La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il sistema Azienda e il contesto regionale: ATTO SECONDO Settembre 2011 Sergio Cortopassi - 2011 nazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il sistema Azienda e il contesto regionale: ATTO SECONDO Settembre 2011 Sergio Cortopassi - 2011 nazionale."— Transcript della presentazione:

1 1 Il sistema Azienda e il contesto regionale: ATTO SECONDO Settembre 2011 Sergio Cortopassi nazionale

2 2 Stiamo attenti, dare fiducia non significa alimentare illusioni; non si da fiducia e non si suscitano le reazioni necessarie, minimizzando o sdrammatizzando i nodi critici della realt à, ma guardandovi in faccia con intelligenza e con coraggio. Il coraggio della speranza, della volont à e dell'impegno. Dell'impegno operoso e sapiente, fatto di spirito di sacrificio e di massimo slancio creativo e innovativo. Giorgio Napolitano Sergio Cortopassi

3 3 Nel 2009 abbiamo discusso di : 1. del sistema sanitario regionale e della sua evoluzione; 2. del Piano Sanitario Regionale 2008 – 2010; 3.della situazione finanziaria del SSN ; 4.del budget aziendale e regionale; 5.delle 4 parole chiave del PSR 2008 – 2010; Franco Del Chiaro vi ha intrattenuto sul sistema di valutazione toscano: … dalle origini fino ai giorni nostri. In realtà….. sono trascorsi appena 7 anni ! Sergio Cortopassi

4 4 Oggi, invece, parleremo di: CONTESTO a) NAZIONALE b) REGIONALE SOCIETA della SALUTE a)LINEE GUIDA REGIONALI b) RAPPORTO con la ASL SISTEMA di VALUTAZIONE b)AZIENDALE a)REGIONALE Sergio Cortopassi c)ZONALE/SdS

5 Sergio Cortopassi

6 6 Levoluzione del Servizio Sanitario in Toscana: dalla competizione alla cooperazione Regione Aziende sanitarie Territoriali Aziende sanitarie Ospedaliere Zona Distretto Regione AREA VASTA ESTAV Aziende sanitarie Territoriali Aziende sanitarie Ospedaliere ZONA/DISTRETTO Società della Salute Sergio Cortopassi

7 7 Levoluzione del Servizio Sanitario in Toscana: dalla competizione (tra aziende) alla cooperazione (di sistema) Rapporto diretto Regione/Aziende Fortissima riduzione del numero delle aziende. Aziende autosufficienti. Estrema articolazione del territorio per la ridotta dimensione dei distretti 2008 Rapporto Regione/ Aziende mediato dallArea Vasta Inalterato il numero delle Aziende con perdita di funzioni a vantaggio del livello di Area Vasta e Zona/Distretto Ricompattazione del territorio con coincidenza Zona/Distretto: i Comuni possono rientrare nel Governo dei servizi socio- Sanitari integrati 2005 Il valore della mobilità infraregionale dovrà essere mantenuto pari a quello iscritto nel Bilancio di esercizio 2005 Sergio Cortopassi

8 8 PSR 2008/2010: I cardini del Sistema Sanitario Toscano la SOSTENIBILITA ECONOMICA l APPROPRIATEZZA del Sistema nella sua interezza Sergio Cortopassi

9 Art La programmazione di area vasta 3. In ciascuna area vasta è costituito un comitato, composto dai direttori generali delle aziende sanitarie facenti parte dell'area e dal direttore dell'ente per i servizi tecnico- amministrativi di area vasta di cui all articolo Il comitato è presieduto da un coordinatore, individuato dal Presidente della Giunta regionale tra i direttori generali delle aziende sanitarie dell'area vasta. articolo 100 Sergio Cortopassi Art. 71 septies - Giunta esecutiva (della SdS) 1.La giunta esecutiva è composta di tre componenti, salva diversa composizione stabilita dallo statuto; ne fanno parte il presidente ed il direttore generale dellazienda unità sanitaria locale o suo delegato; i restanti componenti sono eletti dalla assemblea dei soci al proprio interno. Art Consiglio direttivo (dellESTAV) 1. Il consiglio direttivo è composto dai direttori generali delle aziende sanitarie incluse nella corrispondente area vasta. LASL quale elemento di stabilità del sistema

10 Che cosa è cambiato in questi due anni? 10 In peggio il contesto di finanza pubblica: nazionale; regionale; comunale. Ciò significa minori risorse per: REGIONI COMUNI per il SSN e le attività sociali Sergio Cortopassi

11 11 Quell'autentica svolta che oggi s'impone passa, naturalmente, attraverso il sentiero stretto di un recupero di affidabilità dell'Italia, in primo luogo del suo debito pubblico. E qui non si tratta di obbedire al ricatto dei mercati finanziari, o alle invadenze e alle improprie pretese delle autorità europee, come dicono alcuni, forse troppi. Si tratta di fare i conti con noi stessi, finalmente e in modo sistematico e risolutivo. Giorgio Napolitano Ho detto e ripeto che lasciare quell'abnorme fardello del debito pubblico sulle spalle delle generazioni più giovani e di quelle future significherebbe macchiarci di una vera e propria colpa storica e morale. Giorgio Napolitano Sergio Cortopassi

