La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIRITTI AssolutiRelativi Conferiscono al titolare un potere che può essere fatto valere nei confronti di tutti gli altri soggetti dellordinamento Il potere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIRITTI AssolutiRelativi Conferiscono al titolare un potere che può essere fatto valere nei confronti di tutti gli altri soggetti dellordinamento Il potere."— Transcript della presentazione:

1 DIRITTI AssolutiRelativi Conferiscono al titolare un potere che può essere fatto valere nei confronti di tutti gli altri soggetti dellordinamento Il potere concesso può essere fatto valere dal titolare solo verso determinati soggetti Diritti della personalità Diritti reali Diritti su beni immateriali Diritti di credito

2 DIRITTI ASSOLUTI Diritti della personalità Diritti soggettivi che hanno ad oggetto attributi essenziali della persona umana Assoluti Personali Essenziali Non patrimoniali ed inalienabili Imprescrittibili

3 DIRITTI DELLA PERSONALITÁ Tipi Alla vita ed allintegrità fisica (art. 32 Cost., art. 5 c.c.) Al nome (art. 7 c.c.) Allonore Alla riservatezza e protezione dei dati (d.lgs. 196/03) Allimmagine Allidentità personale

4 DIRITTI REALI Diritti reali Diritti che un soggetto ha su una cosa Caratteri Immediatezza: il titolare può esercitare il diritto senza cooperazione altrui Assolutezza: il diritto può farsi valere nei confronti di tutti Tipicità Diritto di seguito: azioni esperibili verso chiunque (es.: successivi proprietari)

5 BENI Art. 810 c.c.: Sono beni le cose che possono formare oggetto di diritti I beni sono cose che hanno unattitudine a soddisfare i bisogni umani: es. risorse della natura A) Beni di consumo B) Beni o mezzi di produzione

6 DIRITTI REALI SU COSA PROPRIA Proprietà SU COSA ALTRUI Diritti reali di godimento Diritti reali di garanzia

7 PROPRIETÁ Art. 832 c.c. Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con losservanza degli obblighi stabiliti dallordinamento giuridico Potere di godere Potere di disporre decidere come, se e quando utilizzare la propria cosa porre in essere atti traslativi

8 CARATTERI DELLA PROPRIETÁ Pienezza: è possibile ogni lecita utilizzazione, salvo gli atti di emulazione. Imprescrittibilità per non uso. Elasticità Perpetuità

9 PROPRIETÁ Art. 42 Costituzione: - La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati. (1° comma) - La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. (2° comma) - La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi di interesse generale. (3° comma) - La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità. (4° comma)

10 PROPRIETÁ Modi di acquisto (art. 922 c.c.) A titolo originario Occupazione (cose di nessuno o abbandonate) Invenzione (cose smarrite) Accessione Usucapione (art c.c.) A titolo derivativo Contratti traslativi della proprietà Successioni a causa di morte Altri modi stabiliti dalla legge

11 MODI DI ACQUISTO Occupazione (art. 923 c.c.) Presa di possesso delle cose abbandonate (res derelictae) o di nessuno (res nullius) 1.Impossessamento (elemento oggettivo) 2.Intenzione di far propria la cosa (elemento soggettivo) ATTO GIURIDICO IN SENSO STRETTO

12 MODI DI ACQUISTO Invenzione (art. 927 c.c.) Si acquista la proprietà delle cose ritrovate (smarrite da qualcuno) se, consegnate le cose al Sindaco e fatta la pubblicità, il proprietario non le reclami entro un anno Es.: TESOROappartiene a chi lo trova eccezione Le cose di interesse storico ed archeologico sono attribuite allo Stato

13 MODI DI ACQUISTO Accessione (art. 934 c.c.) Il proprietario di un bene acquista la proprietà delle cose secondarie che sono congiunte al suo bene (principale) mobile ad immobile il bene mobile (es: costruzione) viene attratto dal bene immobile (suolo) Il proprietario del suolo acquista la proprietà della costruzione eretta sopra lo stesso

14 MODI DI ACQUISTO Accessione (art. 934 c.c.) immobile ad immobile 1.ALLUVIONE: incrementi impercettibili del fondo ad opera delle acque 2.AVULSIONE: distacco di parte di un fondo che va ad incrementare un altro fondo 3.ISOLE NEI FIUMI: terreno acquistato dal demanio 4.ALVEO ABBANDONATO: terreno acquistato dal demanio

