La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meeting Commissione europea (Unità C/4) Bruxelles, 15 Maggio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meeting Commissione europea (Unità C/4) Bruxelles, 15 Maggio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Meeting Commissione europea (Unità C/4) Bruxelles, 15 Maggio 2009

2 Indice 1. Presentazione Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 2. Prassi delle pubbliche amministrazioni in materia di appalti pubblici 3. Giurisprudenza amministrativa in materia di iniquità 4. Tempi medi di pagamento in Italia 5. Stima del debito delle PA nei confronti delle imprese 6. Ulteriori danni alle imprese 7. Conclusioni

3 Ritardi di pagamento in Italia Presentazione Confindustria SI 1. Presentazione Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (SI) La Federazione A Confindustria SI fanno capo - attraverso 45 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) e 63 Sezioni Territoriali istituite presso le Unioni Provinciali di Confindustria - circa imprese con addetti, che realizzano un fatturato complessivo di circa 117 miliardi, pari al 40% del volume daffari del settore

4 Ritardi di pagamento in Italia Presentazione Confindustria SI cont. I servizi innovativi e tecnologici in Italia Il settore conta circa 1 milione di imprese (30% ditte individuali) e 2,5 milioni di addetti Limpatto del valore aggiunto (pari a circa 150 miliardi lanno) sul PIL (al netto dei servizi pubblici) è dellordine del 13% Se consideriamo che i Servizi Innovativi e Tecnologici (e la relativa filiera di produzione e commercializzazione) incidono sulla produzione degli altri settori (industria, pubblica amministrazione, commercio, altri servizi), attraverso leffetto input-output, abbiamo calcolato un moltiplicatore pari a 2,38, che porta lincidenza sul totale del valore aggiunto dal 13% al 31%

5 Ritardi di pagamento in Italia Presentazione Confindustria SI cont.

6 Il 6 maggio 2009 Confindustria SI ha notificato alla Commissione europea, ai sensi dellart. 226 CE, una memoria integrativa dellesposto depositato da TAIIS per violazione della direttiva 2000/35/CE in materia di lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

7 Ritardi di pagamento in Italia Prassi delle PA 2. Prassi delle puliche amministrazioni (PA) in materia di appalti pubblici Clausole che introducono condizioni di pagamento notevolmente peggiorative rispetto alla disciplina comunitaria Predisposte unilateralmente dalla PA Gravemente inique: introducono indebiti vantaggi in favore delle PA e non fondate su ragioni oggettive violazione art. 3, comma 3, direttiva 2000/35/CE Abuso di posizione e lesione della libertà contrattuale: strumento di pressione sulle imprese che approfitta dello squilibrio del potere negoziale delle parti violazione ratio direttiva 2000/35/CE, i.e. proibire labuso della libertà contrattuale in danno al creditore (considerando 19)

8 Ritardi di pagamento in Italia Prassi delle PA cont. Imposte dalle PA in applicazione di disposizioni normative (leggi statali o regionali) incompatibili con il disposto comunitario superate sia dalla normativa specifica comunitaria che da quella statale (…) che disciplinano puntualmente la fattispecie (T.A.R. Lazio 12229/2008) aventi carattere cedevole rispetto alla direttiva 2000/35/CE (CS 1638/2005) MA formalmente non abrogate Violazione art. 6, comma 2 direttiva 200/35/CE: Gli Stati membri possono lasciare in vigore od emanare norme che siano più favorevoli al creditore