12 E IN QUESTO CONTESTO CHE ….. 12 OCCORRE VALUTARE LEVOLUZIONE DEL SISTEMA SANITARIO TOSCANO Chiaramente dobbiamo riflettere nella prospettiva di dover rinunciare lanno prossimo a 350 milioni di euro, che equivalgono ai servizi di una Asl di media dimensione. In questo contesto è importante pensare a una riorganizzazione dei servizi sanitari e in particolare degli ospedali. La sanità cambia di continuo: serve una rete di ospedali e non tanti ospedali fotocopia a poca distanza luno dallaltro. (….) In questo quadro, non escludo neppure una riflessione sui servizi sociali e socio-sanitari. D.Scaramuccia, Assessore regionale al Diritto alla Salute Il Tirreno, Sergio Cortopassi

13 13 Tagli alla sanità per 7 miliardi. Piani di rientro per tutti 14 luglio 2011 ROMA – Giornata di fuoco ieri nella capitale per i presidenti delle Regioni e per gli assessori al bilancio chiamati a discutere della manovra finanziaria nella Conferenza straordinaria convocata dal presidente Vasco Errani. Dopo una prima riunione mattutina nella quale le Regioni pur condividendo la necessità di una manovra correttiva da approvarsi in tempi ristrettissimi per rispondere in termini autorevoli alla speculazione finanziaria, hanno chiesto un incontro con il ministro Tremonti per fare il punto sulla situazione in vista degli enormi tagli allorizzonte. La manovra approvata – si afferma – pone il peso maggiore dei tagli alla spesa pubblica sulle Regioni. Il concorso alla manovra delle autonomie locali è di miliardi di euro (tra il 2011 e il 2014) di cui in termini strutturali ben miliardi sono a carico delle sole Regioni. Sergio Cortopassi

14 14 Condividiamo il senso di responsabilità e che la manovra venga approvata perché occorre bloccare un attacco al Paese. Per questo abbiamo presentato pochi emendamenti. Ma sul merito il nostro giudizio resta chiaro: la manovra porta le regioni a non essere in grado di svolgere le loro funzioni perché il taglio pesa 47% sulle regioni stesse. Il taglio di oltre sette miliardi, per il , alla sanità, porterà tutte le Regioni a dover fare piani di rientro e metterà in discussione i livelli essenziali di assistenza. Abbiamo proposto – ha spiegato – di istituire una Commissione sugli sprechi. Le Regioni sono pronte a decidere insieme quali sono i servizi che la Repubblica è in grado di fornire, non si può andare avanti in una situazione in cui tutto questo non è chiaro. Con questa manovra il federalismo fiscale non è attuabile – ha concluso Errani – Serve una verifica complessiva sui decreti attuativi del federalismo e sulla legge delega. Non si può parlare di federalismo ed essere, al tempo stesso, in una situazione così critica. Intanto proprio sul tema della sanità, così duramente colpita, le organizzazioni sindacali dei medici dirigenti dipendenti, dei medici convenzionati, dei pediatri di libera scelta, dei medici dellospedalità privata e dei dirigenti sanitari, veterinari e amministrativi del Ssn hanno confermato lo stato di agitazione Sergio Cortopassi

15 15 Ok dal Cdm al "Premi e Sanzioni". Se la Sanità è in rosso gli amministratori vanno a casa 28 Luglio 2011 Se i conti della sanità sono in dissesto gli amministratori locali vanno a casa: dal Presidente regionale fino al management delle Asl. Questa una delle novità più importanti del decreto Premi e sanzioni, compreso nel pacchetto sul Federalismo fiscale, approvato oggi in Cdm. Sanzioni, fino alla sfiducia, per i ministri che non rispettano i cosi standard. Premi invece per gli enti locali virtuosi e che adottano politiche di contrasto allevasione fiscale.decreto Premi e sanzioni, Il provvedimento – si legge nel comunicato del Governo dopo lapprovazione in Cdm – è diretto a rafforzare la responsabilizzazione, la trasparenza e leffettività del governo delle autonomie territoriali ed introduce fra laltro la relazione di fine legislatura, o mandato, che costituisce un rendiconto finale dellattività svolta, vero e proprio strumento pubblico di controllo democratico nei confronti degli amministratori regionali e locali, in vista delle successive elezioni. Sergio Cortopassi Il decreto legislativo n.149 del 6 settembre 2011 introduce nel nostro ordinamento i meccanismi sanzionatori e premiali per Regioni, Province e Comuni.

16 16 Alcuni punti del decreto Premi e Sanzioni. Incandidabilità per 10 anni a qualsiasi carica pubblica e rimozione per responsabilità politica dallincarico per i governatori la cui Regione ha i conti sanitari in dissesto. La rimozione dei presidenti potrebbe scattare qualora si verificassero tre fattispecie: qualora il governatore-commissario non avesse redatto o non applicato il Piano di rientro; qualora la verifica annuale del piano non dovesse raggiungere gli obiettivi; qualora per due anni di seguito dovessero essere applicate le maggiorazioni delle addizionali Irpef e Irap a causa dellinsuccesso dell'azione di risanamento. Decadenza automatica dei direttori generali e, previa verifica delle rispettive responsabilità del dissesto, dei direttori amministrativi e sanitari degli enti del Servizio sanitario regionale, del dirigente responsabile dell'assessorato regionale competente, nonché dei componenti del collegio dei revisori di conti. Prevista anche per queste figure linterdizione per 10 anni da qualsiasi carica in enti vigilati o partecipati da enti pubblici. Sergio Cortopassi

