La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le altre fonti del diritto La sunna è la tradizione, la regola di condotta. E linsieme degli hadith (detti e fatti del Profeta)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le altre fonti del diritto La sunna è la tradizione, la regola di condotta. E linsieme degli hadith (detti e fatti del Profeta)"— Transcript della presentazione:

1 Le altre fonti del diritto La sunna è la tradizione, la regola di condotta. E linsieme degli hadith (detti e fatti del Profeta)

2 Lhadith (notizia) Lhadith è composto di due parti: Il matn (il detto o fatto attribuito al Profeta) La silsila o isnad (catena) dei trasmettitori. gli hadith si dividono in sahih (sani), hasan (buoni) e daif (deboli). Sei raccolte di hadith sono considerate canoniche (le più importanti quelle di al- Bukhari e Muslim, IX sec.)

3 Igma Ligma è il consenso della comunità, in senso più ristretto il consenso dei dotti, dei competenti cui è stata affidata la cura della comunità Un famoso hadith del Profeta recita la mia comunità non sarà mai daccordo su un errore.

4 Qiyas Il ragionamento analogico o sillogistico Deve sottostare a precise regole Strumento fondamentale, insieme alligma, per tentare una sintesi tra scrittura e ragione. Il ragionamento analogico necessita dellutilizzo della igtihad, linterpretazione personale, la tensione necessaria a penetrare la Legge di Dio

5 Le madhhab Scuole giuridico-teologiche che sorgono fra lVIII e il X secolo Hanafita (abu Hanifa, Kufa, VIII secolo) Malikita (Malik ibn Anas, Medina, VIII sec.) Shafiita (al-Shafii, Palestina,IX secolo) Hanbalita (ibn Hanbal, Baghdad, IX secolo)

6 Le porte delligtihad si chiusero nel X secolo, III dellEgira. le elaborazioni dottrinali e giuridiche delle varie scuole furono ritenute esaurienti e dalligtihad si passò al taqlid (imitazione), dei più autorevoli mugtahid (interpreti) delle varie scuole giuridiche. Le differenze tra i dotti della mia comunità sono una benedizione divina

7 Le categorie degli atti umani Obbligatorie (fard, wagib) Raccomandate (mandub) Lecite, moralmente indifferenti (mubah) Riprovevoli (makruh) Vietate (haram)

8 Ibadat e muamalat I manuali di fiqh, codici di giurisprudenza, sono divisi in due parti: Le ibadat sono gli atti di culto Le muamalat sono gli obblighi sociali Nellislam non vi è distinzione, dunque, fra religione e morale, legge ed etica.

9 Nellislam il posto della teologia è occupato dalla legge e dalla giurisprudenza. La sharia è la formulazione del volere di Dio, non espressione della volontà delluomo. Predominanza della ortoprassi sulla ortodossia: la legge tende a regolamentare gli aspetti esteriori formali (zahir) e non quelli interiori (batin). Hiyal (sotterfugi) con i quali si conciliano le rigide norme della sharia con le esigenze sociali mutevoli. Agevolate, non inasprite (hadith sahih) Iddio desidera agio per voi, non disagio (II, 158)


Scaricare ppt "Le altre fonti del diritto La sunna è la tradizione, la regola di condotta. E linsieme degli hadith (detti e fatti del Profeta)"

Presentazioni simili


Annunci Google