La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 18 dicembre 2011 Action-research Master triennale in Counseling e Sviluppo Organizzativo Terzo anno di corso Mauro Tomè Conoscere per cambiare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 18 dicembre 2011 Action-research Master triennale in Counseling e Sviluppo Organizzativo Terzo anno di corso Mauro Tomè Conoscere per cambiare."— Transcript della presentazione:

1 1 18 dicembre 2011 Action-research Master triennale in Counseling e Sviluppo Organizzativo Terzo anno di corso Mauro Tomè Conoscere per cambiare

2 2 Action-researchProgramma Avvio lavori e introduzione alla ARConversazione in plenaria Analisi di casi e testi (break autogestito) Lavoro in sottogruppi Restituzione lavori di gruppoPresentazione sottogruppo Break Restituzione lavori di gruppo e messa a fuoco capisaldi AR Presentazione sottogruppo e contributo del docente Criticità ed evoluzioniConversazione

3 3 Action-research Definizione ed origini Principi Aspetti distintivi e metodologici Criticità e attenzioni

4 4 Action-researchLaction-research -Progetto razionale di azione sociale composto da unintegrazione di attività di ricerca, formazione e intervento volta a cambiamenti individuali e collettivi -Sequenza epistemologica rispetto ad un fenomeno sociale composta da pianificazione, azione e verifica degli effetti, in un procedere a spirale -Processo sociale di conoscenza e cambiamento che coinvolge le dimensioni consce ed inconsce, individuali e collettive -Organizzazione temporanea finalizzata al cambiamento e allapprendimento collettivo

5 5 Action-research Cosè laction-research … è anche necessario elaborare tecniche di ricerca che ci consentano di intraprendere analisi sperimentali a livello dei gruppi sociali naturali esistenti. sperimentazione nella vita reale la ricerca necessaria per la pratica sociale può meglio definirsi come ricerca per la gestione sociale o ingegneria sociale. È un tipo di ricerca dazione, una ricerca comparata sulle condizioni e gli effetti delle varie forme dazione sociale che tende a promuovere lazione sociale stessa. Se producesse soltanto dei libri non sarebbe infatti soddisfacente (K. Lewin, 1946)

6 6 Action-research La storia in breve Fondatore riconosciuto: K. Lewin, psicologo sociale, ebreo-tedesco emigrato in USA, docente al MIT e ad Harvard sino al decesso (1947). High-lights: gestalt, teoria del campo, dinamiche di gruppo, intervento sociale AR nasce tra le due guerre mondiali, in un contesto di crisi Intorno a Lewin, poco prima e poco dopo: –Saul Alinsky (sociologo americano dorigine ebrea-russa): interessato allemancipazione delle minoranze > community organizer –Elton Mayo (medico australiano emigrato in USA): attento al tema della partecipazione, scopre leffetto Howthorne > Human Relations –Jacob Moreno (psichiatra ebreo-romeno emigrato in USA): vuole uscire dallartificio per andare nella realtà > sociodramma e psicodramma –Tavistock Institute (Londra): Bion (inglese, vissuto in India) e Rickman sono coinvolti nellaiuto e recupero dei soldati inglesi nel dopoguerra Dopo Lewin è stata spesso identificata o con processi di ricerca partecipata o con le dinamiche di gruppo. Ha seguito percorsi di sviluppo diversi, per poi sparire e negli ultimi anni riemergere con decisione

7 7 Action-research Dr. Freud, I start where you leave off. You meet people in the artificial setting of your office. I meet them on the street and in their homes, in their natural surroundings. … così J. Moreno si presenta a Freud

8 8 Action-research Padri, figli, nipoti … S. Alinsky ( ) E. Mayo ( ) J. Moreno ( ) Tavistock (Bion e Rickman) Freud Gestalt Scuola di Chicago Husserl Popper Dinamiche di gruppo Analisi Istituzionale (Lapassade) Comunità di pratiche (Wenger) Intervento psicosocioanalitico Sviluppo Organizzativo (Schein) Socioanalisi (Jaques) Intervento psicosociale Pedagogia Sociale Ricerca sulle abitudini alimentari Klein Socialismo umanitario Cassirer B. Russel

