La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A CCELERATORI DI PARTICELLE Fabbriche di particelle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A CCELERATORI DI PARTICELLE Fabbriche di particelle."— Transcript della presentazione:

1 A CCELERATORI DI PARTICELLE Fabbriche di particelle

2 U N INTRODUZIONE ALLA FISICA DELLE PARTICELLE E ALLA FISICA MODERNA

3 P RIME TEORIE ATOMICHE In età antica alcuni filosofi greci, quali Leucippo (V secolo a.C.), Democrito (V-IV secolo a.C.) ed Epicuro (IV-III secolo a.C.), e romani, quali Tito Lucrezio Caro (I secolo a.C.), ipotizzarono che la materia non fosse continua, ma costituita da particelle minuscole e indivisibili, fondando così la "teoria atomica". Questa corrente filosofica, fondata da Leucippo, venne chiamata "atomismo". Si supponeva che i diversi "atomi" fossero differenti per forma e dimensioni. Democrito propose la " teoria atomica ", secondo cui la materia è costituita da minuscole particelle, diverse tra loro, chiamate atomi, la cui unione dà origine a tutte le sostanze conosciute. Queste particelle erano la più piccola entità esistente e non potevano essere ulteriormente divise: per questo erano chiamate atomi (da τωμος, in greco "indivisibile"). In contrasto con questa teoria, Aristotele (IV secolo a.C.)sostenne che una sostanza può essere suddivisa all'infinito in particelle sempre più piccole e uguali tra loro. Queste ipotesi rimasero tali in quanto non supportate da un approccio scientifico e non verificate con metodologie basate sull'osservazione e sull'esperimento.

4 L A TEORIA ATOMICA MODERNA DI D ALTON Solo all'inizio del XIX secolo (più precisamente nel 1808) John Dalton rielaborò e ripropose la teoria di Democrito fondando la teoria atomica moderna, con la quale diede una spiegazione ai fenomeni chimici, affermando che le sostanze sono formate dai loro componenti secondo rapporti ben precisi fra numeri interi ( legge delle proporzioni multiple ), ipotizzando quindi che la materia fosse costituita da atomi. Nel corso dei suoi studi, Dalton si avvalse delle conoscenze chimiche che possedeva (la legge della conservazione della massa, formulata da Antoine Lavoisier, e la legge delle proporzioni definite, formulata da Joseph Louis Proust) e formulò la sua teoria atomica, che espose nel libro A New System of Chemical Philosophy (pubblicato nel 1808). La teoria atomica di Dalton si fondava su cinque punti: 1. La materia è formata da piccolissime particelle elementari chiamate atomi, che sono indivisibili e indistruttibili; 2. Gli atomi di uno stesso elemento sono tutti uguali tra loro; 3. Gli atomi di elementi diversi si combinano tra loro (attraverso reazioni chimiche) in rapporti di numeri interi e generalmente piccoli, dando così origine a composti; 4. Gli atomi non possono essere né creati né distrutti; 5. Gli atomi di un elemento non possono essere convertiti