La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DEFINIZIONE DI PERSONA ORIENTATA INVESTIMENTO ORIENTATIVO GRUPPO ORIENTAMENTO OBIETTIVI INFORMAZIONE: MONDO DEL LAVORO RIORIENTAMENTO IMPARARE AD IMPARARE.

Copie: 1
MAPPA ESEMPIO DI MODULO I.T.C. L. L. Radice. MAPPA I.T.C. L. L. Radice.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DEFINIZIONE DI PERSONA ORIENTATA INVESTIMENTO ORIENTATIVO GRUPPO ORIENTAMENTO OBIETTIVI INFORMAZIONE: MONDO DEL LAVORO RIORIENTAMENTO IMPARARE AD IMPARARE."— Transcript della presentazione:

1

2 DEFINIZIONE DI PERSONA ORIENTATA INVESTIMENTO ORIENTATIVO GRUPPO ORIENTAMENTO OBIETTIVI INFORMAZIONE: MONDO DEL LAVORO RIORIENTAMENTO IMPARARE AD IMPARARE CONTESTO VALORIZZANTE INTERESSI E MOTIVAZIONI RIUSCITA STRUMENTI DIDATTICI INTERAZIONI ALUNNI-DOCENTI PROFILO DELLALUNNO COMPITI DEL DOCENTE OBIETTIVI EDUCATIVI DELLORIENTAMENTO STRUMENTI: DISCIPLINE FUNZIONI DELLA SCUOLA AUTO - ORIENTAMENTO COMPETENZE ALUNNO VALUTAZIONE INSEGNAMENTO SISTEMATICO E ORIENTANTE METODOLOGIE DATI DI CONOSCENZA INFORMAZIONE: CORSI PROFESSIONALI FASI DINTERVENTO MODULARITÀ INFORMAZIONE: SCOLASTICA LEGENDA: PAGINA SUCCESSIVA APPROFONDIMENTI RUOLO DELLE DISCIPLINE ANALISI DISCIPLINARE SCHEMA DI MODULO I.T.C. L. L. Radice

3 una persona è orientata se: - E CONSAPEVOLE DI SE - E CONSAPEVOLE DEL PROPRIO AMBIENTE una persona è orientata se: - E CONSAPEVOLE DI SE - E CONSAPEVOLE DEL PROPRIO AMBIENTE - CONSAPEVOLEZZA DI SE Riconoscere le proprie capacità Riconoscere i propri interessi Valutare e giudicare le proprie attività - CONSAPEVOLEZZA DI SE Riconoscere le proprie capacità Riconoscere i propri interessi Valutare e giudicare le proprie attività - CONSAPEVOLEZZA DEL PRORIO AMBIENTE Acquisire informazioni sulle opportunità formative e sulle offerte/richieste di lavoro Valutare, giudicare e scegliere la formazione adatta ai propri interessi, in riferimento al mercato del lavoro - CONSAPEVOLEZZA DEL PRORIO AMBIENTE Acquisire informazioni sulle opportunità formative e sulle offerte/richieste di lavoro Valutare, giudicare e scegliere la formazione adatta ai propri interessi, in riferimento al mercato del lavoro SAPER FARE LA SCELTA GIUSTA AL MOMENTO GIUSTO I.T.C. L. L. Radice

4 AUTO-ORIENTAMENTO L'individuo consegue la capacità di compiere correttamente le proprie scelte in armonia con il proprio stile e progetto di vita e con lo sviluppo della propria personalità, tenendo conto del mondo esterno e delle relazioni con i suoi simili INDIVIDUO CONOSCENZA DELLA PROPRIA PERSONALITA' CONOSCENZA DI SE' COSTRUZIONE DI PROGETTI DI VITA FUTURA CONSAPEVOLEZZA DELLA REALTA' PERSONALE:CONTESTO FAMILIARE, SOCIALE, ECONOMICO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

5 COSTRUISCE E STRUTTURA L'IDENTITA' DELLE PERSONE ATTRAVERSO LE ESPERIENZE ATTREZZA GLI STUDENTI DI COMPETENZE TRASFERIBILI DALLA SITUAZIONE SCOLASTICA ALLA VITA SOCIALE FAVORISCE L'ESERCIZIO DI PROGETTUALITA' ESISTENZIALE, SOSTENUTA DA UNO "SPERIMENTARSI" CONSAPEVOLE MAPPA I.T.C. L. L. Radice

