La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO (MO) ANNO SCOLASTICO 2005-06 INSEGNANTE REFERENTE DEL PROGETTO: CAPPI SUSANNA SCUOLA MONTEGRAPPA A Cura Dellins. Ferrillo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO (MO) ANNO SCOLASTICO 2005-06 INSEGNANTE REFERENTE DEL PROGETTO: CAPPI SUSANNA SCUOLA MONTEGRAPPA A Cura Dellins. Ferrillo."— Transcript della presentazione:

1 DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO (MO) ANNO SCOLASTICO INSEGNANTE REFERENTE DEL PROGETTO: CAPPI SUSANNA SCUOLA MONTEGRAPPA A Cura Dellins. Ferrillo Anna Maria

2 PREMESSA Progetto di Gestione Sociale cosè: E Un percorso finalizzato a favorire la partecipazione dei genitori alla elaborazione e alla realizzazione del Piano dell Offerta Formativa. Ogni due anni la Circoscrizione n°2 S. Lazzaro Modena est,/Crocetta, eroga un contributo alla scuola, in base al numero dei bambini frequentanti. MOTIVAZIONE: In fase di progettazione abbiamo ritenuto importante utilizzare il contributo finalizzato a favorire la partecipazione dei genitori alla elaborazione e alla realizzazione del Piano dellOfferta Formativa in modo produttivo e funzionale alle esigenze della comunità scolastica. Si è cercato di creare delle opportunità di incontro e di conoscenza fra famiglie residenti nel medesimo quartiere o che comunque avessero figli che frequentano scuole vicine fra loro. Si è creduto in primo luogo nel valore dellincontro fra bambini che negli anni futuri continueranno a ritrovarsi e che probabilmente frequenteranno insieme la scuola primaria, così come nelle opportunità offerte dalla socializzazione fra genitori e dalla collaborazione fra istituzioni di diverso grado. Il progetto ha voluto coniugare lincontro e lo scambio fra genti del mondo (essendo il quartiere caratterizzato da una forte presenza multietnica e multiculturale) intorno al tema della narrazione e dellanimazione teatrale.

3 FINALITA: Si è inteso dunque: 1.Favorire la partecipazione delle famiglie (con particolare attenzione a quelle straniere) allelaborazione e realizzazione del progetto. 2.Motivare bambini e adulti al piacere della narrazione animata in un contesto coinvolgente quale il teatro. 3.Promuovere e sostenere lincontro e lo scambio fra le famiglie che vivono un quartiere. OBIETTIVI DEL PERCORSO: -Coltivare linteresse, il desiderio, il piacere dellascolto di narrazioni. --Conoscere fiabe appartenenti a tradizioni differenti, scritte in lingua originale e tradotte in italiano CONTENUTI: Nella scelta delle fiabe da rappresentare in teatro genitori e insegnanti hanno optato per le edizioni bilingue (CARTHUSIA) a cura di G. Favaro, supportate fra laltro da immagini molto attraenti. Durante il primo incontro a teatro di lettura animata è stata scelta una storia peruviana: La sal y la azucar (Il sale e lo zucchero) e nel successivo una fiaba filippina Isla ng pangarap ( Lisola dei sogni), che la mediatrice, durante le prove ha riconosciuto come fiaba a lei nota e ben conosciuta nel suo paese. Nel terzo spettacolo gli attori e il pubblico sono stati coinvolti nella rappresentazione di una storia albanese dal titolo Gjeli magik, (Il gallo magico) e nel quarto e ultimo incontro è stato scelto un racconto tratto dalla tradizione araba, Giuhà e il giudice.

4 PERCORSO METODOLOGICO E FASE OPERATIVA Le narrazioni di qui e daltrove hanno rappresentato il filo conduttore dellintero percorso; lincontro informativo preliminare, rivolto a tutti i genitori dei plessi coinvolti è stato condotto dal prof. Cernesi, docente dellUniversità di Modena e Reggio, che si è occupato di analizzare e approfondire il significato, le potenzialità educative e il potere dincantamento delle fiabe, con particolare riferimento a quelle provenienti da paesi lontani. Le fiabe del mondo ci raccontano di popoli, culture, luoghi e contesti anche molto distanti fra loro, ma soprattutto ci parlano delluomo, in quanto appartenente ad ununica razza, quella umana appunto. A tutte le latitudini possiamo ritrovare gli stessi stati danimo, come ansie, paure, gioie, soddisfazioni, seppure manifestate attraverso modalità e situazioni specifiche, proprie di ciascuna cultura. Dalla fase teorica si è passati a quella pratica della lettura animata, condotta nel teatro di quartiere San Giovanni Bosco dalla Compagnia Teatro XXI, composta da un gruppo di genitori della scuola dinfanzia Monte Grappa. Nel corso del primo spettacolo ci si è avvalsi della collaborazione di un genitore di madrelingua spagnola, Irene, originaria del Perù; si è voluto, infatti, proporre agli spettatori suoni ed idiomi non familiari e coinvolgere nella realizzazione del progetto anche le famiglie non autoctone.