15 MODI DI ACQUISTO Accessione invertita (art. 938 c.c.) Se, nel costruire un edificio, si occupa in buona fede una porzione del fondo attiguo il giudice può attribuire la proprietà del suolo occupato (salvo indennizzo) particolarità il bene immobile (suolo) viene attratto dal bene mobile (costruzione)

16 MODI DI ACQUISTO Accessione (art. 939 c.c.) mobile a mobile Più cose appartenenti a diversi proprietari sono unite o mescolate in modo da formare un tuttuno Unione: le cose sono distinguibili ma non più separabili la proprietà diventa comune in proporzione al valore, salvo che una cosa non valga di molto di più, nel qual caso il proprietario della cosa principale acquista la proprietà del tutto (salvo indennizzo) Commistione: le cose non sono più distinguibili

17 MODI DI ACQUISTO Specificazione (art. 940 c.c.) Taluno elabora con il proprio lavoro una materia altrui acquistando la proprietà della nuova cosa Il titolo per lacquisto della proprietà è Il lavoro dello specificatore es: costruire una barca con legno altrui

18 LIMITI E LIMITAZIONI Lestensione del diritto di proprietà può restringersi in forza di limiti o limitazioni limiti limitazioni Sono imposti dalla legge e sono diretti ad assicurare la funzione sociale della proprietà, regolando i rapporti di vicinato Fattispecie che limitano convenzionalmente il diritto (es.: diritto reale di godimento)

19 LIMITI AL DIRITTO DI PROPRIETÀ Il diritto assoluto subisce dei limiti sia nellinteresse pubblico che in quello privato PUBBLICOPRIVATO Sono detti vincoli e danno diritto ad una indennità: Espropriazione (834 c.c.) Occupazione durgenza Requisizione (835 c.c.) Riguardano la proprietà immobiliare nei rapporti con i proprietari confinanti. Assicurano la funzione sociale della proprietà (art. 42 Cost.)

20 LIMITI NELLINTERESSE PRIVATO 1.Distanze nelle costruzioni 2.Luci, vedute e prospetti 3.Acque private 4.Stillicidio 5.Accesso al fondo 6.Immissioni 7.Atti di emulazione

21 ESTENSIONE DEL DIRITTO La proprietà si estende al suolo ed al sottosuolo, con tutto ciò che vi si trova, fino allinfinito. Non ci si può opporre allattività di terzi in tale spazio se non si abbia interesse ad escluderla. La proprietà si estende nellambito dei propri confini. In senso verticale In senso orizzontale

22 ATTI DI EMULAZIONE (art. 833 c.c.) Il proprietario non può fare atti che abbiano il solo scopo di danneggiare il vicino Sono tutti gli atti con cui il proprietario esercita il suo diritto per infastidire gli altri. Sono emulativi quando: Manca lutilità Vi è intenzione di nuocere Es.: piantare alberi per oscurare il panorama al vicino

23 ACCESSO AL FONDO (artt. 842 e 843 c.c.) In certe circostanze il proprietario non può impedire ai terzi laccesso al proprio fondo. 1.Caccia e pesca, salvo che sia chiuso o vi siano colture danneggiabili. 2.Per costruire o riparare un muro od altra opera comune o del vicino. 3.Per recuperare un animale o una cosa. In caso di danno è dovuta unindennità

24 IMMISSIONI (art. 844 c.c.) Il proprietario non può impedire: 1.Le immissioni di fumo 2.Di calore 3.Le esalazioni 4.I rumori 5.Gli scuotimenti 6.Simili propagazioni Derivanti dal fondo del vicino SE NON SUPERANO LA NORMALE TOLLERABILITÀ

25 DISTANZE (artt. 873 c.c. e ss.) Disciplinate dei regolamenti comunali e, in mancanza di questi, dal Cod. Civ. Il Cod. Civ. stabilisce una distanza minima di 3 mt tra le costruzioni. I regolamenti possono stabilirne una maggiore. Linosservanza è sanzionata con il risarcimento del danno e con lobbligo di rimozione.

