La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bioetica: un bilancio storico e prospettive per il futuro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bioetica: un bilancio storico e prospettive per il futuro."— Transcript della presentazione:

1 Bioetica: un bilancio storico e prospettive per il futuro

2 INDICE Qualche premessa Un po di storia… La Bioetica contemporanea: alcuni paradigmi Problemi aperti, possibilità per il dialogo e levangelizzazione

3 Testi di riferimento E. Sgreccia, Manuale di Bioetica. I. Fondamenti ed etica biomedica, Vita e Pensiero, Milano A. Pessina, Bioetica. Luomo sperimentale, Bruno Mondadori, Milano F. Bellino, La storia della bioetica e la svolta biopedagogica, Cacucci, Bari 2001 Palazzani L. Paradigmi bioetici: principi, virtù, esperienza, personalismo, in Russo G. Bioetica fondamentale e generale, SEI, Torino 1995

4 4 Qualche premessa perché: Bioetica perché: Attualità del dibattito in merito (cfr. il recente referendum) Coinvolgimento dellopinione pubblica Riflessione in merito alla vita, soprattutto quella umana

5 Le origini della bioetica Alcuni problemi storiografici: preistoria della BE? NO (laicismo): vi è una rottura con la tradizione etica precedente (teologia) Letica tradizionale non sarebbe adeguata allo studio dei nuovi problemi. La BE è una disciplina NUOVA

6 6 Le origini della bioetica La medicina ippocratica – – Nascita della professione medica – – Divisione della medicina dalla religione, ma non dalla morale – – Il paternalismo ippocratico e la beneficialità Il cristianesimo – – Dal medico al malato: la centralità della persona – – Il significato teologico dell'assistenza L'etica professionale – – USA, 1847 primo codice dell'AMA

7 7 Le origini della bioetica I discorsi di Pio XII ( ) Il post - Norimberga ( ): dalla medicina per curare alla medicina per uccidere – – La nascita dei Codici di Deontologia medica (ad esempio: Codice di Norimberga, 1947; AMM, Dichiarazione di Helsinki, 1964) – – La riflessione sui diritti dellUomo (Dichiarazione Universale dei diritti dellUomo, 1948)

8 8 Gli antefatti storici Tuskegee, Alabama (anni 30-60): studio sulla sifilide su 600 braccianti e mezzadri di colore, di cui pur se infetti e con la disponibilità negli 40 della penicillina - non vennero curati Jewish Chronic Hospital, New York, 1965: iniezione del virus dellepatite B attivo in 700 bambini orfani, istituzionalizzati e gravemente ritardati Willowbrook Hospital, New York, 1964: iniezione di cellule tumorali su anziani istituzionalizzati, dementi e soli

9 9 Le origini Al di là degli scandali: necessità di una riflessione non superficiale Il senso del progresso tecnico: può bastare a se stesso? Il momento storico: la guerra fredda e la crisi dei missili di Cuba. La possibilità distruttiva del progresso tecnico

10 La comparsa del termine Il termine bioetica viene introdotto da Van Rensselaer Potter Bioethics: the science of survival (Persp. Biol. Med. 1970, 14:120) Bioethics: bridge to the future (Prentice-Hall, Englewood Cliffs, 1971) Viene usato per la prima volta dal Magistero nella Enciclica Evangelium Vitae (1995)

11 11 definisce la bioetica come: «una nuova disciplina che combini la conoscenza biologica con la conoscenza del sistema dei valori umani» identifica il problema principale della bioetica nella sopravvivenza di specie umana, nazioni e culture, attraverso la promozione di un cambiamento ambientale ottimale. Listinto di sopravvivenza non basta più (Global Bioethics, 1988)

12 12 La Bioetica La nuova disciplina: guida alluso del sapere ( ) La nuova disciplina: guida alluso del sapere (knowledge to use knowledge) La sua articolazione: La sua articolazione: CONSUMO DELLE RISORSE POPOLAZIONE NATURA TERRA

13 13 La comparsa del termine Hastings Center: prosegue la ricerca iniziata da Potter, ma con una diversa accentuazione Ambito: etica biomedica e problematiche connesse Metodo: interdisciplinare Alcuni autori di rilievo: D. Callahan e W. Gaylin

