La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La storia di questa città si respira anche camminando per le nostre strade.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La storia di questa città si respira anche camminando per le nostre strade."— Transcript della presentazione:

1 La storia di questa città si respira anche camminando per le nostre strade

2 Passeggiando per le strade del centro avrete certamente fatto caso ai nomi delle vie, vi siete mai chiesti come mai si chiamino così? Ogni via ha una propria storia, certo alcune sono brevi e recenti ma altre risalgono a più di quattrocento anni fa! Attraverso un foto racconto vi farò conoscere la storia delle vie che sono, secondo me, le più significative della vita pratese.

3 Lindustria tessile di Prato è antichissima, nasce nel Prato ha sempre avuto la vocazione tessile nel sangue, ma è stata aiutata anche dal territorio circostante,per esempio il Bisenzio era sfruttato per tingere i capi. Eh sì lindustria tessile è sempre andata a braccetto con lacqua,infatti a Prato si scavarono le gore a questo proposito, canali che prendevano acqua del fiume Bisenzio grazie alla diga del Cavalciotto di S. Lucia.

4 Nel trecento, un mercante pratese, Francesco Datini,organizzò una rete commerciale per la compravendita di panni;grazie ad essa Prato iniziò ad essere conosciuta in Europa. Nel cinquecento i Medici, spaventati da questa crescita, proibirono ai Lanaioli Pratesi di produrre capi avvantaggiando così il lanificio fiorentino. Ma col governo dei Lorena Prato fu finalmente liberata dalle leggi proibitive dei Medici, in poche parole alla fine dellOttocento era uno dei principali centri tessili europei.

5 Scopriamo insieme come si fa a produrre un panno di lana: Le fasi fondamentali sono: La lana viene innanzitutto selezionata e lavata, poi viene cardata cioè districata dai fiocchi. Successivamente viene filata, tessuta e infine follata ossia resa più morbida ed impermeabile. Dopo queste lavorazioni viene tinta infine pettinata e rasata(garzatura e cimatura). A questo punto è pronta ad essere messa in commercio.

6 In questa strada aveva sede la più ricca delle Arti:quella della lana. Nel 1110 i lanieri Pratesi si erano uniti allArte mercanti di terra. Un secolo dopo larte della lana si divise in altre arti subordinate come quella di Calimala o dei mercanti di panno; possiamo dire quindi che lArte della Lana è la madre di molte arti e di conseguenza di molte altre vie.

7 Lorganizzazione dei Lanaioli,che produceva i panni, era potente e ricca fin dal Medioevo, infatti chiunque volesse comprare i panni prodotti dallArte doveva rivolgersi per forza ai lanaioli che erano gli unici a metterli in commercio.

8 Lorigine di questo nome particolare non è precisa; si suppone che provenga dal greco Kalòs mallos(bella lana)oppure Kali dallarabo, che vuol dire spirito. Larte di Calimala faceva venire dalla Spagna, Francia, Inghilterra panni rozzamente lavorati e li perfezionava.Gli stessi panni venivano poi spediti a Venezia o a Livorno per essere successivamente rimandati al loro paese dorigine.

9 In questa piazza era situata una gualchiera. Prato ha iniziato la sua storia tessile proprio da questa rudimentale rifinizione che follava i panni sfruttando la forza dellacqua della gora sulla quale era costruito ledificio tessile. La follatura è una operazione che consiste nel compattare il tessuto per renderlo impermeabile.

10 I saponai creavano il sapone per lavare e follare i panni. I saponai producevano il sapone in tutte le forme e colori: tondi, quadrati, a girella, neri, bianchi e rossi. La loro arte era molto importante sia per la produzione della lana sia per la produzione della seta.

11 I tintori erano un gruppo prestigioso poiché il lavoro che compievano era molto specializzato. Le tintorie, solitamente, sorgevano in riva ai fiumi per il loro continuo bisogno dacqua. La pianta con cui si tingevano i panni per farli diventar color porpora era loricello. La porpora era un colore indossato da papi e imperatori poiché incuteva paura, rispetto e ammirazione.

12 Qui avevano le botteghe i cimatori di panni, i quali rifinivano le stoffe prima che lArte di Calimala li spedisse sui mercati stranieri. Il lavoro dei cimatori consisteva nel tagliare la peluria in eccesso dei tessuti.

13 Spero che questa presentazione vi abbia fatto conoscere qualcosa in più della nostra città, della nostra tradizione e della nostra storia. A presto, cari amici troolini. Pendragon


Scaricare ppt "La storia di questa città si respira anche camminando per le nostre strade."

Presentazioni simili


Annunci Google