17 17 In questo contesto, due domande obbligate: 1. Lattuale modello organizzativo è adeguato per fronteggiare il contesto di finanza pubblica delineatosi in questi ultimi mesi? Abbiamo già visto una prima risposta dellAss. Regionale, avremo tra poco loccasione di valutare una considerazione di un Sindaco. 2. Con i vincoli di bilancio che abbiamo e con i nostri andamenti demografici, può lItalia permettersi una sanità pubblica incondizionatamente gratuità? Sergio Cortopassi

18 18 Oltre alle categorie esenti, restano esclusi dal pagamento tutti coloro con reddito inferiore a ,98 euro (autocertificato o ISEE). Le fasce e il ticket corrispondente: da ,98 a euro: 1 euro a confezione, fino a un massimo di 2 euro per ricetta; da a euro: 2 euro a confezione, fino a un massimo di 4 euro per ricetta; oltre euro: 3 euro a confezione, fino a un massimo di 6 euro per ricetta. Ticket sui farmaci Da martedì 23 agosto 2011 aumenta il costo dei ticket sui farmaci e delle visite specialistiche ambulatoriali Sergio Cortopassi

19 19 Da domani parte la revisione parziale del nomenclatore tariffario, fermo dal 97, per avvicinarlo alla media italiana. Le visite generali passeranno da 18,60 a 22 euro, quelle di controllo da 12,90 a 20 euro. Il costo di tutte le prestazioni specialistiche di ambulatorio subirà un arrotondamento allunità superiore (per esempio, se limporto da pagare è di da 18,20 euro si pagheranno 19 euro). Come per i farmaci restano esclusi dal pagamento tutti coloro con reddito inferiore a ,98 euro (autocertificato o ISEE). Lesclusione riguarda inoltre le ricette di valore non superiore ai 10 euro e gli esenti per le prestazioni specialistiche. Le fasce e il ticket da pagare per ricetta (tutte le prestazioni escluse Risonanza magnetica e TAC): da , euro: 5 euro; da euro: 10 euro; oltre euro: 15 euro. Le fasce e il ticket da pagare per ricetta per Risonanza magnetica e TAC: da , euro: 10 euro; da euro: 24 euro; oltre euro: 34 euro. Per la libera professione (intramoenia) è previsto un contributo aggiuntivo sulle prestazioni modulato a seconda del valore della prestazione stessa. Niente cambia per il Pronto soccorso, per il quale continuerà ad essere applicata la delibera della giunta regionale 534 del 2007, che prevede un ticket di 25 euro per i codici bianchi e azzurri. Visite specialistiche Sergio Cortopassi

20 20 Lettera di Budget Il contesto regionale: il Bilancio di previsione Gli accordi Governo - Regioni La Manovra Finanziaria del Governo che ha già interessato la Sanità nel 2010 con un impatto di riduzione sul Fondo pari a 35 M fa prevedere per il 2011 una riduzione pari 40 M cui si aggiunge la riduzione della quota statale sul fondo per la non autosufficienza pari a circa 27M 1.2 Le disposizioni regionali in tema di Bilancio di previsione Il Documento regionale che detta le linee guida per la predisposizione del Bilancio 2011 indica complessivamente obiettivi di snellimento dei costi di funzionamento, e ritiene opportuno impegnare anche le Aziende Sanitarie al rispetto del blocco assunzione personale amministrativo, ovvero alla riassunzione di un numero pari a 2 su 10 cessati, alla riduzione del 10% delle spese generali di funzionamento degli Enti, nonché alla presentazione di un piano occupazionale per la garanzia delle assunzioni necessarie a mantenere i livelli essenziali di assistenza. In relazione alle specificità del settore e alla rilevanza in esso della formazione, ritiene di mantenere indenne la Sanità da tagli disposti dalla manovra in materia di Formazione. La giunta ritiene di non applicare la riduzione della quota statale sul fondo per la non autosufficienza e si impegna inoltre a mantenere gli investimenti in Sanità in una misura di 100 milioni al netto del Patto di Stabilità. Sergio Cortopassi

21 21 Lettera di Budget Il contesto aziendale 2.1 Le risorse assegnate In attesa delle linee guida regionali per la redazione del bilancio 2011 si ritiene di programmare le attività sulla base dei vincoli economici Sergio Cortopassi

22 22 La legge regionale del 24 febbraio 2005, n.40 che disciplina il servizio sanitario della Toscana, è stata recentemente modificata. I due oggetti fondamentali di tale revisione sono le Società della salute ed il nuovo Piano sanitario e sociale integrato regionale, che costituiscono l'attuazione e lo sviluppo di previsioni già presenti nella riforma del L'art.18, comma 3, infatti, impegnava la Regione alla unificazione dei due strumenti principali della programmazione socio-sanitaria in Toscana, il piano sanitario regionale (Psr) ed il piano integrato sociale regionale (Pirs), mentre l'art. 65, rubricato "Modelli sperimentali per la gestione dei servizi sanitari territoriali – Società della salute" offriva una prima copertura legislativa alla sperimentazione delle società della salute, avviata con la deliberazione del Consiglio regionale n. 155 del La previsione, a partire dalla prossima legislatura, di un unico piano sanitario e sociale integrato, in luogo dei due precedenti piano sanitario regionali e piano integrato sociale regionale e la disciplina puntuale della società della salute, sia degli aspetti organizzativi interni che di quelli relativi alla interazione/integrazione con le aziende unità sanitarie locali (e con i comuni), hanno imposto, per ragioni di coerenza, la revisione e l'aggiustamento, operata con la LR 60 del 10 novembre 2008 "Modifiche alla legge LR 40/2005", di numerosissimi articoli (62 su 135, norme transitorie escluse), anche se si è trattato spesso di modifiche ed integrazioni molto parziali e circoscritte. Disciplina del servizio sanitario regionale – LR 40/2005 Sergio Cortopassi

