La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISLESSIA: UN PICCOLO RIPASSO. DEFINIZIONE La dislessia evolutiva è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISLESSIA: UN PICCOLO RIPASSO. DEFINIZIONE La dislessia evolutiva è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata."— Transcript della presentazione:

1 DISLESSIA: UN PICCOLO RIPASSO

2 DEFINIZIONE La dislessia evolutiva è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà di effettuare una lettura accurata e/o fluente e da abilità scadenti nella scrittura e nella decodifica. Queste difficoltà tipicamente derivano da un deficit nella componente fonologica del linguaggio che è spesso inattesa in rapporto alle altre abilità cognitive e alla garanzia di unadeguata istruzione scolastica. Conseguenze secondarie possono includere i problemi di comprensione nella lettura e una ridotta pratica della lettura che può impedire la crescita del vocabolario e delle conoscenze generali. Da International Dyslexia Association 2003 La dislessia evolutiva è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà di effettuare una lettura accurata e/o fluente e da abilità scadenti nella scrittura e nella decodifica. Queste difficoltà tipicamente derivano da un deficit nella componente fonologica del linguaggio che è spesso inattesa in rapporto alle altre abilità cognitive e alla garanzia di unadeguata istruzione scolastica. Conseguenze secondarie possono includere i problemi di comprensione nella lettura e una ridotta pratica della lettura che può impedire la crescita del vocabolario e delle conoscenze generali. Da International Dyslexia Association 2003

3 CARATTERISTICHE I DSA presentano due caratteristiche : SPECIFICITA: Il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità circoscritto lasciando intatto il funzionamento dellintelletto; DISCREPANZA: Vi è una corrispondenza inversamente proporzionale tra le abilità nel dominio interessato e lintelligenza generale. I DSA presentano due caratteristiche : SPECIFICITA: Il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità circoscritto lasciando intatto il funzionamento dellintelletto; DISCREPANZA: Vi è una corrispondenza inversamente proporzionale tra le abilità nel dominio interessato e lintelligenza generale.

4 CARATTERISTICHE (2) Ne deriva la necessità di: USARE TEST STANDARDIZZATI; ESCLUDERE la presenza di CONDIZIONI che potrebbero influenzare i test: fattori esterni (ambiente, famiglia, ecc..); fattori interni (motivazione, distraibilità sociale, stati danimo, ecc…); deficit sensoriali (uditivi, visivi, ecc..); deficit neurologici (traumi che abbiano provocato lesioni nel sistema neurologico legato al processo di lettura, scrittura e calcolo) Ne deriva la necessità di: USARE TEST STANDARDIZZATI; ESCLUDERE la presenza di CONDIZIONI che potrebbero influenzare i test: fattori esterni (ambiente, famiglia, ecc..); fattori interni (motivazione, distraibilità sociale, stati danimo, ecc…); deficit sensoriali (uditivi, visivi, ecc..); deficit neurologici (traumi che abbiano provocato lesioni nel sistema neurologico legato al processo di lettura, scrittura e calcolo)

5 CARATTERISTICHE (3) In presenza di situazioni socio-culturali particolari, derivanti da immigrazione, adozione, ecc…, bisognerà stare particolarmente attenti e cauti nel considerare il rischio sia dei FALSI POSITIVI (soggetti ritenuti a rischio di DSA le cui difficoltà sarebbero meglio spiegabili in relazione alla loro condizione etnico-culturale di svantaggio) sia dei FALSI NEGATIVI (soggetti ai quali, in virtù della loro condizione etnico-culturale, non viene diagnosticato un DSA ma che ne possiedono le caratteristiche).

6 CARATTERISTICHE (4) Nonostante le difformità nellapplicare il criterio della discrepanza cè accordo sul fatto che: la compromissione dellabilità specifica deve essere significativa (inferiore a – 2 DS, cioè deviazione standard, dai valori normativi attesi per letà o la classe frequentata); il livello intellettivo deve essere nei limiti della norma (QI non inferiore a 81). Nonostante le difformità nellapplicare il criterio della discrepanza cè accordo sul fatto che: la compromissione dellabilità specifica deve essere significativa (inferiore a – 2 DS, cioè deviazione standard, dai valori normativi attesi per letà o la classe frequentata); il livello intellettivo deve essere nei limiti della norma (QI non inferiore a 81).

