La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Obiettivi di apprendimento generali del corso: Apprendere le funzioni della relazione assistenziale, svolta dallinfermiere e la natura della relazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Obiettivi di apprendimento generali del corso: Apprendere le funzioni della relazione assistenziale, svolta dallinfermiere e la natura della relazione."— Transcript della presentazione:

1 Obiettivi di apprendimento generali del corso: Apprendere le funzioni della relazione assistenziale, svolta dallinfermiere e la natura della relazione complementare, allinterno dellèquipe CONTENUTI: (in questa unità *) Il profilo e le competenze dellinfermiere Il ruolo dellinfermiere allinterno dellèquipe sanitaria * La natura della relazione infermiere- medico e altri operatori La competenza comunicativa in ambito sanitario Gli elementi caratterizzanti la relazione daiuto

2 RICHIAMO AL CONTRATTO FORMATIVO ALLA FINE DEL CORSO LO STUDENTE DOVRA DIMOSTRARE DI CONOSCERE: ( in questa unità *) I CONCETTI FONDAMENTALI DEL PROFILO PROFESSIONALE E IL CODICE DEONTOLOGICO LA RICADUTA DEL MODELLO FORMATIVO DEL MEDICO E DELLINFERMIERE NELLA RELAZIONE CON LASSISTITO IL RUOLO DELLA CORPOREITA VISSUTA NELLA RELAZIONE INFERMIERE – PAZIENTE * LE REGOLE CHE GOVERNANO LA RELAZIONE DI COMPLEMENTARIETA IN AMBITO SANITARIO LE FUNZIONI DELLEQUIPE SANITARIA PLURIPROFESSIONALE E IL RUOLO CHE IN ESSA SVOLGE LINFERMIERE GLI ELEMENTI CARATTERIZZANTI LA RELAZIONE DAIUTO FORNITA DALLINFERMIERE

3 OBIETTIVI DI QUESTO INCONTRO DEFINIRE LA RELAZIONE ESPERITA ATTRAVERSO LEPERIENZA DI EMBODIMENT

4 La comunicazione attraverso il corpo vissuto I Concetti chiave Corpo vissuto = concetto derivato dalla filosofia fenomenologia (E.Husserl, M.M.Ponty …), sullo scenario della crisi delle scienze europee - differenze ontologiche tra corpo anatomico e corpo vissuto (Korper e Leib) - lorganizzazione del lavoro pone linfermiere a contatto con lo spazio della corporeità vissuta

5 LA NOSTRA PRESENZA NEL MONDO E RESA POSSIBILE DAL FATTO CHE ABITIAMO UN CORPO … LESPERIENZA CHE FACCIAMO DEL MONDO E DELLE COSE DEL MONDO E ESPERITA ATTRAVERSO IL NOSTRO CORPO …

6 ATTRAVERSO IL CORPO VISSUTO IO SPERIMENTO, VIVO, CONCRETIZZO: LE MIE EMOZIONI I MIEI PENSIERI LA MIA AFFETTIVITA IL MIO MODO DI ABITARE QUESTO MONDO …… TUTTO QUESTO E CHIMATO LA PRESENZA

7 ATTRAVERSO IL CORPO VISSUTO IO SPERIMENTO, VIVO, CONCRETIZZO QUINDI ANCHE LESPERIENZA DI SALUTE/MALATTIA: UN ESEMPIO PARADIGMATICO: LESPERIENZA DEL DOLORE

8 CARATTERISTICHE DEL DOLORE REFRATTARIO AL LINGUAGGIO AFINALISTICO PARLA ATTRAVERSO IL LINGUAGGIO DEL CORPO IL VERO PROBLEMA DEL DOLORE E QUELLO DELLA COMUNICABILITA DELLESPERIENZA : QUESTO PERCHE …

