La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Geografia politica ed economica 3 AA 2007/2008 Clima, desertificazione e migrazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Geografia politica ed economica 3 AA 2007/2008 Clima, desertificazione e migrazioni."— Transcript della presentazione:

1 Geografia politica ed economica 3 AA 2007/2008 Clima, desertificazione e migrazioni

2 Luomo ha dimostrato finora notevoli capacità di adattamento a condizioni climatiche estreme. Ma il clima rimane un importante fattore di attrazione, permanenza o ridistribuzione dei migranti. La crescita demografica nel mondo è in via di rallentamento, il tasso di crescita annuo è sceso dal 2% del 1970 all1,2% del 2007, e si prevede che scenderà allo 0,3% nel Si aggiungeranno comunque circa 3 miliardi di persone nei prossimi 40 anni, portando la popolazione a stabilizzarsi intorno ai 10 miliardi di persone nella seconda metà del XXI secolo (stime).

3 La distribuzione della crescita demografica è irregolare. Laumento maggiore si avrà nei paesi in via di sviluppo, in particolare in Africa. La crescita si concentrerà nelle città, soprattutto in quelle di dimensioni medie, e lungo le zone costiere. Cresce il numero di abitanti che vive nelle zone aride e semiaride del pianeta. Scarsità dacqua: non è un problema mondiale, è un problema locale. La scarsità dipende dalluso che si vuole fare di una risorsa naturale.

4 Popolazione mondiale 1950 – 2050 (stime ONU)

5 Temperatura media annua (1960 – 1990)

6 Crescita demografica annua nel 2006 (tutte le variabili incluse), fonte ONU

7 Storia del clima Lambiente è un fattore che muta nel tempo. Diversi cicli: mutamento meteorologico / mutamento climatico. Difficile ricostruire la storia del clima (paleoclimatologia): la misurazione sistematica e scientifica dei dati è un fatto recente, e larga parte del pianeta rimane ancora parzialmente scoperta. Sicuramente si sono susseguite, anche in epoca storica, fasi di riscaldamento e di raffreddamento, fasi umide e fasi asciutte. Storia del clima in Europa: 900 a.C – 800 d.C : clima fresco e piovoso nel Mediterraneo, foreste estese 800 – 1200 : clima più caldo (+1,5 / 2°C), innalzamento del livello del mare ed estensione delle paludi costiere, malaria 1200 – 1550 : raffreddamento 1550 – 1850 : clima freddo (-1 / 1,5°C), ghiacciai estesi, vendemmie tardive, carestie 1850 – oggi : progressivo riscaldamento

8 Clima e migrazioni nel passato Al momento si tratta ancora di ipotesi, ricerche tuttora in corso: Migrazione degli Etruschi Espansione celtica verso sud Discesa dei popoli germanici e slavi e dei Magiari Unni, Turchi, Tatari, Mongoli, Manciù Invasioni arabe Diffusione delle civiltà sudamericane sugli altipiani Migrazione degli Anasazi in Nordamerica Crisi della civiltà maya

9 Storia del clima: visioni diverse a confronto (1)

10 Storia del clima: visioni diverse a confronto (2)

11 Produzione di vino in Inghilterra nel XIII secolo (Periodo caldo medievale)

12 Venezia nel XVII secolo (Piccola era glaciale)

13 Londra nel XVII secolo (Piccola era glaciale)

14 Labbandono della Groenlandia da parte dei coloni vichinghi durante la Piccola era glaciale

15 Le conseguenze del raffreddamento del clima. Diminuzione della popolazione in Islanda durante la Piccola era glaciale (Lamb 1995) : nel nel nel nel 1780 Oggi abitanti. La statura media degli abitanti passò dai 178,6 cm dellXI secolo ai 170,7 cm del XVIII secolo. Oggi è di 182,9 cm. Ma il clima potrebbe non spiegare tutto.