7 CARATTERISTICHE (5) Altri caratteri utili per la definizione di DSA sono: Il carattere evolutivo; La diversa espressività del disturbo, nelle diverse fasi evolutive, dellabilità in questione; La quasi costante associazione ad altri disturbi (comorbilità); Il carattere neurobiologico; Il disturbo specifico deve comportare una compromissione significativa e negativa per ladattamento scolastico e /o per lattività nella vita quotidiana. Altri caratteri utili per la definizione di DSA sono: Il carattere evolutivo; La diversa espressività del disturbo, nelle diverse fasi evolutive, dellabilità in questione; La quasi costante associazione ad altri disturbi (comorbilità); Il carattere neurobiologico; Il disturbo specifico deve comportare una compromissione significativa e negativa per ladattamento scolastico e /o per lattività nella vita quotidiana.

8 INDICATORI PER GLI INSEGNANTI Elementi da osservare nella Scuola dellInfanzia: Disturbo del linguaggio; Inadeguatezza nei giochi metafonologici; Difficoltà a memorizzare filastrocche; Difficoltà nella manualità fine; Goffagine nel vestirsi, allacciarsi le scarpe, ecc..; Inadeguato riconoscimento destra / sinistra Elementi da osservare nella Scuola dellInfanzia: Disturbo del linguaggio; Inadeguatezza nei giochi metafonologici; Difficoltà a memorizzare filastrocche; Difficoltà nella manualità fine; Goffagine nel vestirsi, allacciarsi le scarpe, ecc..; Inadeguato riconoscimento destra / sinistra

9 INDICATORI PER GLI INSEGNANTI Elementi da osservare nella Scuola Primaria: Difficoltà a memorizzare sequenze ( mesi, giorni, ordine alfabetico,…); Difficoltà a copiare dalla lavagna; Utilizzo difficoltoso dello spazio-pagina; Lentezza nellacquisizione del codice alfabetico e della corrispondenza grafema/fonema; Scrittura speculare di grafemi e numeri; Errori fonologici nella fase alfabetica della scrittura (inversioni, sostituzioni, omissioni, intrusioni); Difficoltà con i digrammi e trigrammi; Scarsa competenza metafonologica ; Difficoltà grafo-motorie; Elementi da osservare nella Scuola Primaria: Difficoltà a memorizzare sequenze ( mesi, giorni, ordine alfabetico,…); Difficoltà a copiare dalla lavagna; Utilizzo difficoltoso dello spazio-pagina; Lentezza nellacquisizione del codice alfabetico e della corrispondenza grafema/fonema; Scrittura speculare di grafemi e numeri; Errori fonologici nella fase alfabetica della scrittura (inversioni, sostituzioni, omissioni, intrusioni); Difficoltà con i digrammi e trigrammi; Scarsa competenza metafonologica ; Difficoltà grafo-motorie;

10 INDICATORI PER GLI INSEGNANTI Lettura lenta con errori (salti di riga, ripetizione di riga, confusione tra grafemi p/b/d; a/e/o; u/n; m/n); Difficoltà di calcolo a mente entro il 10; Lentezza ed errori nella enumerazione allindietro da 20 a 0; Difficoltà nella lettura e scrittura dei numeri ad una cifra; Difficoltà a memorizzare le procedure delle operazioni aritmetiche; Difficoltà di attenzione; Racconta i fatti quotidiani con occhi particolari e in tempi lunghi perdendo spesso luso di termini anche di uso quotidiano (disnomia); Difficoltà nella lettura dellorologio; Lettura lenta con errori (salti di riga, ripetizione di riga, confusione tra grafemi p/b/d; a/e/o; u/n; m/n); Difficoltà di calcolo a mente entro il 10; Lentezza ed errori nella enumerazione allindietro da 20 a 0; Difficoltà nella lettura e scrittura dei numeri ad una cifra; Difficoltà a memorizzare le procedure delle operazioni aritmetiche; Difficoltà di attenzione; Racconta i fatti quotidiani con occhi particolari e in tempi lunghi perdendo spesso luso di termini anche di uso quotidiano (disnomia); Difficoltà nella lettura dellorologio;