14 La comparsa del termine André Hellegers introduce il termine bioetica nel mondo accademico, scienze biomediche, politica, mass-media 1971: The Kennedy Institute for the Study of Human Reproduction and Bioethics (Georgetown University) BE: non una nuova disciplina, ma parte della vecchia etica medica Autori: Hellegers, W. T. Reich e Beauchamp - Childress

15 Le origini: due interpretazioni L'INTERPRETAZIONE DI POTTER –La bioetica deve collegare la conoscenza biologica con i valori umani, deve individuare direttamente nella biologia i nuovi fini morali (eventualmente anche nuovi principi per i nuovi problemi) L'INTERPRETAZIONE DELL'ENCYCLOPEDIA –Nuova metodologia di esame dei problemi etici della biomedicina (nuovi e vecchi) alla luce di principi che l'etica ha già: "studio rivitalizzato dell'etica medica" (LeRoy Walters). Per Potter ciò era un restringimento della bioetica. Ribadirà il concetto in Global Bioethics (1989)

16 Lemergere di nuovi problemi 1962: caso Meyers, dialisi e allocazione delle risorse 1962: caso Meyers, dialisi e allocazione delle risorse 1967: primo trapianto di cuore e limiti tra terapia e sperimentazione 1967: primo trapianto di cuore e limiti tra terapia e sperimentazione 1968: definizione di morte cerebrale da parte del Ad Hoc Committee of the Harvard Medical School 1968: definizione di morte cerebrale da parte del Ad Hoc Committee of the Harvard Medical School 1975: caso Quinlan, SVP e sospensione delle cure 1975: caso Quinlan, SVP e sospensione delle cure 1978: nascita di Louise Brown a seguito di FIVET 1978: nascita di Louise Brown a seguito di FIVET 1985: pubblicazione - in Gran Bretagna - del Rapporto Warnock su embriologia e fecondazione artificiale 1985: pubblicazione - in Gran Bretagna - del Rapporto Warnock su embriologia e fecondazione artificiale 1997: nascita della pecora Dolly, ottenuta con la clonazione 1997: nascita della pecora Dolly, ottenuta con la clonazione 2000: pubblicazione - in Gran Bretagna - del Rapporto Donaldson su produzione di CSE anche con la c.d. clonazione terapeutica 2000: pubblicazione - in Gran Bretagna - del Rapporto Donaldson su produzione di CSE anche con la c.d. clonazione terapeutica

17 Le origini della bioetica: lemergere di nuovi problemi In sintesi, le grandi aree tematiche che contribuiscono alla nascita della bioetica negli Stati Uniti sono: la sperimentazione su soggetti umani luso sociale della medicina lalta tecnologia in medicina e lallocazione delle risorse

18 Le origini della bioetica: lemergere di nuovi problemi cambiamento del contesto pratico/teorico nel quale si esercita la medicina cambiamento del contesto pratico/teorico nel quale si esercita la medicina estensione del potere di intervento da parte del medico (intervento, accanimento, abbandono terapeutico) estensione del potere di intervento da parte del medico (intervento, accanimento, abbandono terapeutico) modificazione del rapporto medico/paziente (dal paternalismo, allautonomia, allalleanza terapeutica) modificazione del rapporto medico/paziente (dal paternalismo, allautonomia, allalleanza terapeutica) passaggio dalla medicina preventivo-diagnostico- terapeutica alla medicina dei desideri, e dalla medicina riparativa alla medicina sostitutiva passaggio dalla medicina preventivo-diagnostico- terapeutica alla medicina dei desideri, e dalla medicina riparativa alla medicina sostitutiva

19 Le origini della bioetica: gli ambiti di ricerca professioni sanitarie ricerche sulluomo anche se non direttamente terapeutiche politiche sanitarie, medicina del lavoro, politiche di controllo demografico interventi sulla vita di altri esseri viventi o in generale sullecosistema (Encyclopedia of Bioethics, 1978) a cui oggi si aggiungono: biodiritto educazione