16 La fine della Piccola era glaciale: il ghiacciaio del Rodano (1890 e 2006)

17 Anomalie termiche tra il 1995 ed il 2004 (NASA)

18 Temperature medie annue 1856 – 2006 (Meteorological Office – UK)

19 Riscaldamento previsto dal Meteorological Office - UK entro il (rispetto alla media )

20 Previsioni sul cambiamento climatico: diversi modelli a confronto

21 Cause naturali o cause antropiche? Paleoclimatologia del pianeta negli ultimi anni

22 La storia del clima si ricostruisce attraverso una molteplicità di fonti: geomorfologia, analisi dei sedimenti, documenti storici. Nel lungo termine i movimenti tettonici hanno uninfluenza determinante. Una variazione di 1-2 gradi può portare conseguenze importanti: può liberare o bloccare i valichi alpini, chiudere o aprire lo stretto di Bering, può far avanzare o ritirare le acque marine, può diffondere od ostacolare le malattie tropicali.

23 Come per le specie animali (ma anche vegetali) la risposta più diretta per superare i vincoli climatici è lo spostamento. Le crisi climatiche acute possono essere superate (es. scorte di cibo) ma quelle croniche prima o poi generano uno spostamento. Il cambiamento climatico non è sempre un fattore push: il riscaldamento può essere un vantaggio nelle vastissime regioni boreali rimaste finora sottoutilizzate.

24 La desertificazione Non esiste una definizione univoca. Esistono diverse interpretazioni e definizioni del fenomeno: La creazione di condizioni simili a deserto risultanti da processi di erosione (Aubreville, 1949) La riduzione o distruzione del potenziale biologico della terra che può condurre a condizioni desertiche. E un aspetto di degradazione dellecosistema conseguente a una consistente riduzione nel loro potenziale biologico… (UNEP, 1977) Il processo che porta ad una riduzione irreversibile della capacità del suolo di produrre risorse e servizi" (FAO-UNEP-UNESCO, 1979) Limpoverimento di ecosistemi terrestri sotto leffetto dellimpatto umano, che può essere misurato attraverso la riduzione di produttività di specie utili, la riduzione di biomassa e la riduzione di biodiversità nella micro e macro-fauna e flora, e laccelerata degradazione del suolo (Dregne, 1983) Tutte le espressioni comprese per indicare i processi socio-economici, naturali e antropici, che causano una modifica nel suolo, nella vegetazione, nellatmosfera e nel bilancio idrico di regioni caratterizzate da aridità indotta dalle caratteristiche del suolo e del clima (FAO/UNEP, 1984) Degradazione del suolo e delle risorse idriche in aree aride, semi-aride e secche/sub- umide, dovuta principalmente agli impatti antropici negativi (UNEP, 1991) Degradazione del suolo in aree aride, semi-aride e secche/sub-umide, risultante da vari fattori, incluse le variazioni climatiche e gli impatti antropici (UNEP, 1994).

25 Elemento comune: la progressiva riduzione dello strato superficiale del suolo e della sua capacità produttiva. Produttività biologica: la Conferenza delle Nazioni Unite sulla Desertificazione (Nairobi 1977) aveva adottato una definizione di desertificazione ("riduzione o distruzione del potenziale biologico del terreno che può condurre a condizioni desertiche") che prescindeva dalla collocazione geografica (polare o tropicale), dalle caratteristiche climatiche, dalle cause (naturali o antropiche) e dai processi (salinizzazione, erosione, deforestazione, ecc) all'origine del degrado del potenziale biologico del suolo. Convenzione Internazionale delle Nazioni Unite sulla lotta alla Siccità e Desertificazione (UNCCD): definizione di desertificazione in termini di degrado. Definizione di desertificazione in funzione delle caratteristiche climatiche, introduce esplicitamente fra le cause del fenomeno, oltre all'azione dell'uomo, anche le variazioni climatiche (UNEP 1994). Desertificazione / desertizzazione In genere la degradazione ha inizio in aree limitate e procede a macchia e per fasi successive, subendo bruschi peggioramenti durante i periodi particolarmente asciutti o regressioni durante quelli più umidi.