26 LUCI, VEDUTE O PROSPETTI (artt. 900 c.c. e ss.) Norme che mirano a coordinare lesigenza di aria e luce del proprietario con quella del vicino di non essere disturbato Luci: aperture che consentono solo il passaggio di luce ed aria senza vista. Devono avere uninferriata ed unaltezza minima da terra di 2,5 mt. Vedute o prospetti: aperture che danno la vista sullesterno o permettono di affacciarsi. Non si possono aprire sul tetto o sul fondo, aperto o chiuso, del vicino se non vi è almeno 1,5 mt.

27 STILLICIDIO (art. 908 c.c.) Il proprietario deve costruire i tetti in modo che le acque piovane scolino sul suo fondo e non su quello del vicino.

28 ACQUE (artt. 909 c.c. e ss.) Art. 1 legge n. 36/1994: sono pubbliche tutte le acque, superficiali e sotterranee Il proprietario del suolo ha il diritto di utilizzare le acque in esso esistenti (art. 912) La norma trova la sua ragione nellimportanza vitale dellacqua, la quale è un bene di pubblico interesse.

29 AZIONI A DIFESA DELLA PROPRIETÁ Azioni petitorie (artt. 948 e 949 c.c.) Azione di rivendicazione Esperita dal proprietario per rivendicare la proprietà di un bene da chi lo possiede o detiene Azione negatoria Esperita dal proprietario per far dichiarare linesistenza di diritti affermati da altri sul bene PROBATIO DIABOLICA

30 DIFESA DELLA PROPRIETÁ Artt. 950 e 951 c.c. Azione di regolamento di confini Azione di apposizione di termini richiesta al giudice perché questi stabilisca il confine tra due fondi quando questo è incerto richiesta al giudice perché questi apponga o ripristini, a spese comuni, i confini tra fondi contigui quando questi manchino o siano irriconoscibili, ma non contestati

31 DIRITTI REALI DI GODIMENTO

32 Superficie (art. 952 c.c.) Il proprietario può costituire il diritto di fare e mantenere sul suolo una costruzione a favore di altri, che ne acquista la proprietà Può alienare la proprietà della costruzione già esistente separatamente dalla proprietà del suolo A tempo indeterminato A tempo determinato Al termine il proprietario del suolo diventa proprietario della costruzione

33 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Enfiteusi (art. 957 c.c.) Attribuisce al titolare lo stesso potere di godimento del fondo che spetta al proprietario, con lobbligo di migliorarlo e di pagare al concedente un canone periodico

34 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Usufrutto (art. 978 c.c.) Diritto di godere della cosa altrui e di trarne ogni utilità nel rispetto della destinazione economica del bene costituzione durata 1.Per legge 2.Per volontà delluomo 3.Per usucapione Non può eccedere la vita dellusufruttuario Massimo 30 anni se a favore di P.G.

35 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Oggetto dellusufrutto Beni mobili Beni immobili Titoli di credito Universalità Aziende Prodotti dellingegno

36 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Diritti nascenti dallusufrutto 1.conseguire il possesso della cosa e goderne (art. 981 e 982 c.c.) 2.far propri i frutti civili e naturali della cosa (art. 984 c.c.) 3.cedere il proprio diritto con atto tra vivi (art. 980 c.c.) 4.indennità per i miglioramenti apportati e di ritenere le addizioni se ciò non altera il bene (artt. 985 e 986 c.c.) 5.locare il bene (art. 999 c.c.) 6.concedere ipoteca sullusufrutto (art c.c.)

37 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Obblighi nascenti dallusufrutto 1.Restituire il bene al termine dellusufrutto (art c.c.) 2.Fare a sue spese linventario dei beni e prestare cauzione (art c.c.) 3.Usare la diligenza del buon padre di famiglia (art c.c.) 4.Sostenere spese ed oneri (art c.c.) 5.Pagare imposte, canoni e rendite fondiarie (art c.c.) 6.Denunciare le usurpazioni (art c.c.) e concorrere alle spese per le liti (art c.c.)