9 Ritardi di pagamento in Italia Giurisprudenza amministrativa 3. Giurisprudenza amministrativa in materia di iniquità clausole relative a condizioni di pagamento censurate Imposizione di clausole notevolmente peggiorative rispetto alla disciplina legale indebiti vantaggi in favore delle PA (CS 1638/2005, T.A.R. Toscana 30/2004 e T.A.R. Lazio 12229/2008) Termini di pagamento >30 giorni alla cui accettazione viene subordinata laggiudicazione (T.A.R. Liguria 1227/2007) Sottoscrizione per accettazione clausole imposte quale condizioni di partecipazione alle gare (CS 43/2006, T.A.R. Piemonte 720/2007, T.A.R. Piemonte 3292/2007; T.A.R. Lazio 12229/2008) Rinuncia tout court agli interessi moratori (T.A.R. Lombardia 1349/2006) Previsione di tassi di interesse inferiori a quelli stabiliti dalla direttiva 2000/35/CE o di sconti in favore delle PA in caso di pagamento anticipato (T.A.R. Toscana 30/2004 e CS 1638/2005)

10 Ritardi di pagamento in Italia Tempi medi di pagamento 4. Tempi medi di pagamento Commissione europea - 68 giorni media europea, 138 Italia Confindustria - oltre 200 giorni Confartigianato giorni (allegato 17 memoria integrativa) Assifact giorni (allegato 21 memoria integrativa) Farmindustria giorni Assobiomedica giorni Associazione nazionale Costruttori edili - dai 60 ai 180 giorni

11 Ritardi di pagamento in Italia Stima debito delle PA 5. Stima del debito delle PA nei confronti delle imprese Banca dItalia - 2,5 % del PIL 9/intervento_ pdf 9/intervento_ pdf ABI/Confindustria - 60/70 miliardi ( 5 miliardi solo nel settore dei servizi) comunicazione___sito_abi_2.pdf comunicazione___sito_abi_2.pdf Corte dei Conti - 33 miliardi (aziende sanitarie e ospedaliere) Confartigianato - 10 miliardi Assifact - 27 miliardi (allegato 21 memoria integrativa)

12 Ritardi di pagamento in Italia Ulteriori danni alle imprese 6. Ulteriori danni alle imprese Rilevanti oneri finanziari ed organizzativi mancanza di liquidità e impossibilità ad investire Ulteriore indebitamento 167 miliardi nel 2008 (fonte lavoce.info) Oneri fiscali per somme non incassate Rischio di insolvenza (fallimento di 1 impresa su 4 - stima FISE) Pregiudizio al commercio transfrontaliero Distorsione della concorrenza sul mercato e pregiudizio alla competitività Spesso le imprese non esigono gli interessi moratori sulle somme dovute, né si rivolgono alle corti nazionali, per timore di essere penalizzate nel quadro di futuri rapporti contrattuali con le PA

13 Ritardi di pagamento in Italia Conclusioni 7. Conclusioni Quadro nazionale rilevante sotto il profilo della violazione degli obblighi comunitari da parte dello Stato Italiano a.Contesto attuativo generalizzato INCOMPATIBILE con il dettato comunitario in quanto fondato su pratiche abusive e gravemente inique comportamenti negoziali ampiamente radicati nella prassi delle PA in materia di appalti pubblici La violazione degli obblighi comunitari può derivare anche dallesistenza di una prassi amministrativa in contrasto con il diritto comunitario, pur in presenza di una normativa nazionale di per sé compatibile (CGE C 212/99, §31; C-278/03, §13) Una prassi amministrativa, qualora risulti in una certa misura costante e generale puó formare oggetto di ricorso per inadempimento (CGE 21/84, §13 e 15; 387/99, §42; C-494/01, §28)

14 Ritardi di pagamento in Italia Conclusioni cont. b.Contesto normativo CONTRARIO alla ratio e allo spirito della direttiva 2000/35/CE leggi nazionali e regionali formalmente non abrogate e tuttora applicate dalle PA Aggiramento dello scopo della direttiva e del suo effetto utile, i.e. garanzia di una effettiva e piena applicazione del diritto comunitario e del rispetto degli obiettivi ivi fissati (CGE C-65/01, §20; cause riunite C- 58/95, C-75/95, C-112/95, C-119/95, C-123/95, C-135/95, C-140/95, C-141/95, C-154/95 e C-157/95, §14)

15


Scaricare ppt "Meeting Commissione europea (Unità C/4) Bruxelles, 15 Maggio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google