La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le semplificazioni amministrative Alessandro Natalini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le semplificazioni amministrative Alessandro Natalini."— Transcript della presentazione:

1 Le semplificazioni amministrative Alessandro Natalini

2 2 Semplificazione procedimentale 1.Cronologia dei principali provvedimenti normativi 2.Organizzazione della semplificazione 3.Prospettive

3 3 Semplificazione procedimentale Legge n. 241/90 1/2 1. Conferenza di servizi 2. Accordi amministrativi 3. Disciplina pareri (termini, in caso di inerzia si può procedere tranne per la tutela ambientale, paesaggistica, territoriale e della salute dei cittadini)

4 4 Semplificazione procedimentale Legge n. 241/90 2/2 4. Disciplina valutazioni tecniche (sostituzione in caso di inerzia) 5. Autocertificazione 6. Silenzio assenso per lautorizzazione allesercizio di attività privata 7. Inizio di attività privata su denuncia

5 5 Semplificazione procedimentale Legge n. 537/93 (legge finanziaria 1994) 1. Semplificazione collegata alla finanziaria 2. Semplificazione di un elenco di procedimenti 3. Utilizzo del regolamento delegificante 4. Parere delle Camere sugli schemi di decreto 5. Fissazione di criteri di semplificazione generali per tutti i procedimenti

6 6 Semplificazione procedimentale Legge n. 127/97 Semplificazione documentazione amministrativa Validità illimitata certificazioni stato civile

7 7 Semplificazione procedimentale L. n. 59/97 a)Legge annuale di delegificazione e semplificazione b)Relazione annuale di semplificazione del governo al Parlamento c)Regolamenti delegificanti adottati con parere delle Commissioni parlamentari e del Consiglio di stato d)Individuazione di una lista di procedimenti da semplificare e dei criteri di semplificazione e)I servizi di controllo interno verificano gli effetti delle semplificazioni

8 8 Semplificazione procedimentale Legge n. 50/1999 (prima legge di semplificazione) A)Previsione di forme di consultazione stabile delle forze sociali e delle associazioni rappresentative di interessi collettivi e diffusi B)Integrazione di criteri di semplificazione C)Istituzione del Nucleo per la semplificazione delle norme e delle procedure D)Contenuto relazione annuale di semplificazione E)Introduzione dellAnalisi per limpatto della regolazione (AIR) F)Realizzazione dei testi unici misti

9 9 Semplificazione procedimentale Legge n. 340/2000 (seconda legge di semplificazione) Ulteriori modifiche della disciplina della conferenza di servizi In allegato le subprocedure dello Sportello unico per le attività produttive

10 10 Semplificazione procedimentale Legge n. 137/2002, art. 11 Soppressione del Nucleo per la semplificazione delle norme e delle procedure Istituzione di un ufficio di livello dirigenziale generale alle dirette dipendenze del Ministro per la funzione pubblica con competenze in materia di semplificazione Istituzione presso la PCM - DAGL di un servizio che si occupi di Air Il contingente di esperti del Nucleo viene assegnato al DFP e alla PCM

11 11 Semplificazione procedimentale Responsabilizzazione organizzativa dei ministeri Superamento dei testi unici misti Superamento del legame tra semplificazione e delegificazione Centralità del riordino normativo Criteri di liberalizzazione Obbligo di Air per la regolazione delle autorità indipendenti Delega per riordino in materia di qualità della regolazione Legge n. 229/2003 (terza legge di semplificazione)

12 I criteri Dalla selettività alla trasversalità, ma con tante eccezioni (ma resta la selettività anche se marginale) 2.Dal decentramento ad un nuovo accentramento 3.La qualità della regolazione multilivello

13 13 I criteri Ancora in ombra la semplificazione: centralità Air e codificazione 5. Il rovesciamento dellonere della prova: silenzio assenso e testi unici 6. Testi unici misti, distinti e affiancati

14 14 La generalizzazione del silenzio assenso: i limiti -Possibilità per lamministrazione di indire entro 30 giorni una conferenza dei servizi -Riconoscimento potere di autotutela -Esclusione per legge di alcuni ambiti ( il patrimonio culturale e paesaggistico, l'ambiente, la difesa nazionale, la pubblica sicurezza e l'immigrazione, la salute e la pubblica incolumita', casi in cui la normativa comunitaria impone l'adozione di provvedimenti amministrativi formali, casi in cui la legge qualifica il silenzio dell'amministrazione come rigetto dell'istanza) Esclusione di procedimenti individuati con atti amministrativi Comunque solo per materie che rientrano nella competenza amministrativa statale