6 L'ALUNNO SARA' IN GRADO DI: RISOLVERE RICONOSCEREANALIZZARE INDIVIDUARE PROBLEMI REALI VALORI DI RIFERIMENTO CRITICAMENTE IL RAPPORTO TRA SE' E LA REALTA' ESTERNA I PROPRI INTERESSI, LE PROPRIE ATTITUDINI E LE PROPRIE MOTIVAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

7 SCUOLA ORIENTATIVAFORMATIVA C O N Q U I S T A G R A D U A L E AUTO-ORIENTARSI CAPACITA' DI PRENDERE DECISIONI PER LA PROPRIA VITA IN MODO DIRETTO E NON DELEGANTE MAPPA I.T.C. L. L. Radice

8 INSEGNAMENTO SISTEMATICO ORIENTAMENTO OBIETTIVO: SVILUPPO DELLE CONOSCENZE E DELLE ATTITUDINI INTELLETTUALI E TECNICHE ACQUISIZIONE, DA PARTE DEL SOGGETTO, DELLA CAPACITA' DI REAGIRE ADEGUATAMENTE IN QUALSIASI SITUAZIONE IL COMPITO EDUCATIVO SI REALIZZA IN DUE GRANDI AREE MAPPA I.T.C. L. L. Radice

9 IMPARARE AD IMPARARE VALORIZZARE IL LAVORO E L'OPEROSITA' VALORIZZARE IL METODO SCIENTIFICO VALORIZZARE I PERCORSI DI RICERCA E STORICIZZAZIONE MAPPA I.T.C. L. L. Radice

10 OBIETTIVI DELL'EDUCAZIONE ORIENTATIVA TRASFORMAREFAVORIRE POTENZIALITA' LATENTI IN - CAPACITA' - ABILITA' - COMPORTAMENTI ATTRAVERSO DETERMINATI INPUT CULTURALI ATTIVITA ATTE A SVILUPPARE: - AUTONOMIA - INDIPENDENZA - AUTODECISIONE - AUTOCONOSCENZA - CAPACITA' D'INIZIATIVA - SICUREZZA IN SE STESSO - CAPACITA' DI COMUNICARE E COLLABORARE CON GLI ALTRI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

11 in ambito scolastico l'allievo deve sentirsi a suo "agio" per sviluppare interessi soddisfazione e gratificazione nei compiti dati (auto-stima) soddisfazione e gratificazione nei compiti dati (auto-stima) AMBIENTE INDIVIDUO STESSO FATTORI DINAMICI CHE POSSONO ESSERE STIMOLATI DA: ATTEGGIAMENTI POSITIVI O NEGATIVI VERSO DETERMINATE ATTIVITA' INTERESSI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

12 ATTITUDINI SPINTE INTERIORI DELLA CONDOTTA UMANA CONDIZIONAMENTI AMBIENTALI CAPACITA' DI SVOLGERE CON EFFICACIA DETERMINATE ATTIVITA' ATTITUDINI DI CARATTERE GENERALE (abilitano in più compiti) DI CARATTERE GENERALE (abilitano in più compiti) SPECIFICHE (abilitano in meno compiti ma particolari ) SPECIFICHE (abilitano in meno compiti ma particolari ) SE STIMOLATE ATTRAVERSO L'APPRENDIMENTO POSSONO PERFEZIONARSI SE NON SOLLECITATE O STIMOLATE SI ATROFIZZANO MOTIVAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

13 L'ATTITUDINE DEVE ESSERE SEMPRE SOSTENUTA DA INTERESSI E MOTIVAZIONI SPECIFICHE SI PUO' RIUSCIRE IN UN DETERMINATO CAMPO ANCHE SE IN POSSESSO DI MODESTE ATTITUDINI RIUSCITA MAPPA I.T.C. L. L. Radice

14 FINE MODULO DISCIPLINARE DIVISIONE DELLA CLASSE IN GRUPPI DI LIVELLO IN BASE AL DOSSIER ALUNNO E AGLI INTERESSI ED ESIGENZE EMERSI, IL C.d.C. PREDISPONE LAPERTURA DELLE CLASSI MAPPA COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA MEDIA DI PROVENIENZA ACCOGLIENZA INIZIO PRIMO MODULO DISCIPLINARE RILEVAZIONE DATI E INTERESSI DELLALUNNO I.T.C. L. L. Radice