11 INDICATORI PER GLI INSEGNANTI Difficoltà nel ricordare le date importanti o il proprio numero di telefono; Difficoltà nel pianificare ed organizzare le proprie attività; Difficoltà nella gestione del tempo; Ha poca autostima e sicurezza di sé. Difficoltà nel ricordare le date importanti o il proprio numero di telefono; Difficoltà nel pianificare ed organizzare le proprie attività; Difficoltà nella gestione del tempo; Ha poca autostima e sicurezza di sé.

12 DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA, DISCALCULIA –DISLESSIA: Difficoltà specifica nella lettura. In genere il bambino ha difficoltà a riconoscere e a comprendere i segni associati alla parola; –DISGRAFIA: Difficoltà a livello grafo-esecutivo. Il disturbo della scrittura riguarda la riproduzione dei segni alfabetici e numerici con tracciato incerto, irregolare. Riguarda la forma e non il contenuto; –DISORTOGRAFIA: Difficoltà ortografica. In genere si riscontrano difficoltà nello scrivere le parole usando tutti i segni alfabetici e a collocarli al posto giusto e/o a rispettare le regole ortografiche (accenti, apostrofi, ecc..) –DISLESSIA: Difficoltà specifica nella lettura. In genere il bambino ha difficoltà a riconoscere e a comprendere i segni associati alla parola; –DISGRAFIA: Difficoltà a livello grafo-esecutivo. Il disturbo della scrittura riguarda la riproduzione dei segni alfabetici e numerici con tracciato incerto, irregolare. Riguarda la forma e non il contenuto; –DISORTOGRAFIA: Difficoltà ortografica. In genere si riscontrano difficoltà nello scrivere le parole usando tutti i segni alfabetici e a collocarli al posto giusto e/o a rispettare le regole ortografiche (accenti, apostrofi, ecc..)

13 DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA, DISCALCULIA -DISCALCULIA: Difficoltà nelle abilità di calcolo e di scrittura e lettura del numero. POSSONO MANIFESTARSI TUTTE INSIEME (ed è il caso più frequente) O COMPARIRE ISOLATAMENTE. -DISCALCULIA: Difficoltà nelle abilità di calcolo e di scrittura e lettura del numero. POSSONO MANIFESTARSI TUTTE INSIEME (ed è il caso più frequente) O COMPARIRE ISOLATAMENTE.

14 INDIVIDUAZIONE PRECOCE La dislessia in Italia riguarda il 4% della popolazione scolastica. La diagnosi, però, avviene spesso troppo tardi. I bambini dislessici perciò vengono considerati dai loro genitori e dagli insegnanti come svogliati e pigri. Da qui ne conseguono: labbassamento dellautostima da parte del dislessico, problemi comportamentali e spesso labbandono della scuola. E importante quindi individuare il problema il prima possibile. Gli SCREENING per lindividuazione precoce dei DSA e per le difficoltà di apprendimento, andrebbero condotti allinizio dellultimo anno della scuola dellInfanzia con lobiettivo di realizzare attività didattico-pedagogiche mirate. La dislessia in Italia riguarda il 4% della popolazione scolastica. La diagnosi, però, avviene spesso troppo tardi. I bambini dislessici perciò vengono considerati dai loro genitori e dagli insegnanti come svogliati e pigri. Da qui ne conseguono: labbassamento dellautostima da parte del dislessico, problemi comportamentali e spesso labbandono della scuola. E importante quindi individuare il problema il prima possibile. Gli SCREENING per lindividuazione precoce dei DSA e per le difficoltà di apprendimento, andrebbero condotti allinizio dellultimo anno della scuola dellInfanzia con lobiettivo di realizzare attività didattico-pedagogiche mirate.

