La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COME CAMBIARE LE COSE QUANDO IL CHANGE E DIFFICILE www.opensourcemanagement.it O PEN S OURCE M ANAGEMENT.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COME CAMBIARE LE COSE QUANDO IL CHANGE E DIFFICILE www.opensourcemanagement.it O PEN S OURCE M ANAGEMENT."— Transcript della presentazione:

1 COME CAMBIARE LE COSE QUANDO IL CHANGE E DIFFICILE O PEN S OURCE M ANAGEMENT

2 Il cambiamento, quando non è facile ottenerlo

3 I tre elementi del cambiamento A) Dirigi il guidatore (ciò che sembra resistenza spesso è invece mancanza di chiarezza su ciò che esattamente va fatto) B) Motiva lelefante (ciò che sembra pigrizia è invece stanchezza dovuta al dover combattere lelefante)

4 C) Aggiusta il percorso (ciò che sembra un problema di personale sbagliato, spesso è dovuto allambiente e allimpostazione del compito che deve essere svolto)

5 1) DIRIGI IL GUIDATORE A) Non cadere nellanalisi/paralisi: trovare soluzioni e cause di ciò che non funziona. Guarda CHE COSA FUNZIONA (i punti brillanti) e diffondi questa conoscenza. Che cosa funziona e come possiamo fare DI PIU di quello che funziona? B) Riduci le possibilità di scelta (Il paradosso della scelta. Più scelte abbiamo disponibili, più ci sentiamo debilitati) Di fronte a troppe possibilità di scelta, le persone scelgono lo status quo. C) Riduci le ambiguità: fai sì che le istruzioni siano molto chiare.

6 ASIMMETRIA PROBLEMI/SOLUZIONI Più grande sembra il problema da risolvere, più piccole (e semplici) sono le soluzioni per risolverlo.

7 D) Indica la destinazione finale: stabilisci mete che ti colpiscano nello stomaco. Sposa la meta a delle regole pratiche da rispettare. Crea indici di misurazione dei progressi e rendili visibili a tutti. No analisi paralisi (guarda cosa funziona), riduci le possibilità di scelta, istruzioni chiare, indica la destinazione.

8 2) MOTIVA LELEFANTE Lelefante prima si muove e poi razionalizza, cioè trova delle giustificazioni per il suo movimento. Per il guidatore, la fase di analisi è più piacevole della fase del fare. Per FARE devi accendere lelefante. Per creare un cambiamento dei comportamenti, devi parlare alle sensazioni ed alle emozioni delle persone e non al guidatore

9 Non sono le informazioni che fornisci che ti faranno avere il cambiamento Analyze Think Change ????? See Feel Change!

10 Lelefante fa delle valutazioni iper ottimistiche riguardo a se stesso ed alle sue possibilità. (le persone pensano di avere minor rischio degli altri rispetto a infarto, cancro, ecc) quindi permangono in situazioni critiche.

11 A) Accendi lemozione B) Rendi le dimensioni del cambiamento il più piccolo possibile (Lelefante si demoralizza facilmente). Paga i debiti pregressi partendo dal più piccolo. Celebra, celebra, celebra ogni piccola vittoria. C) Distribuisci speranza.

12 2 modelli di decision making A) Modello delle conseguenze Soppesiamo costi e benefici e facciamo la scelta che massimizza la nostra soddisfazione B) Modello dellIdentità Chi sono? Che tipo di situazione è questa? Come si deve comportare una persona come me in una situazione di questo tipo? No calcolo costi/benefici

13 D) Rendi il cambiamento un problema di identità piuttosto che un problema di conseguenze. Il cambiamento è la promozione di chi aspiri ad essere piuttosto che di ciò che dovresti fare. E) AGISCI COME UN ALLENATORE (INCORAGGIATORE) PIUTTOSTO CHE UN MISURATORE

14 Ogni cosa quando è a metà sembra un fallimento. Fai nascere nelle persone lidea che ci saranno tempi duri.

15 3) AGGIUSTA IL PERCORSO A) Fai degli interventi sullambiente che rendano il cambiamento inevitabile. Un buon leader non pensa mai perché i miei collaboratori agiscono male? invece pensa come posso creare una situazione che faccia venir fuori il buono di queste persone? B) Crea il contagio: –Aumenta il numero di persone che sposano il cambiamento –Pubblicizza i buoni risultati (esempio hotel)

16 1) Dirigi il guidatore: –Guarda cosa funziona, riduci le possibilità di scelta, istruzioni chiare, indica la destinazione. 2) Motiva lelefante: –Trova ed accendi lemozione, rendi le dimensioni del change piccole, distribuisci speranza, rendi il cambiamento un problema di identità, agisci da incoraggiatore e non da misuratore. 3) Aggiusta il percorso –Fai interventi su ambiente, crea il contagio con le persone giuste e pubblicizzando i buoni risultati

17 Dai riconoscimenti a tutti i piccoli progressi

18 ESERCIZI

19 1) Cambierò domani A) Riduci il cambiamento così che tu possa cominciare oggi. B) Se non puoi cominciare oggi, fissa un action trigger per domani C) Impegnati nei confronti di qualcuno (fai sì che qualcuno sappia del cambiamento che hai deciso di fare, così che tu senta la sua pressione

20 2) So quello che dovrei fare ma non lo sto facendo 1) Sapere non è sufficiente. Hai un problema di elefante. 2) Cominciare in piccolo puoi aiutarti a vincere la paura. Qual è la cosa più triviale che potresti fare ORA che rappresenterebbe un piccolo passo verso la meta? 3) Come puoi modificare lambiente così che tu non possa esimerti dal cambiare? 4) Il comportamento è contagioso. Coinvolgi qualcun altro nel tuo change così che possiate rinforzarvi a vicenda.

21

22 IL DENARO E… LATTENZIONE E LAMMIRAZIONE POSITIVA CHE RIESCI A GENERARE

23 FEDE: CREDERE IN QUELLO CHE NON CE AVERE TANTI SOCI NON ANCORA PRESENTI NEI LIBRI SOCIALI DELLIMPRESA


Scaricare ppt "COME CAMBIARE LE COSE QUANDO IL CHANGE E DIFFICILE www.opensourcemanagement.it O PEN S OURCE M ANAGEMENT."

Presentazioni simili


Annunci Google