in atomi di altri elementi. In definitiva questa è la definizione di atomo per Dalton: " Un atomo è la più piccola parte di un elemento che mantiene le caratteristiche chimiche di quell'elemento ". S o l o a ll 'i n i z i o d e l X I X s e c o l o ( p i ù p r e c i s a m e n t e n e l ) J o h n D a l t o n r i e l a b o r ò e r i p r o p o s e l a t e o r i a d i D e m o c r i t o f o n d a n d o l a t e o r i a a t o m i c a m o d e r n a, c o n l a q u a l e d i e d e u n a s p i e g a z i o n e a i f e n o m e n i c h i m i c i, a ff e r m a n d o c h e l e s o s t a n z e s o n o f o r m a t e d a i l o r o c o m p o n e n t i s e c o n d o r a p p o r t i b e n p r e c i s i f r a n u m e r i i n t e r i (l e g g e d e ll e p r o p o r z i o n i m u l t i p l e ), i p o t i z z a n d o q u i n d i c h e l a m a t e r i a f h i m i c h e c h e p o s s e d e v a (l a l e g g e d e ll a c o n s e r v a z i o n e d e ll a m a s s a, f o r m u l a t a d a A n t o i n e L a v o i s i e r, e l a l e g g e d e ll e p r o p o r z i o n i d e fi n i t e, f o r m u l a t a d a J o s e p h L o u i s P r o u s t ) e f o r m u l ò l a s u a t e o r i a a t o m i c a, c h e e s p o s e n e l li b r o A N e w S y s t e m o f C h e m i c a l P h il o s o p h y ( p u b b li c a t o n e l ). L a t e o r i a a t o m i c a d i D a l t o n s i f o n d a v a s u c i n q u e p u n t i: X I X s e c o l o J o h n D a l t o nl e g e d e ll e p r o p o r z i o n i m u l t i p l el e g e d e ll a c o n s e r v a z i o n e d e ll a m a s a A n t o i n e L a v o i s i e rl e g e d e ll e p r o p o r z i o n i d e fi n i t e J o s e p h L o u i s P r o u s t e o r i a t o m i c a l a m a t e r i a è f o r m a t a d a p i c c o li s s i m e p a r t i c e ll e e l e m e n t a r i c h i a m a t e a t o m i, c h e s o n o i n d i v i s i b il i e i n d i s t r u t t i b il i; m a t e r i a p a r t i c e ll e l e m e n t a r i g li a t o m i d i u n o s t e s s o e l e m e n t o s o n o t u t t i u g u a li t r a l o r o ; e l e m e n t o g li a t o m i d i e l e m e n t i d i v e r s i s i c o m b i n a n o t r a l o r o ( a t t r a v e r s o r e a z i o n i c h i m i c h e ) i n r a p p o r t i d i n u m e r i i n t e r i e g e n e r a l m e n t e p i c c o li, d a n d o c o s ì o r i g i n e a c o m p o s t i; r e a z i o n i c h i m i c h e c o m p o s t i g li a t o m i n o n p o s s o n o e s s e r e n é c r e a t i n é d i s t r u t t i; g li a t o m i d i u n e l e m e n t o n o n p o s s o n o e s s e r e c o n v e r t i t i i n a t o m i d i a l t r i e l e m e n t i. [4 ] [4 ] I n d e fi n i t i v a q u e s t a è l a d e fi n i z i o n e d i a t o m o p e r D a l t o n : " U n a t o m o è l a p i ù p i c c o l a p a r t e d i u n e l e m e n t o c h e m a n t i e n e l e c a r a t t e r i s t i c h e c h i m i c h e d i q u e ll ' e l e m e n t o "

