La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La Motivazione degli Individui per il Miglioramento delle Prestazioni Anno Accademico 2006-2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La Motivazione degli Individui per il Miglioramento delle Prestazioni Anno Accademico 2006-2007."— Transcript della presentazione:

1 1 La Motivazione degli Individui per il Miglioramento delle Prestazioni Anno Accademico

2 2 La definizione di motivazione La motivazione può essere definita come tutto ciò che spinge i lavoratori a mettere in atto un determinato comportamento organizzativo finalizzato a una determinata performance.

3 3 …quindi Per motivazione si intende un complesso sistema di spinte, energie, bisogni, desideri, passioni, forza di volontà e influssi emozionali, che possono manifestarsi congiuntamente o singolarmente, con consistenza variabile da individuo a individuo, la direzione e lintensità dellagire umano.

4 4 La complessità della motivazione 5 elementi caratterizzanti

5 5 Primo elemento La motivazione non è definitiva ma assume determinate direzioni e intensità in funzione della realtà vissuta e della percezione di essa

6 6 Secondo elemento La motivazione non è continua in quanto dipende dalla soddisfazione di un particolare bisogno o dal raggiungimento di un determinato obiettivo

7 7 Terzo elemento La motivazione non è oggettiva perché dipende dal peculiare patrimonio percettivo, emotivo e caratteriale dellindividuo.

8 8 Quarto elemento La motivazione non è generalizzabile poiché ciò che può essere motivante per un individuo, può lasciare in uno stato di indifferenza un altro individuo.

9 9 Quinto elemento La motivazione è difficilmente misurabile poiché spesso non è direttamente osservabile.

10 10 Il circolo della motivazione La motivazione può essere schematizzata, a prescindere dallazione, attraverso un percorso circolare che si rinnova ogni volta che si attua un particolare comportamento. 2 La ricerca 3 La soddisfazione 4 La scoperta 1 La tensione

11 11 Prima fase: la tensione Linput della motivazione nasce dalla percezione di uno stato di tensione dovuto allemergere di un bisogno. Autorealizzazione Stima Socialità Sicurezza Fisiologici

12 12 Seconda fase: la ricerca Lindividuo va alla ricerca dei mezzi strumentali per soddisfare il suo bisogno, adottando tutta una serie di comportamenti che ritiene in linea per appagare la propria soddisfazione.

13 13 Terza fase: la soddisfazione Nel momento in cui lo stato di insoddisfazione viene colmato, lindividuo vive uno stato di appaga- mento che si sostituisce alliniziale condizione di tensione, ovvero la forza generativa dellintero processo.

14 14 Quarta fase: la scoperta Lappagamento ha una natura temporanea. Per questo lindividuo, una volta soddisfatto un bisogno, rivaluta la propria posizione determinando la scoperta di nuovi bisogni.

15 15 Due implicazioni Il percorso motivazionale è quindi ….. ….. circolare ….. e ….. ….. dinamico.

16 16 Tre famiglie di teorie motivazionali: Teorie di contenuto: Cosa motiva lindividuo? Teorie di processo: Come motivare lindividuo? Teorie pragmatiche: Come sviluppare e facilitare la motivazione dellindividuo? La classificazione delle teorie motivazionali

17 17 La teoria di Maslow: la piramide dei bisogni La teoria di McClelland La teoria di Alderfer Le teorie di contenuto

18 18 Risale al 1954 (Motivation and Personality) E il punto di partenza di tutti gli studi e le teorie sulla motivazione Ruota attorno alla centralità dei bisogni come determinante dei comportamenti Considera una scala gerarchica dei bisogni legati dal fatto che un bisogno di carattere superiore può emergere solo quando tutti i bisogni di carattere inferiore sono stati soddisfatti. Le teorie di contenuto: la piramide dei bisogni di Maslow

19 19 La piramide dei bisogni (Maslow): tre spunti di riflessione (1/3) 1.Lindividuo è motivato nella sua interezza e non in determinate parti di sé. Ciò vuol dire che lindividuo convoglierà tutte le risorse verso un determinato bisogno.

20 20 2.I bisogni avvertiti sono strumentali al raggiungimento di una finalità di portata più ampia. Ciò vuol dire che gli individui avvertono sostanzialmente gli stessi bisogni. La piramide dei bisogni (Maslow): tre spunti di riflessione (2/3) Cosa cambia allora tra individui? Il modo in cui si soddisfano gli stessi bisogni. Esempio: il bisogno di stima.

21 21 3.Il comportamento dellindividuo non può essere pensato esclusivamente come conseguenza delle spinte motivazionali, ma vede anche nelle forze ambientali un fattore determinante. La piramide dei bisogni (Maslow): tre spunti di riflessione (3/3)

22 22 Autorealizzazione Stima Socialità Sicurezza Fisiologici La piramide dei bisogni (Maslow)

23 23 Alcune indicazioni La piramide dei bisogni di Maslow oggi va interpretata in maniera flessibile sia per quanto riguarda gli elementi che appartengono alle diverse categorie, che in termini di ordine dei bisogni.

