La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Correzione esercizi. 1. Il grafico precedente si chiama: a)serie storica. b)grafico ad istogrammi. c)grafico a dispersione. d)grafico a torta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Correzione esercizi. 1. Il grafico precedente si chiama: a)serie storica. b)grafico ad istogrammi. c)grafico a dispersione. d)grafico a torta."— Transcript della presentazione:

1 Correzione esercizi

2 1. Il grafico precedente si chiama: a)serie storica. b)grafico ad istogrammi. c)grafico a dispersione. d)grafico a torta.

3 2. Quale affermazione si può desumere dal grafico? a)Età e peso hanno una correlazione positiva. b)Età e peso hanno una correlazione negativa. c)Età e peso hanno una correlazione casuale. d)Età e peso non hanno una correlazione.

4 Qual è linclinazione tra il punto A e B? a)-2 b)-1/2 c)1/2 d)2

5 5. La frontiera delle possibilità di produzione (FPP) è: a)una mappa che mostra in quali aree del mondo è possibile un sistema di produzione di tipo capitalistico b)un grafico che mostra le varie combinazioni di beni che l'economia può produrre, date le risorse e la tecnologia disponibili. c)un grafico che mostra le varie combinazioni di risorse che devono essere utilizzate per produrre un dato livello di output. d)Una mappa che mostra i confini oltre i quali lagricoltura non è unattività redditizia.

6 6. Si può definire efficiente un'economia se: a)è possibile produrre maggiori quantità di entrambi i beni. b)è possibile produrre una maggiore quantità di un bene senza diminuire la produzione dell'altro bene. c)non è possibile produrre una quantità maggiore di un bene senza diminuire quella dell'altro. d)In nessun modo è possibile aumentare la produzione di un bene.

7 Efficienza: La proprietà grazie alla quale una società ottiene il massimo possibile dalle proprie scarse risorse

8 7. Nella FPP riportata, quale punto/i sono raggiungibili per l'economia? a)A, B, C, D b)A, B, C, F c)A, B, C, D, E, F d)D

9 8. Il costo opportunità per ottenere una maggiore quantità di un dato bene è individuabile sulla FPP come a)Lammontare dellaltro bene a cui si deve rinunciare. b)Il prezzo di mercato dellunità addizionale prodotta. c)Lammontare di risorse che devono essere utilizzate per la sua produzione. d)Gli euro che devono essere spesi per produrla.

10 Costo opportunità: Ciò a cui si è costretti a rinunciare per possedere un determinato bene

11 9. Nella FPP della pagina precedente, qual è il costo opportunità per la società di uno spostamento dal punto D al punto B? a)750 pretzels b)500 pretzels c)250 pretzels d)150 pretzels

12 10. Se il sistema economico è posizionato nel punto E a)Il costo opportunità di 250 unità addizionali di pretzels è 100 unità di potato. b)Il costo opportunità di 250 unità addizionali di pretzels è 200 unità di potato. c)Il costo opportunità di 250 unità addizionali di pretzels è 300 unità di potato. d)250 unità addizionali di pretzels possono essere prodotte senza nessun impatto sulla produzione di potato.

13 Vantaggi del commercio

14 BENEFICI DELLO SCAMBIO Uno dei 10 principi delleconomia: gli scambi posso essere vantaggiosi per tutte le parti in causa Consideriamo uneconomia semplificata: 2 beni (giacche e scarpe) 2 individui (sarto e calzolaio)

15 Ore necessarie per produrre quantità prodotta in una settimana 1 giacca1 p. di scarpegiacchescarpe Calzolaio10548 Sarto1/248010

16 giacche scarpe A B

17

18 Chi può produrre scarpe ad un più basso costo? 2 risposte possibili confrontiamo il tempo necessario ad ognuno (confronto delle produttività) per produrre lo stesso bene VANTAGGIO ASSOLUTO Il confronto tra due produttori dello stesso bene sulla base della rispettiva produttività confrontiamo il costo opportunità (ciò a cui si è costretti a rinunciare per produrre un determinato bene) VANTAGGIO COMPARATO Il confronto tra due produttori dello stesso bene sulla base dei rispettivi costi opportunità.

19 È impossibile che un individuo abbia un vantaggio comparato su entrambi i beni, perché il costo opportunità di un bene è il reciproco di quello dellaltro. Quindi se uno è basso in termini relativi, laltro non potrà che essere alto in termini relativi.

20 CALZOLAIO:1 paio di scarpe = 5 h 5 h = 1/2 giacca costo opportunità di 1 paio di scarpe = 1/2 giacche inclinazione = ½ SARTO:1 paio di scarpe = 4 h 4 h = 8 giacche costo opportunità di 1 paio di scarpe = 8 giacche inclinazione = 8 Chi ha il costo opportunità più basso di un bene ha un vantaggio comparato nella produzione di quel bene.

21 In assenza di scambi In presenza di scambi Produzione e consumoProduzioneScambioConsumoBeneficio Calzolaio2 giacche0 giaccheRiceve 5 giacche5 giacche3 giacche 4 scarpe8 scarpein cambio di 2 scarpe6 scarpe2 scarpe Sarto40 giacche50 giaccheRiceve 2 scarpe45 giacche5 giacche 5 scarpe4 scarpein cambio di 5 giacche6 scarpe1 scarpa

22 giacche scarpe A B P Q Calzolaio Sarto

23 giacche scarpe A B P Q A* 45 6 B* Calzolaio Sarto

24 Il calzolaio ha un costo opportunità delle scarpe + basso di quello del sarto perché per incrementare la sua produzione di ununità rinuncia relativamente a meno giacche. Il calzolaio ha un vantaggio comparato nella produzione di scarpe mentre il sarto ce lha nelle giacche.

25 ESERCIZIO La tabella successiva mostra le quantità di pane e vino che un agricoltore e un panettiere sarebbero in grado di produrre in un'ora di tempo (se impiegassero l'intera ora alla produzione di un solo bene). Produzione in 1 ora pane (Kg)vino (L) Agricoltore126 Panettiere61

26 Definire chi ha il vantaggio assoluto nella produzione del pane e chi in quella in quella del vino Definire chi ha il vantaggio comparato nella produzione del pane e chi in quella del vino

27 Comunicazione Giovedì prossimo (22 marzo) esercitazione in aula 10B


Scaricare ppt "Correzione esercizi. 1. Il grafico precedente si chiama: a)serie storica. b)grafico ad istogrammi. c)grafico a dispersione. d)grafico a torta."

Presentazioni simili


Annunci Google