5 Nei tre spettacoli successivi, invece, le letture in lingua originale sono state affidate alle mediatrici della Cooperativa Integra: Anastacia, Rudina e Rabab, mentre la lettura del corrispondente testo in italiano e lanimazione teatrale è stata curata dalla Compagnia del Teatro XXI. RISORSE E MATERIALI Lo spirito di iniziativa, la professionalità, la capacità organizzativa e lentusiasmo dei genitori hanno reso possibile lideazione e la realizzazione del progetto. La Compagnia (di cui si allega una presentazione) attiva da anni nelle scuole di Modena, opera in modo assolutamente gratuito: ciò rappresenta una vera risorsa per la scuola _____________________________________________________________________ [1] I componenti della Compagnia Teatro XXI sono: Daniele Carboni (ideatore e coordinatore), Angelo De Lorenzo, Simona Parmeggiani, Maria Grazia Manzoni, Giulia Di Viesti, Romano Zanotti, Mara Marchesini, Roberto Bellentani, Marcella Pivetti, Donatella Sacchi, Alessandra Vanni.

6 Gli interventi del prof. Cernesi e dei mediatori culturali della Cooperativa Integra sono stati finanziati con i fondi della Circoscrizione, unitamente ai testi necessari allattuazione del progetto. DOCUMENTAZIONE Le esperienze sono state documentate attraverso materiale fotografico, cartelloni informativi, video e CD-Rom; si intende inserirle nellarchivio Gold Regionale. Il progetto verrà inviato al centro interculturale di Bologna: CD/Lei. VALUTAZIONE Il progetto ha riscosso un indubbio successo; la realizzazione degli obiettivi stabiliti è stata confermata dalla notevole partecipazione e dal coinvolgimento del pubblico; in tutte le rappresentazioni i posti a disposizione nella sala sono andati praticamente esauriti. Particolarmente incoraggiante è stata la proposta emersa subito dopo il primo incontro, da parte di alcune mamme di origine non italiana, le quali hanno ripetutamente offerto la propria disponibilità alla lettura di fiabe in lingua originale per future simili iniziative. Molti genitori hanno proposto di proseguire lesperienza di narrazioni animate anche allinterno dellimminente festa di fine anno della scuola. Va sottolineato che la realizzazione del progetto è stata molto impegnativa, data la necessità di uno stretto raccordo tra le scuole, di frequenti e complessi contatti tra le parti coinvolte.

7 Si sono incontrati anche momenti difficili in cui è stato necessario fare chiarezza su alcuni aspetti organizzativi, al fine di ristabilire un clima di fiducia e collaborazione. Da questa esperienza è stato possibile trarre alcune considerazioni; in particolare, quando i genitori vengono coinvolti e hanno la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze sia personali che professionali e sono motivati a fare partecipi i propri figli, il coinvolgimento aumenta notevolmente e suscita ricadute per ulteriori sviluppi futuri.

8 LINCONTRO INFORMATIVO RIVOLTO AI GENITORI TENUTO DAL PROFESSOR CERNESI, SULLE NARRAZIONI DI QUI E DALTROVE LA SERATA SI E CONCLUSA CON UN PIACEVOLE RINFRESCO A BASE DI SPECIALITA DAL MONDO….

9 LA COMPAGNIA DEL TEATRO XXI CON IRENE DAL PERU CHE SVOLGE LA FUNZIONE di MEDIATRICE.

10 I GENITORI ATTORI ANIMANO E TRADUCONO IN ITALIANO LA FIA BA LETTA IN LINGUA ORIGINALE

11

12 I GENITORI ATTORI, ANIMANO LA LETTURA DI ANASTACIA:LA MEDIATRICE CULTURALE DELLA COOPERATIVA INTEGRA.

13 ALCUNI MOMENTI DELLO SPETTACOLO

14 DANIELE, ATTRAVERSO IL MAPPAMONDO LOCALIZZA IL PAESE DORIGINE DELLA FIABA DA NARRARE COINVOLGENDO GLI SPETTATORI

15 RUDINA LA MEDIATRICE DELLA COOPERATIVA INTEGRA, INSIEME AGLI ATTORI.

16

17 DANIELE COINVOLGE LA PLATEA IN UNA PIACEVOLE DANZA

18 MOLTO APPREZZATE LE SCENOGRAFIE REALIZZATE DAI GENITORI.

19 I MERITATI APPLAUSI ALLA COMPAGNIA

20 RABAB DELLA COOPERATIVA INTEGRA LEGGE LA FIABA INSIEME A ROMANO.

21

22

23 Si ringraziano tutti i componenti della Compagnia del Teatro XXI e i genitori che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, il Dirigente scolastico del 7° circolo di Modena, le insegnanti dei plessi coinvolti, il Prof. Cernesi, la Circoscrizione n°2, che ha sensibilizzato a una più estesa collaborazione tra i plessi e a tematiche di notevole rilevanza, la Cooperativa Integra, la Direzione del Teatro San Giovanni Bosco che ha concesso gratuitamente la struttura fornendo anche la disponibilità di un tecnico.


Scaricare ppt "DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO (MO) ANNO SCOLASTICO 2005-06 INSEGNANTE REFERENTE DEL PROGETTO: CAPPI SUSANNA SCUOLA MONTEGRAPPA A Cura Dellins. Ferrillo."

Presentazioni simili


Annunci Google