26 Si tratta della combinazione di un insieme di fenomeni, tra i quali: - l'erosione del suolo; - la variazione delle caratteristiche strutturali del suolo; - la salinizzazione; - la rimozione della coltre vegetale e del materiale rigenerativo; - le variazioni del regime pluviometrico; - le interazioni tra la superficie terrestre e l'atmosfera. Il problema non è il deserto che avanza, il degrado del suolo è un fenomeno che avviene in maniera differenziata a livello locale.

27 Toynbee: le condizioni climatiche ed ambientali avverse stimolano linnovazione ed il progresso tecnico. Huntington: i cambiamenti climatici ciclici avvenuti nellAsia centrale hanno generato, in diverse epoche storiche, spostamenti di popolazioni verso ovest e verso sud (Unni, Turchi, Tatari, Mongoli, Manciù) con ricadute sullintero continente euroasiatico. I cambiamenti climatici però non avvengono simultaneamente nelle varie parti del mondo.

28 Africa centro-settentrionale: dopo lultima glaciazione, terminata circa anni fa, il clima si è progressivamente inaridito. Le popolazioni neolitiche, in prevalenza nere, che vi si erano insediate si sono spostate verso nord e verso sud, concentrandosi su aree marginali e danneggiando ulteriormente le savane attraverso il taglio degli alberi e lo sfruttamento dei pascoli. Circa anni fa il Sahara aveva (ri)preso laspetto desertico che conosciamo oggi, ma lacqua (fossile) si trova ancora nel sottosuolo, sebbene a profondità crescenti.

29

30 Sahel: negli anni 70 la popolazione era essenzialmente rurale, con una forte presenza di pastori nomadi e confederazioni tribali. Il bestiame era fonte di reddito e di sopravvivenza. La domanda dacqua era in aumento (crescita demografica, aumento dei capi di bestiame, espansione dellagricoltura), la cooperazione internazionale allo sviluppo propose e realizzò lo scavo di nuovi pozzi. Con più acqua a disposizione, il risultato fu un ulteriore aumento dei capi di bestiame ed una pressione crescente sulle zone circostanti. Si formarono zone desertificate. Pressione umana eccessiva su regioni di frontiera soggette a variazioni climatiche cicliche. Il risultato fu la carestia. La siccità non era più grave di quelle avvenute in passato, ma le popolazioni e le attività umane si erano spinte verso zone a rischio.

31 Limiti della regione saheliana occidentale

32 Rischio desertificazione in Africa (FAO)

33 Cambiamento climatico e desertificazione: è necessario migrare? Oggi vivono nelle terre aride e semiaride circa 700 milioni di persone. Entro il 2020, secondo la Banca Mondiale, 60 milioni potrebbero migrare verso terre più umide. NellAfrica centro-settentrionale è già in atto uno spostamento di popolazione verso le oasi e verso le città, ma anche verso lEuropa.

34 Unoasi fluviale tradizionale: la valle dello Ziz (Marocco)

35 Tinerhir / Tīnġīr (Marocco): da villaggio a città

36 Le nuove vie carovaniere: Strada P32 Ouarzazate - Errachidia (Marocco)

37 Inconvenienti delle nuove vie carovaniere. Desertificazione o intrusione di attività antropiche in territori inadatti?

38 Nouakchott (Mauritania): la responsabilità è del deserto o delluomo?

39 Nouakchott (2)

40 Nuove oasi a El Oued / Al-Wād (Algeria)

41 Nuove oasi a Cufra / Al-Kufra (Libia)

42

43 Nuove oasi a Sabria (Tunisia)

44 Nuove oasi a Kebili / Qibilī (Tunisia)

45 Si fugge anche dal freddo. Migrazioni da nord verso sud in Scandinavia. Siberia e valle dellAmur. Mobilità dei pensionati sempre più intensa in direzione sud, sia in Europa (es. Baleari e coste spagnole, Riviera ligure, Costa Azzurra) sia in Nordamerica (Florida). In realtà spesso le motivazioni climatiche degli spostamenti nascondono motivazioni molto più complesse.