23 23 Art Definizioni 1. Ai fini della presente legge si intende: a) per area vasta, la dimensione operativa a scala interaziendale, individuata come livello ottimale per la programmazione integrata dei servizi e per la gestione in forma unitaria di specifiche attività tecnico amministrative delle aziende sanitarie; f) per budget, il sistema di obiettivi e risorse attribuite al responsabile di una struttura organizzativa o di un livello gestionale, il quale è tenuto a rendicontare il raggiungimento degli obiettivi ed il corretto utilizzo delle risorse; o bis) per piano sanitario e sociale integrato regionale, latto unico di programmazione regionale che comprende lassistenza sanitaria, sociale e socio-sanitaria integrata; s bis) per società della salute, la modalità organizzativa di un ambito territoriale di zona-distretto costituita in forma di consorzio tra lazienda unità sanitaria locale ed i comuni per lesercizio associato delle attività sanitarie territoriali, socio-sanitarie e sociali integrate; u bis) per valutazione, il complesso degli strumenti che la Regione e i soggetti del sistema adottano per verificare il raggiungimento degli obiettivi della programmazione, ossia i risultati conseguiti misurabili in termini di livelli di salute della popolazione, efficacia e qualità delle cure, appropriatezza ed efficienza dei servizi erogati; Sergio Cortopassi

24 24 Art Piani integrati di salute 1. Il piano integrato di salute, di seguito denominato PIS, è lo strumento di programmazione integrata delle politiche sanitarie e sociali a livello di zona-distretto. Capo III bis - Società della salute Art. 71 bis - Società della salute: finalità e funzioni 1. I comuni, compresi negli ambiti territoriali della medesima zona-distretto, e le aziende unità sanitarie locali, fermo restando il rispetto dei livelli essenziali ed uniformi di assistenza ed il libero accesso alle cure, costituiscono, con le modalità di cui allarticolo 71 quater, comma 1, appositi organismi consortili denominati società della salute, al fine di: a) consentire la piena integrazione delle attività sanitarie e socio-sanitarie con le attività assistenziali di competenza degli enti locali, evitando duplicazioni di funzioni tra gli enti associati; b) assicurare il governo dei servizi territoriali e le soluzioni organizzative adeguate per assicurare la presa in carico integrata del bisogno sanitario e sociale e la continuità del percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale; c) rendere la programmazione delle attività territoriali coerente con i bisogni di salute della popolazione; d) promuovere linnovazione organizzativa, tecnica e gestionale nel settore dei servizi territoriali di zona-distretto. e) sviluppare lattività e il controllo sia sui determinanti di salute che sul contrasto delle disuguaglianze, anche attraverso la promozione delle attività di prevenzione, lo sviluppo della sanità di iniziativa, il potenziamento del ruolo della medicina generale e delle cure primarie. Sergio Cortopassi

25 25 Art La programmazione di area vasta 1. Le aziende unità sanitarie locali e le aziende ospedaliero-universitarie concorrono, nella specificità propria del ruolo e dei compiti di ciascuna, allo sviluppo a rete del sistema sanitario attraverso la programmazione interaziendale di area vasta; i contenuti e gli obiettivi principali della programmazione di area vasta sono definiti dal piano sanitario e sociale integrato regionale del quale assumono i riferimenti temporali. Sergio Cortopassi

26 26 2. La società della salute è costituita in forma di consorzio, ai sensi della vigente normativa in materia di enti locali, tra lazienda unità sanitaria locale ed i comuni per lesercizio delle attività sanitarie territoriali, socio-sanitarie e sociali integrate. Sergio Cortopassi a) indirizzo e programmazione strategica delle attività ricomprese nel livello essenziale di assistenza territoriale previsto dal piano sanitario e sociale integrato nonché di quelle del sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza degli enti locali; b) programmazione operativa e attuativa annuale delle attività di cui alla lettera a), inclusi la regolazione e il governo della domanda mediante accordi con le aziende sanitarie in riferimento ai presidi ospedalieri e con i medici prescrittori che afferiscono alla rete delle cure primarie; c ) organizzazione e gestione delle attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e delle altre prestazioni sanitarie a rilevanza sociale di cui allarticolo 3 septies, comma 3 del decreto delegato, individuate dal piano sanitario e sociale integrato regionale; d) organizzazione e gestione delle attività di assistenza sociale individuate ai sensi degli indirizzi contenuti nel piano sanitario e sociale integrato regionale; e) controllo, monitoraggio e valutazione in rapporto agli obiettivi programmati. 3. La società della salute esercita funzioni di:

