - 2 proporzionatanon irragionevolezza accordo I principî di sussidiarietà e di adeguatezza convivono con il normale riparto di competenze legislative contenuto nel Titolo V e possono giustificarne una deroga solo se la valutazione dellinteresse pubblico sottostante allassunzione di funzioni regionali da parte dello Stato sia proporzionata, non risulti affetta da irragionevolezza alla stregua di uno scrutinio stretto di costituzionalità, e sia oggetto di un accordo stipulato con la Regione interessata.

9 9 Potestà concorrente (art. 117, comma 3) [3] Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l'Unione europea delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia; previdenza complementare e integrativa; armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei principi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.

10 10 Principi: - Espressamente determinati - Desunti dalle disposizioni vigenti (Corte cost. 282/2002; art. 1, comma 3, l. 131/2003)

11 11 Corte cost. 282/2002 In materia di psicochirurgia: Non può ingannare la circostanza che non si rinvengano norme di legge statale esplicitamente volte a disciplinare lammissibilità delle pratiche terapeutiche in esame, o delle pratiche terapeutiche in generale. Anzi lassenza di siffatte statuizioni legislative concorre a definire la portata dei principi che reggono la materia, e che, nella specie, non possono non ricollegarsi anzitutto allo stesso sistema costituzionale.

12 12 Potestà concorrente: sono ammesse disposizioni statali di dettaglio?

13 13 Corte cost. 303/2003 Non può negarsi che linversione della tecnica di riparto delle potestà legislative e lenumerazione tassativa delle competenze dello Stato dovrebbe portare ad escludere la possibilità di dettare norme suppletive statali in materie di legislazione concorrente, e tuttavia una simile lettura dellart. 117 svaluterebbe la portata precettiva dellart. 118, comma primo, che consente lattrazione allo Stato, per sussidiarietà e adeguatezza, delle funzioni amministrative e delle correlative funzioni legislative, come si è già avuto modo di precisare. La disciplina statale di dettaglio a carattere suppletivo determina una temporanea compressione della competenza legislativa regionale che deve ritenersi non irragionevole, finalizzata comè ad assicurare limmediato svolgersi di funzioni amministrative che lo Stato ha attratto per soddisfare esigenze unitarie e che non possono essere esposte al rischio della ineffettività.

14 14 Corte cost. 13/2004 In materia di istruzione: una volta attribuita listruzione alla competenza concorrente, il riparto imposto dallart. 117 postula che, in tema di programmazione scolastica e di gestione amministrativa del relativo servizio, compito dello Stato sia solo quello di fissare principî. E la distribuzione del personale tra le istituzioni scolastiche, che certamente non è materia di norme generali sulla istruzione, riservate alla competenza esclusiva dello Stato, in quanto strettamente connessa alla programmazione della rete scolastica, tuttora di competenza regionale, non può essere scorporata da questa e innaturalmente riservata per intero allo Stato; sicché, anche in relazione ad essa, la competenza statale non può esercitarsi altro che con la determinazione dei principî organizzativi che spetta alle Regioni svolgere con una propria disciplina.

15 15 Potestà residuale regionale (art. 117, comma 4) [4] Spetta alle Regioni la potestà legislativa in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato.

16 16 Potestà residuale regionale N.B.: rimangono ferme le competenze statali trasversali (art. 117, comma 2) e loperare del principio di sussidiarietà.

17 17 Materie certamente residuali Organizzazione degli uffici e degli enti amministrativi dipendenti dalla regione Polizia locale urbana e rurale Beneficenza pubblica Turismo e industria alberghiera ………

18 18 Problema della individuazione dei confini delle materie

19 19 Tutela delle prerogative costituzionali Art. 127 cost. … le Regioni sono legittimate a denunciare la violazione di norme costituzionali non attinenti al riparto di competenze con lo Stato solo quando tale violazione abbia unincidenza diretta o indiretta sulle competenze attribuite dalla Costituzione alle Regioni stesse. (Corte cost. 285/2005, punto 5)

20 20 Potere regolamentare Art. 117, comma 6, cost.: La potestà regolamentare spetta allo Stato nelle materie di legislazione esclusiva, salva delega alle Regioni. La potestà regolamentare spetta alle Regioni in ogni altra materia. I Comuni, le Province e le Città metropolitane hanno potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell'organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite.

21 21 Titolarità del potere regolamentare Nel silenzio della Cost., si suppone attribuzione alla giunta, salva però una diversa previsione dello Statuto (es. in caso di delega regolamentare statale, ragionevole una attribuzione al consiglio).

22 22 Problema dei decreti di natura non regolamentare Corte cost., 88/2003


Scaricare ppt "1 Potestà normativa regionale. 2 Disciplina Regioni a statuto ordinario: Titolo V cost. Regioni a statuto speciale: statuti speciali (cfr. art. 116 +"

Presentazioni simili


Annunci Google