9 LE COMPONENTI CULTURALI MODELLI EDUCATIVI ASPETTATIVE CULTURALI CONNESSE ALLETA ASPETTATIVE CONNESSE AL GENERE PERCEZIONE SOCIALE DELLE RICADUTE

10 La comunicazione attraverso il corpo vissuto II Embodiment = concetto derivato dallantropologia medica -lett. Esperienza incorporata …. -Da fatto esterno sociale, diventa interno, soggettivo …e si esprime attraverso il discorso, la narrazione, linterpretazione (che mette in gioco la soggettività delloperatore) -Parlare di sofferenza conduce sempre ad un percorso articolato tra emozioni e malattia e apre alla biografia del sé, nella quale scompare il riduzionismo patologico

11 La complessità del corpo vissuto In ogni società il corpo umano è sia una realtà sociale, che una realtà fisica e una realtà politica. Le dimensioni costitutive del corpo vissuto sono una via di comunicazione e di informazione anche riferite alla posizione sociale: il corpo include informazioni sul genere, sullo stato sociale, sulloccupazione e sullappartenenza a certi gruppi sociali

12 DATI EMERSI DA RICERCHE ( N.Urli rev. 2004) Gli infermieri trovano problematici i rapporti diretti con la corporeità vissuta dei a)Incoscienti b)Sfigurati (stigma) c)Portatori di dolore cronico DOVE STA LA PROBLEMATICITA DI QUESTI INCONTRI? 1.Nelle rappresentazioni ideali del corpo 2.Nel riduzionismo sintomatologico 3.Negli schemi consueti di rapporto, che qui non hanno tenuta, perché è sul campo che troviamo le possibili modalità di rapporto …

13 SE MI ASPETTO CHE LA COMUNICAZIONE SIA UNA COMPETENZA DONO NATURALE NON POSSO TROVARE LE RISPOSTE … E ALLORA FONDAMENTALE LAVORARE SULLE PROPRIE ASPETTATIVE E RICONOSCERE I CONDIZIONAMENTI…

14 A QUALE RAPPRESENTAZIONE VENIAMO SOCIALIZZATI DURANTE IL PERCORSO FORMATIVO? CORPO ANATOMICO CORPO SCISSO NELLE SUE COMPONENTI COSTITUTIVE ( dicotomia cartesiana) CORPO CHE PARLA ATTRAVERSO I SINTOMI OGGETTIVATI E ATTRAVERSO LA SOTTRAZIONE DI SIGNIFICATI (caso DONNA CINESE )

15 QUALI I LIMITI…? QUALI GLI STRUMENTI…?? UNA LETTURA TROPPO PARCELLIZZATA DEI SIGNIFICATI DELLA MALATTIA DEPERSONALIZZA MA SE LA NOZIONE DI MALATTIA VIENE SOSTITUITA CON LA SOFFERENZA OTTENIAMO:

16 LA SOFFERENZA E SEMPRE SOGGETTIVA ED E LEGATA E VISSUTA IN UN CONTESTO SOCIALE, POPOLATO DA VALORI E FATTI PROPRI DEL SOGGETTO

17 IL CORPO È SEMPRE AMBIGUO IN QUANTO: si presenta ai nostri occhi come unentità anatomica, composta da organi, apparati, funzioni biologiche e in questo ambito la medicina fondata sul modello della clinica conferma tutto il suo potere. Potere di sanare, potere di intervenire, potere di ridurre, potere di oggettivare, potere di vietare, potere di prescrivere, potere di decidere quando è lecito proseguire le cure …

18 nellesperienza quotidiana la complessità della relazione con il paziente, rivela che noi non abbiamo di fatto a che fare solo un corpo – oggetto, bensì con un corpo vissuto, in cui le dimensioni costitutive delluomo si intrecciano Il corpo come realtà vissuta e polisemica, a volte ci appare forse troppo complessa per poterla contattare in tutta la sua interezza. Il corpo è abitato da una persona con la sua storia, la sua cultura, i suoi vissuti, la sua biografia di vita, le sue aspettative, i suoi rimpianti, le sue speranze; lincontro con questa dimensione complessa, in compresenza dellevento malattia, interroga anche noi stessi che siamo sullaltra sponda, ovvero siamo i sani che curano i malati

19 Il corpo umano quindi condensa tutti questi significati culturali e gli infermieri più di ogni altro professionista sono, per mandato professionale, posti a stretto contatto con questa esperienza condensata.