15 15 La generalizzazione del silenzio assenso: le criticità Efficacia molto limitata Incertezza del titolo giuridico Rischio di mancata tutela degli interessi pubblici

16 16 Legge di sempl. 2005, art. 14: i testi unici ghigliottina Entro ventiquattro mesi dalla scadenza del termine di cui al comma 12, il Governo è delegato ad adottare, con le modalità di cui allarticolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni, decreti legislativi che individuano le disposizioni legislative statali, pubblicate anteriormente al 1º gennaio 1970, anche se modificate con provvedimenti successivi, delle quali si ritiene indispensabile la permanenza in vigore, nel rispetto dellarticolo 1, comma 2, della legge 5 giugno 2003, n. 131

17 17 La ghigliottina 16. Decorso il termine di cui al comma 14, tutte le disposizioni legislative statali pubblicate anteriormente al 1º gennaio 1970, anche se modificate con provvedimenti successivi, sono abrogate.

18 18 Testi unici ghigliottina: la complessità 1.identificazione delle disposizioni la cui abrogazione comporterebbe lesione dei diritti costituzionali dei cittadini 2.identificazione delle disposizioni indispensabili per la regolamentazione di ciascun settore, anche utilizzando a tal fine le procedure di analisi e verifica dellimpatto della regolazione; 3. organizzazione delle disposizioni da mantenere in vigore per settori omogenei o per materie, secondo il contenuto precettivo di ciascuna di esse; 4. identificazione delle disposizioni la cui abrogazione comporterebbe effetti anche indiretti sulla finanza pubblica; 5. I decreti legislativi di cui al comma 14 provvedono altresì alla semplificazione o al riassetto della materia che ne è oggetto, nel rispetto dei princìpi e criteri direttivi di cui allarticolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59,

19 19 I testi unici ghigliottina: i limiti 1 Rimangono in vigore: a)le disposizioni contenute nel codice civile, nel codice penale, nel codice di procedura civile, nel codice di procedura penale, nel codice della navigazione, comprese le disposizioni preliminari e di attuazione, e in ogni altro testo normativo che rechi nellepigrafe lindicazione codice ovvero testo unico; b)le disposizioni che disciplinano lordinamento degli organi costituzionali e degli organi aventi rilevanza costituzionale, nonchè le disposizioni relative allordinamento delle magistrature e dellavvocatura dello Stato e al riparto della giurisdizione; c)le disposizioni contenute nei decreti ricognitivi, emanati ai sensi dellarticolo 1, comma 4, della legge 5 giugno 2003, n. 131, aventi per oggetto i princìpi fondamentali della legislazione 10 dello Stato nelle materie previste dallarticolo 117, terzo comma, della Costituzione;

20 20 I testi unici ghigliottina: i limiti 2 d) le disposizioni che costituiscono adempimento di obblighi imposti dalla normativa comunitaria e le leggi di autorizzazione a ratificare trattati internazionali; e) le disposizioni tributarie e di bilancio e quelle concernenti le reti di acquisizione del gettito, anche derivante dal gioco; f) le disposizioni in materia previdenziale e assistenziale;

21 21 I testi unici ghigliottina: le cautele 18. Entro due anni dalla data di entrata in vigore dei decreti legislativi di cui al comma 14, nel rispetto degli stessi princìpi e criteri direttivi e previo parere della Commissione di cui al comma 19, possono essere emanate, con uno o più decreti legislativi, disposizioni integrative o correttive.

22 22 Legge di sempl. 2005, art. 14: il consolidamento dellAir1 Messa a regime entro 180 giorni a seguito dellapprovazione di un DPR Tutti gli schemi di atti normativi tranne criteri di esclusione Introduzione della Vir Responsabilizzazione dei singoli ministeri

23 23 Semplificazione procedimentale Le prospettive 1/2 1. Stato e regioni 2. La nuova Unità di semplificazione 3. Ha ancora senso la legge annuale di semplificazione?

24 24 Semplificazione procedimentale Le prospettive 2/2 4. Ancora trasversali: la sanzione per le amministrazioni, la responsabilità dirigenziale, lobbligo di predefinire gli adempimenti procedimentali 5. Dai termini ai tempi, dalladempimento agli oneri


Scaricare ppt "Le semplificazioni amministrative Alessandro Natalini."

Presentazioni simili


Annunci Google