La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trattamento del cancro gastrico non superficializzato La chirurgia minivasiva Montecatini Terme, 25-28 maggio 2005 E. Tamborrino AUSL Modena Ospedale di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trattamento del cancro gastrico non superficializzato La chirurgia minivasiva Montecatini Terme, 25-28 maggio 2005 E. Tamborrino AUSL Modena Ospedale di."— Transcript della presentazione:

1 Trattamento del cancro gastrico non superficializzato La chirurgia minivasiva Montecatini Terme, maggio 2005 E. Tamborrino AUSL Modena Ospedale di Mirandola U.O. di Chirurgia Generale

2 Stadiazione chirurgica Chirurgia curativa Palliazione Cancro gastrico non superficializzato: la chirurgia mininvasiva.

3 Diagnosi e stadiazione La chirurgia laparoscopica consente: Valutazione corretta del peritoneo Completamento dello studio dei parametri M e T Valutazione del parametro N attraverso la mappatura del linfonodo sentinella (?) Lehnert T: Br J Surg 2002; Karnam US: Endoscopy 2002; Brennan MF: Ann Surg 1997; Mc Culloch P: Ann R Coll Surg Engl Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva.

4 in 1/3 dei casi lesplorazione laparoscopica cambia la stadiazione preoperatoria Consente di evitare laparotomie inutili Consente di eseguire una terapia neoadiuvante adeguata uso routinario ? Diagnosi e stadiazione

5 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Più di 4000 interventi in Giappone Più di 100 articoli sul medline (16 nel 2005 ) Circa 15 centri in Italia Chirurgia curativa

6 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Fattibilità tecnica Vantaggi Limiti Indicazioni

7 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. La fase demolitiva non dà in genere problemi tecnici Fattibilità tecnica: gastrectomia totale o parziale La fase ricostruttiva specie dopo GT presenta il problema dellanastomosi: termino-laterale o latero-laterale? intra- o extra-corporea?

8 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Japanese Gastric Cancer Association

9 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva.

10 Stazioni linfonodali difficili: n. 10ilo splenico n. 12pretroportali n. 13retropancreatici n. 14aarteria mesenterica super n. 14vvena mesenterica super n. 15vasi colici medi n. 16 (a1, a2, b1, b2)paraaortici n. 18margine infer pancreas Fattibilità tecnica

11 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. La linfectomia D1: stazioni 1-6 o perigastriche D2: stazioni 1-12 D1 : D1 + stazioni 7 e 8 D1 : D1 + stazione 9

12 Dissezione dellilo epatico: situazione favorevole

13 Dissezione dellilo epatico: situazione sfavorevole

14 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Vantaggi Minor dolore Veloce ripresa della canalizzazione e della mobilizzazione Minor degenza postoperatoria Estetica Minor perdita ematica Minor impatto sulla funzionalità polmonare Trauma chirurgico ridotto Kitano S. et al.: A randomized controlled trial comparing open vs. laparoscopy-assisted distal gastrectomy… Surgery 2002

15 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Limiti Linfoadenectomia oltre la D1 - D2 Resezione delle stazioni n d Necessità di una rigida selezione dei pazienti Lenta curva di apprendimento Tempi operatori allungati Stress per il team chirurgico Costi

16 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. N0N1N2N3 T1IaIbII T2IbIIIIIa T3IIIIIaIIIb T4IIIaIIIb H1, P1, CY1, M1IV Stage Grouping Aiko T., Sasako M.: Revision of Japanese Classification

17 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Japan Gastric Cancer Association treatment guidelines stage IA- mucosa, < 2 cm, well-differentiated: EMR - others: laparoscopic gastrectomy + D1 or D1 stage IB- < 2 cm: laparoscopic gastrectomy + D1 - others: standard gastrectomy + D2 (laparoscopy?) advanced gastric cancer stage II and III:standard or extended gastrectomy + D2 laparoscopic gastrectomy is under evaluation Indicazioni

18 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Attitudine personale Noi preferiamo lapproccio laparoscopico per i pazienti che maggiormente traggono beneficio dalla chirurgia miniinvasiva: gli ASA III soprattutto se anziani Il paziente giovane e senza particolari fattori di rischio, specie con neoplasia indifferenziata, viene preferibilmente approcciato in chirurgia open e con una linfectomia maggiore di D2

19 Cancro gastrico non superficializzato. La chirurgia mininvasiva. Chirurgia gastrica resettiva laparoscopica per patologia neoplastica Esperienza Personale Modena - Mirandola ( ) gastrectomie subtotali + linfoadenectomia D1 o gastrectomie totali + linfoadenectomia D1 o wedge resection ± linfectomia locale esofagectomia + resezione polare superiore + linfoadenectomia del mediastino inferiore + linfoadenectomia addominale D1 o con anastomosi intratoracica o cervicale su stomaco tubulizzato n° 26 n° 7 n° 11 n° 10


Scaricare ppt "Trattamento del cancro gastrico non superficializzato La chirurgia minivasiva Montecatini Terme, 25-28 maggio 2005 E. Tamborrino AUSL Modena Ospedale di."

Presentazioni simili


Annunci Google