46 Possibili effetti del cambiamento climatico entro il 2100, indipendentemente dalle cause (naturali o antropiche) (Ferrara, Ferruggia, 2007) Fino a 1°C Alcuni ecosistemi si spostano verso latitudini più elevate e quelli montani verso quote più alte La produzione agricola mondiale aumenta, ma laumento avviene per lo più alle alte latitudini, mentre alle basse latitudini diminuisce Aumenta il rischio di forte erosione costiera, soprattutto per le aree costiere più basse Le risorse idriche tendono a diminuire in alcune regioni subtropicali Lintensità di alcuni eventi estremi tende ad aumentare. Tra 1° e 2°C I danni alla biodiversità cominciano ad essere significativi, un quarto delle specie viventi rischia lestinzione La produzione agricola mondiale aumenta, soprattutto alle alte latitudini, mentre diminuisce ancora a quelle più basse Le regioni costiere più basse rischiano di essere inondate in maniera permanente Le risorse idriche si riducono drasticamente in molte regioni subtropicali La frequenza e lintensità degli eventi estremi aumenta in modo significativo.

47 Tra 2°C e 3°C Scompare gran parte della tundra e metà della foresta boreale Un altro terzo delle specie viventi potrebbe estinguersi, portando la scomparsa complessiva delle specie a circa il 50% rispetto al XX secolo La produzione agricola mondiale raggiunge il livello massimo, ma rimane concentrata alle alte latitudini I rischi di malnutrizione e di malattie aumentano alle basse latitudini, soprattutto se la popolazione continua ad aumentare La Groenlandia subisce una parziale deglaciazione ed il ghiaccio scompare dallAntartide occidentale Le regioni costiere più basse sono inondate Lacqua potabile non è più disponibile per circa 1 miliardo di persone Gli eventi estremi catastrofici sono molto frequenti. Tra 3°C e 4°C La produzione agricola diminuisce alle alte latitudini e si riduce anche a livello mondiale Lestinzione delle specie si accentua Altre regioni costiere e molti atolli corallini sono inondati Un terzo della popolazione mondiale non ha più accesso allacqua La Groenlandia è largamente libera dai ghiacci e continua la deglaciazione dellAntartide occidentale Possibile deviazione della Corrente del Golfo Eventi catastrofici sempre più diffusi, in particolare siccità, incendi e tempeste.

48 Tra 5°C e 6°C Estinzione di massa di specie animali e vegetali Migrazioni di massa dalle basse alle alte latitudini Probabile interruzione della Corrente del Golfo e forte innalzamento del livello del mare Solo alle alte latitudini resistono condizioni ambientali adatte ad una vita normale. Ma non si sa se e quando avverranno questi cambiamenti. Più facile prevedere landamento delle temperature, più difficile prevedere le variazioni del regime pluviometrico.

49 Le risposte al cambiamento climatico Agricoltura: la presenza di anidride carbonica aumenta la produttività e si liberano vaste regioni boreali, ma la temperatura più alta danneggia la produttività alle basse latitudini. Probabile aumento delle precipitazioni nelle regioni boreali e diminuzione alle basse latitudini. La tecnologia potrà comunque giocare un ruolo importante. Nuove riserve idriche, dissalazione dellacqua marina, diffusione delle serre, miglioramenti agronomici, OGM, abbandono dellagricoltura e passaggio ad altre attività economiche.

50 Acqua: più scarsa alle medio-basse latitudini, più abbondante alle alte latitudini. Vegetazione ed orografia hanno comunque uninfluenza locale molto importante. Aumentano eutrofizzazione e presenze batteriche. Razionalizzazione dellapprovvigionamento e delluso dellacqua. Aumento dellofferta, risparmio e riciclaggio, diversa allocazione tra i settori economici, riduzione dellirrigazione.

51 Ambienti costieri: difficile prevedere quanto, quando e dove si innalzerà maggiormente il livello dei mari e degli oceani. Accelerazione dei fenomeni di erosione già in atto per vari motivi. Sistemi di protezione fisica della costa e blocco dei cunei salini (difesa passiva). Sostituzione dellagricoltura con il turismo. Sviluppo dellacquacoltura e della pesca.

