La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Lapertura del capitale: Initial Public Offering Corso di Finanza dImpresa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Lapertura del capitale: Initial Public Offering Corso di Finanza dImpresa."— Transcript della presentazione:

1 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Lapertura del capitale: Initial Public Offering Corso di Finanza dImpresa

2 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Programma 1)Ripresa dei principali contenuti di Finanza dAzienda; 2)Alcune applicazioni allanalisi dei flussi di cassa; 3)La valutazione degli investimenti: una applicazione; 4)Lanalisi della struttura finanziaria; 5)Le operazioni di finanza straordinaria; 6)Lapertura del capitale: Private Equity e Venture Capital; 7)Lapertura del capitale: Initial Public Offering (IPO); Le motivazioni; Il piano industriale; Il processo di quotazione; I costi della quotazione; 8)La finanza di progetto.

3 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ La quotazione Con il termine Initial Public offering (IPO) si definisce lofferta, finalizzata a raccogliere capitale sul mercato borsistico, effettuata da una impresa non ancora quotata. Tale modalità è la più ambita da parte dellinvestitore istituzionale per uscire dalla compagine azionaria dellimpresa oggetto di unoperazione di Private Equity. LInitial Public Offering, si delinea come un processo ben definito con dei tempi e delle modalità proprie, che comporta un cambiamento rilevante allinterno della struttura e dellorganizzazione aziendale, si pensi ad esempio alla necessità di una azienda di avere alle dipendenze dei soggetti adibiti ai rapporti con gli investitori (investor relators).

4 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ I vantaggi percepiti della quotazione: unindagine A livello empirico, uno studio realizzato nel 2002 da Borsa Italiana Spa, ha evidenziato come i vantaggi della quotazione, percepiti dai responsabili aziendali di alto livello siano: Raccogliere capitale per far crescere l'azienda Migliorare i rapporti col sistema bancario Aumentare la propria visibilità sui mercati d'interesse Incentivare e motivare il management ed i dipendenti Monetizzare parte dell'investimento fatto dai proprietari Riequilibrare la struttura finanziaria Ottenere finanziamenti più vantaggiosi Conoscere sempre il valore di scambio della società Risolvere il problema del passaggio generazionale Ottenere agevolazioni fiscali 92%82%74%70%69%67%56%69%42%53% Elaborazioni Borsa Italiana – R&D

5 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Gli svantaggi percepiti della quotazione: unindagine Elaborazioni Borsa Italiana – R&D Oneri ed adempimenti Esposizione maggiore ai controlli Esposizione alle speculazioni Richieste di rendere note informazioni riservate Necessità di avere certi fatturati/dimensioni I sistemi di controllo richiesti limitano la flessibilità La borsa fa gli interessi delle aziende più grandi Rischio di perdita del controllo della propria azienda 79% 77% 70% 56% 54% 49% 31% 27%

6 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il processo di quotazione Il processo di quotazione di una società sui mercati, segue delle fasi predeterminate dalle istituzioni dei vari Paesi. In generale, comunque, il processo di quotazione vive le fasi seguenti: 1)Contratto con lo Stock Exchange di riferimento (Borsa Italiana Spa). 2)Ricerca e nomina di advisor e sponsor istituzionali (banche daffari), che diano visibilità alla società. 3)Coinvolgimento di società di revisione ed implementazione della due diligence. 4)Stesura del prospetto informativo per linvito al pubblico risparmio. 5)Domanda di ammissione alla quotazione. 6)Roadshow. 7)Definizione del prezzo di collocamento.

7 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il piano industriale: definizione Il piano industriale è il documento che illustra le intenzioni strategiche del management relative alle strategie competitive dellazienda, le azioni che saranno realizzate per il raggiungimento degli obiettivi strategici. Esso ha un ruolo vitale nellambito della gestione delle imprese in quanto risulta utile al management per la rappresentazione della propria visione imprenditoriale; ai componenti del CDA per svolgere appieno il ruolo di indirizzo e controllo della società; allimpresa per attirare risorse, umane e finanziarie, necessarie alla realizzazione dellAction Plan 1. 1 In tal senso si fa riferimento a Mazzola, Il Piano Industriale, EGEA, 2003.