24 24 Teorie di Processo: la teoria di Vroom Si focalizzano sui meccanismi e dinamiche del processo con cui la motivazione si manifesta Si passa da una dimensione macro (i bisogni) a una dimensione di dettaglio (le dinamiche che determinano un bisogno)

25 25 Le teorie classiche Vs le teorie processive Non sono da intendersi come antitetiche, ma complementari Cè connessione sequenziale, ma non è la sola Le teorie processive mirano a illuminare le dinamiche rivelatrici partendo da una condivisione delle conclusioni delle teorie classiche

26 26 La teoria di Vroom (1/7) La necessità non è il solo elemento che innesca le spinte motivazionali: è necessario avere una speranza ragionevole circa leffettivo raggiungimento dei risultati

27 27 Motivazione = (A)*(V)*(S) A = aspettativa V = valenza S = strumentalità La teoria di Vroom (2/7)

28 28 Laspettativa si riferisce alle probabilità di successo che lindividuo associa a un determinato comportamento Non esprime un legame tra perseveranza e risultato È una valutazione soggettiva e arbitraria Incide sul livello di fiducia di un individuo (quindi ha una relazione positiva e diretta con il conseguimento di un risultato) La teoria di Vroom (3/7)

29 29 La valenza si riferisce allattrattività dei risultati da raggiungere, ponendo in essere un determinato comportamento È frutto anchesso di una valutazione soggettiva, anche se è riconducibile, nel contesto lavorativo, a elementi meno disomogenei La teoria di Vroom (4/7)

30 30 La strumentalità è un concetto molto vicino al precedente Si riferisce agli effetti che si verificano in un secondo momento in funzione del fatto che lobiettivo è stato centrato La valenza è più intangibile, mentre la strumentalità è più tangibile La teoria di Vroom (5/7)

31 31 Vroom pone al centro della teoria il contesto lavorativo Lintroduzione dellaspettativa e della valenza sottolinea la soggettività della motivazione La valenza, comunque, appare meno soggettiva La strumentalità ancora meno soggettiva Le possibili combinazioni appaiono comunque considerevoli La teoria di Vroom (6/7)

32 32 Implicazioni per la gestione del personale: La capacità di saper leggere le percezioni dei propri collaboratori per affidare compiti, obiettivi e sfide in maniera da generare un forte impulso motivazionale La capacità di monitorare i tre elementi per minimizzare il rischio che uno di essi sia nullo La teoria di Vroom (7/7)

33 33 Teorie Pragmatiche: la teoria di Mc Gregor Nascono dagli assunti della scuola della New Human Relations e si concentrano in un periodo temporale molto concentrato ( ) Presentano due elementi distintivi: 1.lancoraggio totale, esplicito e diretto della motivazione al contesto organizzativo 2.la sorprendente attualità e applicabilità

34 34 Queste teorie vedono i lavoratori e limpresa non come antitetici e orientati alla mediazione, ma come elementi integrati dello stesso contesto che interagiscono in modo sistematico Si focalizzano sulla crescita reciproca degli individui e dellorganizzazione (centralità delle risorse umane) Sono molto pratiche. I modelli pragmatici (1/2)

35 35 Il percorso modelli classici modelli processuali modelli pragmatici I modelli pragmatici (2/2)

36 36 La teoria di McGregor (1/5) Modello gerarchico dei bisogni: necessità fisiologiche esigenze di protezione bisogni sociali esigenze egoistiche bisogni di auto- realizzazione

37 37 La teoria X Vs la teoria Y X Y Il lavoratore ha uninnata antipatia per il lavoro, sfugge alle responsabilità, preferendo ruoli prescritti, privilegiando la sicurezza e non avendo ambizioni Il lavoratore ha consapevolezza di vedere il proprio lavoro come il tramite per la propria realizzazione, tanto da perseguire gli obiettivi in maniera naturale La teoria di McGregor (2/5)

38 38 La gestione del personale: teoria X Vs teoria Y X Y La gestione del personale è vista come unattività sostanzialmente amministrativa, il cui compito principale è quello di programmare e formalizzare il lavoro in modo dettagliato (visione meccanica) La gestione del personale è quello di sviluppare un ambiente di lavoro che garantisca la possibilità di questa realizzazione tanta cara al al lavoratore (visione organica) La teoria di McGregor (3/5)

39 39 La motivazione: teoria X Vs teoria Y XY La teoria X non riconosce alcuna valenza al fenomeno motivazionale poiché, a monte palesa sostanzialmente lincapacità di accorgersi che i lavoratori sono prima esseri umani La teoria Y, prendendo consapevolezza delle delle maggiori potenzialità di risultato insite nella complessità della natura umana, enfatizza la centralità delle leve motivazionali La teoria di McGregor (4/5)

40 40 Lo stile di direzione: teoria X Vs teoria Y X Y Riconduce gli strumenti motivanti esclusivamente al denaro e alla sicurezza dellambiente lavorativo, mentre le esigenze aziendali sono garantite da controlli e procedure rigide I sistemi di controllo sono meno invasivi, il denaro e la sicurezza non sono i soli input motivazionali, ma giocano un ruolo significativo lo sviluppo, la crescita professionale, le sfide lavorative e il clima relazionale La teoria di McGregor (5/5)


Scaricare ppt "1 La Motivazione degli Individui per il Miglioramento delle Prestazioni Anno Accademico 2006-2007."

Presentazioni simili


Annunci Google