5 P RIMI MODELLI ATOMICI : T HOMSON … Con la scoperta della radioattività naturale, si intuì successivamente che gli atomi non erano particelle indivisibili, bensì erano oggetti composti da parti più piccole. Nel 1902, Joseph John Thomson propose il primo modello fisico dell'atomo: aveva infatti provato un anno prima l'esistenza dell'elettrone. Egli immaginò che un atomo fosse costituito da una sfera fluida di materia caricata positivamente (protoni e neutroni non erano stati ancora scoperti) in cui gli elettroni (negativi) erano immersi ( modello a panettone, in inglese plum pudding model o modello ad atomo pieno ), rendendo neutro l'atomo nel suo complesso. Con la scoperta della radioattività naturale, si intuì successivamente che gli atomi non erano particelle indivisibili, bensì erano oggetti composti da parti più piccole. Nel 1902, Joseph John Thomson propose il primo modello fisico dell'atomo[5]: aveva infatti provato un anno prima l'esistenza dell'elettrone. Egli immaginò che un atomo fosse costituito da una sfera fluida di materia caricata positivamente (protoni e neutroni non erano stati ancora scoperti) in cui gli elettroni (negativi) erano immersi (modello a panettone, in inglese plum pudding model omodello ad atomo pieno), rendendo neutro l'atomo nel suo complesso.Questo modello fu superato quando furono scoperte da Ernest Rutherford le particelle che formano il nucleo dell'atomo: i protoni. Nel 1911 Rutherford feceun esperimento cruciale, con lo scopo di convalidare il modello di Thomson. Egli bombardò un sottilissimo foglio di oro, posto fra una sorgente di particelle alfa e uno schermo. Le particelle, attraversando la lamina, lasciarono una traccia del loro passaggio sullo schermo. L'esperimento portò alla constatazione che i raggi alfa non venivano quasi mai deviati; solo l'1% dei raggi incidenti era deviato considerevolmente dal foglio di oro (alcuni venivano completamente respinti).Attraverso questo esperimento, Rutherford propose un modello di atomo in cui quasi tutta la massa dell'atomo fosse concentrata in una porzione molto piccola, il nucleo (caricato positivamente) e gli elettroni gli ruotassero attorno così come i pianeti ruotano attorno al Sole (modello planetario).[6] L'atomo era comunque largamente composto da spazio vuoto, e questo spiCon la scoperta della radioattività naturale, si intuì successivamente che gli atomi non erano particelle indivisibili, bensì erano oggetti composti da parti più piccole. Nel 1902, Joseph John Thomson propose il primo modello fisico dell'atomo[5]: aveva infatti provato un anno prima l'esistenza dell'elettrone. Egli immaginò che un atomo fosse costituito da una sfera fluida di materia caricata positivamente (protoni e neutroni non erano stati ancora scoperti) in cui gli elettroni (negativi) erano immersi (modello a panettone, in inglese plum pudding model omodello ad atomo pieno), rendendo neutro l'atomo nel suo complesso.Questo modello fu superato quando furono scoperte da Ernest Rutherford le particelle che formano il nucleo dell'atomo: i protoni. Nel 1911 Rutherford feceun esperimento cruciale, con lo scopo di convalidare il modello di Thomson. Egli bombardò un sottilissimo foglio di oro, posto fra una sorgente di particelle alfa e uno schermo. Le particelle, attraversando la lamina, lasciarono una traccia del loro passaggio sullo schermo. L'esperimento portò alla constatazione che i raggi alfa non venivano quasi mai deviati; solo l'1% dei raggi incidenti era deviato considerevolmente dal foglio di oro (alcuni venivano completamente respinti).Attraverso questo esperimento, Rutherford propose un modello di atomo in cui quasi tutta la massa dell'atomo fosse concentrata in una porzione molto piccola, il nucleo (caricato positivamente) e gli elettroni gli ruotassero attorno così come i pianeti ruotano attorno al Sole (modello planetario).[6] L'atomo era comunque largamente composto da spazio vuoto, e questo spi Il m aveva incontrato una palese contraddizione con le leggi della fisica classica: secondo la teoria elettromagnetica, una carica che subisce una accelerazione emette energiasotto forma di radiazione elettromagnetica. Per questo motivo, gli elettroni dell'atomo di Rutherford, che si muovono di moto circolare intorno al nucleo, avrebbero dovuto emettere onde elettromagnetiche e quindi, perdendo energia, annichilire nel nucleo stesso (teoria del collasso), cosa che evidentemente non accade.[7] Inoltre un elettrone, nel perdere energia, potrebbe emettere onde elettromagnetiche di qualsiasi lunghezza d'onda, operazione preclusa nella teoria e nella pratica dagli studi sul corpo nero di Max Planck (e successivamente di Albert Einstein). Solo la presenza di livelli di energia quantizzati per quanto riguarda gli stati degli elettroni poteva spiegare i risultati sperimentali: la stabilità degli atomi rientra nelle proprietà spiegabili mediante lameccanica quantistica, crescenti col numero atomico degli elementi secondo incrementi dei tempi di stabilità via via decrescenti (regola dell'ottetto e regola dei 18 elettroni).Il m aveva incontrato una palese contraddizione con le leggi della fisica classica: secondo la teoria elettromagnetica, una carica che subisce una accelerazione emette energiasotto forma di radiazione elettromagnetica. Per questo motivo, gli elettroni dell'atomo di Rutherford, che si muovono di moto circolare intorno al nucleo, avrebbero dovuto emettere onde elettromagnetiche e quindi, perdendo energia, annichilire nel nucleo stesso (teoria del collasso), cosa che evidentemente non accade.[7] Inoltre un elettrone, nel perdere energia, potrebbe emettere onde elettromagnetiche di qualsiasi lunghezza d'onda, operazione preclusa nella teoria e nella pratica dagli studi sul corpo nero di Max Planck (e successivamente di Albert Einstein). Solo la presenza di livelli di energia quantizzati per quanto riguarda gli stati degli elettroni poteva spiegare i risultati sperimentali: la stabilità degli atomi rientra nelle proprietà spiegabili mediante lameccanica quantistica, crescenti col numero atomico degli elementi secondo incrementi dei tempi di stabilità via via decrescenti (regola dell'ottetto e regola dei 18 elettroni).