15 INDIVIDUAZIONE PRECOCE Uno screening, preceduto dalla formazione del corpo docente, contribuisce ad aumentare la qualità dellinsegnamento fornendo quelle INFORMAZIONI SPECIFICHE sulla natura del disturbo e i suoi effetti sullapprendimento e offrendo la possibilità di analizzare la didattica e quindi introdurre cambiamenti e sperimentazioni adeguate alla specificità della nostra lingua. La politica dello screening inoltre permette alla scuola di ridurre gli invii agli specialisti contribuendo a limitare laffollamento dei Servizi e permettendo ai docenti una prima gestione del problema e un successivo ridimensionamento dellintervento senza ogni volta dover ricorrere a specialisti esterni. Uno screening, preceduto dalla formazione del corpo docente, contribuisce ad aumentare la qualità dellinsegnamento fornendo quelle INFORMAZIONI SPECIFICHE sulla natura del disturbo e i suoi effetti sullapprendimento e offrendo la possibilità di analizzare la didattica e quindi introdurre cambiamenti e sperimentazioni adeguate alla specificità della nostra lingua. La politica dello screening inoltre permette alla scuola di ridurre gli invii agli specialisti contribuendo a limitare laffollamento dei Servizi e permettendo ai docenti una prima gestione del problema e un successivo ridimensionamento dellintervento senza ogni volta dover ricorrere a specialisti esterni.

16 COSA PUO FARE LINSEGNANTE Linsegnante con il suo metodo non può causare la dislessia ma può aggravarne gli effetti. Giacomo Stella Questi sotto elencati sono consigli di buona pratica ricordando che molto spesso ciò che utilizziamo per il bambino con DSA si rivela molto utile per tutti i suoi compagni. Linsegnante con il suo metodo non può causare la dislessia ma può aggravarne gli effetti. Giacomo Stella Questi sotto elencati sono consigli di buona pratica ricordando che molto spesso ciò che utilizziamo per il bambino con DSA si rivela molto utile per tutti i suoi compagni.

17 PER LE CLASSE PRIME o Nellinsegnamento della letto-scrittura preferire il METODO FONEMICO-SILLABICO a quello globale in quanto il primo agevola lapprendimento accompagnato dal continuo riferimento allaspetto semantico; o Il carattere di scrittura più idoneo è la STAMPATO MAIUSCOLO da utilizzare per tutto il tempo di presentazione dei grafemi – fonemi al fine di facilitare la stabilizzazione delle rappresentazioni grafemiche. Il carattere stampato maiuscolo risulta il più facile perché tutte le lettere occupano lo stesso spazio. Non richiedono una valutazione percettiva in più; o Sarà importante seguire un ordine di presentazione delle lettere a partire dalle vocali per poi procedere con quelle i cui suoni siano allungabili, M N S F L R V e proponendo per ultime quelle dai suoni esplosivi P T B D per poi terminare con i digrammi. o Nellinsegnamento della letto-scrittura preferire il METODO FONEMICO-SILLABICO a quello globale in quanto il primo agevola lapprendimento accompagnato dal continuo riferimento allaspetto semantico; o Il carattere di scrittura più idoneo è la STAMPATO MAIUSCOLO da utilizzare per tutto il tempo di presentazione dei grafemi – fonemi al fine di facilitare la stabilizzazione delle rappresentazioni grafemiche. Il carattere stampato maiuscolo risulta il più facile perché tutte le lettere occupano lo stesso spazio. Non richiedono una valutazione percettiva in più; o Sarà importante seguire un ordine di presentazione delle lettere a partire dalle vocali per poi procedere con quelle i cui suoni siano allungabili, M N S F L R V e proponendo per ultime quelle dai suoni esplosivi P T B D per poi terminare con i digrammi.

18 PER LE CLASSI PRIME o Sarebbe opportuno progettare dei laboratori per migliorare le competenze linguistiche e percorsi di simbolizzazione che conducano alla consapevolezza delle funzioni dei segni; o Nella correzione degli errori bisognerebbe contare il numero di parole sbagliate e non quello degli errori. o Sarebbe opportuno progettare dei laboratori per migliorare le competenze linguistiche e percorsi di simbolizzazione che conducano alla consapevolezza delle funzioni dei segni; o Nella correzione degli errori bisognerebbe contare il numero di parole sbagliate e non quello degli errori.

