La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2° Conferenza regionale dell'Associazionismo di promozione sociale I RISULTATI DEGLI INCONTRI TERRITORIALI E DEI SEMINARI TEMATICI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2° Conferenza regionale dell'Associazionismo di promozione sociale I RISULTATI DEGLI INCONTRI TERRITORIALI E DEI SEMINARI TEMATICI."— Transcript della presentazione:

1 2° Conferenza regionale dell'Associazionismo di promozione sociale I RISULTATI DEGLI INCONTRI TERRITORIALI E DEI SEMINARI TEMATICI

2 Associazioni di Promozione Sociale Attualmente oltre 3300 associazioni iscritte da dove veniamo? Legge 383/2000, art. 2: La presente legge, in attuazione degli articoli 2, 3, secondo comma, 4, secondo comma, 9 e 18 della Costituzione......articoli della Costituzione

3 COSTITUZIONE Art.2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

4 COSTITUZIONE Art È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

5 COSTITUZIONE Art.4....Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. Art. 18 I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.

6 IDENTITA ciò che ci unisce non è cosa facciamo (sport - cultura - assistenza - ricreazione - advocacy...) ma perché lo facciamo (solidarietà - partecipazione civica - coesione sociale) e come lo facciamo ( democrazia – autoorganizzazione - autogestione)

7 IDENTITA Tante identità un unico fine: solidarietà sociale, partecipazione democratica, concorrere al progresso spirituale della società, promuovere la crescita dellindividuo come cittadino partecipe della vita pubblica.

8 LUOGHI DELLA RAPPRESENTANZA Forum terzo settore Tavolo delle associazioni firmatarie protocolli di autoregolamentazione Consulte provinciali Tavoli di consultazione associazioni - Provincia dove costruire reti e realizzare condivisione delle politiche?

9 OSSERVATORIO delle APS strumento di raccolta di informazioni stimolo al potere esecutivo promuove la comunicazione tra associazioni e istituzione pubblica

10 OSSERVATORIO delle APS allargamento della sua composizione inserendo rappresentanti del territorio potenziamento in termini di struttura e risorse rapporti con Osservatorio del Volontariato e con Osservatori delleconomia sociale Si propone :

11 PROMOZIONE SOCIALE E VOLONTARIATO APS grande bacino di volontariato civico valorizzazione del volontariato presente nella promozione sociale tavolo di confronto tra organizzazioni di volontariato e APS

12 PROMOZIONE SOCIALE E VOLONTARIATO riforma dellattuale normativa che impone una netta suddivisione ricomposizione e comune utilizzo di strumenti di formazione e consulenza (CSV e sportelli provinciali) individuare forme nuove di sostegno alle reti di sussidiarietà nel loro insieme nellottica di :

13 SUSSIDIARIETA Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà (art.118 comma 4 della Costituzione)

14 SUSSIDIARIETA Caratteristiche peculiari da valorizzare: autofinanziamento: le APS basano la propria esistenza quasi esclusivamente (90%) su risorse proprie forte capacità imprenditiva Maggiori sono le risorse finanziarie che arrivano dallente pubblico più alta è la probabilità di deimprenditorializzazione dei soggetti di Terzo Settore (prof. Zamagni).

15 CAPITALE SOCIALE il capitale sociale produce a sua volta sviluppo economico in un circolo virtuoso che moltiplica le risorse economiche investite dando come plusvalenza beni relazionali passare dalla misurazione impostata sul PIL ad uno strumento di misurazione che tenga conto dei beni relazionali e dellaumentata qualità della vita che questi producono (BIL) APS produttori di capitale sociale

16 RISORSE ECONOMICHE creazione di un fondo di garanzia regionale per prestiti donore alle realtà di terzo settore accesso al credito agevolato possibilità di accedere a forme di finanziamento per la ristrutturazione o riqualificazione di immobili (es. le vecchie case del popolo) da adibire a sedi comunitarie gestite da associazioni

17 PARTECIPAZIONE Il terzo settore può arricchire i procedimenti decisionali pubblici grazie al suo patrimonio di esperienza e competenza. Del resto la partecipazione si fonda sullidea più generale di democrazia come procedimento che porta allassunzione di decisioni mediante il confronto paritario e costruttivo tra più posizioni. Affinché la partecipazione sia effettiva e possa dare un concreto apporto, il Terzo settore è chiamato ad intervenire in tutto il procedimento, o comunque in una fase in cui sia ancora possibile incidere sul contenuto dellatto. Tratto dalle linee guida sulla partecipazione redatte dallAgenzia del terzo settore

18 PARTECIPAZIONE le APS sono una risorsa per la partecipazione di cittadinanza se la partecipazione è effettiva e in grado di incidere sulle decisioni pubbliche partecipazione anche nelle micro azioni e non solo nelle scelte di sistema al fine di valorizzare anche piccoli gruppi locali

19 WELFARE = BENESSERE sport - cultura - ricreazione come attività di prevenzione produzione di coesione sociale tavoli della prevenzione - progettazione integrata delle opportunità culturali formative, di educazione alla salute e a stili di vita sani promozione di una rete di opportunità - spazi autogestiti - quartieri (o comunità) attivi

20 RESPONSABILITA Registri (semplificazione e dialogo) Protocolli di autoregolamentazione e codici comportamentali Certificazione di qualità Bilanci di missione

21 FORMAZIONE percorsi formativi sulle tematiche gestionali formazione sul valore, ruolo e sul fare associazione formazione congiunta con funzionari delle amministrazioni locali La Regione promuove la formazione, l'aggiornamento e la qualificazione degli operatori e degli associati delle associazioni di promozione sociale, secondo la normativa vigente in materia di formazione professionale e di educazione degli adulti. (Legge Regionale 34/2002, art. 11)

22 EDUCAZIONE CIVICA percorsi formativi allinterno delle scuole superiori sul significato il ruolo e il valore delle forme aggregate dei cittadini tirocini formativi allinterno delle associazioni con possibilità di ottenere crediti formativi periodi obbligatori di frequentazione di organizzazioni del terzo settore da parte di studenti delle quinte classi superiori


Scaricare ppt "2° Conferenza regionale dell'Associazionismo di promozione sociale I RISULTATI DEGLI INCONTRI TERRITORIALI E DEI SEMINARI TEMATICI."

Presentazioni simili


Annunci Google