38 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Estinzione dellusufrutto 1.Prescrizione per non uso ventennale 2.Morte dellusufruttuario o se P.G. decorso trentennale 3.Consolidazione della titolarità dellusufrutto e della proprietà del bene in capo allo stesso soggetto 4.Totale perimento del bene 5.Abuso del diritto da parte dellusufruttuario 6.Annullamento, rescissione o risoluzione del contratto 7.Scadenza del termine se previsto nel titolo costitutivo 8.Rinuncia dellusufruttuario

39 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Uso (art c.c.) Il titolare può servirsi della cosa e, può raccoglierne i frutti per quanto occorre ai bisogni suoi e della sua famiglia Chi ha il diritto di abitazione di una casa può abitarla limitatamente ai bisogni suoi e della sua famiglia. Abitazione (art c.c.) Incedibilità (art c.c.) I diritti di uso e abitazione non si possono cedere o dare in locazione

40 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Servitù prediali (art c.c.) Il peso imposto sopra un fondo per lutilità di un altro fondo appartenente a diverso proprietario utilità Vantaggio futuro (art c.c.) Maggiore amenità o comodità (art c.c.) Inerenza a destinazione industriale (art. 1028)

41 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Costituzione delle servitù coattiva volontaria Ha il suo titolo nella legge Stipula di un contratto Sentenza costitutiva del giudice Ha il suo titolo nella volontà delle parti 1.Testamento (art c.c.) 2.Contratto Formale Oneroso A effetti reali Sinallagmatico

42 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Altre classificazioni negative Comportano un divieto di fare qualcosa a carico del proprietario del fondo servente affermative Richiedono un comportamento attivo del proprietario del fondo dominante Continue: attività delluomo solo nella fase anteriore allesercizio (es.: acquedotto) Discontinue: per il loro esercizio è richiesta lattività delluomo (es.: passaggio)

43 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Altre classificazioni apparenti non apparenti Si manifestano con opere apparenti (es.: acquedotto) Non si hanno opere visibili (es.: pascolo)

44 DIRITTI REALI DI GODIMENTO Estinzione delle servitù 1.Prescrizione per non uso ventennale 2.Scadenza del termine se previsto nel titolo 3.Verificarsi della condizione risolutiva (se prevista nel titolo) 4.Confusione (riunione in capo ad un unico titolare della proprietà dei due fondi) 5.Abbandono del fondo servente a favore del proprietario del fondo dominante (art c.c.)

45 POSSESSO Art c.c. Potere sulla cosa che si manifesta in una attività corrispondente allesercizio della proprietà o di altro diritto reale SITUAZIONE DI FATTO Es: lusufruttuario ed il ladro possiedono la cosa

46 POSSESSO Vantaggi del possesso Posizione di convenuto nellazione di rivendica Azione di reintegrazione nella situazione di fatto Diritto al rimborso di spese sostenute per la cosa POSSESSO NON FA PRESUMERE LA TITOLARITÀ DEL DIRITTO

47 POSSESSO Possesso di buona fede (art c.c.) È possessore di buona fede chi possiede ignorando di ledere laltrui diritto La buona fede si presume Es: lusufruttuario possiede la cosa in buona fede, Il ladro possiede in mala fede

48 POSSESSO Rapporti con la detenzione MUTAMENTO DELLA DETENZIONE IN POSSESSO E INTERVERSIONE DEL POSSESSSO v. artt e 1164 Es.: se presto lautomobile ad un amico non smetto di possederla ma la possiedo tramite il mio amico che ne ha la detenzione Potere di fatto sulla cosa di chi la tiene o la utilizza riconoscendo un diritto altrui 1.Fatto del terzo 2.Opposizione fatta contro il possessore

49 POSSESSO Possesso vale titolo (art c.c.) La proprietà di un bene mobile si acquista sulla base del possesso di buona fede e di un titolo astrattamente Idoneo al trasferimento della proprietà ACQUISTO A TITOLO ORIGINALE

50 POSSESSO Possesso vale titolo (art II c.) La proprietà si acquista libera da diritti altrui, se questi non risultano dal titolo e vi è la buona fede dellacquirente

51 USUCAPIONE Art e ss. c.c. Si acquista la proprietà o altro diritto reale in virtù del possesso e del decorso del tempo requisiti generali 1.Possesso continuo e ininterrotto del bene 2.Non violento né clandestino 3.Protratto per un certo tempo ACQUISTO A TITOLO ORIGINARIO