19 LABORATORIO FONOLOGICO Lobiettivo del laboratorio fonologico consiste nel facilitare la capacità di analizzare il linguaggio verbale attraverso un codice grafico condiviso. ATTIVITA: Stimolare la percezione e la discriminazione uditiva; Rappresentare lalternanza suono – silenzio facendovi corrispondere movimento – inattività; Leggere e riprodurre sequenze ritmiche con materiali diversi: blocchi logici, gettoni, cerchi, ecc…; Riconoscere i suoni iniziali e finali delle parole; Lobiettivo del laboratorio fonologico consiste nel facilitare la capacità di analizzare il linguaggio verbale attraverso un codice grafico condiviso. ATTIVITA: Stimolare la percezione e la discriminazione uditiva; Rappresentare lalternanza suono – silenzio facendovi corrispondere movimento – inattività; Leggere e riprodurre sequenze ritmiche con materiali diversi: blocchi logici, gettoni, cerchi, ecc…; Riconoscere i suoni iniziali e finali delle parole;

20 LABORATORIO FONOLOGICO Trovare assonanze e rime; Giocare con le filastrocche; Trasformare oralmente le parole da femminili a maschili e da grandi a piccole; Riconoscere le sillabe: battiamo le mani per ogni sillaba; Raggruppare figure che cominciano o che finiscono allo stesso modo; Trovare parole e figure il cui nome comincia come … luna; Cercare coppie di parole in rima, formando mazzi di carte con le quali giocare; Trovare assonanze e rime; Giocare con le filastrocche; Trasformare oralmente le parole da femminili a maschili e da grandi a piccole; Riconoscere le sillabe: battiamo le mani per ogni sillaba; Raggruppare figure che cominciano o che finiscono allo stesso modo; Trovare parole e figure il cui nome comincia come … luna; Cercare coppie di parole in rima, formando mazzi di carte con le quali giocare;

21 LABORATORIO FONOLOGICO Rappresentare i suoni con lattività grafica. Il segno grafico accompagna la voce: Allinterno dellattività è utile dare importanza ai giochi con la voce attraverso i quali i bambini possono sperimentarela differenza tra suoni lunghi o brevi, continui (come la mmmmm, la ffff, la ssss) o esplosivi ( come p, t, b) Successivamente usando materiali vari (come cubetti o palline) è possibile giocare a dividere: dalla frase alla parola, dalla parola alla sillaba per arrivare a conoscere il suono iniziale della parola. Tale attività contribuiscono ad affinare la competenze fonologiche. Rappresentare i suoni con lattività grafica. Il segno grafico accompagna la voce: Allinterno dellattività è utile dare importanza ai giochi con la voce attraverso i quali i bambini possono sperimentarela differenza tra suoni lunghi o brevi, continui (come la mmmmm, la ffff, la ssss) o esplosivi ( come p, t, b) Successivamente usando materiali vari (come cubetti o palline) è possibile giocare a dividere: dalla frase alla parola, dalla parola alla sillaba per arrivare a conoscere il suono iniziale della parola. Tale attività contribuiscono ad affinare la competenze fonologiche.

22 PERCORSI DI SIMBOLIZZAZIONE Percorso della lettura: Lettura di tracce e impronte; Interpretazione di simboli nella sezione/classe; Interpretazione di simboli più convenzionali (etichette e simbologia negli elettrodomestici, ecc..); Gioco del supermercato e lettura anticipata dei contenitori; Riconoscimento di parole usate in sezione/classe; Lettura per anticipazione di libri solo disegnati usati in sezione/classe; Ascolto della lettura delladulto. Percorso della lettura: Lettura di tracce e impronte; Interpretazione di simboli nella sezione/classe; Interpretazione di simboli più convenzionali (etichette e simbologia negli elettrodomestici, ecc..); Gioco del supermercato e lettura anticipata dei contenitori; Riconoscimento di parole usate in sezione/classe; Lettura per anticipazione di libri solo disegnati usati in sezione/classe; Ascolto della lettura delladulto.