20 20 Alcuni paradigmi bioetici Il principialismo (Beauchamp & Childress) Il principialismo (Beauchamp & Childress) Il paradigma dellesperienza(Pellegrino) Il paradigma dellesperienza(Pellegrino) Letica delle virtù (A. Mc Intyre) Letica delle virtù (A. Mc Intyre) Il personalismo Il personalismo Il manifesto di bioetica laica Il manifesto di bioetica laica

21 Il principialismo risposta a: una preoccupazione clinica, ovvero la necessità di fornire indicazioni concrete agli operatori sanitari lesigenza sociale di fissare direttive pubbliche in una società pluralista e di arrivare al consenso sociale da cui necessità di: individuare principi formalmente accettabili da tutti senza valutarne i fondamenti teorici elaborare un linguaggio comune

22 1. Autonomia è contrapposto al "paternalismo e rispetta le opzioni personali, preferenze, libertà di scelta è contrapposto al "paternalismo e rispetta le opzioni personali, preferenze, libertà di scelta richiede che il soggetto agente abbia intenzione, conoscenza/informazione ed azione coerente richiede che il soggetto agente abbia intenzione, conoscenza/informazione ed azione coerente viene applicato nel caso di: segreto; consenso informato; comunicazione della verità; rifiuto delle cure; aborto; living will, ecc. viene applicato nel caso di: segreto; consenso informato; comunicazione della verità; rifiuto delle cure; aborto; living will, ecc. non può essere applicato in caso di: salute pubblica; costi elevati; incapacità legale/fisica/mentale; autonomia del medico/altri non può essere applicato in caso di: salute pubblica; costi elevati; incapacità legale/fisica/mentale; autonomia del medico/altri Referente di questo principio: Referente di questo principio: il paziente

23 2. Beneficialità / non maleficenza Il medico ha come obiettivo "essenziale" il miglior interesse del paziente ed è autorizzato a trattare il paziente anche senza informazione/ consenso e tacendo o manipolando la verità Il medico ha come obiettivo "essenziale" il miglior interesse del paziente ed è autorizzato a trattare il paziente anche senza informazione/ consenso e tacendo o manipolando la verità Ha come elementi impliciti: 1. non infliggere alcun male o danno (primum non nocere); 2.prevenire/ rimuovere il male o il danno; 3. promuovere il bene del paziente Ha come elementi impliciti: 1. non infliggere alcun male o danno (primum non nocere); 2.prevenire/ rimuovere il male o il danno; 3. promuovere il bene del paziente E giustificato dalla realtà della malattia e dalla riduzione di autonomia del malato, pur nel rischio di degenerazione nel paternalismo E giustificato dalla realtà della malattia e dalla riduzione di autonomia del malato, pur nel rischio di degenerazione nel paternalismo Inapplicabile in caso di: prelievo di organi da vivente; sperimentazione non terapeutica; richiesta di eutanasia, suicidio assistito Inapplicabile in caso di: prelievo di organi da vivente; sperimentazione non terapeutica; richiesta di eutanasia, suicidio assistito

24 3. Giustizia Si basa sullequità sociale e sulla solidarietà interumana nella ripartizione degli oneri Si basa sullequità sociale e sulla solidarietà interumana nella ripartizione degli oneri Casi simili devono essere trattati in modo simile Casi simili devono essere trattati in modo simile Uguale possibilità di accesso ai beni (cure) Uguale possibilità di accesso ai beni (cure) Limiti/conflitti: Limiti/conflitti: –diritto a quante/quali cure? –quale sarebbe il minimo decente? –quali priorità per risorse limitate? –selezione dei riceventi nei trapianti –malattie determinate da proprie scelte di vita

25 I conflitti del principialismo: il caso Arthur Nel novembre 1981, in Gran Bretagna, il dott. Leonard Arthur, uno stimato pediatra, prescrive ad un neonato affetto da S. di Down - dopo che il bambino era stato respinto dalla madre - diidrocodeina e solo cure infermieristiche Nel novembre 1981, in Gran Bretagna, il dott. Leonard Arthur, uno stimato pediatra, prescrive ad un neonato affetto da S. di Down - dopo che il bambino era stato respinto dalla madre - diidrocodeina e solo cure infermieristiche Accusato di tentato omicidio, al processo che ne seguì egli venne assolto dallaccusa Accusato di tentato omicidio, al processo che ne seguì egli venne assolto dallaccusa

