La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rita Levi Montalcini è nata nel 1909 a Torino. Entrata alla scuola medica di Levi all'età di vent'anni, si laurea nel 1936. Fermamente intenzionata a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rita Levi Montalcini è nata nel 1909 a Torino. Entrata alla scuola medica di Levi all'età di vent'anni, si laurea nel 1936. Fermamente intenzionata a."— Transcript della presentazione:

1

2 Rita Levi Montalcini è nata nel 1909 a Torino. Entrata alla scuola medica di Levi all'età di vent'anni, si laurea nel Fermamente intenzionata a proseguire la sua carriera accademica come assistente e ricercatrice in neurobiologia e psichiatria, è costretta, a causa delle leggi razziali emanate dal regime fascista nel 1938, ad emigrare in Belgio insieme a Giuseppe Levi. La passione per la sua materia comunque la sospinge e le dona la forza per andare avanti tanto che continua le sue ricerche in un laboratorio casalingo. Sono anni assai travagliati per il mondo e per l'Europa. Infuria la seconda guerra mondiale ed è assai difficile trovare luoghi dove poter stare tranquilli, figuriamoci intraprendere delle ricerche. Nel suo girovagare, nel '43 approda a Firenze, dove vivrà in clandestinità per qualche anno, prestando fra l'altro la sua collaborazione come medico volontario fra gli Alleati. Finalmente, nel '45 la guerra finisce, lasciandosi alle spalle milioni di morti e devastazioni inimmaginabili in tutti i Paesi.

3 Dopo così lungo peregrinare senza un posto sicuro in cui rifugiarsi, Rita torna nella sua città natale (giusto poco prima dell'invasione tedesca del Belgio, riprendendo con più serenità le sue importanti ricerche insieme a Levi, sempre attraverso un laboratorio domestico.) Poco dopo riceve un'offerta difficilmente rifiutabile dal Dipartimento di Zoologia della Washington University (St. Louis, Missouri). Accetta, dopo essersi però ben assicurata che potrà proseguire le stesse ricerche che aveva cominciato a Torino. La giovane Rita ancora non sa che l'America diventerà una sorta di sua seconda patria, vivendoci con incarichi prestigiosi per oltre trent'anni (diventerà professore di Neurobiologia), e precisamente fino al 1977.

4 Ma vediamo nel dettaglio quali sono state le tappe di questa straordinaria ricerca che ha portato a risultati altrettanto straordinari. I suoi primi studi (risaliamo agli anni ) sono dedicati ai meccanismi di formazione del sistema nervoso dei vertebrati. Nel scopre il fattore di crescita nervoso noto come NGF, che gioca un ruolo essenziale nella crescita e differenziazione delle cellule nervose sensoriali e simpatiche. Per circa un trentennio prosegue le ricerche su questa molecola proteica e sul suo meccanismo d'azione, per le quali nel 1986 le viene conferito il Premio Nobel per la Medicina (con Stanley Cohen). Nella motivazione del Premio si legge: "La scoperta del NGF all'inizio degli anni '50 è un esempio affascinante di come un osservatore acuto possa estrarre ipotesi valide da un apparente caos. In precedenza i neurobiologi non avevano idea di quali processi intervenissero nella corretta innervazione degli organi e tessuti dell'organismo".Nobel

5 Dal 1961 al 1969 dirige il Centro di Ricerche di Neurobiologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Roma) in collaborazione con l'Istituto di Biologia della Washington University, e dal 1969 al 1979 il Laboratorio di Biologia cellulare. Dopo essersi ritirata da questo incarico "per raggiunti limiti d'età" continua le sue ricerche come ricercatore e guest professor dal 1979 al 1989, e dal 1989 al 1995 lavora presso l'Istituto di Neurobiologia del CNR con la qualifica di Superesperto. Le sue indagini si concentrano sullo spettro di azione del NGF, utilizzando tecniche sempre più sofisticate. Studi recenti hanno infatti dimostrato che esso ha un'attività ben più ampia di quanto si pensasse: non si limita ai neuroni sensori e simpatici, ma si estende anche alle cellule del sistema nervoso centrale, del sistema immunitario ematopoietico e alle cellule coinvolte nelle funzioni neuroendocrine.

6 La lunga attività di scienziata di Rita Levi- Montalcini non riguarda soltanto la brillante scoperta del fattore di crescita del sistema nervoso o NGF: la sua vicenda scientifica si intreccia infatti anche con le vicende storiche italiane ed europee e più in particolare con la storia della scienza negli anni a cavallo del secondo conflitto mondiale. La formazione di Levi-Montalcini inizia a Torino ed ha al suo centro la figura di Giuseppe Levi, titolare della Cattedra di Istologia e maestro di altri due futuri Premi Nobel, Renato Dulbecco e Salvador Luria.