15 DISCIPLINEDISCIPLINE SI STRUMENTI INDISPENSABILI PER LA COMPRENSIONE E IL DOMINIO DELLA REALTA' SI STRUMENTI INSOSTITUIBILI PER COGLIERE LA PERSONALITA' DELL'ALUNNO, LE SUE MOTIVAZIONI, I SUOI INTERESSI COMPARTIMENTI STAGNI NO MAPPA ESEMPI DI ANALISI DISCIPLINARE ESEMPI DI ANALISI DISCIPLINARE I.T.C. L. L. Radice

16 STRUMENTI DIDATTICI DELL'ATTIVITA' ORIENTATIVA LIBRO SCOLASTICO come libro guida che indica: - il contenuto di base che bisogna apprendere - i lavori da realizzare - il materiale da consultare SCHEDE - orientamento/guida (cosa e come fare) - controllo - recupero - sviluppo o progresso AUDIOVISIVI per: - ascoltare - osservare - prendere appunti - informarsi SOFTWARE per: - organizzare - catalogare - informarsi - realizzare lavori MAPPA I.T.C. L. L. Radice

17 USA COME METODOLOGIA: PERCORSI DIDATTICI CHE METTANO ALLA PROVA LE CAPACITA' PROGETTUALI PERCORSI DIDATTICI CHE METTANO ALLA PROVA LE CAPACITA' ORGANIZZATIVE PROBLEM SOLVING ROLE PLAYING MAPPA I.T.C. L. L. Radice

18 i docenti: devono attuare strategie non solo trasmissive ma soprattutto "registiche" i docenti: devono attuare strategie non solo trasmissive ma soprattutto "registiche" gli alunni: devono avere competenze sui saperi di tipo non puramente riproduttivo gli alunni: devono avere competenze sui saperi di tipo non puramente riproduttivo QUALI GRIGLIE APPLICARE AL MONDO PER CONOSCERSI E ORIENTARSI ? ORIENTARSI scegliere una direzione conoscere il mondo e le sue traiettorie la scuola deve proporre un sapere e un fare congiunti come modello dell'agire umano MAPPA I.T.C. L. L. Radice

19 COMPITI DEL DOCENTE RENDERE COMPRENSIBILE IL MONDO AL DISCENTE E IL DISCENTE A SE STESSO PERSEGUIRE GLI OBIETTIVI EDUCATIVI E ORIENTATIVI DEL C.d.C. AZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE RICHIESTE REALTA' CIRCOSTANTE RICHIESTE ALUNNO COMPITI DEL C.d.C. MAPPA I.T.C. L. L. Radice

20 CAPACITA - ABILITA' COMPORTAMENTI SAPER ESSERE SAPER FARE SAPERE SCELTA PROFESSIONALE ESIGENZE INDIVIDUALI E PERSONALI RICHIESTE REALTA' SOCIALE ED ECONOMICA MAPPA I.T.C. L. L. Radice

21 VALUTAZIONE IN FUNZIONE ORIENTATIVA OSSERVAZIONE CONTINUA E SISTEMATICA DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO, DEI MODI DI ESSERE DELL'ALUNNO STRUMENTI INVENTARIO BIOGRAFICO COLLOQUIO PERSONALE INFORMALE VERBALIZZATO SCHEDA PROFILO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

22 LIVELLI DI COMPETENZE RAGGIUNTI NELLE SINGOLE DISCIPLINE (la manifestazione più superficiale della vita dello studente) ATTEGGIAMENTO DI FRONTE AI DIVERSI LAVORI SCOLASTICI IDEALI DEL RAGAZZO ATTEGGIAMENTO NEI CONFRONTI DELLA SCUOLA RAPPORTI CON I COMPAGNI RAPPORTI CON LE COSE (modo in cui lo studente utilizza gli oggetti che lo circondano, il loro uso si realizza nel lavoro per cui essi fanno parte della vita di una persona) AMBIENTE SOCIO-CULTURALE DI PROVENIENZA MAPPA I.T.C. L. L. Radice

23 COINVOLGE TUTTI GLI ASPETTI DELLA PERSONALITA' RICONOSCIMENTO DI: - ESIGENZE INDIVIDUALI - MOTIVAZIONI - INTERESSI - ASPIRAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

