La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MONICA MAGGIONI. LA VITA DI MONICA MAGGIONI. Monica Maggioni è nata a Milano nel 1964.Nel 1994 viene assunta da Euronews, canale televisivo via satellite.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MONICA MAGGIONI. LA VITA DI MONICA MAGGIONI. Monica Maggioni è nata a Milano nel 1964.Nel 1994 viene assunta da Euronews, canale televisivo via satellite."— Transcript della presentazione:

1 MONICA MAGGIONI

2 LA VITA DI MONICA MAGGIONI. Monica Maggioni è nata a Milano nel 1964.Nel 1994 viene assunta da Euronews, canale televisivo via satellite di Lione.Entra in RAI e nel 1996 collabora a TV7, che condurrà nel 2001.Nel 1998 e nel 2000 conduce la serie estiva del programma Unomattina di RaiUno, mentre nel 1999 conduce il TG1 del mattino e realizza una serie di reportage dall'estero.Dopo l'11 settembre 2001 si reca in Medio Oriente e poi negli Stati Uniti.Nel 2003 viaggia al seguito delle truppe americane nella seconda guerra del Golfo e rimane poi in Iraq per seguire gli sviluppi della crisi.Insegna Teoria e Tecnica del linguaggio televisivo presso l'Università Cattolica di Milano; nel 2004 ha vinto il prestigioso "premio Luigi Barzini all'inviato speciale. Monica Maggioni è nata a Milano nel 1964.Nel 1994 viene assunta da Euronews, canale televisivo via satellite di Lione.Entra in RAI e nel 1996 collabora a TV7, che condurrà nel 2001.Nel 1998 e nel 2000 conduce la serie estiva del programma Unomattina di RaiUno, mentre nel 1999 conduce il TG1 del mattino e realizza una serie di reportage dall'estero.Dopo l'11 settembre 2001 si reca in Medio Oriente e poi negli Stati Uniti.Nel 2003 viaggia al seguito delle truppe americane nella seconda guerra del Golfo e rimane poi in Iraq per seguire gli sviluppi della crisi.Insegna Teoria e Tecnica del linguaggio televisivo presso l'Università Cattolica di Milano; nel 2004 ha vinto il prestigioso "premio Luigi Barzini all'inviato speciale.

3 I REPORTAGE E' cominciato tutto una mattina di luglio del 2004, ero tornata in Italia da qualche giorno dopo due mesi passati in Iraq. Squilla il cellulare, dall'altra parte c'è Alberto Piatti, segretario generale di AVSI. "Senti Monica, fra qualche mese inizieremo una grande campagna si sensibilizzazione sul Nord Uganda in collaborazione con Echo, l'agenzia per gli aiuti umanitari dell'Unione Europea, racconteremo cosa fa AVSI da quelle parti con i suoi fondi. Pensiamo di realizzare un documentario e una serie di spot televisivi, per i quali ci darà una mano lo staff creativo dell'agenzia MacCann Erickson e che verranno poi mandati in onda questo inverno. Ci è venuta un'idea. Non è che tu ci faresti da testimonial?"Non ho bisogno di rifletterci. "Ci sono!".

4 Due mesi dopo ero già seduta sull'aereo che mi stava portando a Kampala. L'ultimo mio viaggio africano era stato cinque anni prima, nel Mozambico travolto dall'alluvione. Nella mia famiglia l'Africa l'abbiamo tutti nel cuore. Ho uno zio che ci ha trascorso quasi tutta la vita. Da quando ero piccola ho imparato ad associare la parola viaggio con la parola Africa. Ogni volta che ci vado ho la sensazione del ritorno, mi sembra di sentirne persino più forte la mancanza. Essere in aereo e sapere che con Franco stiamo per atterrare a Kampala è proprio una bella sensazione. Franco, mio amico e collega, farà le immagini con le quali racconteremo la storia. Una parte della storia, perché l'altra parte ha già cominciato a raccontarla un po' di mesi fa Gian Micalessin, amico giornalista. Alla fine ci troveremo tutti a mettere insieme i capitoli di questo racconto. Di questo giro dentro il Nord Uganda a seguire quello che AVSI fa da quelle parti.

5 Il campo che accoglie i bambini che sono riusciti a scappare dai ribelli è il primo choc vero. Arriviamo e ci guardano obbedienti, si presentano, ci presentiamo. Gli chiediamo di disegnare per noi e ancora una volta è l'orrore puro che esce dalle loro penne colorate. Eppure anche davanti alla telecamera raccontano, quasi fosse altro da loro quel ricordo mostruoso. Non è una cosa con cui è facile fare i conti. Avere davanti a te un bimbetto di nove anni che ti spiega come ha ucciso a bastonate un suo coetaneo perché altrimenti i ribelli avrebbero finito lui in quello stesso modo. Un bimbo di nove anni che ha dovuto uccidere per sopravvivere. Quelli che rimangono in un angolo sono i ragazzini arrivati per ultimi qui al centro di accoglienza. I loro occhi sono sfuggenti. Non incontrano mai gli sguardi, hanno la paura disegnata in ogni gesto. O il timore del giudizio?