7 Nel 1938, però, con lemanazione delle leggi razziali, la giovane ricercatrice è costretta, per proseguire gli studi, ad emigrare a Bruxelles, dove lavora sino allinvasione tedesca del Belgio, nella primavera del 1940: torna allora a Torino ed allestisce un laboratorio di fortuna a casa, dove con il suo maestro Giuseppe Levi inizia a fare ricerca sullo sviluppo del sistema nervoso negli embrioni di pollo. Alla fine della guerra, nel 1947, come altri scienziati italiani ed europei, si reca negli USA, accettando linvito di Victor Hamburger per lavorare alla Washington University di St. Louis, dove sarebbe arrivata alla scoperta del Nerve Growth Factor, il fattore di crescita nervosa (NGF).

8 Fino ad allora la Levi-Montalcini aveva svolto la sua ricerca sulle correlazioni nello sviluppo tra le varie parti del sistema nervoso e si era in seguito rivolta allo studio dello sviluppo dei neuroni dellembrione di pollo, cui si dedicò anche a St. Louis, quando affrontò, insieme a Stanley Cohen, il tema della crescita e differenziamento delle cellule nervose. Nel laboratorio di St. Louis, partendo da due linee di cellule tumorali, era stata isolata una frazione proteica in grado di promuovere in vitro la crescita delle cellule nervose. Per studiare questo fenomeno le colture di cellule nervose vennero trattate con veleno di serpente, ritenendo che questo avrebbe soppresso la formazione delle fibre: al contrario, risultò che piccole quantità del veleno promuovevano la formazione di un denso alone di fibrille.

9 Gli esperimenti successivi dimostrarono che non soltanto nel veleno del serpente, ma anche nelle ghiandole salivari di diverse specie animali era presente una sostanza che promuoveva la crescita delle cellule nervose appartenenti al sistema simpatico, una branca del sistema nervoso autonomo formata da vari gangli – o raggruppamenti di neuroni – che controllano il ritmo cardiaco, la costrizione delle pupille, la contrazione delle fibre muscolari dellintestino e dei vasi sanguigni. Le caratteristiche chimiche di questa sostanza erano allora ignote, ma era stato notato che i gangli simpatici coltivati in vitro crescevano a dismisura quando era presente la sostanza estratta dalle ghiandole salivari, che venne ben presto chiamata col nome di fattore di crescita del sistema simpatico o NGF (Nerve Growth Factor).

10 A quei tempi non era ancora possibile valutare gli effetti di un eccesso del fattore di crescita, in quanto esso veniva rapidamente distrutto dallorganismo: tuttavia era possibile trattare un organismo in formazione con anticorpi contro lNGF per neutralizzare lazione di questo fattore di crescita sin dalle prime fasi dello sviluppo. Utilizzando questa procedura sperimentale fu evidente che attraverso la cosiddetta immuno- simpatectomia (blocco immunitario del sistema simpatico) si poteva inibire quasi totalmente lo sviluppo del simpatico, il che indicava che lo sviluppo di tali cellule nervose e delle loro connessioni dipendeva dalla presenza di questo fattore trofico che, in vitro, era in grado di attrarre verso di sé i prolungamenti nervosi emessi dalle cellule come una sorgente luminosa attrae le foglie e i rami di una pianta tenuta in un ambiente semi-oscuro. I risultati di questo esperimento erano già di per sé originali, ma Rita Levi- Montalcini non si limitò a considerare il ruolo del fattore di crescita nellambito del sistema nervoso simpatico e, con unostinazione e una perseveranza notevoli, andò alla ricerca di un effetto più generale, sullo sviluppo e il differenziamento di tutto il sistema nervoso.

11 Dopo anni di ricerche riuscì a provare che lNGF, una molecola proteica di peso molecolare , era in grado di stimolare la crescita di tutte le cellule nervose non soltanto nelle fasi embrionali, quando il sistema nervoso prende corpo, ma anche nel corso dei processi di ristrutturazione e di riparazione dei circuiti nervosi: per di più, fu evidente che lNGF non veniva prodotto soltanto da alcune ghiandole ma dalle stesse cellule nervose, che in tal modo inducono altre cellule a collegarsi con loro in rete. Il fattore di crescita del sistema nervoso viene oggi considerato nellambito di quei sistemi di regolazione della crescita e del differenziamento cellulare che esercitano la loro azione nelle situazioni più diverse, dalla crescita fisiologica a quella tumorale. Nellambito delle nostre conoscenze sul sistema nervoso lNGF assume inoltre unimportanza particolare, in quanto dimostra che il cervello e i suoi circuiti si realizzano non tanto sulla base di un programma genetico che prevede ogni minimo dettaglio, ma anche grazie agli scambi di informazione e agli stimoli che provengono dai diversi gruppi di neuroni, ad esempio, nel corso della registrazione di nuove esperienze, come avviene nel corso della memorizzazione.

12 Con la scoperta dellNGF e di altri fattori trofici, oggi non si guarda più al sistema nervoso come a una struttura rigidamente predeterminata, ma come a una struttura plastica, segnata dallindividualità delle sue complesse ristrutturazioni epigenetiche, che dipendono da una serie di eventi legati allazione di molecole trofiche o a quella di molecole come le CAM (Cell Adhesion Molecules) scoperte da Gerald Edelman, che guidano il cono di crescita delle fibre nervose in una particolare direzione.