27 27 Art. 71 quinquies - Organi della società della salute 1. Sono organi della società della salute: a) lassemblea dei soci; b) la giunta esecutiva; c) il presidente; d) il direttore; e) il collegio sindacale. Sergio Cortopassi

28 28 Capo IV - Enti per i servizi tecnico-amministrativi di area vasta Art Istituzione e natura giuridica 1. Per l'esercizio delle funzioni tecniche, amministrative e di supporto delle aziende sanitarie sono istituiti gli Enti per i servizi tecnico-amministrativi di area vasta (ESTAV): a) ESTAV dell'Area vasta nord-ovest; b) ESTAV dell'Area vasta centro; c) ESTAV dell'Area vasta sud-est. Sergio Cortopassi

29 29 Art Competenze e attribuzioni 1.Gli ESTAV sono competenti in materia di: Sergio Cortopassi a) approvvigionamento di beni e servizi; b) gestione dei magazzini e della logistica; c) gestione delle reti informative e delle tecnologie informatiche, con particolare riguardo alla integrazione ed alla organizzazione del Centro unificato di prenotazione (CUP); d) gestione del patrimonio per le funzioni ottimizzabili in materia di manutenzione, appalti e alienazioni; e) organizzazione e gestione delle attività di formazione continua del personale; f) gestione delle procedure concorsuali e selettive in materia di personale; g) gestione delle procedure per il pagamento delle competenze del personale.

30 Quote di partecipazione nella SdS: 30 Asl – 1/3 Comuni – 2/3 Vincolo per tutti i soggetti partecipanti alla SdS: PAREGGIO DI BILANCIO Sergio Cortopassi

31 Le parole chiave della SdS: INTEGRAZIONE tra Sociale e Sanitario nella SOCIETA della SALUTE nel PIANO SANITARIO e SOCIALE INTEGRATO nel PIANO INTEGRATO di SALUTE Strumenti di programmazione a livello regionale e locale Organizzazione a livello territoriale Sergio Cortopassi

32 Le parole chiave della SdS: COORDINAMENTO delle risorse rese disponibili dai Comuni e dalle Aziende Sanitarie dei Comuni e delle Aziende Sanitarie nel governo delle attività sanitarie e sociali territoriali Orizzonte di governo che supera la dimensione comunale per spostarsi sul livello di area sovracomunale Sergio Cortopassi

33 Le parole chiave della SdS: 33 3.NON DUPLICAMENTO DELLE FUNZIONI 4.CONTENIMENTO DEI COSTI Taglio della spesa pubblica Sergio Cortopassi

34 34 D.Scaramuccia:Quello dellESTAV è un ruolo cruciale LESTAV è un organismo di grande importanza, garanzia di QUALITA, INNOVAZIONE, RISPARMIO. E la dimostrazione della nostra capacità di fare SISTEMA. ESTAV Centro, nel 2010 un risparmio di 81 milioni sulle gare Sergio Cortopassi

35 35 MENO POLTRONE NELLA SANITA Il Sindaco Berti vuol risparmiare: dimezziamo le Società della Salute. Si è parlato di dimezzamento, ma in realtà se le Società della Salute fossero una per Asl, sarebbero in tutto 13. E in ogni Asl ci sarebbe ununica zona distretto, con un unico direttore e un unico staff, contro i cinque attuali di Firenze o i tre di Livorno e Pisa o i due che abbiamo a Pistoia. Ci sarebbero ricadute organizzative a cascata sullorganizzazione delle zone, che consentirebbero dei risparmi allinterno Delle singole Asl. Ma quello che mi sta a cuore è soprattutto unaltra considerazione… La necessità di equilibrare il sistema? Esatto. Nella sanità di oggi è fondamentale il dialogo tra lospedale, dove ci si cura nella fase acuta della malattia, e le strutture sanitarie del territorio, che si occupa di prevenzione e assistenza. Il territorio assorbe oltre la metà delle risorse sanitarie complessive ma è governato a livello di zone-distretto; lospedale fa riferimento invece a un governo di area vasta, che addirittura accorpa più Asl. Sono realtà molto diverse, lospedale è molto più forte del territorio. Invece, riducendo le Società della Salute, i pesi sarebbero più equilibrati Il Tirreno, 30 luglio 2011 Sergio Cortopassi

36 La deliberazione GRT n.243/ Approvazione disposizioni operative per il funzionamento delle Società della Salute in Toscana. Modifica DGRT n.1265 del 28 dicembre Precisato che, nellambito di tale processo di stabilizzazione, occorre tenere conto del principio di non duplicazione delle funzioni e di contenimento dei costi a carico dei soggetti del sistema sanitario regionale; Visto il documento di cui allallegato A), parte integrante e sostanziale del presente atto, Disposizioni operative per il funzionamento delle Società della Salute in Toscana, che dà indicazioni in ordine a: a. Funzioni e risorse b. Programmazione delle Società della Salute c. Sistemi informativi d. Formazione e. Comunicazione e informazione f. Partecipazione g. Coordinamento tecnico delle Società della Salute h. Valutazione delle performance delle Società della Salute e incentivazione dei direttori ; Sergio Cortopassi