26 I limiti del principialismo Ingannano sia dal punto di vista teorico che pratico Non guidano l'azione ma sono semplici nomi per collezionare argomenti o situazioni morali Mancano di correlazione sistematica fra loro e spesso sono in conflitto (doveri prima facie non cognitivismo etico!) Compresenza di 2 diverse teorie etiche: deontologismo (applic. d. principi) + teleologismo (ricerca dei fini). Difficoltà nei casi problematici

27 27 Il paradigma dellesperienza Critica del precedente modello: troppo astratto! Critica del precedente modello: troppo astratto! W. T. Reich: non cosa devo fare, ma cosa succede attorno a me e che persona devo diventare W. T. Reich: non cosa devo fare, ma cosa succede attorno a me e che persona devo diventare Una nuova casistica: letica chiede una sapienza speculativamente pratica (phronesis) Una nuova casistica: letica chiede una sapienza speculativamente pratica (phronesis) Filoni ispiratori: dalla fenomenologia allermeneutica e al personalismo Filoni ispiratori: dalla fenomenologia allermeneutica e al personalismo

28 28 Letica delle virtù (Mc Intyre) Riferimento primario: il pensiero di Aristotele Riferimento primario: il pensiero di Aristotele Etica: non solo conoscere il bene, ma essere buoni Etica: non solo conoscere il bene, ma essere buoni Declino della metafisica accantonamento del discorso sulle virtù, suo abbandono (cfr. Hobbes, Hume, Kant e la modernità in genere) e capovolgimento (Machiavelli, Nietzsche) Declino della metafisica accantonamento del discorso sulle virtù, suo abbandono (cfr. Hobbes, Hume, Kant e la modernità in genere) e capovolgimento (Machiavelli, Nietzsche) Letica delle virtù come terza via tra il teleologismo utilitarista e il deontologismo Letica delle virtù come terza via tra il teleologismo utilitarista e il deontologismo

29 29 Alcuni autori E. D. Pellegrino: relazione tra sistema etico e persone virtuose. In campo medico: il bene del paziente e le virtù del medico E. D. Pellegrino: relazione tra sistema etico e persone virtuose. In campo medico: il bene del paziente e le virtù del medico H. T. Engelhardt: se la virtù preminente è lautonomia… no ad ogni morale sostanziale. H. T. Engelhardt: se la virtù preminente è lautonomia… no ad ogni morale sostanziale.

30 30 Il personalismo Alcuni chiarimenti iniziali: Almeno tre filoni: relazionale (Apel, Habermas), ermeneutico (Gadamer), ontologico (scuola tomista, Sgreccia) Almeno tre filoni: relazionale (Apel, Habermas), ermeneutico (Gadamer), ontologico (scuola tomista, Sgreccia) Centralità della persona (trascendente / immanente, identità / relazione, soggetto spirituale) Centralità della persona (trascendente / immanente, identità / relazione, soggetto spirituale) Principi, virtù e norme: 3 livelli dellagire Principi, virtù e norme: 3 livelli dellagire

31 31 Principi di una BE personalista il principio di difesa della vita fisica il principio di difesa della vita fisica il principio terapeutico o della totalità il principio terapeutico o della totalità il principio di libertà / responsabilità il principio di libertà / responsabilità il principio di socialità / sussidiarietà il principio di socialità / sussidiarietà

32 32 1. Il principio di difesa della vita fisica il significato del corpo (non solo materiale) il significato del corpo (non solo materiale) la vita fisica come valore fondamentale la vita fisica come valore fondamentale la tutela della vita la tutela della vita la promozione della salute la promozione della salute

33 33 2. Il principio terapeutico o della totalità Un intervento sul corpo umano è consentito alle seguenti condizioni: lo scopo è di salvaguardare il tutto o la vita del soggetto lo scopo è di salvaguardare il tutto o la vita del soggetto lintervento deve essere diretto sulla parte malata o causa di malattia lintervento deve essere diretto sulla parte malata o causa di malattia non vi devono essere alternative non vi devono essere alternative il beneficio deve essere pari o superiore al rischio il beneficio deve essere pari o superiore al rischio si deve richiedere il consenso del paziente si deve richiedere il consenso del paziente