8 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il piano industriale per la quotazione Ai fini della quotazione nei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana il piano industriale non deve essere visto in una accezione diversa: devono essere seguite le stesse logiche, procedure e regole normalmente utilizzate nel processo di pianificazione, focalizzandosi sulle informazioni di cui il management ordinariamente si avvale per condurre lattività aziendale 1. Il piano industriale risulta utile anche per predisporre la comunicazione finanziaria richiesta nel processo di quotazione (IPO); la sua strutturazione, permette lindividuazione e lesplicitazione dellandamento dei key value driver, e consente di affrontare in maniera coerente e completa, la redazione del prospetto informativo, la presentazione agli analisti e la strutturazione e del road show. 1 Guida al Piano Industriale, Borsa Italiana, 2003.

9 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il piano industriale ed il QMAT La redazione del piano industriale, così come il QMAT, dovrebbe consentire di migliorare la comunicazione tra Borsa Italiana, Sponsor e società quotande al fine di agevolare la pianificazione del processo di quotazione. Il QMAT e è parte integrante del piano industriale ed i due documenti sono stati concepiti in modo da limitare le sovrapposizioni. Il QMAT deve essere redatto dalle società che presentano domanda di ammissione a quotazione di azioni nei mercati/segmenti gestiti da Borsa Italiana; tale documento è stato realizzato dallufficio Equity Market Listing. In particolare i documenti si focalizzano: QMAT informazioni sul business model, stakeholders e soggetti operanti nel settore di appartenenza Piano industriale illustrazione del progetto strategico e dei dati previsionali

10 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il piano industriale: obiettivi Il principale obiettivo del piano industriale è di permettere al management di definire in che modo lazienda intende accrescere il valore creato per gli azionisti. In particolare la strutturazione del piano industriale dovrebbe permettere: 1)La focalizzazione sulla creazione di valore nel lungo periodo 2)La creazione di linee guida per una corretta gestione aziendale 3)Lo sviluppo di sistemi di apprendimento interni 4)La preparazione al confronto con il mercato finanziario 5)Una migliore definizione del sistema di incentivazione aziendale

11 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il piano industriale: i requisiti I Regolamenti fissano i requisiti minimi che una stesura del piano industriale deve rispettare. 1)La sostenibilità finanziaria deve essere redatto pre – money (quindi senza i proventi dellIPO); è opportuno che i cash flow coprano gli assorbimenti di CCN, mentre il ricorso allIPO o ad altre forme di capitale di rischio/debito dovrebbe avvenire per fronteggiare la crescita. 2)La coerenza Compatibilità delle azioni pianificate con la tempistica proposta e con le risorse (umane, tecnologiche e organizzative) attuali e prospettiche. 3)Lattendibilità ipotesi realistiche e giustificabili ed obiettivi ragionevolmente conseguibili; tale fondatezza va verificata rispetto alle condizioni del mercato (andamento della domanda e quote di mercato, tendenze in atto nelle scelte dei consumatori, comportamento dei competitors, analisi dei fattori critici di successo, analisi di sensitività ecc..).

