La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TACHISTO Istruzioni di somministrazione secondo la teoria della modularizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TACHISTO Istruzioni di somministrazione secondo la teoria della modularizzazione."— Transcript della presentazione:

1 TACHISTO Istruzioni di somministrazione secondo la teoria della modularizzazione

2 2 Caratteristiche generali

3 3 MaterialeMateriale 15 liste di 20 parole ObiettiviObiettivi – tempi esposizione fino a ms –60-80% risposte esatte ModiModi –4 liste per volta –Risposta orale, ogni seduta almeno una lista scritta, ogni tanto di non parole – i tempi di esposizione ogni volta che si inserisce una nuova difficoltà –Tarare ogni volta i tempi sul soggetto Complessità: Gruppi consonantici, gn, gl, difficoltà ortografiche etc VariabiliVariabili –Caratteri: dimensioni aspetto –Tipo di visione –Tempi di esposizione CostantiCostanti –Punto di fissazione centrale –Mascheramento Tipi di paroleTipi di parole –Bisillabe piane –Non parole di 4 lettere –Bisillabe complesse –Trisillabe –Non parole di più lettere –Parole sempre più lunghe e complesse

4 4 Somministrazione

5 5 Iniziare con –Caratteri grandi –Visione centrale –4 liste di bisillabe piane Per velocizzare, automatizzare 1)Variare: a)dimensione caratteri b)far leggere dentro un riquadro 2)Sostituire 1 lista con non parole di 4 lettere 3)Somministrare una delle lista di bisillabe piane con apparizione casuale della parola a dx o a sin del punto di fissazione (visione periferica casuale) 4)Aumentare le liste in visione periferica I° FASE Non prima di 1-2 settimane Sostituire le liste ogni tanto per evitare che il b/no le impari a memoria

6 6 Iniziare –Come inizio I° fase – 2 liste bisillabe piane in visione periferica – 2 liste bisillabe complesse e trisillabe in visione centrale Per velocizzare, automatizzare 1)A sedute alterne inserire anche una lista di non parole che via via vanno aumentate come n° di lettere (5-6) 2)Aumento delle liste in visione periferica a)Inserire in visione centrale le liste con parole sempre più lunghe e complicate o che il bambino idiosincrasicamente ha più difficoltà a leggere o fa più errori b)Inserire in visione periferica le liste che nella sotto-fase precedente erano in visione centrale II° FASE Non prima di un mese e mezzo /due mesi di training quasi giornaliero di una ventina di minuti

7 7 CONTINUARE Lavorare con 2 parole affiancate Inizialmente bisillabe con caratteri diversi Successivamente con 3 parole e caratteri = Utilizzare i sistemi di progressione fin qui esposti nelle diverse fasi Al posto delle non parole utilizzare liste di cifre numeriche in visione centrale

8 8 Considerazioni finali Motivare sempre tantissimo Non lasciare il soggetto a sé, ma ogni seduta deve partire esattamente dal punto raggiunto nella precedente e tende a trovare un nuovo record (anche se questo non sarà possibile ogni volta). Meglio qualche minuto quasi tutti i giorni che ore solo nel fine settimana Velocizzare (modularizzare) e poi introdurre limpegno dellesecutivo introducendo una nuova difficoltà, rivelocizzare il nuovo livello e introdurre la difficoltà successiva (ricorda battuta a tennis)


Scaricare ppt "TACHISTO Istruzioni di somministrazione secondo la teoria della modularizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google