La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Progettazione degli assetti organizzativi di dettaglio Anno Accademico 2006-2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Progettazione degli assetti organizzativi di dettaglio Anno Accademico 2006-2007."— Transcript della presentazione:

1 1 Progettazione degli assetti organizzativi di dettaglio Anno Accademico

2 2 La progettazione delle unità organizzative Per progettare i confini delle unità organizzative è necessario individuare ununità di analisi elementare. In altre parole occorre individuare le unità elementari

3 3 Descrizione del Processo Il processo che porta alla determinazione delle unità organizzative richiede cinque passaggi: ¶ Individuazione delle attività elementari (o NAO) · Analisi delle affinità/diversità tecniche ¹ Analisi delle affinità/diversità culturali ¹ Analisi delle interdipendenze º Aggregazione delle attività

4 4 Individuazione delle attività elementari Le attività elementari sono costituite da insiemi di operazioni non utilmente distinguibili. Esse dunque non rappresentano una dimensione minima in termini assoluti, rappresentano infatti la dimensione minima relativamente ai fini dellanalisi organizzativa.

5 5 Derivano dal tipo di tecnica richiesta per svolgere ciascuna attività, Tra i criteri principali di determinazione abbiamo: professionalità richiesta mercati serviti prodotti trattati Affinità tecniche · Affinità tecniche

6 6 Derivano dal profilo di cultura organizzativa che si associa ad ogni attività. Tra le principali antinomie distinguiamo: orientamento al compito orientamento alle persone orientamento alle procedure orientamento al risultato orientamento al breve orientamento al lungo ¸ Affinità culturali

7 7 Analisi delle Interdipendenze ¹ Analisi delle Interdipendenze Linterdipendenza nasce quando il risultato dellazione di ununità dipende dalle azioni poste in essere da unaltra unità organizzativa. Thompson distingue: Interdipendenza semplice; Interdipendenza sequenziale; Interdipendenza reciproca; Interdipendenza intensiva.

8 8 Le attività elementari devono essere assegnate alle unità organizzative sulla base di precisi criteri di aggregazione: INTERDIPENDENZE AFFINITA TECNICA AFFINITA CULTURALE º Aggregazione

9 9 Limiti alle dimensioni Assumendo che ogni supervisore abbia una quantità limitata di attenzione e di capacità di trattamento delle informazioni (Simon), esiste un limite alla possibilità di assegnare ad ununità organizzativa risorse umane e compiti da gestire.

10 10 Conflitti di interesse Lassegnazione alla medesima persona di attività che sono orientate a obiettivi diversi e conflittuali può risultare disfunzionale per lorganizzazione.

11 11 Soluzioni organizzative massimizzare le interdipendenze allinterno di ogni unità e minimizzare le interdipendenze tra unità; minimizzare la differenziazione delle specializzazioni interne ad ogni unità e massimizzare le differenziazioni tra unità; realizzare economie di scala; la dimensione delle unità deve essere tale che il costo di controllo eguagli la riduzione dei costi di coordinamento; non devono essere aggregate attività con interessi in conflitto. Nel condurre il processo di aggregazione delle attività possiamo attenerci ad alcuni principi:


Scaricare ppt "1 Progettazione degli assetti organizzativi di dettaglio Anno Accademico 2006-2007."

Presentazioni simili


Annunci Google