52 Insediamenti umani: minori capacità produttive (agricoltura, pesca, turismo) e variazioni della domanda e dellofferta di molti beni e servizi. Infrastrutture a rischio (frane, alluvioni, consumi energetici). Salute a rischio. Come abbiamo visto, le variazioni andranno analizzate al livello locale. Migrazioni?

53 Banca Mondiale (2006): 1,4 miliardi di persone si trovano già oggi in zone ad alta fragilità ambientale. Myers (1994): 25 milioni di rifugiati ambientali, 7 milioni di rifugiati ufficialmente riconosciuti (politici, religiosi, etnici). UNCCD (Convenzione ONU per la lotta alla desertificazione): 135 milioni di persone rischiano di diventare profughi per l'inaridimento dei loro territori entro il Columbia University, Norwegian Geotechnical Institute e Banca Mondiale (2005): il 20% della superficie della Terra e 3,4 miliardi di persone (circa metà della popolazione mondiale) si trovano in aree esposte ad almeno un rischio ambientale significativo tra siccità, inondazioni, frane, cicloni, eruzioni vulcaniche, terremoti e maremoti. UNEP: in Africa 10 milioni di persone negli ultimi 20 anni sono state sfollate a causa della desertificazione. UNHCR: 40 milioni di eco-rifugiati nel 2010, oltre 150 milioni nel Tra le strategie adottate dai profughi ambientali vi è la migrazione temporanea.

54 Ma è lambiente a cambiare o sono laumento della popolazione e la sua diffusione spaziale che fanno percepire come disastri naturali i fenomeni naturali?

55 Densità di popolazione nel mondo (2005)

56 Gli eco-rifugiati "I rifugiati in generale lasciano le loro case per paura, non per opportunità. Laddove gli emigranti volontari cercano di fuggire da situazioni precarie, i rifugiati devono fuggire da una povertà intollerabile e dall'estremo degrado delle condizioni di vita, e perfino dalla prospettiva di fame o di altri pericoli gravi. Gli emigranti cercano migliori mezzi di sostentamento, i rifugiati vogliono restare vivi (Myers, 1994).

57 I richiedenti asilo che non rientrano nella definizione della Convenzione di Ginevra (1951) vengono classificati come: Rifugiati de facto (coloro che di fatto sono ospitati da un paese per motivi umanitari) Rifugiati in orbita (persone che cercano asilo in un paese terzo, diverso dal primo paese di soggiorno) Immigrati (coloro che migrano per ragioni economiche e non a causa di persecuzioni da parte dello stato di origine) Rifugiati ambientali (coloro che fuggono dalle catastrofi ambientali a cui lAlto Commissariato offre soltanto assistenza primaria per motivi umanitari). I rifugiati ambientali, o eco-rifugiati, non sono riconosciuti in quanto tali, anche se è in atto un esteso dibattito internazionale.

58 Argomenti addotti a favore dellesclusione del riconoscimento dello status di rifugiato per i profughi ambientali: Lo spostamento non avviene necessariamente oltre i confini del Paese Assenza dellelemento individuale della persecuzione Possibilità di recupero dei territori oggetto di sconvolgimenti ambientali. Tuttavia, chi fugge da terre esposte al rischio non è sicuro di farvi ritorno perché il territorio può essere irrimediabilmente compromesso.

59 UNEP (1985), definizione di rifugiati ambientali: persone che hanno dovuto forzatamente abbandonare le loro abitazioni per necessità temporanee o permanenti a causa di grandi sconvolgimenti ambientali (naturali e/o indotti dalluomo), i quali hanno messo in pericolo la loro esistenza, o danneggiato seriamente la loro qualità di vita. Tre categorie: 1) Persone che si spostano temporaneamente a causa di stress ambientali dovuti sia a disastri naturali (inondazioni, terremoti, eruzioni vulcaniche) sia a man made disasters, ma che in momenti successivi possono ritornare nei luoghi di provenienza per iniziarvi la ricostruzione. 2) Persone permanentemente spostate e riallocate in altra area. Questo gruppo di sfollati subisce gli effetti di disastri causati da progetti di sviluppo (grandi dighe, industrie, attività minerarie) e da disastri naturali che danneggiano unarea in modo permamente. 3) Persone che si spostano provvisoriamente o permanentemente perché non possono essere sostenute dalle risorse delle loro terre a causa della degradazione ambientale.