6 L'ingiustizia più atroce. Anche quando sopravvivono e tornano a casa questi ragazzi continuano a essere vittime. La prima volta perché sono stati rapiti, strappati alle famiglie, torturati. La seconda adesso, accusati o additati come responsabili di crimini commessi loro malgrado. Quante volte hanno ripetuto che solo grazie ad AVSI e alla scuola sperano di ricominciare a vivere. E quelle erano le loro parole, la loro realtà. Io ero lì per fare uno spot. Loro no. Il dramma che molte popolazioni stanno vivendo nel mondo va combattuto tenendo conto dell'unicità dell'uomo, con un progetto di sviluppo che guardi all'educazione come strumento per far emergere i talenti. Solo così è possibile consolidare un modello di sviluppo che faccia crescere gli uomini e, con loro, la pace. L'ingiustizia più atroce. Anche quando sopravvivono e tornano a casa questi ragazzi continuano a essere vittime. La prima volta perché sono stati rapiti, strappati alle famiglie, torturati. La seconda adesso, accusati o additati come responsabili di crimini commessi loro malgrado. Quante volte hanno ripetuto che solo grazie ad AVSI e alla scuola sperano di ricominciare a vivere. E quelle erano le loro parole, la loro realtà. Io ero lì per fare uno spot. Loro no. Il dramma che molte popolazioni stanno vivendo nel mondo va combattuto tenendo conto dell'unicità dell'uomo, con un progetto di sviluppo che guardi all'educazione come strumento per far emergere i talenti. Solo così è possibile consolidare un modello di sviluppo che faccia crescere gli uomini e, con loro, la pace.

7 AVSI Associazione aiuti umanitari. In Uganda ci troviamo dinanzi a una situazione peggiore di quella dell'Iraq, la tragedia umanitaria nel nord è la più grave del mondo - ha dichiarato il vicesegretario generale dell'Onu con delega per i problemi umanitari,Jan Egeland - Non c'è alcun altro posto al mondo con un'emergenza drammatica come quella dell'Uganda, e che riceve un'attenzione minima al livello internazionale: è un oltraggio morale che si faccia così poco per le vittime di questo conflitto, soprattutto i bimbi". Negli ultimi 18 mesi la guerriglia ha rapito 18 mila bambini, costretti con la forza a imbracciare le armi. A diventare bambini soldato. La guerra civile in Uganda ha causato almeno vittime e costretto il 95% della popolazione a cercare rifugio in campi per gli sfollati, dove manca anche l'indispensabile per sopravviveIl Sostegno a distanza di AVSI rappresenta un ulteriore strumento per offrire assistenza a bambini che vivono in condizioni di grande vulnerabilità a causa dell'estrema povertà e della guerra in corso. Un semplice gesto che può cambiare il futuro di una persona. A oggi, AVSI sostiene con le adozioni a distanza oltre bambini in Uganda e più di in tutto il mondo.

8 Realtà vissute "Nel centro di riabilitazione io sono di nuovo felice, perché le persone sono gentili e ascoltano i nostri problemi con un sorriso. Insieme, a volte, ascoltiamo anche la musica..." Scovia, 8 anni Kitgum, Nord Uganda " Adesso vorrei ritornare a scuola e continuare i miei studi perché da grande voglio guidare gli aerei delle Nazioni Unite. Quando sono fuggito dai ribelli un pilota mi ha trovato nel bush e mi ha salvato. Dal cielo ho visto il mio villaggio. Ero felice. " John, 13 anni Nord Uganda

9 LA GIORNALISTA E IL SUO LIBRO. DENTRO LA GUERRA. DENTRO LA GUERRA. Monica Maggioni ha condotto diversi telegiornali e programmi rai e ha realizzato molti reportage dall estero. el 2003 segue dagli USA le diverse fasi di preparazione della guerra in Iraq e subito dopo parte per il conflitto a seguito delle truppe americane.Dopo la dichiarazione della fine ufficiale dei combattimenti rimane in Iraq a documentare le difficili fasi della guerra.In questo libro la giornalista guida il lettore in un viaggio verso l Iraq. Parla dei soldati americani, soldati che vivono in un universo parallelo,fatto di linguaggi,abitudini,codici sconosciuti,soldati che non sono RAMBO né raffinati professionisti della guerra. Monica Maggioni ha condotto diversi telegiornali e programmi rai e ha realizzato molti reportage dall estero. el 2003 segue dagli USA le diverse fasi di preparazione della guerra in Iraq e subito dopo parte per il conflitto a seguito delle truppe americane.Dopo la dichiarazione della fine ufficiale dei combattimenti rimane in Iraq a documentare le difficili fasi della guerra.In questo libro la giornalista guida il lettore in un viaggio verso l Iraq. Parla dei soldati americani, soldati che vivono in un universo parallelo,fatto di linguaggi,abitudini,codici sconosciuti,soldati che non sono RAMBO né raffinati professionisti della guerra.

10 LUganda la cui capitale è Kampala è costituita da 1.2 milioni di abbitanti.Essa svolge il ruolo di potenza regionale,portandola in questo modo ad intervenire nei conflitti dei paesi vicini. Il suo governo autoritario non ha ancora sconfitto i ribelli del nord, tristemente ricordati per il rapimento e larruolamento forzato BAMBINI-SOLDATO. Dal punto di vista economico, lUganda vanta di una certa crescita dovuta anche agli internazionali e agli investimenti stranieri. I perni delleconomia sono le attività agricole, che impiegano oltre l80% della popolazione, dedicate alle CULTURE DI PIANTAGIONI(caffè,e thè in primo luogo, ma anche cotone,canna da zucchero, arachidi, e tabacco)e al COLTURE DI SUSSISTENZA(manioca,patata, miglio, e fagioli). Un notevole impulso hanno ricevuto anche le ATTIVITÁ ESTRATTIVE(oro,cobalto, tungsteno, amianto) grazie agli investimenti di società straniere. Confina a nord con il Sudan ad est con il kenya a sud con Tanzania, ed il lago Vittoria,ad ovest con la repubblica del Congo. Ottenne lindipendenza il 9 ottobre del LUganda gode di un clima temperato.


Scaricare ppt "MONICA MAGGIONI. LA VITA DI MONICA MAGGIONI. Monica Maggioni è nata a Milano nel 1964.Nel 1994 viene assunta da Euronews, canale televisivo via satellite."

Presentazioni simili


Annunci Google