34 34 3. Il principio di libertà - responsabilità libertà da assenza di costrizione libertà da assenza di costrizione libertà di scelta o libero arbitrio libertà di scelta o libero arbitrio libertà morale o di autonomia libertà morale o di autonomia Libertà-per vs libertà-da

35 35 la responsabilità come dovere di ponderare e di rispondere del proprio agire la responsabilità come dovere di ponderare e di rispondere del proprio agire lelemento conoscitivo, volitivo e affettivo lelemento conoscitivo, volitivo e affettivo la dimensione soggettiva, oggettiva e trascendente la dimensione soggettiva, oggettiva e trascendente la responsabilità verso se stessi, verso laltro, verso terzi la responsabilità verso se stessi, verso laltro, verso terzi Il principio di libertà - responsabilità

36 36 4. Il principio di socialità realizzare se stessi nella realizzazione del bene comune realizzare se stessi nella realizzazione del bene comune la promozione della vita e della salute la promozione della vita e della salute i casi: la sperimentazione non terapeutica; il trapianto di organi e tessuti i casi: la sperimentazione non terapeutica; il trapianto di organi e tessuti

37 37 Il principio di sussidiarietà Principio classico della morale sociale, formulato da Pio XI (Quadragesimo Anno). Viene ripreso anche nella Pacem in Terris, Mater et Magistra e nella Gaudium et Spes In BE: ciascuno deve ricevere i mezzi per la promozione della propria salute il caso: lallocazione delle risorse nella sanità

38 38 Principi a confronto Bioetica nord-americana p. di autonomia p. di autonomia p. di beneficialità/non maleficenza p. di beneficialità/non maleficenza p. di giustizia p. di giustiziabilanciamento TEORIE ETICHE DIVERSE La qualità della vita Bioetica personalista p. di difesa della vita fisica p. di libertà e responsabilità p. terapeutico o di totalità p. di socialità/sussidiarietà armonizzazione/gerarchia LA PERSONA UMANA INTEGRALMENTE CONSIDERATA La sacralità della vita

39 39 Il Manifesto di BE laica (1996) Premesse: importanza delle scoperte tecnologiche (max quelle circa luomo) importanza delle scoperte tecnologiche (max quelle circa luomo) sproporzione tra BE laica e BE fattuale: non è unetica senza valori sproporzione tra BE laica e BE fattuale: non è unetica senza valori

40 40 Il Manifesto di BE laica (1996) La : non è hybris, ma coincide con il progresso dellumanità. Anzi, è un valore etico fondamentale La conoscenza: non è hybris, ma coincide con il progresso dellumanità. Anzi, è un valore etico fondamentale Principi di : autonomia (no a q.siasi autorità), tolleranza (rispetto delle convinzioni / etica senza fede), qualità della vita, equità (il meglio per il maggior numero di persone) Principi di azione: autonomia (no a q.siasi autorità), tolleranza (rispetto delle convinzioni / etica senza fede), qualità della vita, equità (il meglio per il maggior numero di persone)

41 41 Il Manifesto di BE laica (1996) Alcuni presupposti: Separazione tra etica e religione Fondamento etico: laccordo consapevole e locale (non generalizzato) Alcuni firmatari: Flamigni, Mori, Petroni

42 42 Appunti critici Ipertrofia della dimensione culturale Ipertrofia della dimensione culturale Concezione moderna della religione, dellautorità e delletica (bonum quia iussum) Concezione moderna della religione, dellautorità e delletica (bonum quia iussum) Ingenuo ottimismo circa il progresso tecnico Ingenuo ottimismo circa il progresso tecnico Qualità della vita e principio di equità: OK Qualità della vita e principio di equità: OK Fondamento delletica: troppo fragile! Fondamento delletica: troppo fragile! Cfr. testo di P. Flores DArcais