60 Relazioni tra degrado ambientale e processi migratori: –migrazioni ricorrenti nel quadro di una risposta abituale alle fluttuazioni climatiche, come nel caso della siccità; –ondate di migranti a breve termine come reazione ad un singolo evento climatico; –movimenti su grande scala determinati da fenomeni cronici, come nel caso della desertificazione.

61 Flussi costanti di rifugiati ambientali sono evidenti in diverse parti del mondo, es: Asia Centrale Corno dAfrica Sahel occidentale Argentina Messico Le relazioni tra conflitti, siccità, migrazioni e degrado ambientale però sono molto complesse, come dimostrano i casi del Darfur e del Ruanda.

62 Confine Sudafrica - Lesotho

63 Confine Brunei - Malaysia

64 Confine Haiti – Repubblica Dominicana

65 Il ruolo della desertificazione nelle migrazioni Messico – Stati Uniti Il confine è lungo circa km. Nonostante le barriere fisiche è attraversato ogni anno illegalmente da circa migranti messicani e migranti di altra provenienza. Contando anche gli stagionali si arriva a circa 2 milioni di ingressi illegali ogni anno. Gli immigrati messicani regolari sono circa lanno. Nel 2004 vivevano negli USA 10 milioni di immigrati illegali o clandestini. Di questi, 6 milioni erano messicani (stime Census Bureau)

66

67 Il confine a Tijuana (1)

68 Il confine a Tijuana (2)

69 Il confine a Tijuana (3)

70 Uso del suolo negli Stati Uniti (nord) e in Messico (sud)

71

72

73

74 Ogni anno la desertificazione in Messico danneggia km 2 e causa labbandono di 600 km 2 di terre coltivate. Il Governo messicano stima che il 97% del territorio sia interessato da varie forme di erosione del suolo. Il 70% della superficie è a rischio desertificazione. Le cause principali sono il pascolamento, il disboscamento, la distruzione della vegetazione per la produzione energetica, le cattive pratiche irrigue (salinizzazione), le attività minerarie e lespansione urbana. Pressione crescente sulle terre marginali. Il cambiamento climatico può aggravare il fenomeno, ma le cause sono locali. La desertificazione è molto più avanzata nel versante messicano del confine piuttosto che in quello statunitense.

75 La desertificazione e la scarsità dacqua, secondo le stime del governo messicano, causano labbandono delle terre aride e semiaride da parte di circa persone lanno. Controverso il ruolo delle piantagioni commerciali: vantaggi e svantaggi. Le migrazioni dal Messico verso gli Stati Uniti hanno una prevalente motivazione economica, ma il degrado ambientale gioca sicuramente un ruolo importante. Le due motivazioni sono spesso intrecciate tra loro. Labbandono delle campagne e delle attività agricole, comunque, è avvenuto ed avviene anche in terre che non sono colpite dal degrado ambientale.

76 In questo caso è molto difficile distinguere i migranti economici dai rifugiati ambientali, ma individuare le motivazioni prevalenti può aiutare ad affrontare il problema. Una parte dei rifugiati ambientali, infatti, potrebbe decidere di tornare nelle terre dorigine se le condizioni ambientali migliorano.

77 Risposte: Ritiro dellagricoltura dalle terre marginali e a rischio Controllo del pascolamento e promozione di usi del suolo più sostenibili Riduzione dei consumi idrici da parte dellagricoltura Introduzione di varietà vegetali resistenti alla siccità Sviluppo di attività economiche alternative. Non è detto, però, che i contadini e i pastori accettino di modificare le proprie abitudini. Cooperazione: top/down; bottom/up.


Scaricare ppt "Geografia politica ed economica 3 AA 2007/2008 Clima, desertificazione e migrazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google