La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE CON IPERTRANSAMINASEMIA Prof. L. Bolondi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE CON IPERTRANSAMINASEMIA Prof. L. Bolondi."— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE CON IPERTRANSAMINASEMIA Prof. L. Bolondi

2 Le transaminasi sono enzimi che catalizzano la reazione di trasferimento di un gruppo aminico da un aminoacido ad un chetoacido. Nel siero sono presenti due forme che differiscono per substrato e localizzazione: Aspartato aminotransferasi (AST) o glutammico-ossalacetico transaminasi (GOT) e alaninoaminotransferasi (ALT) o glutammico-piruvico transaminasi (GPT) TRANSAMINASI SedeLocalizzazione cellulare prevalente AST (GOT)CUORECITOPLASMA FEGATOMITOCONDRIO MUSCOLO RENE CERVELLO PANCREAS ERITROCITI POLMONE MILZA ALT (GPT)FEGATOCITOPLASMA CUORE MUSCOLO

3 In condizioni normali le transaminasi sono presenti in circolo a livelli molto bassi (inferiori alle 40 U/l) e simili fra loro, anche se il rapporto AST/ALT è in genere > 1. Nella maggior parte delle epatopatie vi è un incremento più cospicuo delle ALT con inversione del rapporto AST/ALT. Ciò è dovuto ad una più rapida clearance plasmatica delle AST e dal fatto che le ALT sono localizzate esclusivamente nel citoplasma e quindi attraversano più facilmente le membrane cellulari danneggiate. TRANSAMINASI

4 IPERTRANSAMINASEMIA PREVALENZA NEGLI STATI UNITI: 7.9% Solo il 31% ad eziologia definita (di questi 43.6% alcol, 22.6% HCV 11% possibile emocromatosi, 3.1% HBV, 19% combinazione di più di uno di questi fattori. Am J Gastroenterol 2003 STUDIO DYONISOS (ITALIA): prevalenza di enzimi epatici elevati nella popolazione generale del 21.3 % Hepatology 1994

5 IPERTRANSAMINASEMIA DANNO EPATICO ACUTO AST e/o ALT > 300 U/l AST > 3000 U/lAST > 2x ALT Possibile danno Tossico o ischemico Markers epatiti virali Epatite A o Epatite B o Epatite C (rara) Considera altre cause: Colestasi acuta Altri agenti infettivi Epatiti autoimmuni M. di Wilson Abuso alcolico?Assenza di danno acuto Epatite alcolica si no Generalmente di competenza specialistica (ricovero) sino posneg si no

6 IPERTRANSAMINASEMIA COLESTASI INTRA ED EXTRAEPATICA Oltre alle transaminasi elevate può presentare: Aumento della bilirubina Aumento della fosfatasi alcalina (FA) spesso più di 4 volte la norma Aumento della gamma-glutamil-transpeptidasi (GGT) In assenza di transaminasi elevate un aumento della FA può essere segno di colestasi precoce. Altre malattie che possono causare un aumento isolato della FA: linfomi, diabete, ipertiroidismo, malattie infiammatorie intestinali. ESEGUIRE ECOGRAFIA PER EVIDENZIARE DILATAZIONE DELLE VIE BILIARI SI NO ERCPBIOPSIA EPATICA

7 IPERTRANSAMINASEMIA DANNO EPATICO CRONICO Generalmente transaminasi 1x 4x i valori normali Elevazione delle transaminasi in più di una occasione in un periodo di 6 mesi o Persistenza di transaminasi elevate per più di 6 mesi dopo una epatite acuta In uno studio bioptico eseguito su 354 pazienti con transaminasi elevate in assenza di sierologia indicativa il: 34% presentava una steatoepatite 32% una steatosi 7.6% un danno da farmaci Skelly J of Hepatol 2001 La steatoepatite, la steatosi, il danno da farmaci e le epatiti virali sono le cause più importanti di elevazione cronica delle transaminasi

8 IPERTRANSAMINASEMIA DANNO EPATICO DA FARMACI Solitamente elevazione sia delle transaminasi sia degli indici di colestati (FA e GGT) Introduzione di una grande quantità di nuovi farmaci e di associazioni fra essi. Herbal medicine Nuove droghe sintetiche Doping La biopsia non riesce a porre dignosi di danno epatico indotto da farmaci ma può essere orientativa inducendo il medico ad approfondire lanamnesi farmacologica

9 IPERTRANSAMINASEMIA EPATITE CRONICA B (HBV) - EPIDEMIOLOGIA LItalia si trova in unarea a cosiddetta prevalenza dinfezione intermedia (0.5 – 2 %). LHBV è al 7% come fattore di rischio per cirrosi e carcinoma epatico. La cirrosi da HBV è la seconda più frequente indicazione al trapianto dopo quella da HCV INDICAZIONI ALLA RICERCA DELLHBs Ag Soggetti con segni, sintomi o dati laboratoristici o di imaging indicativi di malattia epatica Soggetti nati o che hanno soggiornato in aree iperendemiche per più di 6 mesi Omosessuali maschi Soggetti con storia di assunzione di droghe Dializzati Soggetti sieropositivi per anticorpi anti – HIV Soggetti sieropositivi per anticorpi anti – HCV Donne gravide Familiari, conviventi e partners sessuali di soggetti HBs Ag + detenuti

