La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di Serena Superbo, Camattari Fabiana e Brunetti Martina La taiga.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di Serena Superbo, Camattari Fabiana e Brunetti Martina La taiga."— Transcript della presentazione:

1 A cura di Serena Superbo, Camattari Fabiana e Brunetti Martina La taiga

2 Indice: Cos è la taiga? Dove si sviluppa, in quali stati e paesi? A quale latitudine si trova? E abitata? Il clima: a) le temperature b) lumidità e le precipitazioni c) la pressione e i venti La flora: a) quale vegetazione caratterizza il paesaggio? b) la foresta boreale, ovvero la taiga è una foresta di conifere o di latifoglie? c) quali elementi e fattori contribuiscono la vegetazione? d) comè la composizione del terreno? e) ci sono laghi e fiumi? La fauna: a) quali specie di animali caratterizzano la taiga? b) riescono a nutrirsi facilmente? c) come sopravvivono ai periodi più freddi? d) lalce, le volpi, gli orsi …

3 La taiga La Taiga è un bioma terrestre, ossia linsieme degli ecosistemi nelle zone del pianeta con le stesse caratteristiche. La conformazione di un bioma è data dal clima (temperature, umidità e precipitazioni, pressione e venti), dalla latitudine, dallaltitudine … Il nome taiga significa foresta di conifere.

4 Posizione La taiga si estende per quasi km nellemisfero boreale e occupa le regioni settentrionali dell Europa, dellAsia e dellAmerica. E limitata a Nord dalla Tundra artica e a Sud dalla foresta di latifoglie e dalla steppa. Costituisce un terzo della massa forestale mondiale.

5 A che latitudine si trova? Questo bioma si estende circa tra il 40° e il 60° di latitudine Nord, escludendo parte dellEuropa. Taiga

6 È abitata? La taiga non è un ambiente gradito all'uomo, perché non è utile alle coltivazioni. Per l'uomo la ricchezza deriva dalla cattura degli animali da pelliccia, dallo sfruttamento delle risorse minerali e dalla legna ricavabile dai boschi. Questa attività di solito è poco distruttiva: produce abbondante legname e cellulosa per la produzione della carta.

7 Le temperature La taiga è caratterizzata da un clima continentale freddo. Quindi da un inverno rigido e lungo ed estati brevi, secche e fresche. Nel periodo più freddo la temperatura media è di -9°C, ma arriva anche ai -45°C; in estate si raggiungono al massimo i 20°C, al minimo i 6°C. Qui sono distinguibili due stagioni: Stagione freddastagione calda

8 Stagione freddaStagione calda °C -9°C 6°C 16°C Questo grafico rappresenta le temperature massime (linea fucsia) e quelle minime (linea verde) nelle due stagioni. Il grafico

9 Il clima: lumidità e le precipitazioni La taiga presenta molte zone umide, paludi e torbiere ma le precipitazioni sono leggere, con meno di 500 mm allanno, e solitamente sono concentrate nei mesi più caldi. Nei mesi più freddi, invece, scende la neve, anchessa moderata.

10 Quale vegetazione caratterizza il paesaggio? In questo bioma si trovano foreste di conifere (aghifoglie) sempreverdi Sono foreste molto fitte e tra gli alberi crescono felci, muschi, licheni … Le foreste sono formate da abeti, larici, pini, pioppi alti circa quaranta metri.

11 Le conifere, che caratteristiche hanno? Le foglie delle conifere sono ricoperte da una resina che permette la vita a piccoli animali invertebrati detritivori. Le foreste di conifere occupano generalmente regioni che nelle epoche passate furono interessate dal fenomeno delle glaciazioni. Degli alberi di conifere Quali elementi e fattori influenzano la vegetazione? Quali elementi e fattori influenzano la vegetazione? La temperatura influenza la vegetazione modificandone laltezza degli alberi; le conifere, con le più basse temperature, si abbassano.