20 COME GESTISCO I RAPPORTI PROBLEMATICI? SE LE EMOZIONI MI INFORMANO SU COME STO GUARDANDO UN FENOMENO (il corpo altrui) … SARA SOLO ALLINTERNO DI QUEL SETTING CHE TROVERO LE RISPOSTE E SOLUZIONI… QUINDI AUTOCONSAPEVOLEZZA DEI PROPRI VISSUTI EMOTIVI, OVVERO: IMPARARE A FAR CONTATTO (con-tatto) … IMPARARE A INTERROGARE LE EMOZIONI PER SCOPRIRE I NOSTRI BISOGNI, COSI DA POTER ESSERE REALMENTE DAIUTO ALLALTRO

21 UN ESEMPIO DI LAVORO A PARTENZA DALLE EMOZIONI VISSUTE ( IL CASO DELLE EMOZIONI AFFLITTIVE) GLI OPERATORI SANITARI SPERIMENTANO NEL RAPPORTO CON L ALTRUI CORPOREITA VISSUTA, (PRINCIPALMENTE) LE SEGUENTI EMOZIONI: PAURA – ANSIA TRISTEZZA - RABBIA VERGOGNA - COLPA SFIDUCIA

22 DIVENTA ALLORA PRIORITARIO COMPRENDERE I FONDAMENTI TEORICI E APPLICATIVI DELLA … RELAZIONE INFERMIERE- PAZIENTE- FAMIGLIA

23 ALCUNI PRINCIPI TEORICI: Per potersi occupare di processi interpersonali è importante ampliare le competenze comunicative I bisogni possono trovare vera soddisfazione agendo allinterno del soggetto I dati raccolti sul modello di vita del paziente devono tener conto della sua prospettiva La riorganizzazione del mondo della vita di un paziente è importante che rispetti limmagine di sé compatibile, che la persona si è costruita I significati delle azioni tra gli uomini non sono mai semplici reazioni, ma nascono dallinterazione reciproca

24 ALCUNI PRINCIPI TEORICI: Linfermiere può assumersi la responsabilità di aiutare il paziente e i suoi …a trovare un senso alla sofferenza … a partenza dai valori di riferimento degli interessati Per valutare laltrui livello di umanità e insegnare da altri a valutarlo, bisogna prima saper riconoscere e valutare il proprio Il solo orientamento alla malattia (disease) non aiuta la comprensione dei vissuti…si tratta di insegnare alle persone come contattare i sentimenti e come viverli Le emozioni e le situazioni afflittive ( frustrazione, ansia, conflitti …) vanno tradotti in azione sec. modalità terapeuticamente efficaci Prima di porsi come aiuto per gli altri è raccomandata una conoscenza e comprensione dei propri sentimenti e comportamenti Linfermiere quando interviene attraverso una relazione terapeutica, si serve consapevolmente di fasi specifiche convalidate e ruoli professionali specifici

25 H.Peplau Relazione interpersonale professionale I. King Raggiungimento dellobiettivo H. Erickson e E. Tolmin Teoria del modeling e role- modeling J.Sisca Interazionismo simbolico H.J. Travelbee Modello relazione uomo- uomo I PUNTI PRECEDENTEMENTE ESAMINATI SONO TRATTI DA:


Scaricare ppt "Obiettivi di apprendimento generali del corso: Apprendere le funzioni della relazione assistenziale, svolta dallinfermiere e la natura della relazione."

Presentazioni simili


Annunci Google