10 IPERTRANSAMINASEMIA Soggetto HBs Ag positivo – VALUTAZIONE INIZIALE Storia ed esame obiettivo Test di laboratorio: FA, GGT, bilirubina, protidemia + elettroforesi, colinesterasi, coagulazione, emocromo completo + piastrine, alfafetoproteina. Test per valutare eventuali coinfezioni: HDV Ab, HIV Ab, HCV Ab. Test per valutare la replicazione: HBe Ag, HBe Ab, Hbc Ab IgM e HBV-DNA. Ecografia addominale Monitoraggio delle transaminasi ogni 1 – 3 mesi nei primi 6 – 12 mesi. Biopsia per valutare grado e stadio di malattia nei pazienti con ipertransaminasemia e segni di attiva replicazione virale in assenza di controindicazioni o di chiari segni clinici di cirrosi in pazienti senza altre cause potenziali di epatopatia.

11 IPERTRANSAMINASEMIA EPATITE CRONICA B – Indicazioni al trattamento La terapia antivirale dellepatite cronica da HBV è di limitata efficacia e rimane oggetto di studio e sviluppo. Per questo motivo la decisione di iniziare un trattamento va accuratamente ponderata e deve essere basata su una valutazione combinata: dei marcatori virologici, ovvero della presenza di replicazione virale (HBV – DNA > 10 5, reattività per lHBe Ag e/o reattività allanti HBc Ab IgM persistente nel range di valori associati a malattia attiva). dellattività infiammatoria valutabile indirettamente dallandamento delle transaminasi o direttamente dallattività infiammatoria isotlogica dello stadio di malattia, valutabile sulla base della fibrosi sul frammento bioptico.

12 IPERTRANSAMINASEMIA EPATITE CRONICA B – Criteri di esclusione dal trattamento CRITERI DI ESCLUSIONE DAL TRATTAMENTO CON INTERFERONE Cirrosi avanzata o scompensata Leucopenia (WBC < 3000/mmc, PMN < 1500/mmc) e/o trombocitopenia (80000/mmc) Pazienti con bassa compliance ai trattamenti ed al follow-up Tossicodipendenza o alcolismo attivo Depressione severa o anamnesi di malattie psichiatriche maggiori Gravidanza in atto; incapacità ad una contraccezione efficace Malattie autoimmuni attive, malattie tiroidee o grave patologia concomitante. CRITERI DI ESCLUSIONE DAL TRATTAMENTO CON LAMIVUDINA E ADEFOVIR Tossicodipendenza o alcolismo attivi Pazienti con bassa compliance ai trattamenti ed al follow-up Gravidanza in atto; incapacità ad una contraccezione efficace

13 IPERTRANSAMINASEMIA EPATITE CRONICA B – Follow-up del paziente HBs Ag + non in terapia Parametri biochimici e virologiciIntervallo di rivalutazione dei parametri laboratoristici HBe Ag ALTHBV-DNAEnzimi epaticiFunz epaticaHBs Ag/Ab HBc Ab IgMHBeAg/Ab +Norm Elevati3 – 6 mesi6 mesi12 mesi + x 2 Elevati1 – 3 mesi6 mesi12 mesi -NormNon elevati6 – 12 mesi12 – 24 mesi12 – 24 mesi - x 2 Elevati1 – 3 mesi6 mesi12 mesi -/+> x 2 Elevati3 mesi3 – 6 mesi12 mesi

14 IPERTRANSAMINASEMIA EPATITE CRONICA C – Epidemiologia E la causa di epatite virale più frequente in Italia. Prevalenza dinfezione stimata attorno al 3% con incremento da nord a sud. Ogni anno 1000 nuovi casi di infezione.

15 EPATITE C - Storia naturale IPERTRANSAMINASEMIA

16 EPATITE CRONICA C - Diagnosi Una volta accertato il rialzo delle transaminasi eseguire: Ab anti – HCV (anticorpi contro il core ed antigeni non strutturali del virus) La positività del test è di per sé diagnostica di infezione Viremia (HCV – RNA) qualitativa; la positività documenta la replica virale E utile in tutti i pazienti con positività anticorpale Viremia (HCV – RNA) quantitativa; essendo accertato il valore predittivo della sua Riduzione > di 2 log dopo 12 settimane di trattamento, è utile la sua esecuzione prima e durante la terapia Genotipo virale; non vi è correlazione con la gravità istologica o progressione di malattia. Viene determinato per la probabilità di risposta e la durata della terapia.