9 9 Action-research Definizione ed origini Principi Aspetti distintivi e metodologici Criticità e attenzioni

10 10 Action-research Principi e finalità Conoscenza condivisa di un oggetto sociale complesso (relazioni, dinamiche, comportamenti, ecc.) Attivazione progettata di un cambiamento sociale e culturale effettivo e significativo Immersione nella storia e protagonismo sociale da parte del ricercatore (Relazione clinica)

11 11 Action-researchInquadramento Intenzione di conoscenza Intenzione di cambiamento Ricerca (psico) sociale Intervento (psico) sociale (consulenza di processo) Ricerca-azione

12 12 Action-research Pre-requisiti ambientali Richiesta di conoscenza in una realtà sociale Situazione di crisi (ansia secondaria), non necessariamente dichiarata Orientamento democratico Ottimismo e intenzionalità dei ricercatori

13 13 Action-research Struttura metodologica Contatto con la committenza e la domanda Messa a fuoco di un oggetto di ricerca e conoscenza Individuazione dei ruoli, in particolare di: –Gruppo di ricercatori e analisti –Gruppo di ricercati Precisazione fasi di lavoro e tempi Identificazione milestone di restituzione e di riflessione sulle ipotesi e tracce di lavoro (field note e working note) Costruzione di un bouquet di strumenti

14 14 Action-research Alcuni strumenti Interviste Colloqui Gruppo operativo Formazione Incontri di formazione Gruppi di discussione Comitato guida o di ricerca Focus group Raccolta dati Conference group

15 15 Action-research Punti critici Logica a fasi, con movimento a spirale Apertura al nuovo e allignoto (flessibilità) Co-costruzione tracce, ipotesi e metodo di lavoro > timing della ricorsività Coinvolgimento e soddisfazione Cornice e contenimento Funzione e ansie del ricercatore

16 16 Action-research Traccia di lavoro 1.Messa a fuoco del tema e definizione degli obiettivi 2.Costruzione ipotesi di lavoro 3.Individuazione dei soggetti coinvolti 4.Definizione tempi, ruoli e compiti, soprattutto di: Ricercatori Committenza Soggetti guida 5.Ingaggio dei soggetti 6.Revisione ipotesi iniziali 7.Progetto di AR 8.Utilizzo degli strumenti previsti 9.Prima restituzione dei risultati 10.Revisione ipotesi di ricerca 11.… 12.Restituzione finale dei risultati 13.Valutazione e conclusione ricerca

17 17 Action-research Un esempio: AR sul manager sociale Costituzione Comitato Guida, Gruppo di Progetto e impostazione ricerca Elabora- zione Workshop finale del CG Gennaio 2008 Giugno 2008 Ottobre 2009 Marzo 2009 Messa a punto del progetto di formazione Focus group e interviste Messa a punto del progetto di formazione Focus group e interviste Restituzione al Comitato Guida e al Gruppo di Progetto Intervento formativo per manager sociali su temi chiave e con metodo del gruppo operativo Interviste a manager Intervento formativo per manager sociali su temi chiave e con metodo del gruppo operativo Interviste a manager Tracce ed ipotesi Condivisione con manager Output

18 18 Action-research Definizione ed origini Principi Aspetti distintivi e metodologici Criticità e attenzioni

19 19 Action-researchCo-costruzione Costruzione progressiva Sostenibilità Partnership Dimensione politica-relazionale Interpretazione cooperativa (Piccardo)

20 20 Action-researchCoinvolgimento Visualizzazione di utilità e benefici Concretezza e semplicità Riconoscimento dei contributi e dei risultati A ciascuno un ruolo e la possibilità di dare un contributo Ricorsività

21 21 Action-research Il ricercatore: contenere e progettare. È possibile contemporaneamente? Rendere visibile il cambiamento Gestione delle emozioni Co-transfert e gestione del campo Mantenere il timone Atteggiamento riflessivo

22 22 Action-research Extra-versione (*) POLITICO Intra-versione (*) Resistenza al cambiamento Disponibilità al cambiamento Approccio e output/1 (*) Indica il desiderio di utilizzare i risultati della ricerca anche per soggetti non coinvolti CONDIVISO CLINICOPRATICO