6 … E R UTHERFORD. Questo modello fu superato quando furono scoperte da Ernest Rutherford le particelle che formano il nucleo dell'atomo: i protoni. Nel 1911 Rutherford fece un esperimento cruciale, con lo scopo di convalidare il modello di Thomson. Egli bombardò un sottilissimo foglio di oro, posto fra una sorgente di particelle alfa e uno schermo. Le particelle, attraversando la lamina, lasciarono una traccia del loro passaggio sullo schermo. L'esperimento portò alla constatazione che i raggi alfa non venivano quasi mai deviati; solo l'1% dei raggi incidenti era deviato considerevolmente dal foglio di oro (alcuni venivano completamente respinti). Attraverso questo esperimento, Rutherford propose un modello di atomo in cui quasi tutta la massa dell'atomo fosse concentrata in una porzione molto piccola, il nucleo (caricato positivamente) e gli elettroni gli ruotassero attorno così come i pianeti ruotano attorno al Sole ( modello planetario ).

7 N ASCE LA M ECCANICA Q UANTISTICA Il modello di Rutherford aveva incontrato una palese contraddizione con le leggi della fisica classica: secondo la teoria elettromagnetica, una carica che subisce una accelerazione emette energia sotto forma di radiazione elettromagnetica. Per questo motivo, gli elettroni dell'atomo di Rutherford, che si muovono di moto circolare intorno al nucleo, avrebbero dovuto emettere onde elettromagnetiche e quindi, perdendo energia, annichilire nel nucleo stesso ( teoria del collasso ), cosa che evidentemente non accade. Inoltre un elettrone, nel perdere energia, potrebbe emettere onde elettromagnetiche di qualsiasi lunghezza d'onda, operazione preclusa nella teoria e nella pratica dagli studi sul corpo nero di Max Planck (e successivamente di Albert Einstein ). Solo la presenza di livelli di energia quantizzati per quanto riguarda gli stati degli elettroni poteva spiegare i risultati sperimentali: la stabilità degli atomi rientra nelle proprietà spiegabili mediante la meccanica quantistica, crescenti col numero atomico degli elementi secondo incrementi dei tempi di stabilità via via decrescenti (regola dell'ottetto e regola dei 18 elettroni). Nasce così una nuova era per la fisica, poiché si scopre che i mattoni fondamentali della materia non sono più né gli atomi né i protoni, gli elettroni o i neutroni ma bensì le particelle che li costituiscono ovvero i quark e i leptoni.

8 I L M ODELLO S TANDARD Il Modello Standard è una teoria che descrive i componenti primi della materia e le loro interazioni

9 I N COSA CONSISTE IL MODELLO ? Solo tre delle quattro forze fondamentali osservate in natura sono di fatto considerate dal modello: l'interazione elettromagnetica, quella debole (unificate nella cosiddetta interazione elettrodebole) e l' interazione forte. Esso costituisce una teoria di campo quantistica, consistente quindi con la meccanica quantistica oltre che con la relatività speciale, in cui ciascuna interazione tra i campi di materia è regolata da un'opportuna simmetria locale (di gauge); conseguenza di ciò è che l'interazione tra campi di materia può interpretarsi in termini di scambio di bosoni che, proprio per il loro ruolo, vengono detti bosoni mediatori (o di gauge). I bosoni di gauge del Modello Standard sono i seguenti: - il fotone, mediatore dell'interazione elettromagnetica; - i bosoni W e Z, che mediano la forza debole; - i gluoni, che mediano la forza forte. Il Modello Standard divide dunque le particelle fondamentali in due tipi: i cosiddetti campi di materia ( leptoni - che subiscono solo interazioni elettrodeboli - e quark ) e i bosoni mediatori delle forze. Leptoni e quark sono fermioni e, come tali, sono particelle con spin semintero (½ per tutti i fermioni del Modello Standard), al contrario dei bosoni, caratterizzati invece da spin intero (spin 1 nel caso specifico di bosoni di gauge).

10 I FONDAMENTALI DELLA MATERIA Una panoramica dei fermioni (in tutto 6 tipi - o sapori - di quark e 6 di leptoni) è rappresentata nell'immagine. Per la teoria del modello standard, dunque, i mattoni fondamentali della materia sono le seguenti particelle: 6 quark, 6 leptoni e le particelle mediatrici delle forze fondamentali.

