La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione al diritto dellinformazione La libertà di espressione e i suoi limiti lezione n. 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione al diritto dellinformazione La libertà di espressione e i suoi limiti lezione n. 1."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione al diritto dellinformazione La libertà di espressione e i suoi limiti lezione n. 1

2 Dichiarazione universale dei diritti delluomo 10 dicembre 1948 Articolo 19 Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere Articolo 12 Nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, nè a lesioni del suo onore e della sua reputazione Ogni individuo ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni.

3 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti delluomo e delle libertà fondamentali, 3 settembre 1953 Articolo 10 Libertà di espressione Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza ingerenza alcuna da parte delle autorità pubbliche e senza riguardo alla nazionalità. Il presente articolo non impedisce che gli Stati sottopongano a un regime di autorizzazione le imprese di radio-diffusione, di cinema o di televisione. Lesercizio di queste libertà, comportando doveri e responsabilità, può essere subordinato a determinate formalità, condizioni, restrizioni o sanzioni previste dalla legge e costituenti misure necessarie in una società democratica, per la sicurezza nazionale, lintegrità territoriale o lordine pubblico, la prevenzione dei disordini e dei reati, la protezione della salute e della morale, la protezione della reputazione o dei diritti altrui, o per impedire la divulgazione di informazioni riservate o per garantire lautorità e limparzialità del potere giudiziario. Articolo 8 Diritto al rispetto della vita privata e familiare Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, del suo domicilio e della sua corrispondenza. Non può esservi ingerenza della pubblica autorità nellesercizio di tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria per la sicurezza nazionale, lordine pubblico, il benessere economico del paese, la prevenzione dei reati, la protezione della salute o della morale o la protezione dei diritti e delle libertà altrui.

4 ... nella Costituzione Italiana articolo 2... sono riconosciuti i diritti inviolabili delluomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali dove si svolge la sua personalità art rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e luguaglianza dei cittadini impediscono il pieno svilupppo della persona umana art liniziativa economica non può svolgersi in contrasto in modo da recar danno alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana art. 21 Libertà di opinione art. 15 Libertà della corrispondenza art. 17 Libertà di riunione

5 Costituzione Italiana Articolo 21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni e censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dellAutorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per lindicazione dei responsabili. (...) La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica. Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

6 Costituzione Italiana Articolo 15 La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dellAutorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

7 Costituzione italiana Articolo 17 I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senzarmi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

8 Corte Costituzionale 24 marzo 1993 La costituzione allarticolo 21 riconosce e garantisce a tutti la libertà di manifestare il proprio pensiero con qualsiasi mezzo di diffusione e tale libertà ricomprende tanto il diritto di informare quanto il diritto di essere informati.

9 il diritto di informare il diritto di informarsi il diritto di essere informati dalla costituzione deriva

10 diritto allinformazione pluralismo delle fonti completezza e continuità dellinformazione imparzialità dei dati

11 Possibili collisioni tra la libertà di manifestazione del pensiero e altri interessi tutelati dalla Costituzione o dalle leggi diritto di manifestazione del pensieropari dignità sociale diritto di cronaca diritto alla riservatezza e allonorabilità diritto di informarsidiritto dautore diritto di cronacasicurezza dello Stato diritto di cronacasegreti (pubblici e privati)

12 Dichiarazione ONU Convenzione europea Costituzione italiana Solo la legge può stabilire dei limiti alla libertà di espressione

13 I limiti alla libertà di espressione a tutela della privacydecr. leg. 196/03 a tutela dellonore e della reputazioneart. 595 c.p. a tutela del diritto dautorelegge 633/41 a tutela dei segni distintivi e dei principi di concorrenzalegge sui marchi, art c.c. contro listigazione a disobbedire alle leggiart. 415 c.p., art. 266 c.p. a tutela dei minoriart. 114 c.p.p comma 6 art. 600 ter c.p. contro la diffusione di idee di discriminazione razziale ed etnica leggi 654/75, 205/93 contro la pubblicazione di spettacoli osceniartt. 528, 529, 725 c.p. in campagna elettorale per la comunicazione politicalegge 28/00 a tutela del segreto di statolegge 801/77 a tutela del segreto professionaleart. 622 c.p.