52 USUCAPIONE Ordinaria 20 ANNI per beni immobili (1158) e universalità di mobili ( 1160 I co.) 10 ANNI per mobili registrati (1162 II co.) Pacifico Pubblico Continuo Non interrotto Mala fede possesso

53 USUCAPIONE Abbreviata 10 ANNI per beni immobili (1159), universalità di mobili (1160 II co.) 3 ANNI Beni mobili registrati (1162 I co.) Pacifico Pubblico Continuo Non interrotto Buona fede Titolo astrattamente idoneo Trascrizione titolo possesso

54 USUCAPIONE Beni mobili Acquisto immediato (1153) Titolo astrattamente idoneo e buona fede Manca il titolo 10 ANNI Possesso di buona fede (1161 I co.) 20 ANNI Possesso di mala fede (1161 II co.)

55 USUCAPIONE Interruzione È interrotta quando il possessore è stato privato del possesso per oltre un anno Linterruzione si ha come non avvenuta se è stata proposta lazione diretta a recuperare il possesso e questo è stato recuperato

56 AZIONI A DIFESA DEL POSSESSO Azione di reintegrazione (artt e 1169 c.c.) Volta a reintegrare nel possesso, entro un anno, chi ne è stato spogliato Azione di manutenzione (art c.c.) Volta ad eliminare una turbativa riguardante un bene immobile, un diritto reale su un immobile, o ununiversalità di mobili

57 AZIONI DI NUNCIAZIONE Denunzia di nuova opera (art c.c.) Azione cautelare volta ad evitare un danno derivante da unopera intrapresa e non ancora terminata sul proprio o sullaltrui fondo Azione cautelare volta ad evitare che derivi un danno grave alla cosa da parte di unopera già esistente Denunzia di danno temuto (art c.c.)

58 COMUNIONE Art c.c. La proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone Comproprietà contitolarità del diritto di proprietà Ogni partecipante ha il medesimo diritto sulla sua quota

59 COMUNIONE Quote (art c.c.) Frazione ideale, matematica, del tutto Salvo diversa previsione si presumono uguali

60 COMUNIONE 1.Volontaria 2.Incidentale 3.Forzosa Si realizza per volontà delle parti Si attua indipendentemente dalla volontà delle parti (coeredi) È imposta dalla legge (condominio) Tipi

61 COMUNIONE Uso della quota (art c.c.) Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune Non alterare la destinazione della cosa Non impedire luso agli altri partecipanti

62 COMUNIONE Diritto sulla quota (art c.c.) A ciascun partecipante spetta un diritto sulla sua quota del bene Diritto di disporre della quota Diritto di cederne il godimento ad altri (nei limiti della quota)

63 COMUNIONE Diritto allo scioglimento (art c.c.) eccezioni Ciascun partecipante può domandare la divisone delle quote bene Patto di non divisione (1111 II co.) Cose che divise cesserebbero di servire alluso a cui sono destinate (1112)

64 COMUNIONE Amministrazione (art c.c.) Ordinaria amministrazione Straordinaria amministrazione Atti di disposizione Ciascun partecipante ha diritto di concorrere nellamministrazione della cosa Maggioranza semplice Maggioranza qualificata (2/3) Unanimità

65 CONDOMINIO Art c.c. Forma di proprietà degli edifici che combina aspetti della proprietà individuale e della comunione Proprietà individuale di piani (o porzioni) Comunione forzosa di parti comuni

66 CONDOMINIO Sulle parti comuni il diritto dei singoli segue le regole della comunione Comunione forzosa delle parti comuni (art c.c.) eccezioni Non si può cedere la quota del bene comune separatamente dalla proprietà esclusiva Non ci si può liberare dallobbligo delle spese di manutenzione rinunciando al diritto sulle cose comuni

67 MULTIPROPRIETÀ Un immobile viene ceduto, con atti separati, ad una pluralità di acquirenti Ciascun acquirente ha diritto di utilizzazione esclusiva dellunità prescelta solo per un determinato periodo di tempo (proprietà turnaria) Problema di qualificazione Diritto reale limitato Diritto di obbligazione


Scaricare ppt "DIRITTI AssolutiRelativi Conferiscono al titolare un potere che può essere fatto valere nei confronti di tutti gli altri soggetti dellordinamento Il potere."

Presentazioni simili


Annunci Google