La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bullismo e…oltre I dati del Piemonte. Il questionario: soggetti coinvolti Osservatorio Regionale sul Bullismo del Piemonte Ufficio Scolastico Regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bullismo e…oltre I dati del Piemonte. Il questionario: soggetti coinvolti Osservatorio Regionale sul Bullismo del Piemonte Ufficio Scolastico Regionale."— Transcript della presentazione:

1 Bullismo e…oltre I dati del Piemonte

2 Il questionario: soggetti coinvolti Osservatorio Regionale sul Bullismo del Piemonte Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione – Università di Torino

3 Il questionario: destinatari Dirigenti scolastici di istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado del Piemonte

4 Il questionario: la struttura Atti di bullismo Azioni preventive e di contrasto Attori coinvolti nella prevenzione

5 Il questionario: evitare ambiguità di definizione si considera bullismo quella forma di prevaricazione le cui caratteristiche compresenti sono: 1. intenzionalità 2. reiterazione e sistematicità 3. squilibrio di potere fonte: Iannacone N. (a cura di), 2005, Stop al bullismo, Edizioni la meridiana, Milano, p. 13

6 Il questionario: le scuole rispondono Hanno risposto 527 scuole –509 statali –18 paritarie Scuole dellinfanzia: 15,7% Primaria: 32,3% Secondarie di I grado: 34,0% Secondarie di II grado: 18,0%

7 Il questionario: la distribuzione geografica delle risposte

8 Atti di bullismo a.s. 2006/2007 (intero anno scolastico): 38,7% a.s. 2007/2008 (febbraio 2008): 43,6% I fenomeni di bullismo sono in crescita!

9 Distribuzione degli atti di bullismo per ordine di scuola

10 Bullismo: una classificazione diretto fisico comportamenti che utilizzano la forza fisica per nuocere allaltro. In questa categoria sono presenti comportamenti come picchiare, spingere, fare cadere e atti diretti non soltanto alla vittima ma anche ad oggetti di proprietà di questultima;

11 Bullismo: una classificazione diretto verbale comportamenti che utilizzano la parola per arrecare danno alla vittima. Ad esempio insulti, minacce prese in giro insistenti e reiterate;

12 Bullismo: una classificazione indiretto/relazionale comportamenti non direttamente rivolti alla vittima ma che la danneggiano nellambito della relazione con gli altri. Sono comportamenti spesso poco visibili che portano allesclusione e allisolamento della vittima attraverso la diffusione di pettegolezzi e dicerie, lostracismo e il rifiuto di esaudire le sue richieste;

13 Bullismo: una classificazione Cyberbullismo forme di prevaricazione attuate tramite il telefono cellulare (es. sms minacciosi o derisori, riprese di immagini imbarazzanti successivamente diffusi su internet), la posta elettronica, i servizi di messaggeria istantanea e le varie risorse che il web mette a disposizione.

14 Atti di bullismo: tipologia in Piemonte diretto verbale: 37,7% indiretto/relazionale: 29,5% diretto fisico: 26,5%

15 Bullismo: dove avviene Primaria: cortile (25,0%) Secondaria di I grado: corridoi (23,2%) e cortile (21,1%) Secondaria di II grado: corridoi e aule (24,0%).

16 Richieste per prevenzione 70% formazione ai docenti e ATA per comprendere le dinamiche relazionali e le azioni psico-pedagogiche 66% formazione per genitori e alunni per attivare approcci di mediazione dei conflitti 61% educazione alla legalità per alunni


Scaricare ppt "Bullismo e…oltre I dati del Piemonte. Il questionario: soggetti coinvolti Osservatorio Regionale sul Bullismo del Piemonte Ufficio Scolastico Regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google