La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CLARISSE CAPPUCCINE Gianluca Carossino Nicolò Patrone 2H a.s.2010/2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CLARISSE CAPPUCCINE Gianluca Carossino Nicolò Patrone 2H a.s.2010/2011."— Transcript della presentazione:

1 CLARISSE CAPPUCCINE Gianluca Carossino Nicolò Patrone 2H a.s.2010/2011

2 Le Monache Clarisse Cappuccine - in latino Moniales Clarisae Cappucinae - costituiscono un istituto femminile di vita consacrata della chiesa cattolica. Storia Orari Regola Il silenzio per Chiara Il silenzio per Chiara Il lavoro Il lavoro La preghiera La preghiera MONACHE CLARISSE CAPPUCCINE

3 STORIA Le Cappuccine sorsero a Napoli per volontà della nobildonna catalana Maria Longo ( ). Rimasta vedova, la Longo si recò in pellegrinaggio a Loreto, dove decise di entrare nel Terz'Ordine di San Francesco, assumendo il nome religioso di Lorenza. Tornata a Napoli, iniziò con alcune consorelle a dedicarsi alla cura dei malati negli ospedali per poveri della città; nel 1497 fondò l'Ospedale di Santa Maria del Popolo degli Incurabili. Nel 1530 fondò il convento di Sant'Eframo Vecchio, destinato alla prima comunità di Cappuccini napoletani.

4 STORIA Le Clarisse Cappuccine nacquero con la bolla Debitum Pastoralis Officii di papa Paolo III (19 febbraio 1535): la Longo ottenne il benestare per fondare un nuovo monastero femminile: il 30 aprile 1536, poi, una bolla le concedeva di elevare il numero delle monache a 33, in omaggio agli anni di vita terrena di Gesù.Adottarono quindi la Regola di Santa Chiara. Le Cappuccine si diffusero rapidamente in tutta Italia: nel 1576 fondarono una casa a Roma, nel 1578 a Milano; nel 1606 aprirono un convento anche a Parigi.

5 IL SILENZIO PER CHIARA Riguardo al silenzio per Chiara esso assume un valore completamente diverso: Le sorelle osservino il silenzio dallora di compieta fino a terza, eccettuate le sorelle che prestano servizio fuori del monastero. Osservino ancora silenzio continuo in chiesa, in dormitorio e in refettorio soltanto quando mangiano. Si eccettua linfermeria, dove, per sollievo e servizio delle ammalate, sarà permesso alle sorelle di parlare con moderazione. Possano, comunque, sempre e ovunque, comunicare quanto è necessario, ma con brevità e sottovoce. (Regola di S. Chiara 1-4). Non solo, ma nella Regola di Chiara decade il divieto di vedere e di essere viste. La scelta di Chiara è stata una scelta di amore nei confronti di Dio e dei fratelli. Lattenzione e lamore per le Sorelle è stato centrale nella vita di Chiara. In ogni caso ciò che interessava a Chiara era la persona. Una vita vissuta appieno, la sua, che propone la clausura come apertura, il silenzio come ascolto e dialogo. In ogni caso ciò che interessava a Chiara era la persona. Una vita vissuta appieno, la sua, che propone la clausura come apertura, il silenzio come ascolto e dialogo.

6 PREGHIERA Ecco, è ormai chiaro che per la grazia di Dio la più degna tra le creture, l'anima dell'uomo fedele, è il più grande del cielo, poichè i cieli con tutte le altre creature non possono contenere il creatore, mentre la sola anima fedele, è sua dimora. ( dalla III lett. a S.Agnese di S. Chiara)

7 LAVORO Le sorelle alle quali il Signore ha dato la grazia di lavorare, dopo lora terza lavorino con fedeltà e devozione di un lavoro che sia decoroso e di comune utilità, in modo che bandito lozio, nemico dellanima, non estinguano lo spirito della santa orazione e devozione, al quale tutte le altre cose devono servire. Regola di Santa Chiara cap. VII Come chiaro la regola di Santa Chiara, non solo approva il lavoro, ma lo designa con la preghiera

8 REGOLA La Forma di vita dellOrdine delle sorelle povere, istituita dal beato Francesco, è questa: osservare il Santo Vangelo di nostro Signore Gesù Cristo vivendo in obbedienza, senza nulla di proprio, in castità (dalla regola di S. Chiara)

9 ORARI Orario solareOrario solareOrario solareOrario solare Orario legaleOrario legaleOrario legaleOrario legale

10 ORARIO SOLARE Feriale 6:00-7:00 meditazione 7:00-7:30 lodi 7:30-12:00 eucaristia 12:00-15:15 ora sesta 15:15-18:00 ora nona (segue rosario) 18:00-18:30 vespro 18:30-20:35 meditazione 20:35-21:10 uff. letture e compieta Grande silenzio Festivo 7:25-8:00 lodi 8:00-11:30 eucaristia 11:30-12:15 rosario 12:15-16:00 ora sesta 16:00-18:30 ora nona 18:30-20:35 vespro 20:35-21:10 uff. letture e compieta Grande silenzio

11 ORARIO LEGALE Festivo 7:20-8:00 lodi 8:00-9:40 eucaristia 9:40-11:30 ora terza 11:30-12:30 rosario 12:30-16:15 ora sesta 16:15-19:00 ora nona 19: vespro 20:30-21:10 compieta Grande silenzio Feriale 6:00-7:00 meditazione 7:00-7:30 lodi 7:30-12:00 eucaristia 12:00-15:30 ora sesta 15:30-18:00 ora nona 18:00-19:00 meditazione 19:00-20:35 vespro 20:35-21:10 uff.letture e compieta Grande silenzio


Scaricare ppt "CLARISSE CAPPUCCINE Gianluca Carossino Nicolò Patrone 2H a.s.2010/2011."

Presentazioni simili


Annunci Google