23 PERCORSI DI SIMBOLIZZAZIONE Percorso della scrittura: Costruzione dei simboli; Scritture spontanee dei bambini e loro confronto; Angolo della posta; Visione delladulto che scrive cartelloni, elenchi, ecc..; Costruzione di libri con storie inventate. Percorso della scrittura: Costruzione dei simboli; Scritture spontanee dei bambini e loro confronto; Angolo della posta; Visione delladulto che scrive cartelloni, elenchi, ecc..; Costruzione di libri con storie inventate.

24 PER TUTTE LE CLASSI (dove si ha la presenza di un bambino con dsa) Scrivere alla lavagna utilizzando SEMPRE il carattere dello STAMPATO MAIUSCOLO; Prima di cancellare la lavagna essere sicuri che tutti abbiano copiato e capito; Fare verifiche programmate, strutturate e graduate; Fare un fac-simile di verifica (non insistere con il rosso ma marcare le cose giuste); Nelle verifiche orali usare SOLO domande univoche cioè essere chiari; Non fare leggere ad alta voce il bambino con dsa ma preferire la lettura silente; Scrivere alla lavagna utilizzando SEMPRE il carattere dello STAMPATO MAIUSCOLO; Prima di cancellare la lavagna essere sicuri che tutti abbiano copiato e capito; Fare verifiche programmate, strutturate e graduate; Fare un fac-simile di verifica (non insistere con il rosso ma marcare le cose giuste); Nelle verifiche orali usare SOLO domande univoche cioè essere chiari; Non fare leggere ad alta voce il bambino con dsa ma preferire la lettura silente;

25 PER TUTTE LE CLASSI (dove si ha la presenza di un bambino con dsa) Utilizzare un programma di videoscrittura con correttore ortografico ; Privilegiare la valutazione degli apprendimenti in forma orale; Non penalizzare il bambino per gli errori di ortografia e rispettare i tempi esecutivi della scrittura; Permettere luso dello stampatello qualora mostri di preferirlo; Somministrare questionari, appunti, spiegazioni in forma scritta in modo da ridurre il carico cognitivo richiesto dalle operazioni grafomotorie, al fine di consentire la memorizzazione e lapprendimento; Utilizzare strategie per favorire la comprensione del testo quali il metodo parola chiave; Utilizzare un programma di videoscrittura con correttore ortografico ; Privilegiare la valutazione degli apprendimenti in forma orale; Non penalizzare il bambino per gli errori di ortografia e rispettare i tempi esecutivi della scrittura; Permettere luso dello stampatello qualora mostri di preferirlo; Somministrare questionari, appunti, spiegazioni in forma scritta in modo da ridurre il carico cognitivo richiesto dalle operazioni grafomotorie, al fine di consentire la memorizzazione e lapprendimento; Utilizzare strategie per favorire la comprensione del testo quali il metodo parola chiave;

26 STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI Proprio per tutte le difficoltà che deve vivere un dislessico nelle varie attività scolastiche esistono degli strumenti COMPENSATIVI che lo possono rendere autonomo. Questo è un obiettivo importante perché se riesce a far da solo si sentirà come gli altri aumentando la sua autostima e migliorando così le prestazioni.

27 STRUMENTI COMPENSATIVI Computer: + controllo sintattico + controllo ortografico + sintesi vocale tabella dei mesi, tabella dellalfabeto e dei vari caratteri tabella delle misure, tabella delle formule geometriche tavola pitagorica calcolatrice audio registratore o lettore MP3 (con cuffia) vocabolario multimediale Computer: + controllo sintattico + controllo ortografico + sintesi vocale tabella dei mesi, tabella dellalfabeto e dei vari caratteri tabella delle misure, tabella delle formule geometriche tavola pitagorica calcolatrice audio registratore o lettore MP3 (con cuffia) vocabolario multimediale