23 23 Action-research Approcci e output/2 PRATICO: centrato sullutilità evidente, in grado di entrare di più nei processi e nelle esperienze (comunità di pratiche) CONDIVISO: attento a sottolineare gli aspetti della AR che possono essere comunicabili e fruibili per tutti (sperimentazione) POLITICO: preoccupato di evidenziare gli elementi in grado di facilitare il proseguimento di un processo di cambiamento, evitando suscettibilità e nodi complessi (pilotage) CLINICO: maggiormente rivolto allascolto e alla costruzione di una relazione di cura che consentano lAR (OD clinico/psoa)

24 24 Action-researchTipologie RA TECNICA o SPERIMENTALE: orientata allo sviluppo funzionale e misurabile RA PRATICA o INDUTTIVA: maggiore comprensione della propria prospettiva e teoria RA EMANCIPATORIA o PARTECIPATIVA: consapevolezza dei rapporti di forza e del contesto in cui si opera RA DECOSTRUTTIVA: costruzione situata di dimensioni condivise tra i soggetti coinvolti (da La ricerca-azione, Cortina, 2010, pag. 311)

25 25 Action-research Definizione ed origini Principi Aspetti distintivi e metodologici Criticità e attenzioni

26 26 Action-researchRischi Altalena continua tra rigore e utilità, con il rischio di cadere nella banalità o nellapprossimazione Scienza pop Scienza pragmatica Scienza puerile Scienza pedante Rigore metodologico Rilevanza pratica BassoAlto Bassa Alta (C. Piccardo)

27 27 Action-research Assunti epistemologici Teoria del campo Teoria dellosservatore Utilitarismo (sociale) Falsificazionismo Concetti funzione Reverie > funzione alfa

28 28 Action-research Precisazioni epistemologiche/1 le proprietà sono caratterizzate dalle relazioni tra le parti piuttosto che piuttosto che dalle stesse parti o elementi (Lewin) si ottengono formule insature ossia parzialmente indeterminate; la scienza allora consisterà nel determinare rapporti di covarianza (Cassirer) gli scienziati devono abbandonare una teoria non appena venga riscontrata una prova che la falsifichi, sostituendola immediatamente con nuove ipotesi più 'audaci ed efficaci (Popper)

29 29 Action-research Precisazioni epistemologiche/2 la realtà è un continuo processo di consenso sociale: una costruzione della comunità pensante che inizia oggettivamente a esistere nel momento in cui appare in quanto ciò è consensuale ed il medesimo consenso è sostenuto dall'apparire reale del fenomeno (H. Maturana) La felicità è prodotta indirizzandoci verso azioni che massimizzino il piacere e minimizzino il dolore. Le buone azioni saranno quindi le azioni che promuovono la felicità non solo per il singolo ma anche per la collettività, viceversa le cattive azioni ostacolano la felicità. Se quindi la ricerca del piacere, del singolo, è ben indirizzata promuoverà la felicità di tutti, per cui egoismo e altruismo tendono a confondersi. (J. Bentham)

30 30 Action-research Precisazioni epistemologiche/3 Paziente e analista costruiscono insieme la storia su cui lavorano (A. Ferro) Passaggio dal concetto-sostanza, cioè del concetto che si sottrae alla diversità dei punti di vista (Platone, Aristotele, Locke > logos) al concetto-funzione, ossia a formule parzialmente determinate e legate alla co-varianza osservatore-osservato Pensieri e formule insature e proto-emozioni (stock di punte di spillo, A. Ferro), che, ancor prima di avere un senso in sé, costituiscono materiale di lavoro e da trasformare (formule sature).

31 31 Action-research Prospettive e criticità Spazi di ricerca: –Comunità di pratiche (apprendimento) –Dimensione inconscia –Gruppo operativo Attualità e utilità –Cambiamento –Superamento delle barriere organizzative (liquidità) –Condivisione di significati Aree di riflessione –Qual è la domanda? –Rischio di manipolazione –Costi –Rigore metodologico –Valutazione


Scaricare ppt "1 18 dicembre 2011 Action-research Master triennale in Counseling e Sviluppo Organizzativo Terzo anno di corso Mauro Tomè Conoscere per cambiare."

Presentazioni simili


Annunci Google