37 Allegato A): 37Sergio Cortopassi

38 38Sergio Cortopassi

39 39Sergio Cortopassi

40 40Sergio Cortopassi

41 41Sergio Cortopassi

42 42Sergio Cortopassi

43 43Sergio Cortopassi

44 44Sergio Cortopassi

45 45Sergio Cortopassi

46 46Sergio Cortopassi

47 2011 Che faremo? 47Sergio Cortopassi

48 48 La Sanità è stata interessata dalla Manovra Finanziaria del Governo con un impatto di riduzione sul Fondo pari a 35 M per il 2010 e 40 per il 2011 cui si aggiunge la riduzione della quota statale sul fondo per la non autosufficienza pari a circa 27M già dal Ciò a fronte di un trend di crescita che nel precedente triennio si è assestato sul 3% annuo. Nonostante ciò, gli importanti processi riorganizzativi, che già nel 2010 hanno impegnato i Direttori Generali delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere, consentiranno di chiudere i bilanci del corrente anno in pareggio e di prevedere analoghi risultati anche per il Verso il 2011 Documento preliminare alla legge di bilancio di previsione per l'anno 2011 e pluriennale 2011/2013 e documento preliminare alla legge finanziaria 2011, ai sensi dellart. 48 dello statuto della regione toscana. ( delibera 17 del 27/09/2010) Tuttavia, anche al fine di favorire il raggiungimento di tali risultati, in sintonia con gli obiettivi di snellimento dei costi di funzionamento complessivamente perseguiti, la Giunta ritiene opportuno impegnare anche le Aziende Sanitarie al rispetto del blocco assunzione personale amministrativo, ovvero alla riassunzione di un numero pari a 2 su 10 cessati, alla riduzione del 10% delle spese generali di funzionamento degli Enti, nonché alla presentazione di un piano occupazionale per la garanzia delle assunzioni necessarie a mantenere i livelli essenziali di assistenza. In relazione alle specificità del settore e alla rilevanza in esso della formazione, si ritiene di mantenere indenne la Sanità da tagli disposti dalla manovra in materia di Formazione. La Giunta si impegna inoltre a mantenere gli investimenti in Sanità in una misura di 100 milioni al netto del Patto di Stabilità. (2.8 Lequilibrio dei conti sanitari regionali ) Sergio Cortopassi

49 49 LORGANIZZAZIONE AZIENDALE Sergio Cortopassi

50 50 (*) Struttura Semplice (§) ad esaurimento Sergio Cortopassi

51 51 (*) Struttura Semplice (§) ad esaurimento Sergio Cortopassi

52 52Sergio Cortopassi

53 53 (*) Struttura Semplice (§) Struttura complessa ad esaurimento (**) da attivare c/o AOUP (***) Fa riferimento professionale alla Direzione Amministrativa Sergio Cortopassi

54 54 (*) Struttura Semplice (§) Struttura Complessa ad esaurimento (1) Dipende direttamente dal DS Sergio Cortopassi

55 55 E costituto Dipartimento coordinamento tecnico delle funzioni amministrative a supporto delle Direzioni Amministrative di Zona. Competenze: - Messa a punto di procedure omogenee per la gestione delle attività di supporto amministrativo alle funzioni di alta integrazione (assistenza sociale, sert, salute mentale, assistenza anziani e minori) nonché la definizione di criteri omogenei per la rilevazione contabile di tutte le attività ad elevato contenuto socio sanitario. Gestione delle procedure relative allanagrafe assistiti Gestione della normativa relativa allesenzioni tickets Gestione delle procedure relative allassistenza protesica, integrativa e riabilitazione, sulla base della normativa vigente Gestione delle procedure relative al CUP Iscrizione, scelta e revoca del medico convenzionato Altre procedure amministrative Art. 42 Dipartimento di coordinamento tecnico delle funzioni amministrative Sergio Cortopassi

56 56 Sistema di Valutazione della Performance del Sistema Sanitario Toscano. Il contesto sanitario è per sua natura complesso. Per valutare correttamente i risultati ottenuti rispetto alle risorse disponibili è necessario disporre di un sistema multidimensionale di valutazione, capace di evidenziare le performances ottenute dai soggetti del sistema considerando diverse prospettive. I risultati economico finanziari evidenziano solo la capacità di spesa ma non la qualità dei servizi resi, l'efficienza e l'efficacia delle attività svolte. Con queste premesse è stato implementato nel sistema sanitario regionale un sistema per la valutazione della performance multidimensionale, capace di: misurare i risultati ottenuti dalle aziende operanti nel sistema; superare l'autoreferenzialità dei singoli soggetti facilitando il confronto ; attivare processi di miglioramento per apprendere e innovare. Il sistema di valutazione della performance è adottato da tutte le Aziende Sanitarie della Toscana e supporta i processi di programmazione strategica e di controllo della Regione.

