La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La liquidazione delle azioni in caso di recesso Marco Reboa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La liquidazione delle azioni in caso di recesso Marco Reboa."— Transcript della presentazione:

1 La liquidazione delle azioni in caso di recesso Marco Reboa

2 2 La liquidazione delle azioni in caso di recesso Lart ter c.c., comma 2, nel tenere conto dellaconsistenza patrimoniale, delle prospettive reddituali e delleventuale valore di mercato, assume a principio ispiratore la nozione di valore economico propria della dottrina aziendale.

3 3 Il valore economico può essere definito come: il prezzo fattibile fra soggetti informati che agiscono in forma indipendente e senza nessun obbligo ad acquistare o a vendere, caratterizzati da uguale pienezza di informazione, capacità negoziale e forza contrattuale. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

4 4 Lart ter c.c. non indica alcun specifico approccio valutativo da utilizzare obbligatoriamente, bensì definisce le dimensioni rilevanti del valore aziendale da tenere obbligatoriamente in considerazione nella stima di una quota di capitale dimpresa. Pertanto, la scelta dellapproccio (e del connesso criterio) da adottare deve essere compiuta nello spettro dei profili di valore suggeriti dalla norma, tenuto conto delle caratteristiche specifiche dellazienda oggetto di stima. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

5 5 La consistenza patrimoniale: si apprezza sulla base del valore corrente delle attività e passività dellazienda a prescindere dalle capacità reddituali. La liquidazione delle azioni in caso di recesso È propria dei criteri patrimoniali da applicare, in questo specifico caso, nella versione complessa, valorizzando, cioè, autonoma- mente gli intagibles assets.

6 6 I metodi patrimoniali, ad eccezione di talune specifiche situazioni (es. società immobiliari), non costituiscono una scelta metodologica a se stante. Lapproccio patrimoniale sta tornando di grande attualità con il criterio della Somma delle Parti (SOP o NAV), comunemente utilizzato nella prassi per valutare le società multibusiness, che nei suoi aspetti essenziali è assimilabile ad un approccio valutativo di tipo patrimoniale. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

7 7 Le prospettive reddituali: vanno inquadrate come prospettive di risultato da identificare, quindi, nellapproccio basato sui flussi di risultato in cui il valore economico della società è calcolato sui flussi di reddito o di cassa stabilmente producibili in futuro; sono proprie dei criteri reddituale (puro o puntuale) efinanziario (levered o unlevered), considerati i più aderenti al concetto generale di valore di un investimento; in questo specifico caso, devono avere una configurazione di valore classica, cioè nellottica as is in cui le assumptions non prevedono discontinuità rimarchevoli rispetto allattuale storico e, di conseguenza, escludono la considerazione degli effetti positivi e negativi delle operazioni straordinarie che hanno portato al recesso del socio. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

8 8 Leventuale valore di mercato delle azioni: è essenzialmente espresso dai prezzi fatti in recenti transazioni sul mercato di quote del capitale dellazienda considerata, ove esistenti e significativi; in mancanza di prezzi fatti o di limitata significatività degli stessi, il valore di mercato dellazienda può essere ottenuto anche con il ricorso a criteri indiretti (il più importante tra questi è il criterio dei multipli di mercato). La liquidazione delle azioni in caso di recesso

9 9 Applicazione congiunta della consistenza patrimoniale e delleprospettive reddituali È propria dellapproccio basato sul concetto di economic profit (che trova la propria espressione più nota con il metodo misto reddituale-patrimoniale). Per essere compiutamente attuato, la dimensione patrimoniale deve costituire driver fondamentale nella determinazione del valore dellazienda considerata. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

10 10 Lart ter c.c., comma 4, nel prevedere che unapposita clausola statutaria possa derogare ai criteri convenzionali di cui al comma 2, indicando gli elementi dellattivo e del passivo del bilancio che possono essere rettificati rispetto ai valori risultanti dal bilancio, unitamente ai criteri di rettifica, nonché altri elementi patrimoniali da tenere in considerazione, rappresenta, più che una deroga, una precisazione legata alle modalità applicative del processo valutativo nel criterio patrimoniale a salvaguardia del socio recedente. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

11 11 I premi di maggioranza e gli sconti di minoranza: contribuiscono a dare ragione del gap tra nozione di valore economico e il prezzo negoziato sul mercato. In questo specifico caso: i premi di maggioranza non si presentano nel processo valutativo; lo sconto di minoranza deve essere inteso in senso stretto; il valore economico di un titolo di minoranza non deve scontare lo specifico deprezzamento a condizione che il valore medesimo sia già stato ottenuto sulla base di criteri e formule in grado di catturare i drivers più appropriati in relazione al tipo di titolo o di partecipazione (come ad esempio nei criteri di borsa). La liquidazione delle azioni in caso di recesso

12 12 Lart ter c.c., comma 3, nel prevedere che il valore di liquidazione delle azioni quotate in mercati regolamentati è determinato facendo esclusivo riferimento alla media aritmetica dei prezzi di chiusura nei sei mesi che precedono la pubblicazione ovvero ricezione dellavviso di convocazione dellassemblea le cui deliberazioni legittimano il recesso, non tiene in considerazione delle circostanze che possono inficiare la significatività dei risultati. La liquidazione delle azioni in caso di recesso

13 13 Criticità dellarticolo 2437-ter c.c., comma 3: risultati affidabili sono ottenibili solo se: la società ha adeguato flottante; i titoli sono sufficientemente liquidi; le prospettive del business sono apprezzabili in modo continuativo da un congruo numero di analisti ; la data cogente da cui far decorrere il periodo di rilevazione dei prezzi può inficiare la significatività dei risultati qualora lannuncio delloperazione che ha giustificato il recesso abbia prodotto alterazioni del titolo; nella prassi di mercato si impiega di norma la media ponderata (sui volumi trattati) in luogo della media semplice aritmetica; i prezzi assunti a base del calcolo sono rappresentati dai cd prezzi di riferimento (pari alla media ponderata dellultimo 10% delle quantità negoziate) in luogo dei prezzi di chiusura (negoziazioni ultimi 10 minuti). La liquidazione delle azioni in caso di recesso


Scaricare ppt "La liquidazione delle azioni in caso di recesso Marco Reboa."

Presentazioni simili


Annunci Google