12 Comè la composizione del terreno? Il terreno è formato da uno strato superficiale ricco di materia organica e uno più interno formato dal materiale decomposto, lhumus. Nonostante le poche piogge il terreno rimane però povero e a volte acquitrinoso. Ci sono laghi e fiumi? Nella taiga sono presenti laghi, ma sono solo vaste distese acquitrinose coperte di sfagni (piante acquatiche) capaci di sopportare i periodi più freddi.

13 La fauna, le caratteristiche La fauna della taiga è ricca e comprende animali che sanno adattarsi al habitat ed hanno adottato speciale strategie di sopravvivenza; superare le difficoltà, difendersi e procurarsi il cibo. L'orso bruno, per esempio, va in letargo; altri animali, come il visone, sono dotati di una folta pelliccia. I carnivori, come il lupo, si nutrono delle renne …

14 I mammiferi La taiga è lhabitat di numerosi mammiferi: il visone, il castoro, la volpe (i più piccoli), grossi carnivori come il lupo e la lince ed erbivori come le alci, i cervi e le renne … Un visone, la sua pelliccia è molto usata dalluomo.

15 Lorso bruno I grandi orsi maschi escono dal letargo alla fine di aprile. Durante linverno cercano riparo allinterno di tane o grotte. Nel resto dellanno, lorso bruno mangia enormi quantità di pesce, bacche e piante arrivando a consumare a volte 40 kg di cibo al giorno.

16 La volpe La volpe rossa è facilmente riconoscibile per il corpo snello, le orecchie grandi ed erette, il muso appuntito e la folta coda Il pelo lungo e morbido è generalmente rosso scuro, anche se la colorazione può variare a seconda delle specie e delle stagioni.

17 Lalce Lalce è caratterizzata da un corpo robusto con un collo corto e una testa molto grande e allungata e le corna possenti; il suo mantello è di colore marrone o nero ed è abbastanza folto.

18 Gli uccelli Tra gli uccelli sono comuni nella taiga crocieri e nocciolaie. Una crociera su un aghifoglio. Le nocciolaie sono caratterizzato dal loro piumaggio bruno scuro punteggiato di bianco. Grazie al forte becco riescono a nutrirsi delle nocciole e a scavare nella neve per recuperare i semi. La crociera mangia semi che trova nelle pigne, dopo averne staccato le scaglie con il becco robusto.

19 La riproduzione Si accoppiano generalmente tra maggio e giugno e danno alla luce da 1 a 4 piccoli. La madre se ne prende cura fino ai quattro anni. Gli orsi bruni La loro riproduzione, avviene nei mesi autunnali. I piccoli nascono generalmente agli inizi di giugno. Successivamente essi vengono protetti dalla madre. Le alci La stagione della riproduzione è dinverno. La femmina, dopo essersi accoppiata, cerca un rifugio e poi, da dopo il parto al primo mese vengono nutriti esclusivamente con il latte materno. Le Volpi

20 Riescono a nutrirsi facilmente? Nei lunghi inverni il cibo è sempre più scarso e l' acqua è ghiacciata, invece nelle estati il cibo è abbondante e disponibile per tutti gli animali. Alcuni animali carnivori come il lupo e la lince si nutrono di animali erbivori tra cui le renne, alci, cervi, dividendosi in due gruppi per riuscire ad accerchiate meglio le prede. I più piccoli roditori trovano nutrimento negli alberi.

21 Come sopravvivono ai periodi più freddi? Molti di questi animali vanno in letargo, come lorso. Altri trovano rifugio sugli alberi: sono soprattutto i ghiri e gli scoiattoli. Gli animali che non vanno in letargo hanno delle strategie particolari per lo spostamento nella neve. Un orso in letargo nel freddo inverno

22 Sitografia Siti Internet: /griot/biodivesita/taiga.htm /griot/biodivesita/taiga.htm - /meteo_mondo/08.htm /meteo_mondo/08.htm


Scaricare ppt "A cura di Serena Superbo, Camattari Fabiana e Brunetti Martina La taiga."

Presentazioni simili


Annunci Google