La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 Lapertura del capitale: Private Equity & Venture Capital Corso di Finanza dImpresa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 Lapertura del capitale: Private Equity & Venture Capital Corso di Finanza dImpresa."— Transcript della presentazione:

1 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 Lapertura del capitale: Private Equity & Venture Capital Corso di Finanza dImpresa

2 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Programma 1)Ripresa dei principali contenuti di Finanza dAzienda; 2)Alcune applicazioni allanalisi dei flussi di cassa; 3)La valutazione degli investimenti: una applicazione; 4)Lanalisi della struttura finanziaria; 5)Le operazioni di finanza straordinaria; 6)Lapertura del capitale: Private Equity e Venture Capital; Una definizione di Private Equity e di Venture Capital Gli operatori di Privare Equity: ruolo ed obiettivi La strutturazione di un fondo di Private Equity I processi di raccolta dei fondi Le fasi di finanziamento e le loro caratteristiche La strutturazione di una operazione La creazione di valore nellimpresa Il disinvestimento 7)Lapertura del capitale: Initial Public Offering (IPO); 8)La finanza di progetto

3 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il Private Equity e Venture Capital: definizione Con il termine Private Equity si intende lapporto di capitale di rischio da parte di operatori specializzati in imprese prevalentemente non quotate, al fine di realizzare guadagni in conto capitale nel medio lungo termine, attraverso la creazione di valore nelle imprese stesse 1. Nellambito di questa definizione, la partecipazione al capitale azionario è generalmente intesa come temporanea, minoritaria e con lobiettivo congiunto di sviluppo dellimpresa, aumento del suo valore e realizzo di un elevato capital gain in sede di dismissione 2. Per capital gain si intende lincremento di valore della partecipazione maturato dal momento della sua assunzione, fino a quello della sua successiva cessione. 1 AIFI. 2 Chapman, S., The Rise of Merchant Banking, Gregg Revivals, Happshire, 1992.

4 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il mercato del Private Equity e Venture capital Avvio Sviluppo Cambiamento Venture Capital Buy – Out Private Equity Fonte: AIFI, Limpatto economico del private equity, Quaderni sullInvestimento nel Capitale di Rischio, Ufficio Studi AIFI

5 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Lavvio Seed Financing (sperimentazione) Start-up Financing Intervento effettuato nella fase di sperimentazione di un prodotto/servizio Intervento effettuato in coincidenza dellavvio dellattività produttiva. Non si conosce ancora la validità economica del prodotto

6 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Lo sviluppo Expansion Financing: 3 situazioni La società è giovane e di dimensioni medie-piccole. Produzione e vendita sono già sviluppate e lintervento finanziario consolida la struttura. La società è sviluppata. Si tratta di consolidare lattività. Lulteriore espansione aumenterà il valore della stessa. Lazienda è consolidata. I progetti di sviluppo possono essere perfezionati con lausilio dellinvestitore istituzionale.

7 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il cambiamento (1) Management Buy-Out (Mbo) Acquisizione completa o parziale dellazienda da parte del management proveniente sia dalla stessa azienda che da aziende terze. Linvestitore interviene a sostegno sia nella fase di acquisizione sia nella fase di sviluppo.

8 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il cambiamento (2) Replacement capital (Capitale di sostituzione) Turnaround financing (Ristrutturazione aziendale) Cluster Venture (Creazione di poli industriali) Lintervento avviene in situazioni di tensione economico/finanziarie al fine di avviare la ristrutturazione ed il rilancio dellattività. E una metodologia di investimento che ha per oggetto il cluster di più società operative indipendenti ma integrabili orizzontalmente o verticalmente. Linvestitore istituzionale acquista azioni o quote societarie per sostituire una parte dellazionariato. Tali operazioni sono effettuate in partecipazione di minoranza.

9 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Le fasi del Private Equity process A.FUND RAISING * B.INVESTIMENTO 1.Deal flow 2.Selezione 3.Due diligence 4.Trattativa/investimento 5.Monitoraggio / Creazione di valore C.DISINVESTIMENTO * Per le strutture fondo

10 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il processo di fund rasing nei fondi chiusi 1)Identificazione del mercato obiettivo; 2)Formulazione della strategia di investimento; 3)Predisposizione e distribuzione del materiale di marketing; 4)Contatto con un primo gruppo di persone e istituzioni che credono nelliniziativa; 5)Definizione e predisposizione della documentazione legale; 6)Chiusura; 7)Mantenimento di uno stretto legame con i sottoscrittori.

11 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Gestione e monitoraggio dellinvestimento Lattività degli investitori istituzionali, seppur con modalità differenti, anche in considerazione del tipo di partecipazione detenuta, solitamente si concretizza in: 1)Apporto di risorse finanziarie 2)Apporto di risorse non finanziarie 3)Coinvolgimento nella gestione 4)Partnership

12 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Due diversi approcci di gestione HANDS ON Si tratta di investitori attivi, che non si limitano a fornire risorse finanziarie, ma offrono anche un pacchetto di servizi e sono coinvolti nella gestione dellimpresa target. HANDS OFF Sono investitori che si limitano quasi in modo assoluto a fornire il capitale azionario richiesto, effettuando saltuariamente dei controlli sullandamento del loro investimento.