57 57 Il sistema di valutazione è stato avviato nel 2004, e dopo un periodo di rodaggio, la prima presentazione dei dati conseguiti dalle aziende nel 2006 è stata fatta nel Da allora, il Report è diventato uno strumento fondamentale per valutare la capacità delle aziende di perseguire gli obiettivi indicati dalla Regione, e, in sostanza, uno strumento insostituibile di governo della sanità. Nel 2010, la performance complessiva della sanità toscana è stata molto positiva, si sono attenuate le differenze tra le diverse aziende, con un avvicinamento a una sostanziale equità, e negli ultimi tre anni si è registrato un progressivo miglioramento su oltre il 60% degli indicatori monitorati. Il sistema di valutazione della performance della sanità toscana, giunto alla sua quinta edizione, si conferma un punto di riferimento consolidato del sistema che, nel tempo, si è esteso anche fuori dai confini regionali – dice lassessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – Il monitoraggio e il confronto delle performance, la valorizzazione dei risultati migliori e la programmazione basata sui bisogni reali delle persone sono fondamentali per il nostro sistema sanitario pubblico. La cultura della misurazione dei risultati, il miglioramento continuo dei processi organizzativi e del servizio finale dovranno sempre più consapevolmente caratterizzare lattività di una pubblica amministrazione evoluta e al servizio dei cittadini. Lopportunità, che ci viene dal nuovo Piano sanitario e sociale integrato, di una programmazione unica fra sanitario e sociale, permetterà di affrontare congiuntamente problemi di salute determinati da fattori diversi. UNA BUONA NOTIZIA: La sanità toscana centra il bersaglio anche nel 2010 Sergio Cortopassi

58 58Sergio Cortopassi

59 59Sergio Cortopassi

60 60Sergio Cortopassi

61 61Sergio Cortopassi

62 62Sergio Cortopassi

63 63Sergio Cortopassi

64 64Sergio Cortopassi

65 65 Il sistema di valutazione della performance delle Società della Salute/zone-distretto della sanità toscana Report 2009 Per le SdS/zone-distretto le dimensioni di valutazione coincidono in buona parte con quelle aziendali e sono: a) Valutazione della salute della popolazione e caratteristiche socio-demografiche: b) Valutazione della capacità di perseguimento delle strategie regionali: c) Valutazione socio-sanitaria: d) Valutazione esterna: e) Valutazione interna: f) Valutazione economico-finanziaria e di efficienza operativa:

66 Sergio Cortopassi

67 Sergio Cortopassi

68 Sergio Cortopassi

69 69 Lettera di Budget Gli obiettivi annuali dellAzienda USL di Pisa Sono il risultato di: declinazione di indicatori di performance MeS con particolare riferimento alla valutazione sanitaria e alle strategie regionali cui si aggiungono gli specifici obiettivi del Direttore Generale Obiettivi di contenimento della spesa derivanti da vincoli regionali, accordi darea vasta e in parte da obiettivi MeS Obiettivi strategici dellazienda Obiettivi di Qualità 4. La verifica dei risultati di budget Tutte le strutture aziendali, sanitarie, sociali, tecnico-amministrative e dello staff, sono titolari di scheda di budget e, di conseguenza, inserite nel processo di valutazione dei risultati. Sergio Cortopassi

70 70 Lettera di Budget Le modalità di valutazione ed i risultati attesi Obiettivi MeS (A) Hanno un peso relativo indicativo del 40 % Per la valutazione del risultato si percentualizza il peso in ragione del grado di raggiungimento dellobiettivo Costi (B) Hanno un peso relativo indicativo del 30 % Lo scostamento dell1% in più dal budget assegnato non comporta alcuna penalizzazione. Per gli scostamenti da budget superiori all1 % e fino ad un massimo del 10 % la penalizzazione è proporzionata al grado di scostamento. Oltre il 10 % di scostamento dal budget il peso diviene uguale a Strategie aziendali (C) Hanno un peso relativo indicativo del 10 % Qualità (D) Hanno un peso relativo indicativo del 20 % Il risultato conseguito da ogni struttura relativamente ad ogni singolo obiettivo. I valori, derivanti dalla somma dei risultati dei singoli obiettivi, sopra il 93 % sono considerati come risultato pieno, ovvero 100 %. Le valutazioni tra il 92 % ed il 50 % sono percentualizzate sul peso, sotto il 50 % di risultato il peso diviene 0. Sergio Cortopassi

71 71 Lettera di Budget Verifiche e valutazione complessiva Le verifiche degli obiettivi A e B avvengono mediante i flussi informativi aziendali e sono periodicamente aggiornate e disponibili nella intranet aziendale Le verifiche degli obiettivi C e D sono affidate ai Gruppi Interni di Verifica. Per le UO/UF ospedaliere, territoriali e del Dipartimento di Prevenzione il risultato finale è dato dalla somma di A + B + C + D Per le UO di Staff, dellAF Amministrativa e Tecnica il risultato finale corrisponde alla valutazione D. 4.2 Il monitoraggio degli obiettivi Landamento di tutti gli obiettivi di budget viene verificato: a livello aziendale: mediante reportistica periodica trasmessa dallUO Controllo di Gestione e due verifiche intermedie effettuate dalla Direzione nei mesi di maggio/giugno e settembre/ottobre; a livello di struttura: mediante riunioni periodiche, almeno quattro nel corso dellanno, con gli operatori per la condivisione degli obiettivi, la verifica dellandamento e la valutazione dei risultati finali. Anche questanno lo stile di direzione viene valutato anche dai comportamenti organizzativi, specificatamente indicati nelle schede di budget allinterno della scheda Obiettivi Qualità Sergio Cortopassi

72 72 MES Obiettivi Aziendali e Regionali Accreditamento Istituzionale (1-10) Valutazione Interna ed Esterna (16-19) La Sicurezza (20-22) Progetti Speciali (43-45) La valutazione della mia struttura: La SCHEDA GruppoNroObiettivoResp.leRisorseIndicatoreStandardPeso I gruppi Sergio Cortopassi