43 43 Altre scuole in Italia Centro per la formazione e la ricerca in Politica ed Etica Politeia (Milano) Mori Centro per la formazione e la ricerca in Politica ed Etica Politeia (Milano) Mori Consulta di Bioetica (Milano) Consulta di Bioetica (Milano) Centro di Bioetica (Genova) L. Battaglia Centro di Bioetica (Genova) L. Battaglia Società Italiana di BE (Firenze) Società Italiana di BE (Firenze) Dipartimento di Medicina e Scienze Umane (Milano, S. Raffaele) Dipartimento di Medicina e Scienze Umane (Milano, S. Raffaele) Università Cattolica del S. Cuore di Roma (Sgreccia) Università Cattolica del S. Cuore di Roma (Sgreccia) Fondazione Lanza (Padova) Fondazione Lanza (Padova) Istituto Siciliano di BE (Messina) G. Russo Istituto Siciliano di BE (Messina) G. Russo

44 44 Alcune problematiche di oggi La tecnologia contemporanea La tecnologia contemporanea Tra prassi e verità: le tecnoscienze Tra prassi e verità: le tecnoscienze Un cambiamento antropologico Un cambiamento antropologico

45 45 La tecnologia contemporanea Una scienza eticamente neutrale? Mah… Una scienza eticamente neutrale? Mah… Diversi livelli di comprensione della realtà: tecnico, etico, culturale Diversi livelli di comprensione della realtà: tecnico, etico, culturale L ottavo giorno della creazione! L ottavo giorno della creazione! Neutralità assiologica delle scienze sperimentali? Neutralità assiologica delle scienze sperimentali? I fisici hanno conosciuto il peccato, ed è una conoscenza che rimarrà in loro per sempre R. Oppenheimer, MIT 1947

46 46 La cultura tecnologica Verum est ens riconoscere, non creare senso (cultura m.evale, metafisica) Verum est ens riconoscere, non creare senso (cultura m.evale, metafisica) Verum quia factum la scienza sperimentale galileiana. Valore etico del mondo = 0. (res extensa, materia bruta) Verum quia factum la scienza sperimentale galileiana. Valore etico del mondo = 0. (res extensa, materia bruta) Verum quia faciendum cultura TS. Sviluppo = progresso (intrinsece bonum). Occhio: vero = verificabile? tecnica: OK. Fede e filosofia, NO Verum quia faciendum cultura TS. Sviluppo = progresso (intrinsece bonum). Occhio: vero = verificabile? tecnica: OK. Fede e filosofia, NO

47 47 Una nuova antropologia Luomo come macchina vivente. La comparsa del cyborg I limiti inerenti la natura non vengono spiegati, anzi si evita di tematizzarli. MA le domande di senso ci sono comunque… Il mito del progresso indefinito e la medicina dei desideri Cfr. testo di Pessina

48 48 Un indicatore: il linguaggio Tipologie linguistiche Non verbaleVerbale Descrittivo, denotativo, univoco, scientifico Narrativo, polisemico, ordinario, quotidiano evocativo

49 49 Un indicatore: il linguaggio Progressiva neutralizzazione del linguaggio sulluomo effetto disumanizzante Progressiva neutralizzazione del linguaggio sulluomo effetto disumanizzante E- liminazione delle esperienze antropologiche significative (nascita, amore, malattia, morte, etc.). Quali parole per dirle? E- liminazione delle esperienze antropologiche significative (nascita, amore, malattia, morte, etc.). Quali parole per dirle? Nonostante tutto, a volte affiorano significative tensioni linguistiche… Nonostante tutto, a volte affiorano significative tensioni linguistiche…

50 50 Quali prospettive per la BE oggi? Una coscienza critica della civiltà tecnologica (Pessina). Cfr anche il testo di Fukuyama (Luomo oltre luomo, Mondadori 2002) Una coscienza critica della civiltà tecnologica (Pessina). Cfr anche il testo di Fukuyama (Luomo oltre luomo, Mondadori 2002) Nuova frontiera della Dottrina Sociale della Chiesa (cfr. Giovanni Paolo II, EV n. 5) Nuova frontiera della Dottrina Sociale della Chiesa (cfr. Giovanni Paolo II, EV n. 5) La cura della vita come interesse non solo dei credenti, ma di ogni uomo La cura della vita come interesse non solo dei credenti, ma di ogni uomo Difesa dello specifico della vita umana rispetto al resto del creato Difesa dello specifico della vita umana rispetto al resto del creato


Scaricare ppt "Bioetica: un bilancio storico e prospettive per il futuro."

Presentazioni simili


Annunci Google