La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corrispondenza diagnostico-clinica nella patologia fistolosa

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corrispondenza diagnostico-clinica nella patologia fistolosa"— Transcript della presentazione:

1 Corrispondenza diagnostico-clinica nella patologia fistolosa
XXIV Congresso Nazionale A.C.O.I. – Innovare conservando - TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLA FISTOLA PERIANALE Montecatini Terme, 28 Maggio 2005 Corrispondenza diagnostico-clinica nella patologia fistolosa G.A. Santoro Sezione di Fisiopatologia Anorettale ed Ecografia Dipartimento di Chirurgia I° (Direttore: Dr. Giuseppe Di Falco) Ospedale Regionale “Ca’ Foncello” - Treviso

2 Ascessi e fistole perianali
Inquadramento diagnostico Fistulografia TC Ecografia endoanale RM

3 Fistulografia Spesso mal tollerata Minori informazioni rispetto 25 pts
all’esplorazione in anestesia generale ML Corman Colon and rectal surgery 3 rd ed. 1993 25 pts Inaccuratezza nel definire il tragitto primario nel 84% dei casi Identificazione dell’orifizio interno nel 24% dei casi HJ Kuijpers et al. Dis Colon Rectum 1985; 28:103-4

4 Ascessi e fistole perianali
TC Elevata sensibilità per valutare l’estensione della sepsi a distanza dall’anoretto Bassa sensibilità nel differenziare i tramiti fistolosi dal tessuto fibroso Costi elevati Esposizione a radiazioni ionizzanti DM Yousem et al. Radiology 1988; 167:331-4 R Tersigni Chir Ital 2000; 52:155-64

5 Ecografia endoanale Sonda dedicata endocavitaria, rotante, multifrequente (5-10 MHz) (tipo 1850, BK Medical)

6 Ecografia tridimensionale
Sonda rotante multifrequente ( MHz) (type 2050 – BK Medical) Software (L3Di-2000/2100) per la ricostruzione 3D

7 Anatomia ecografica

8 Terzo medio del canale anale
Tessuti sottoepiteliali Muscolo longitudinale Sfintere interno Fosse ischioanali Sfintere esterno

9

10 Sepsi perianali: diagnosi ecografica
Definire l’anatomia dell’ascesso e del tramite fistoloso Localizzare l’orifizio interno Definire l’esistenza di diramazioni secondarie Definire l’esistenza di estensione circonferenziale Valutare il coinvolgimento muscolare

11 Ascesso intersfinterico

12 Ascesso sovraelevatore

13 Ascesso a ferro di cavallo
* *

14 ACCURATEZZA (%) NELLA DEFINIZIONE DEGLI ASCESSI PERIANALI
Ecografia endoanale ACCURATEZZA (%) NELLA DEFINIZIONE DEGLI ASCESSI PERIANALI Law et al., Cataldo et al., Deen et al., Kuntz et al.,

15 Fistola intersfinterica

16 Fistola intersfinterica con tramite secondario

17 Fistola transfinterica

18 Fistola transfinterica

19 Fistola sovrasfinterica

20 Fistola extrasfinterica

21 Ecografia endoanale: identificazione dell’orifizio interno
Immagine a “germoglio” con contatto sullo sfintere interno II Immagine a “germoglio” con difetto dello sfintere interno III “Breccia” degli strati subepiteliali collegata al tratto intersfinterico con difetto dello sfintere interno Sensibilità: 94% e Specificità: 87% DY Cho Dis Colon Rectum 1999; 42:515-8

22 Orifizio interno

23 Corrispondenza ecografia / chirurgia
+ H2O2 Seow-Choen 1991 Iroatulam 1997 Cataldo 1993 Deen 1994 Kuntz 1994 Poen 1998 Ratto 2000 Law 1989 Poen 1998 Ratto 2000 78.6 30.0 50.0 65.4 53.8 TRAGITTO PRIMARIO TRAGITTO SECONDARIO ORIFIZIO INTERNO 91.7 100 66.7 63.0 28.0 100 91.0 11.0 77.1 35 57.0 60.0 5.3 91.6 88.6 65 95.0 71.0 48 76.9 88.5 53.8

24 Rendering di superficie

25 57 pz. con fistola anale criptoghiandolare
Three-dimensional reconstructions improve the accuracy of endoanal ultrasonography in the identification of internal openings of anal fistulas Santoro GA, Ratto C, Di Falco G. Colorect Dis 2004;6:64 57 pz. con fistola anale criptoghiandolare Esame clinico : - digitale - con specillo EAUS: sonda rotante a 360° a frequenza MHz 2D EAUS D EAUS + H2O2 3D EAUS D EAUS + H2O2 Chirurgia

26 Agreement tra EAUS e Chirurgia
Primary tract Secondary tract Internal opening 2D HP EAUS 97.9% 93.1% 66.7% 3D HP EAUS 98.2% 93.1% 89.5% Internal opening: P = 0.03

27 RM RM con bobine di superficie RM con bobine endoanali
Sensibilità nel definire il tragitto primario: 100 % Sensibilità negli ascessi: 96 % Sensibilità nelle estensioni a ferro di cavallo: 100% Sensibilità nel definire l’orifizio interno: 96% RG Beets-Tan et al Radiology 2001; 218:75-84 RM con bobine di superficie RM con bobine endoanali

28 RM Utile nelle fistole complesse secondarie al M. di Crohn, che sono spesso associate a grandi ascessi e multipli tramiti fistolosi all’esterno degli sfinteri Utile nelle fistole recidive nel distinguere la fibrosi dalla sepsi attiva S Halligan et al. Eur J Radiol 2003; 47: DA Schwartz et al. Gastroenterology 2001; 121:

29 RM con Endocoil Precisa localizzazione dell’orifizio interno e dei suoi rapporti con l’apparato sfinteriale Bassa definizione delle fistule lontane dagli sfinteri (stessi limiti di campo della ecografia) J Stoker et al. AJR 1996; 166:

30

31 Conclusioni La Fistolografia e la TC hanno limitato significato
nello studio dei pazienti con ascessi o fistole perianali La EAUS è indagine di primo livello nelle valutazione delle sepsi perianali. La ricostruzione tridimensionale ed il rendering di superficie aumentano l’accuratezza di tale metodica La RM è indagine di seconda linea e va riservata alle fistole più complesse, alle fistole recidive ed alle fistole in M.di Crohn

32 VII° CORSO RESIDENZIALE DI ECOGRAFIA ENDOANALE ED ENDORETTALE
Treviso, 9-11 Novembre 2005


Scaricare ppt "Corrispondenza diagnostico-clinica nella patologia fistolosa"

Presentazioni simili


Annunci Google