28 STRUMENTI COMPENSATIVI enciclopedia informatica multimediale su CD ROM Libro parlato (centri) Audiolibro testi scolastici con allegati CD ROM testi in formato PDF – Biblioteca Digitale A.I.D. scanner - OCR internet enciclopedia informatica multimediale su CD ROM Libro parlato (centri) Audiolibro testi scolastici con allegati CD ROM testi in formato PDF – Biblioteca Digitale A.I.D. scanner - OCR internet

29 STRUMENTI DISPENSATIVI Parallelamente, in maniera commisurata alle necessità individuali e allentità del disturbo di apprendimento, si dovrà garantire la dispensa da alcune attività: Lettura a voce alta; scrittura veloce sotto dettatura; ricopiare dalla lavagna; uso del vocabolario; uso mnemonico delle tabelline; Parallelamente, in maniera commisurata alle necessità individuali e allentità del disturbo di apprendimento, si dovrà garantire la dispensa da alcune attività: Lettura a voce alta; scrittura veloce sotto dettatura; ricopiare dalla lavagna; uso del vocabolario; uso mnemonico delle tabelline;

30 STRUMENTI DISPENSATIVI dispensa, ove necessario, dallo studio delle lingue straniere in forma scritta; programmazione di tempi più lunghi per prove scritte ; riduzione del carico di lavoro; interrogazioni programmate; valutazione delle prove scritte ed orali che tengano conto del contenuto e non della forma. dispensa, ove necessario, dallo studio delle lingue straniere in forma scritta; programmazione di tempi più lunghi per prove scritte ; riduzione del carico di lavoro; interrogazioni programmate; valutazione delle prove scritte ed orali che tengano conto del contenuto e non della forma.

31 PEP (Percorso Educativo Personalizzato) Per non lasciare nulla al caso e perché la nostra didattica diventi efficace, sarebbe auspicabile preparare il PEP con la collaborazione del team docente. Deve essere un documento unico per tutte le discipline e deve contenere: Un carattere flessibile; Un linguaggio semplice; Un collegamento con la normativa. Per non lasciare nulla al caso e perché la nostra didattica diventi efficace, sarebbe auspicabile preparare il PEP con la collaborazione del team docente. Deve essere un documento unico per tutte le discipline e deve contenere: Un carattere flessibile; Un linguaggio semplice; Un collegamento con la normativa.

32 PEP (Percorso Educativo Personalizzato) Le strategie metodologiche terranno conto: Tempi di elaborazione; Tempi di produzione; Quantità dei compiti; Comprensione delle consegne; Uso e scelta dei mediatori didattici che facilitano lapprendimento (immagini, schemi, mappe ). Le strategie metodologiche terranno conto: Tempi di elaborazione; Tempi di produzione; Quantità dei compiti; Comprensione delle consegne; Uso e scelta dei mediatori didattici che facilitano lapprendimento (immagini, schemi, mappe ).

33 PEP (Percorso Educativo Personalizzato) Il documento conterrà: Strumenti compensativi; Misure dispensative; Modalità di verifica; Criteri di valutazione; Accordi con la famiglia; Firme di sottoscrizione: - Team di classe; - Dirigente; - Referente dislessia (non obbligatorio); - Genitori (meglio anche se non obb.); - studente (in base alletà); Tecnico (non obb.) Il documento conterrà: Strumenti compensativi; Misure dispensative; Modalità di verifica; Criteri di valutazione; Accordi con la famiglia; Firme di sottoscrizione: - Team di classe; - Dirigente; - Referente dislessia (non obbligatorio); - Genitori (meglio anche se non obb.); - studente (in base alletà); Tecnico (non obb.)

34 PEP (Percorso Educativo Personalizzato). Esempio DISCIPLINE STR. COMPENSATIVI STR. DISPENSATIVI VERIFICHE CRITERI DI VALUTAZIONE

35 SITOGRAFIA


Scaricare ppt "DISLESSIA: UN PICCOLO RIPASSO. DEFINIZIONE La dislessia evolutiva è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata."

Presentazioni simili


Annunci Google