13 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ La creazione di valore da parte dellinvestitore 1)Linvestitore come amplificatore per le idee del gruppo imprenditoriale 2)I servizi finanziari 3)La consulenza manageriale e lapporto strategico 4)La rete di contatti (network) 5)La gestione del management 6)Lintervento operativo 7)Il rapporto di partnership

14 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Fattori di insuccesso 1)Problemi relativi al management (incapacità dei manager) 2)Problemi relativi al mercato (mancato sviluppo) 3)Mancato aumento della quota di mercato (canale distributivo, concorrenti, inadeguatezza del prodotto al mercato) 4)Problemi relativi al prodotto/servizio (ritardo, fallimento, scarse performance, qualità)

15 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Way Out: le modalità di disinvestimento 1)Initial Public Offering: cessione della partecipazione mediante quotazione 2)Trade sale: cessione della partecipazione attraverso trattativa privata effettuata mediante: Cessione a nuovi soci industriali o finanziari Fusione o incorporazione con unaltra società 3)Releveraged buy-out: cessione ad altri investitori 4)Buy-back: cessione della partecipazione al socio di maggioranza o al management della partecipata o lacquisto di azioni proprie. 5)Write – off: azzeramento della partecipazione.

16 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Gli operatori FONDI CHIUSI A CARATTERE LOCALE – REGIONALE (COUNTRY/REGIONAL FUNDS) FONDI CHIUSI A CARATTERE SOVRANAZIONALE – INTERNAZIONALE (INTERNATIONAL – PANEUROPEAN FUNDS) FINANZIARIE DI PARTECIPAZIONE DI EMANAZIONE PRIVATA O INDUSTRIALE BANCHE OPERATORI PUBBLICI

17 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Gli operatori International FundsFinanziarie Country Fund - SGR

18 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ I modelli organizzativi dei fondi chiusi 1) Modello:1. CAPTIVE 2. INDIPENDENTE 2) Modello:1. MANAGEMENT COMPANY – FONDO 2. ADVISORY COMPANY – MANAGEMENT COMPANY – FONDO (tipico dei fondi paneuropei)

19 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ I fondi chiusi di diritto italiano I tre principi ispiratori dellordinamento attuale sono: La diversificazione delle tipologie di fondi La distinzione tra fondi per professionisti (investitori qualificati) e fondi retail La flessibilità nelle politiche di raccolta e di impiego

20 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ La durata e la quota minima di sottoscrizione 30 anni, + eventuale proroga di 3 anni concessa dalla Banca dItalia se prevista nel Regolamento e su richiesta della SGR Quota minima di sottoscrizione: Euro

21 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Fondi riservati agli investitori istituzionali Il decreto Ministero del Tesoro 24 maggio 1999, n.228, definisce investitori qualificati: le imprese di investimento (SIM), le banche, gli agenti di cambio, le SGR, le SICAV, i fondi pensione, le assicurazioni, le finanziarie capogruppo di gruppi bancari, le fondazioni bancarie, gli intermediari iscritti agli elenchi (art. 106,107,113 Testo Unico Bancario); i soggetti esteri equivalenti; le persone fisiche e le società in possesso di specifiche competenze, espressamente dichiarate per iscritto dalla persona fisica o dal legale rappresentante della persona giuridica.

22 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Capitale sociale minimo SGR FONDI RETAIL 1 Milione di Euro Eventuale necessità di incremento a fronte del rispetto del requisito di adeguatezza patrimoniale: sottoscrizione di un controvalore pari al 2% del valore iniziale del fondo fino a 150 mln di Euro e di una quota pari all1% del valore iniziale delle risorse eccedenti 150 mln di Euro. FONDI RISERVATI 1 Milione di Euro È prevista una deroga per i fondi per la ricerca

23 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ La raccolta FONDI RETAIL Il patrimonio deve essere raccolto mediante ununica emissione di quote che devono essere sottoscritte entro 18 mesi dalla pubblicazione del prospetto. FONDI RISERVATI LICEITÀ DEL DRAW DOWN I versamenti possono essere effettuati in più soluzioni, a seguito dellimpegno del sottoscrittore a effettuare il versamento su richiesta della SGR e in funzione delle esigenze di investimento.

24 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Struttura degli oneri e delle commissioni 1)Management fee: compenso spettante alla Società di Gestione per lattività svolta. 2)carried interest (commissione di performance), ovvero parte del capital gain, realizzato dal fondo chiuso, viene dato ai gestori a titolo di success fee. Per determinare il carried interest, si calcola una percentuale (circa il 20%) dellammontare che eccede lhurdle rate 6 ; 3)Arrangement fee: oneri relativi agli investimenti, compresi i costi relativi a prestazioni professionali rese da terzi. 4)Key man insurances: coperture assicurative sul management operativo. 5)Abort costs: costi connessi ad operazioni iniziate ma poi non concluse.

25 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Dati, confronti e trend storici Ai fini dellanalisi dei dati relativi al mercato italiano del Private Equity e Venture Capital, si rimanda a quanto pubblicato sul sito dellAIFI, Associazione Italiana del Private Equity e del Venture Capital, allindirizzo Inoltre, con riferimento allanalisi di impatto economico, si consiglia di visionare la pubblicazione AIFI, The Economic Impact Of Private Equity and Venture Capital in Italy, marzo


Scaricare ppt "Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 Lapertura del capitale: Private Equity & Venture Capital Corso di Finanza dImpresa."

Presentazioni simili


Annunci Google