24 PERCORSI PROFESSIONALI NELLA DECIMA CIRCOSCRIZIONE LICEI CLASSICI ARTISTICI SCIENTIFICI INDIRIZZI ISTITUTI PROFESSIONALI TIPOLOGIA INDIRIZZI ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI INDUSTRIALI PER GEOMETRI PER IL TURISMO INDIRIZZI CENTRI FORMAZIONE PROFESSIONALE TIPOLOGIA INDIRIZZI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

25 CORRETTA INFORMAZIONE MOTIVAZIONE SUFFICIENTI INFORMAZIONI SUL LAVORO SENTITE COME: VALORE SOCIALE GRATIFICAZIONE IMPEGNO RESPONSABILITA' FATICA EVENTUALI FRUSTRAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

26 COORDINATO DA UN REFERENTE RACCORDA: i docenti del C.d.c. gli esperti le famiglie il territorio RACCORDA: i docenti del C.d.c. gli esperti le famiglie il territorio PREPARA: materiale didattico informativo visite guidate stage presso attività lavorative PREPARA: materiale didattico informativo visite guidate stage presso attività lavorative MAPPA I.T.C. L. L. Radice

27 HA COME OBIETTIVI responsabilizzare sull'importanza dell'orientamento nell'azione formativa fornire informazioni sulle prospettive attuali e future del mondo del lavoro far conoscere professioni emergenti o in declino potenziare nell'alunno la capacità di decidere consapevolmente e autonomamente, adattandosi alla flessibilità del mondo del lavoro MAPPA I.T.C. L. L. Radice

28 LA MODULARITA' CAMBIA NON SOLO IL COSA MA ANCHE IL COME INSEGNARE E IL COME ORGANIZZARE L'ESPERIENZA FORMATIVA SCOLASTICA DEGLI ALLIEVI MAPPA ESEMPIO DI MODULO INTERDISCIPLINARE I.T.C. L. L. Radice

29 Sezione altamente significativa della disciplina o dellambito disciplinare, tale da determinare una modifica profonda di chi apprende Unità formativa autosufficiente in grado di promuovere saperi significativi e competenze capaci di modificare la mappa cognitiva e la rete di conoscenze precedentemente possedute da chi porta a termine limpegno di studio, di attività e di esperienze MAPPA I.T.C. L. L. Radice

30 sezione d'ingresso FINALITA DEL MODULO PREREQUISITI RICHIESTI PROVE DI VERIFICA O AUTOVERIFICA D'INGRESSO CON SUGGERIMENTO PER IL RECUPERO E PER IL CONSOLIDAMENTO corpo centrale CONTENUTI: SAPERI-CHIAVE SAPERI INTEGRATI SAPERI STABILI MODALITA DI LAVORO sezione d'uscita BATTERIA DI PROVE: VERIFICHE STRUTTURATE, SEMI STRUTTURATE, SAGGI BREVI ATTIVITA DI RECUPERO E/O CONSOLIDAMENTO CONNESSIONI CON ALTRI MODULI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

31 la progettazione dei moduli e delle U.D. da parte dei docenti della stessa disciplina o di materie d'insegnamento affini o, nel caso di moduli pluridisciplinari, delle materie coinvolte la classificazione dei mezzi, delle risorse e degli strumenti la progettazione rigorosa ma flessibile dei tempi e degli spazi la mobilità quantitativa e di composizione del gruppo di allievi la mobilità dei docenti e l'indicazione del docente responsabile della conduzione dell'attività la variazione del tempo, delle risorse e degli spazi attrezzati MAPPA I.T.C. L. L. Radice

32 MAPPA I.T.C. L. L. Radice

33 MAPPA ESEMPIO DI MODULO I.T.C. L. L. Radice

34 MAPPA I.T.C. L. L. Radice

35 MAPPA I.T.C. L. L. Radice

36 COMPITI DEL DOCENTE (fonte dinformazione e punto di riferimento) Presenta il progetto; fa definire il percorso, i tempi, le responsabilità; Guida i ragazzi ad individuare il materiale necessario (cartaceo e non) Osserva il comportamento del singolo allinterno del gruppo Osserva lo svolgersi del lavoro nelle varie articolazioni e fasi Da indicazioni e suggerimenti Assiste i ragazzi nelluso del computer Coordina i gruppi COMPITI DELLALUNNO Valuta la proposta; Chiede chiarimenti Ricerca il materiale Definisce il suo comportamento allinterno del gruppo Assiste, coordina, sostiene i gruppi in attività Esegue il compito assegnatoli dal gruppo Sintetizza, disegna, tabula, schematizza Socializza il lavoro N.B.: Ogni fase vede nel suo interno momenti di recupero, rinforzo, verifica individuale I.T.C. L. L. Radice