14 mezzo di diffusione forma espressiva (la parola, lo scritto, la composizione musicale, la fotografia, il disegno etc.) mezzo di diffusionestrumento di (quindi anche internet) divulgazione...con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione

15 art. 21 –web –forum –mailing list aperte –blog art. 15 –e.mail –mailing list chiuse sta venendo meno la linea di confine certa tra corrispondenza intersoggettiva e attività comunicative di tipo diffusivo opportunità di una lettura combinata delle due disposizioni, integrata in certi casi anche dalla lettura dellarticolo 17 Cost. art. 616 cpp Per corrispondenza si intende anche quella informatica o telematica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza

16 La disciplina degli strumenti di comunicazione stampaleggi 48/47, 249/97, 62/01 radio televisionelegge 112/04 assetto del sistema radiotelevisivo comunicazioni elettronichedecr. leg. 259/03 codice delle comunicazioni elettroniche

17 Fonti del diritto italiano e comunitario Diritto italiano: - Leggi Leggi Decreti legislativi Decreti legge - Regolamenti DPR - Usi - Leggi regionali Diritto comunitario: - Regolamenti - Direttive - Decisioni - Raccomandazioni

18 Leggi Costituzione Articolo 70 La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due camere Articolo 73 Le leggi sono promulgate dal Presidente della Repubblica entro un mese dallapprovazione. Se le camere, ciascuna a maggioranza assoluta dei propri componenti, ne dichiarano lurgenza, la legge è promulgata nei termini da esse stabilito. Le leggi sono pubblicate subito dopo la promulgazione ed entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diverso. Materiale normativo di fonte italiana su internet (accesso gratuito) ParlamentoParlamento Gazzetta UfficialeGazzetta Ufficiale

19 Decreti legislativi Costituzione Articolo 76 Lesercizio della funzione legislativa non può essere delegato al governo se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti.

20 Decreti legge Costituzione Articolo 77 Il governo non può, senza delegazione delle Camere, emanare decreti che abbiano valore di legge ordinaria. Quando, in casi straordinari di necessità e durgenza, il governo adotta, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro cinque giorni. I decreti perdono efficacia fin dallinizio se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. Le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti.

21 Regolamenti Legge 400/88 Articolo 17 comma 1 Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, sentito il parere del Consiglio di Stato che deve pronunziarsi entro novanta giorni dalla richiesta, possono essere emanati regolamenti per disciplinare: a)Lesecuzione delle leggi e dei decreti legislativi; b)Lattuazione e lintegrazione delle leggi e dei decreti legislativi recanti norme di principio, esclusi quelli relativi a materie riservate alla competenza regionale; c)Le materie in cui manchi la disciplina da parte di leggi o di atti aventi forza di legge, sempre che non si tratti di materie comunque riservate alla legge; d)Lorganizzazione ed il funzionamento delle amministrazioni pubbliche secondo le disposizioni dettate dalla legge; (…)

22 Regolamenti comunitari Trattato CE Articolo 189 Il regolamento ha portata generale. Esso è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno stato membro Materiale normativo di fonte europea su internet (accesso gratuito)

23 Direttive comunitarie Trattato CE Articolo 189 La direttiva vincola lo Stato membro cui è rivolta per quanto riguarda il risultato da raggiungere, salva restando la competenza degli organi nazionali alla forma e ai mezzi.

24 Le decisioni Trattato CE Articolo 189 La decisione è obbligatoria in tutti i suoi elementi per i destinatari da essa designati

25 Raccomandazioni e pareri Trattato CE Articolo 189 Raccomandazioni e pareri non sono vincolanti

26 La legge comunitaria La legge comunitaria è una legge del Parlamento italiano che delega il governo ad emanare uno o più decreti legislativi in attuazione di direttive comunitarie. E lo strumento con cui il nostro Stato attua le direttive comunitarie !

27 Bibliografia Ruben Ruzzante Manuale di diritto dellinformazione e della comunicazione Cedam 2003 pagg


Scaricare ppt "Introduzione al diritto dellinformazione La libertà di espressione e i suoi limiti lezione n. 1."

Presentazioni simili


Annunci Google