La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

per raggiungere uno scopo risolvere un tutto mediante i suoi elementi comporre diversi elementi in un tutto si procede dal particolare alluniversale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "per raggiungere uno scopo risolvere un tutto mediante i suoi elementi comporre diversi elementi in un tutto si procede dal particolare alluniversale."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5 per raggiungere uno scopo

6

7 risolvere un tutto mediante i suoi elementi comporre diversi elementi in un tutto si procede dal particolare alluniversale ricavare da un antecedente un conseguente individuazione del problema formulazione ipotesi deduzione e previsione riproduzione sperimentale dei fenomeni controllo ipotesi (confermata-smentita)

8

9 TENDENZE METODOLOGICHE che partono da un TUTTO (parole e frasi) che viene analizzato in ELEMENTI SUCCESSIVAMENTE COMPONIBILI TENDENZE METODOLOGICHE che partono da ELEMENTI per giungere alla loro SINTESI IN PAROLE E FRASI TIPOLOGIA

10 CONOSCENZA DELLE MOTIVAZIONI TEORICHE CHE ISPIRANO I SINGOLI METODI CONOSCENZA DELLE OPPORTUNITA OFFERTE DAI SINGOLI METODI CONOSCENZA DELLE DIVERSE FASI DELLO SVILUPPO PERCETTIVO E MENTALE DELLALUNNO Per adottare il metodo più congruo rispetto alle effettive capacità apprenditive degli alunni in rapporto alle possibilità offerte dal metodo stesso C O M P E T E N Z E D E L L I N S E G N A N T E

11

12 Lapprendimento della lettura e della scrittura, come il camminare, il parlare, il cantare, il disegnare, ecc. è unattività naturale pertanto, deve scaturire da attraverso il gesto, la parola, il disegno e il linguaggio scritto un bisogno despressione un bisogno di comunicazione slogan Privilegiato laspetto sociale dellattività con la comune partecipazione degli alunni alle scoperte, ai tentativi, alle intuizioni Prime forme di scrittura (spontanea) che possono essere legate o separate Un primo contatto del bambino con la lingua scritta è il proprio nome Si avvia, così, alla scoperta del senso della scrittura (fa capolino la convenzione) Identificazione delloggetto con la parola scritta Identificazione delloggetto-storia con lespressione scritta (testo) Comprensione della struttura della frase Comprensione della struttura della parola Il legame suono-grafia diviene successivamente oggetto di attente cure Viene provocato il passaggio graduale dalla frase alla singola lettera e viceversa con luso dei caratteri a stampa

13

14 Il metodo muove dalla convinzione che sia necessario far esprimere e comunicare il bambino è favorito lapproccio per frasi di senso compiuto per dare importanza al significato del testo se basato sul proposito di suscitare motivazioni Il metodo globale è ritenuto valido per favorire la liberazione espressiva e il contenuto umano dellesperienza infantile Presentazione di frasi scaturite dalla spontanea discussione dei bambini, che vengono invitati a copiarle dopo che il maestro le scrive alla lavagna Gradualmente viene avviata lanalisi delle frasi, con identificazione di parole che contengono grafemi/fonemi simili (cane/carne) Seguono i giochi di scomposizione della frase e, necessariamente, delle parole (tombola dei nomi, tombola sillabica, uso di apposite schedine)

15 PERA PERA

16 F. Deva poggia il suo metodo analitico sintetico sulla teoria psicologica in base alla quale ALLO STADIO GLOBALE DELLAPPRENDIMENTO analitico-sintetico tipico dello stadio preoperatorio dellintelligenza, segue uno stadio, che egli definisce che prevede lintervento di unintelligenza già operatoria, corrispondente ad uno STADIO INTELLETTIVO E CONOSCITIVO PIÙ PERFEZIONATO DI QUELLO PRECEDENTE sincretismo giustapposizione Il bambino, quindi, ha una prima conoscenza di tipo globale dellinsieme, che Piaget definisce sincretismo (la parola) ed anche quando percepisce i particolari (le lettere) manifesta ancora una conoscenza di tipo globale, che Piaget definisce giustapposizione

17 Deva presenta due tecniche di intervento: analitico-sintetico - una di tipo analitico-sintetico in forma individualizzata forma collettiva - una in forma collettiva Il metodo di tipo sintetico in forma individualizzata prefigura luso di una serie di schede da adoperare a gruppi di tre alla volta. Sono in tutto n. 48 schede raffiguranti nomi che appartengono alla comune esperienza del bambino. Sotto loggetto raffigurato cè il nome stampato e due righe, su una delle quali il bambino incollerà le letterine del nome corrispondente alloggetto e sul rigo successivo ricopierà la parola; il tutto in forma stampatello maiuscolo a bastoncino.