73 73 UO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GruppoNroObiettivoIndicatoreStandardPeso MES VALUTAZIONE INTERNA (E) E2Percentuale di assenzaRilevazione quadrimestrale4,80%4 E3Tasso di infortuni dei dipendentiRilevazione quadrimestrale3,603 Subtotale MES7 Obiettivi Aziendali e Regionali 1 Informatizzazione protocollo aziendale (In collegamento con l'obiettivo specifico dell'UO SI Nr. 8 e con l'obiettivo aziendale dell'UO GAE Nr. 2) Cronoprogramma concordato con UO SI e UO GAE Rispetto dell'80% del cronoprogramma 4 2 Aggiornamento sito aziendale con conseguente corretta applicazione normativa su lib.prof.li e comunicazioni di legge Censimento dei fornitori di dati entro aprile e messa a regime entro giugno e/o in relazione alle scadenze di legge aprile e/o a scadenza di legge, 100% 5 3Certificazione di bilancio Soddisfacimento nei tempi delle richieste della società di revisione. 100%5 4 Pocedura per corretta gestione dei debiti informativi sul sito aziendale (anche affari Generale e Comunicazione) Definizione procedura in formato qualità settembre Contabilità Invio mensile schema di monitoraggio conti come da procedura gestionale e delibera programmatica 2011 (report mensile monitoraggio costi personale e fondi), come da procedura attuativa del controllo digestione trasmissione report entro 10gg dall'elaborazione degli stipendi 7 Fondi finalizzati: produzione report da gestionale di contabililtà Relazione UUOO COAN/GEF in merito alla corretta alimentazione 2 6Reportistica Report mensile sull'utilizzo dello straordinario per struttura Evidenza documentale dell'invio di nr. 12 reports 4 Sergio Cortopassi

74 74 UO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GruppoNroObiettivoIndicatoreStandardPeso Accreditamento Istituzionale (1-10) 4 Gestione PG A.08.AA: Gestione documentazione relativa a titoli di studio e professionali Nr. fascicoli trattati/su fascicoli da trattare 100% (rilevazione quadrimestrale) 2 Gestione PG A.55.AA: Modalità di redazione degli atti deliberativi Come da procedura 3 Gestione PG A.09.AA: Gestione documentazione aggiornamento prof.le Nr. fascicoli trattati e documenti inseriti/fascicoli da trattare e documenti da inserire 100% (rilevazione quadrimestrale) 2 Gestione PG A.11.AA: Modalità di inserimento del personale neo-assunto ProceduraApplicazione2 Gestione PG A.38.AA: Modalità di gestione Ciclo Personale ProceduraApplicazione1 Gestione PG A.43.AA: Modalità di costituzione e gestione dei fondi contrattuali per il Personale dipendente Come da procedura 1 7 Tutela: a) tempi di risposta b) azioni di miglioramento proposte c) gestione atti amm.vi-legge 241/90 Nr. risposte reclami <20 gg/Nr. totale reclami ricevuti >=85%1 % azioni di miglioramento proposte >=40%1 Nr. richieste evase entro i tempi prescritti dalla procedura generale/Nr. totale richieste trasmesse dall'URP 100%1 Valutazione Interna ed Esterna (16-19) 16 Indagine di Clima Interno: Azioni di miglioramento % individuazione azioni di miglioramento* >=70%1 19 Comportamenti organizzativi: a) gestione della formazione (MAC/08) Invio all' UO SIF del MAC/08 di tutti i nominativi degli operatori della struttura con i corsi effettuati Dicembre Verbali 4 incontri di Budget: pre, post più due verifiche intermedie 100%1 Trasmissione nr. 3 monitoraggi all' UO CdG entro i tempi stabiliti 100%1 Effettuazione nr. 4 verifiche annuali 100%2 Sergio Cortopassi

75 75 UO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GruppoNroObiettivoIndicatoreStandardPeso La Sicurezza (20-22) 21 Rischio Clinico: 5. Mappa di Rischiosità Aziendale Invio entro il mese di marzo dei dati di competenza Ricevuta di avvenuta trasmissione mese marzo 1 Progetti Speciali (43-45) 45 Qualità e flessibilità degli orari in sanità (In colegamento con l'obiettivo del Resp. del Dip. Prev.ne e delle seguenti UUOO OPP, SIF, Med. Occ.le, Coord. Tec. San., Coord. Infer., GEF Nr. 45) Acquisizione richieste e formalizzazione contratti part- time Evidenza documentale 1 Programmazione fabbisogno e reclutamento del personale in sostituzione part-time Evidenza documentale 1 Report di sintesi a un anno dall'avvio e relazione finale sull'attività svolta Dicembre 20100,5 * previste a livello di area funzionale 23,5 Nota : Il monitoraggio periodico degli obiettivi assegnati deve essere trasmesso alla U.O. Controllo di Gestione: entro fine Aprile (monitoraggio del I Trimestre) entro fine Luglio (monitoraggio I Semestre) entro fine Ottobre (monitoraggio III Trimestre) Totale Generale100 Sergio Cortopassi


Scaricare ppt "1 Il sistema Azienda e il contesto regionale: ATTO SECONDO Settembre 2011 Sergio Cortopassi - 2011 nazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google