11 L IMITI DEL MODELLO : IL BOSONE DI H IGGS Il modello standard ha un limite: esso funziona solo se consideriamo che le particelle non hanno massa. Higgs postulò lesistenza di una particella che sarebbe stata la portatrice della massa: il bosone di Higgs, che è stato rilevato probabilmente al CERN lo scorso luglio. Negli acceleratori di particelle, vengono fatte scontrare particelle con le loro rispettive antiparticelle per darne origine ad altre o per rilevare la presenza di altre.

12 P ICCOLA PARENTESI : L ELETTRONVOLT Lunità di misura dellenergia del SI è il J (Joule). Nellambito della fisica nucleare, però, è ununità di misura troppo grande: si introduce l elettronvolt (eV), definito come lenergia acquistata da un elettrone che viene accelerato attraverso una differenza di potenziale di 1 V. Ci servirà saperlo più tardi…

13 A CCELERATORI DI P ARTICELLE Come funzionano e a cosa servono?

14 C HE COSA SONO GLI ACCELERATORI DI PARTICELLE ? Big Bang Gli acceleratori di particelle sono stati creati dai fisici attorno al ; sono dispositivi capaci di far viaggiare fasci di particelle a velocità prossime a quelle della luce per poi scontrarli con un fascio analogo che viaggia in direzione opposta oppure contro un bersaglio fisso. Essi sono potenti microscopi che, utilizzando particelle subatomiche come sonde, permettono di studiare l intima struttura della materia. Inoltre, possono generare nuove particelle e, ricreando condizioni simili a quelle che si sono avute subito dopo il Big Bang, permettono di studiare i primi istanti di vita del nostro universo.

15 A CCELERATORI : G IOCATTOLI PER F ISICI ? Gli acceleratori di particelle sono utilizzati nel campo della fisica per rilevare e studiare le particelle subatomiche e le particelle che sono particolarmente instabili ma anche in altri ambiti, ad esempio quello medico : fasci di particelle vengono usati per la diagnostica e la terapia del cancro, per la produzione farmaceutica e possono essere usati in chirurgia come bisturi di precisione. Gli acceleratori possono anche essere utilizzati per distruggere scorie radioattive.

16 P RIMO ACCELERATORE : L ACCELERATORE DI V AN DE G RAAFF Il primo acceleratore di particelle detto elettrostatico o a caduta di potenziale sfruttava campi elettrici statici in cui si acceleravano ioni tra differenze di potenziale al più di MV (lo stesso potenziale che esiste tra la terra ed una nuvola prima che scocchi un fulmine). Il primo acceleratore di questo tipo fu costruito da Robert Van de Graaff (da cui prende il nome) nel Seguì quello realizzato da Cockroft e Walton nel 1932 per i primi studi sulla fissione nucleare in laboratorio. Infine, una versione più efficiente dell'acceleratore di Van de Graaff (acceleratore Tandem) permetteva l'accelerazione tra differenze di potenziale doppie rispetto al suo predecessore.

17 L ACCELERATORE DI V AN DE G RAAFF

18 Q UANTI TIPI DI ACCELERATORI ESISTONO ? Esistono 3 tipi di acceleratori: lineare, ciclotrone e sincrotrone.

19 L INAC : A CCELERATORI LINEARI Nel primo, che è detto anche linac, gli ioni sono accelerati fino ad energie di qualche centinaio di MeV, dal campo elettrico oscillante che si genera quando, nel tubo contenente elettrodi forati, è presente unonda elettromagnetica a qualche centinaia di MHz.

20 C ICLOTRONE : TRAIETTORIE A SPIRALE In un ciclotrone, le traiettorie seguono una spirale. Gli ioni partono dal centro e sono accelerati quando passano nello spazio tra 2 elettrodi a forma di D a cui è applicata una tensione alternata. I campi magnetici molto intensi generano la forza di Lorentz che curva la traiettoria. Accelerando, il diametro dell'orbita aumenta, fino a quando il fascio non fuoriesce tangenzialmente dal bordo del dispositivo a velocità prossime a quella della luce.