37 ITALIANO: - regole della comunicazione interattiva - funzioni della lingua - codifica di un testo scritto (lettera formale) - stile di una lettera - tecniche e strategie del prendere appunti da comunicazioni orali - redazione dei un curriculum vitae - redazione di un annuncio pubblicitario - nominalizzazione MATEMATICA: - calcolo con i razionali - analisi e risoluzione di problemi - grafi ad albero - costruzione di schemi - tabulazione di dati - raccolta dati e rappresentazione grafica LINGUE - nozioni di base business english/français commercial - analisi di annunci pubblicitari - atti comunicativi (saper parlare al telefono) FISICA - la scala numerica - la scala grafica - simboli grafici - rappresentazione cartografica T.I.C.: - programma di video-scrittura - programma di grafica elementare DIRITTO - elementi giuridici relativi al concetto di contratto - contratto scritto: ambiti di responsabilità ECONOMIA AZIENDALE -……... ALTRO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

38 quadro delle proprie esigenze ricerca sul mercato modifiche e integrazioni individuazione delle spese da sostenere documentazione prima stesura della mappa organizzativa avviamento dellufficio è funzionale ? NO SI PRODOTTI INTERMEDI - opuscoli sulle offerte del mercato - contatti con agenzie immobiliari (preventivi di spesa) - visita degli appartamenti selezionati - mappa con tabulazione dati - targa e logo - norme giuridiche relative allavvio dellufficio - costo appartamento scelto - spese condominiali - arredamento/personale/pratiche burocratiche MAPPA DEFINIZIONE OPERATIVA DEL COMPITO I.T.C. L. L. Radice

39 VALUTAZIONE DEL PROGETTO PRODOTTI INTERMEDI PRODOTTO FINALE PROCESSI DI LAVORO COMPORTAMENTI I.T.C. L. L. Radice

40 ORIENTAMENTO DIACRONICO-FORMATIVO RACCOLTA DI DATI NEL CORSO DEL CICLO DI STUDI SISTEMATICAMENTE CONDOTTA E REGISTRATA SVILUPPO INTERESSI DISPONIBILITA AD APPRENDERE REGRESSIONE STAZIONARIETA ATTITUDINI DEGLI APPRENDIMENTI COGNITIVI OSSERVAZIONE VERIFICA PROGRESSIVO ADEGUAMENTO DELLA PROPOSTA FORMATIVA ALLE CARATTERISTICHE ED ALLE ESIGENZE DI CIASCUN ALUNNO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

41 INFORMAZIONE SCOLASTICA NECESSARIA PER ORIENTARE ED ORIENTARSI INFORMAZIONI SIGNIFICATIVE RELATIVE A CIASCUN ALUNNO IN OGNI MOMENTO DEL SUO PROCESSO FORMATIVO I DOCENTI PROMUOVERANNO CONOSCENZE E ABILITA ALTAMENTE STRUTTURATE, SIGNIFICATIVE E CAPITALIZZABILI ANCHE IN FORMA AUTONOMA, NONCHE LO SVILUPPO E IL POTENZIAMENTO DI INTERESSI E ATTITUDINI GLI ALUNNI RAGGIUNGERANNO CONSAPEVOLEZZA DELLE DIFFICOLTA CHE INCONTRANO NEL PROCESSO DI FORMAZIONE, DEI LORO PUNTI DI FORZA, DI QUALI STRATEGIE DI APPRENDIMENTO DEVONO SERVIRSI O PORRE IN ATTO PER PERSEGUIRE DETERMINATI OBIETTIVI FLUSSI DI DATI (per esprimere giudizi a forte valenza orientativa) MAPPA I.T.C. L. L. Radice