18 Il metodo di tipo sintetico in forma individualizzata Il bambino effettuerà una prima lettura globale della parola osservando la figura della scheda presentata; poi separerà con le forbicine, una per volta, le singole lettere stampate sulla strisciolina e farà svariati giochi con spostamenti di posizione delle letterine, riconoscendole con lalfabetiere murale. Infine, il bambino ricostruirà la parola incollando le singole lettere in modo da porle ognuna sotto la corrispondente lettera della parola stampata sulla scheda (sintesi)

19 Il metodo di tipo sintetico in forma collettiva Viene rappresentata la stessa serie di parole, ma è linsegnante che disegna, volta per volta, alla lavagna loggetto corrispondente e ne scrive il nome; i bambini ripetono il nome oralmente. La stessa parola sarà scritta su una striscia di cartoncino. Per la scrittura, i bambini disegneranno sul quaderno loggetto rappresentato e ne scriveranno più volte il nome. Dopo la parola intera si farà scrivere una riga di ognuna delle singole lettere che la compongono. Per facilitare la fase analitico-sintetica si adopera lo stampatello maiuscolo e solo ad approfondimento avvenuto si passa allacquisizione del corsivo.

20

21 Muove dalla composizione e scomposizione della parola nella sua forma vocale nella convinzione che lattività analitico-sintetica, come processo fonico, autonomamente esercitabile nella sola sfera audioverbale, introduce una semplificazione decisiva, svincolando lalunno dalle difficoltà dei segni scritti Lanalisi e la sintesi delle parole verrebbero compiute senza le pesantezze introdotte dalla grafia Lattività analitico-sintetica con i segni visivi viene destinata ad un momento successivo, quando la capacità di operare la sintesi e lanalisi è ormai acquisita

22 Lintento di trovare un significato agisce da potente stimolo per lunificazione dei fonemi Proponendo notevoli semplificazioni psicologiche, questo metodo facilita lapprendimento Il fonema precede il grafema: nella prospettiva didattica il bambino deve prima percepire lelemento fonico e poi riconoscere il segno scritto (convenzione) Il fonema, è un elemento organizzato in sistema, perciò deve essere insegnato NON come elemento-atomo, ma come parte di un contesto

23 Linsegnante presenta al bambino due oggetti concreti dal nome bisillabo e pronuncia il nome di ciascun oggetto indicandolo col dito Poi dice allalunno che lo pronuncerà in modo un po strano, ad esempio staccando i fonemi luno dallaltro e prolungando il suono (P. A. N. E.) Farà, quindi, individuare al bambino se dice la parola di prima o se la cambia: Il bambino dovrà pronunciare la parola intera e indicare loggetto corrispondente (sintesi) Il bambino sarà, poi, invitato a pronunciare parole con fonemi staccati Quando avrà acquisito tale capacità sarà pervenuto allanalisi (preludio per la scrittura)

24 Successivamente si presenterà una parola, per es. ape e la si farà pronunciare staccando il primo fonema A, isolandolo dal successivoPE. A questo punto si riporterà sulla lavagna o su quaderno o sul pc, il fonema utilizzato, con la lettera corrispondente. Si scriverà tutta la parola con la lettera iniziale colorata. Analogamente si procederà per le altre lettere alfabetiche, osservando che nel loro insegnamento la commutazione fonetica potrà produrre spesso una corrispondente variazione di significato (uva – eva – ava, ecc.) Si svolgeranno analisi di parole bisillabe sul piano fonematico e si effettuerà la sintesi e lanalisi, sempre sul piano fonico, di parole proposte da un bambino ai compagni Avverrà, poi, il collegamento tra le operazioni fonemiche (sintesi e analisi) con i segni visivi (lettere alfabetiche) ed infine si procederà alla lettura e scrittura con i segni visivi (lettere alfabetiche)


Scaricare ppt "per raggiungere uno scopo risolvere un tutto mediante i suoi elementi comporre diversi elementi in un tutto si procede dal particolare alluniversale."

Presentazioni simili


Annunci Google