21 S INCROTRONE : T RAIETTORIA CIRCOLARE In un sincrotrone, le particelle si muovono sotto leffetto di molti magneti in un tubo circolare vuoto daria. Laccelerazione avviene nelle cavità a radiofrequenza, il cui campo oscilla in modo da dare impulso a ogni passaggio di un pacchetto di particelle. Soltanto i sincrotroni di diametro maggiore di qualche centinaio di metri raggiungono le migliaia di MeV con costi non proibitivi. I sincrotroni del CERN sono posti in cascata in modo che le particelle, accelerate dai linac, sono poi accelerate dal protosincrotone (PS) e dal superprotosincrotone (SPS). Infine, esse sono iniettate nei grandi sincrotroni costruiti in un tunnel sotteraneo di 27 km di lunghezza. Questo tunnel ha ospitato ed ospiterà dei collisori, speciali sincrotroni nei quali le particelle continuano a circolare per ore,dopo essere giunte allenergia voluta.

22 S TRUTTURA TIPICA DI UN SINCROTRONE

23

24 DAΦNE, L ACCELERATORE DI PARTICELLE DI F RASCATI DAΦNE ( D ouble A nnular Φ F actory for N ice E xperiments) è lanello di collisione per elettroni e positroni attualmente in funzione a Frascati. È il capostipite di una nuova generazione di acceleratori ad elevata luminosità (cioè in cui avvengono numerose collisioni) dedicato alla produzione di particelle Φ. Il suo obiettivo è lo studio di queste particelle (insieme con i quark s e le particelle K) che permetterà di fare luce su molti punti critici dellattuale immagine del mondo subnucleare e delle forze che lo dominano.

25 U N PO DI NUMERI … Negli anelli di DAΦNE viene mantenuto un vuoto particolarmente spinto (meno di un millesimo di miliardesimo di atm); lenergia complessiva è di 1,02 miliardi di eV; i due anelli hanno un diametro di 100 m in cui circolano più di 100 pacchetti composti da più di 100 miliardi di particelle che compiono più di 3 milioni di giri in un secondo e le cui collisioni producono circa 2000 Φ al secondo!

26 M AGNETI NEI SINCROTRONI Per poter raggiungere queste dimensioni e controllare le orbite dei pacchetti vengono utilizzati sofisticati magneti, i quadrupoli, che funzionano come delle lenti mantenendo le particelle ben confinate nella camera da vuoto, e i dipoli che, collocati lungo le curve della camera da vuoto, generano un campo magnetico verticale rispetto alla direzione di propagazione del fascio, facendolo curvare.

27

28 A VOLTE LAVORARE CON GLI ACCELERATORI È ANCHE DIVERTENTE … Abbiamo visto che il bosone Z 0 è il mediatore della forza debole. Abbiamo lavorato sulle immagini dellacceleratore ATLAS che si trova al CERN e abbiamo provato a rilevare la sua presenza. Il modo per riconoscerlo è il fatto che esso ha una massa che varia dagli 85 e i 105 GeV e il suo decadimento può essere dato o da 2 elettroni di carica opposta o da due muoni di carica opposta o da due leptoni tau. Lacceleratore ATLAS presenta una struttura a cipolla: la parte più interna è caratterizzata da un calorimetro a tracce, poi abbiamo calorimetro elettroni, un calorimetro per adroni e poi una camera per muoni.

29 I DETTAGLI DELLA NOSTRA ESPERIENZA Ogni particella può essere riconosciuta a seconda del fatto che compaia o meno allinterno dei vari strati: infatti, una coppia di elettroni è rivelata e visibile solo nei primi due strati quindi se vediamo nellimmagine due linee opposte che giungono fine al secondo strato, quelle sono buone candidate per essere considerate particelle provenienti dal decadimento del bosone Z 0.I muoni, invece, si riconoscono perché riescono ad essere rivelati da tutti gli strati dellacceleratore e, dunque, nel momento in cui vediamo due linee opposte che attraversano tutti gli strati possono essere una coppia di muoni probabilmente dovuta al decadimento del bosone Z 0. Ovviamente, parliamo di candidati perché ovviamente la somma delle masse di queste due particelle ci devono dare un valore compreso tra 85 e 105 GeV che è appunto la massa del bosone stesso.

30

31 Infine,una volta individuate le varie coppie di particelle i dati vengono rielaborati e poi rappresentati allinterno di un grafico che sarà, se la rivelazione dei dati è fatta bene, assimilabile ad una curva gaussiana con un picco tra 90 e 91 GeV.

32

33 F INE ! Emanuela Ferrara Luca de Pasquale VH


Scaricare ppt "A CCELERATORI DI PARTICELLE Fabbriche di particelle."

Presentazioni simili


Annunci Google