42 TEST E QUESTIONARI ATTITUDINALI SINO PER ELABORARE QUADRI DI SINTESI E METTERE IN RELAZIONE LE DIMENSIONI COGNITIVE AGLI INTERESSI E ALLE ATTITUDINI DEI SOGGETTI AL TERMINE DI UN CONSISTENTE PERCORSO DI INSEGNAMENTO- APPRENDIMENTO PERCHE NON PERMETTONO PIU UN INTERVENTO, SVALORIZZANDO, DI FATTO, LA SCUOLA E IL SIGNIFICATO DELLA FORMAZIONE MAPPA I.T.C. L. L. Radice

43

44 ANALISI DISCIPLINARE lingua italiana COMPETENZA sa riconoscere ed usare correttamente le principali strutture linguistiche CONOSCE LA STRUTTURA LINGUISTICA INDIVIDUA LE STRUTTURE LINGUISTICHE, LE DEFINISCE E NE COGLIE LE DIFFERENZE METTE IN RELAZIONE LE DIVERSE STRUTTURE LINGUISTICHE RISPETTO AGLI SCOPI INFORMAZIONI RELAZIONI OPERAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

45 ANALISI DISCIPLINARE matematica COMPETENZA modellizzare la realtà CONOSCE LE CARATTERISTICHE DEL MODELLO RELATIVO ALLARGOMENTO IN ESAME OSSERVA, ORGANIZZA ESPERIMENTI, RACCOGLIE DATI, RAPPRESENTA DATI, ANALIZZA, INTERPRETA, RICONOSCE PROPRIETA, LEGGE E PRODUCE UN MODELLO VALUTANDONE CORRETTEZZA E LIMITI CONFRONTA IL MODELLO CON LA SUA RAPPRESENTAZIONE MENTALE E CON LA REALTA INFORMAZIONI RELAZIONI OPERAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

46 ANALISI DISCIPLINARE tutte le discipline COMPETENZA sa usare linguaggi specifici CONOSCE LA TERMINOLOGIA DELLE SINGOLE DISCIPLINE SA DECODIFICARE UN MESSAGGIO SPECIFICO; SI ESPRIME APPROPRIATAMENTE SA CONTESTUALIZZARE IL LINGUAGGIO SPECIFICO INFORMAZIONI RELAZIONI OPERAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

47 ANALISI DISCIPLINARE disciplina…………. COMPETENZA INFORMAZIONI RELAZIONI OPERAZIONI MAPPA I.T.C. L. L. Radice

48 TITOLO DESTINATARI OBIETTIVI del modulo, in termini di: CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA PREREQUISITI RICHIESTI PROVE (verifica / autoverifica / dingresso) con suggerimenti per il recupero o il consolidamento SEZIONE DINGRESSO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

49 BATTERIA DI PROVE CONTENUTI SAPERI-CHIAVE SAPERI INTEGRATI SAPERI STABILI MODALITA DI LAVORO CORPO CENTRALE ATTIVITA DI RECUPERO/ CONSOLIDAMENTO/ CONNESSIONE CON ALTRI MODULI SEZIONE DUSCITA MAPPA I.T.C. L. L. Radice

50 CONTESTO DIDATTICO VALORIZZANTE permette di: SVILUPPARE IL COGNITIVO SVILUPPARE AUTOSTIMA E MOTIVAZIONE CIRCOLARITA POSITIVA MAPPA I.T.C. L. L. Radice

51 MAPPA I.T.C. L. L. Radice

52 DISCIPLINE DINSEGNAMENTO ATTIVITA COLLEGIALE SULLE DIMENSIONI METACOGNITIVE, AFFETTIVE, RELAZIONALI ATTIVITA COLLEGIALE SULLE DIMENSIONI METACOGNITIVE, AFFETTIVE, RELAZIONALI STRATEGIE COGNITIVE PROCESSO DI ORIENTAMENTO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

53 LE DISCIPLINE GARANTISCONO LE COMPETENZE DI BASE E LE STRATEGIE DI PENSIERO UTILI PER INCREMENTARE SAPERI INDISPENSABILI PER ACQUISIRE CONOSCENZE AUTONOME I.T.C. L. L. Radice

54 LE DISCIPLINE CONDUCONO GLI ALUNNI AD ACQUISIRE ELEMENTI PER LAUTOVALUTAZIONE PER IMPARARE AD IMPARARE INSIEME ALLA CAPACITA DI LAVORARE INDIVIDUALMENTE E CON GLI ALTRI I.T.C. L. L. Radice