12 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Le componenti del piano industriale Fonte: Borsa Italiana

13 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ La strutturazione standard del piano industriale 1. Executive Summary –Il progetto strategico proposto –Le principali azioni realizzative –Sintesi dei principali dati finanziari attesi 2. La strategia realizzata –La strategia competitiva corporate –La strategia competitiva delle singole ASA –Evoluzione dei principali dati finanziari storici per ASA 3. Le intenzioni strategiche –Necessità e opportunità di un rinnovamento strategico –Le intenzioni strategiche a livello corporate –Le intenzioni strategiche a livello di ASA

14 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ La strutturazione standard del piano industriale (2) 4. LAction Plan –Azioni, tempistica, manager responsabili –Impatto economico-finanziario delle azioni –Investimenti e modalità di finanziamento –Impatto organizzativo –Condizioni e vincoli allimplementazione 5. Le ipotesi e i dati finanziari prospettici –Modello economico –Le ipotesi alla base delle previsioni economico-patrimoniali-finanziarie –I dati previsionali a confronto con i dati storici –Le direttrici di analisi dei risultati gestionali –Andamento dei key value driver –Analisi di sensitività –Aspetti critici da evidenziare

15 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Fattori critici di una IPO Quando una società vuole procedere con il collocamento sul mercato di parte del proprio capitale di rischio, deve considerare i seguenti elementi: 1)La scelta del mercato di collocamento. 2)La determinazione del prezzo di collocamento (underpricing). 3)La tempistica (seasonal cycle). 4)Le tecniche di collocamento. 5)Le attività di marketing connesse alla quotazione. 6)Le attività da intraprendere dopo la quotazione (copertura degli analisti, attività di supporto ai corsi).

16 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ La scelta del mercato di collocamento È di fondamentale importanza scegliere in quale mercato di riferimento si vuole collocare la propria società. Infatti, la scelta di un mercato/settore piuttosto che di un altro, condiziona la percezione degli operatori riguardo la tipologia di società che si sta quotando 2. In particolare i fattori che influiscono sulla scelta del mercato di collocamento sono: 2 A tal proposito, si consideri che Gandalf, piccola società aerea con base operativa ad Orio Al Serio, è stata quotata sul Nuovo Mercato, ovvero sul mercato dedicato alle imprese ad elevato potenziale di crescita, caratterizzate da un approccio innovativo di prodotto, processo e servizio. Quotata il 23 dicembre 1999 sullonda del boom borsistico, non avendo né un prodotto né un processo innovativo è fallita il 28 febbraio )I tempi ed i costi di quotazione. 2)La localizzazione geografica del mercato. 3)La dimensione del mercato. 4)Limmagine di efficienza e di trasparenza del mercato. 5)La specializzazione del mercato in termini di settori/imprese quotate.

17 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Le tecniche di collocamento Il collocamento azionario può avvenire tramite: –OPV (offerta pubblica di vendita); –OPS (offerta pubblica di sottoscrizione); –OPVS (offerta pubblica di vendita e di sottoscrizione). Nella OPV, gli azionisti vendono sul mercato parte delle loro azioni e, le entrate finanziarie che ne derivano finiscono in capo ai vecchi azionisti. Nel caso di una OPS, invece, vengono emesse delle nuove azioni e, le entrate finanziarie che ne derivano, finiscono in capo alla società. È evidente come se unofferta pubblica iniziale, avvenisse solo nella modalità OPV, lazienda non potrebbe usare le risorse finanziarie raccolte sui mercati per espandersi o per innovarsi, poiché, tale operazione, costituirebbe solamente una remunerazione per i vecchi azionisti.

18 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ La situazione italiana: prospettive e sviluppi Il mercato delle PMI in Italia, è meno sviluppato che in mercati comparabili al nostro, come quello francese ed inglese. LItalia si trova nella seguente situazione: –Offerta, il numero e le dimensioni delle società sono inferiori rispetto ai competitors europei, sebbene vi sia un potenziale elevato. –Domanda, il numero e le dimensioni degli investitori sono ridotti rispetto ai mercati europei di riferimento.

19 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Potenziale di sviluppo: cartografia Fonte: Borsa Italiana

20 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Potenziale di sviluppo: analisi per fasce dimensionali Fonte: Borsa Italiana


Scaricare ppt "Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Lapertura del capitale: Initial Public Offering Corso di Finanza dImpresa."

Presentazioni simili


Annunci Google