13 Negli anni Cinquanta, quando Rita Levi-Montalcini cominciò ad ottenere i primi risultati sui fattori che influiscono sulla crescita e il differenziamento delle cellule nervose, le neuroscienze erano agli albori. Le ricerche sulle cellule nervose, sui neurotrasmettori, sui rapporti tra farmaci e funzione nervosa e infine sulle basi neurobiologiche del comportamento erano ancora a uno studio iniziale: certamente vi erano stati e vi erano fisiologi che studiavano il neurone, le sue proprietà e i meccanismi della comunicazione nervosa, ma mancava una visione dinsieme che andasse dalle molecole al comportamento e che tentasse di unificare le caratteristiche dei diversi sistemi nervosi che caratterizzano specie diverse. Discipline come la psicobiologia, lo studio dei rapporti tra meccanismi nervosi e comportamento, e la neuropsicologia, lo studio delle alterazioni comportamentali indotte da deficit del sistema nervoso, facevano ancora parte di unarea che i biologi consideravano con qualche sospetto, se non con sufficienza, in quanto queste discipline pretendevano di entrare in una terra quasi ignota, che per tradizione era stata prevalentemente oggetto di riflessione da parte dei filosofi. Insieme a un piccolo manipolo di neuroscienziati,

14 Rita Levi-Montalcini era però consapevole della rivoluzione scientifica che aveva investito il cervello e il sistema nervoso e che si era verificata anche grazie allo studio di quei fattori di crescita che intervengono sullo sviluppo e sulle funzioni nervose, non ultime quelle cognitive, come hanno dimostrato una serie di ricerche volte a dimostrare un ruolo del Nerve Growth Factor sulla funzione della corteccia cerebrale. A partire dagli anni Ottanta, gli studi sullNGF e sui fattori di crescita hanno conosciuto una notevole accelerazione e i risultati ottenuti hanno consentito, da un lato, di chiarire numerosi aspetti dei processi tumorali e, dallaltro, sono stati al centro di ricerche a carattere applicativo, tra cui alcune volte a riparare le fibre nervose sezionate da una lesione, come avviene ad esempio nei traumi del midollo spinale che oggi sono al centro

15 di una sperimentazione basata su interventi di microchirurgia associati alluso di fattori trofici. Partendo dai dati sugli effetti dellNGF sui gangli simpatici e sulle colture in vitro di cellule nervose, Rita Levi-Montalcini ha promosso per oltre un trentennio una serie di ricerche sul suo meccanismo dazione, per le quali nel 1986 le venne conferito il Premio Nobel per la Medicina (con Stanley Cohen).

16 Dal 1993 al 1998 presiede l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana. È membro delle più prestigiose accademie scientifiche internazionali, quali l'Accademia Nazionale dei Lincei, l'Accademia Pontificia, l'Accademia delle Scienze detta dei XL, la National Academy of Sciences statunitense e la Royal Society. È inoltre da sempre molto attiva in campagne di interesse sociale, per esempio contro le mine anti-uomo o per la responsabilità degli scienziati nei confronti della società. Nel 1992 istituisce, assieme alla sorella gemella Paola, la Fondazione Levi Montalcini, in memoria del padre, rivolta alla formazione e all'educazione dei giovani, nonché al conferimento di borse di studio a giovani studentesse africane a livello universitario. L'obiettivo è quello di creare una classe di giovani donne che svolgano un ruolo di leadership nella vita scientifica e sociale del loro paese.

17 Lattività scientifica di Rita Levi- Montalcini è lunga e intensa, anche negli anni della vecchiaia, in cui si sta dedicando a numerose imprese culturali:senatore a vita, Presidente dellIstituto dellEnciclopedia Italiana, di fondazioni scientifiche, autrice di numerosissimi saggi.

18 Elenco di alcune pubblicazioni della scienziata: - Origine ed Evoluzione del nucleo accessorio del Nervo abducente nell'embrione di pollo, Tip. Cuggiani, Cantico di una vita, Raffaello Cortina Editore, La galassia mente, Baldini & Castoldi, L' asso nella manica a brandelli, Baldini & Castoldi, Senz'olio contro vento, Baldini & Castoldi, Per i settanta anni della Enciclopedia italiana, , Istituto della Enciclopedia italiana, Il tuo futuro, Garzanti, NGF : apertura di una nuova frontiera nella neurobiologia, Roma Napoli, Sclerosi multipla in Italia : aspetti e problemi, AISM, Elogio dell'imperfezione, Garzanti, Il messaggio nervoso, Rizzoli, 1975


Scaricare ppt "Rita Levi Montalcini è nata nel 1909 a Torino. Entrata alla scuola medica di Levi all'età di vent'anni, si laurea nel 1936. Fermamente intenzionata a."

Presentazioni simili


Annunci Google