55 ABILITA CHE HANNO PER OGGETTO LA STRUTTURAZIONE DEL PENSIERO E CHE DEVONO ESSERE CONOSCIUTE, ATTIVATE, USATE CONSAPEVOLMENTE DAL DISCENTE PER AFFRONTARE COMPITI DI APPRENDIMENTO I.T.C. L. L. Radice

56 PER DOCENTI, ALLIEVI, GENITORI INFORMAZIONI AFFIDABILI SFERA COGNITIVA SFERA RELAZIONALE SFERA EMOZIONALE 1) IDENTIFICARE LE PECULIARITA INDIVIDUALI 2) ADEGUARE LA PROPOSTA DI FORMAZIONE A CIASCUN ALLIEVO 3) GARANTIRE LA CONTINUITA EDUCATIVA 4) PERMETTERE LORIENTAMENTO E LAUTO-ORIENTAMENTO MAPPA I.T.C. L. L. Radice

57 CONOSCENZE E COMPETENZE PADRONEGGIATE O NON PADRONEGGIATE SAPERI POSSEDUTI O CHE RAPPRESENTANO PARTICOLARI PUNTI FORTI O DEBOLI DELLALLIEVO I.T.C. L. L. Radice

58 DISPONIBILITA VERSO LAPPRENDIMENTO INTERESSI PARTICOLARI ATTITUDINI SPECIFICHE I.T.C. L. L. Radice

59 PREFERENZE PER CERTE FORME DI INTERAZIONE SOCIALE IN GRUPPI PIU O MENO ESTESI IN SITUAZIONI DI LAVORO O LUDICHE I.T.C. L. L. Radice

60 PROFILO DELLALLIEVO ESSO RAPPRESENTA IL PESO FORMATIVO DELLA SCUOLA NEL SENSO CHE INDICA QUANTO LA SCUOLA HA FATTO PER LA FORMAZIONE DI OGNI SINGOLO ALUNNO E QUALI ESITI SONO STATI RAGGIUNTI SERVE COME: 1) Comunicazione costante con gli allievi 2) Comunicazione con i genitori 3) Comunicazione con leventuale scuola di accoglienza o con ambienti di formazione 4) Supporto a qualsiasi giudizio valutativo 5) Supporto al consiglio di orientamento I.T.C. L. L. Radice

61 INIZIO SCELTA DEL TEMA OBIETTIVI CONTENUTI PREREQUISITI ? ATTIVITA, STRUMENTI E MATERIALI VERIFICA OBIETTIVI RAGGIUNTI ? RECUPERO NO RECUPERO NO COME ITINERARIO DI LAVORO ALLINTERNO DEL MODULO FINE I.T.C. L. L. Radice

62 AGGIORNAMENTO DEL DOSSIER ALUNNO CON LA SITUAZIONE RELATIVA AI CREDITI META DEL SECONDO QUADRIMESTRE, BILANCIO MODULI: - proseguimento dellazione di orientamento curricolare - orientamento interno (passerelle) - orientamento esterno (stage, raccordo con il mondo del lavoro) PASSAGGIO AL SECONDO MODULO DISCIPLINARE FINE MODULO E FORMAZIONE DI 3 GRUPPI DI LIVELLO( NON UGUALI AI PRECEDENTI): STESSA METODOLOGIA DEL PRIMO MODULO I.T.C. L. L. Radice

63 MODULI DISCIPLINARI DI APPROFONDIMENTO 1° GRUPPO MODULI DISCIPLINARI DI RECUPERO 2° GRUPPO 3° GRUPPO MODULI MULTIDISCIPLINARI PER IL RECUPERO DELLE ABILITA DI BASE E DELLE CONOSCENZE MINIME, BASATI SU INTERESSI E CAPACITA DEGLI ALUNNI IN DIFFICOLTA I.T.C. L. L. Radice


Scaricare ppt "DEFINIZIONE DI PERSONA ORIENTATA INVESTIMENTO ORIENTATIVO GRUPPO ORIENTAMENTO OBIETTIVI INFORMAZIONE: MONDO DEL LAVORO RIORIENTAMENTO IMPARARE AD IMPARARE."

Presentazioni simili


Annunci Google