17 IPERTRANSAMINASEMIA EPATITE CRONICA C - Biopsia La biopsia epatica è ancor oggi lunico metodo che consente una valutazione della fibrosi (staging) e dellattività necrotica ed infiammatoria (grading) della malattia. Utile per valutare se intraprendere subito il trattamento o differirlo Fornisce indicazioni utili come la coesistenza di steatosi, di accumulo di ferro, di una epatopatia alcolica. Consente di monitorare levoluzione della malattia epatica. Pur essendo una manovra relativamente sicura la biopsia rimane comunque una manovra invasiva e quindi potenzialmente pericolosa

18 EPATITE CRONICA C – Gestione del paziente anti-HCV + anti – HCV+ occasionali ALT elevate ALT x 6 mesi HCV – RNA ALT elevateALT normali HCV RNA -HCV RNA + Determinare genotipo Gen 2 - 3Gen Biopsia Ripetere HCV RNA +HCV RNA - Controllare ALT x 18 mesi Ripetere ALT persistentemente normali Trattare FIBROSI assente FLOGOSI lieve FIBROSI presente FLOGOSI lieve o moder Non trattare

19 Interferone Con questo nome si indica una famiglia di citochine che posseggono una potente azione antivirale, immunomodulante e antiproliferativa. Viene sintetizzato dalle cellule (linfociti o fibroblasti) in risposta a vari induttori (infezioni virali, citochine: IL 1, IL 2, TNF) e determina una serie di modificazioni biochimiche che conducono alla acquisizione di uno stato antivirale nelle cellule effettrici della stessa specie.

20 Interferone (IFN) IFN naturale leucocitario IFN -2a ricombinante IFN -2b ricombinante IFN peghilato

21

22 Interferone Meccanismo dazione –Attraverso il legame con specifici recettori di membrana stimola la produzione di proteine che contribuiscono alla resistenza alla infezione virale: inibisce la penetrazione del virus nella cellula inibisce la sintesi dellRNA messaggero del virus blocca la maturazione delle proteine virali blocca lassemblaggio ed il rilascio del virus dalla cellula infetta

23 Ribavirina E un analogo di una base purinica composto da una base modificata coniugata con ribosio Inibisce la replicazione di molti virus a RNA e DNA La ribavirina viene fosforilata dai sistemi enzimatici delle cellule infette ed interferisce con la sintesi della guanosina trifosfato interferendo in tal modo con la sintesi del DNA

24 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) Comprende pazienti con semplice accumulo di grasso epatico (STEATOSI) o pazienti con steatosi + infiammazione ovvero con STEATOEPATITE (NASH). Il consumo di alcol deve essere < 20 g/die. Recente classificazione in 4 classi su base istologica: CLASSE 1: steatosi semplice (soprattutto macrovescicolare) CLASSE 2: steatosi con infiammazione lobulare CLASSE 3: come classe 2 + degenerazione epatocitaria balloniforme CLASSE 4: come classe 3 + fibrosi perisinusoidale e/o corpi di Mallory CLASSE 3 E CLASSE 4 = NASH

25 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Epidemiologia In uno studio autoptico (USA): Steatosi nel 70% degli obesi e nel 35% dei non-obesi NASH nel 18.5% degli obesi e nel 2.7% dei non obesi Wanless, Hepatology 1990 Studio DIONYSOS (Italia): Steatosi allecografia nel 16.4% dei soggetti sani normopeso nel 75.8% dei soggetti obesi Bellentani Ann Intern Med 2000 Prevalenza di NAFLD in una popolazione Giapponese (città di Okinawa) : 21% Nomura Jpn J Med 1988

26 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Storia naturale Il rischio a 5 anni di sviluppare cirrosi in pazienti in classe NAFLD 3 e 4 è del 15%. Predittori clinici di istologia avanzata: età > aa, obesità severa, diabete, dislipidemia (soprattutto ipertrigliceridemia). Anche se esistono ancora pochi studi longitudinali sulla NASH la sopravvivenza a 5 e 10 aa è stimata essere rispettivamente 67% e 59% Studi preliminari sembrano suggerire un decorso migliore per i pazienti in classe NALFLD 1 e 2.

27 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Fisiopatologia Acidi grassi liberi TNFalfa Deficit di leptina o resistenza Predisposizione genetica Insulino-resistenza Altri fattori: farmaci tossici (es. solventi idrocarburi) deficit di colina Accumulo di grasso Danno cellulare (steatoepatite) Fibrosi - cirrosi Infiammazione Cambiamenti morfologici danno diretto degli acidi grassi liberi stress ossidativo anomalie mitocondriali Polimorfismi (citochine?)

28 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Aspetti clinici Steatosi e steatoepatite sono associate alla sd. metabolica quindi a: Obesità prevalenza di NAFLD classe 1 negli obesi 60% Diabete 75% dei diabetici tipo 2 presenta fegato steatosico Ipertensione prevalenza del 30.9% negli ipertesi non obesi Iperlipidemia Iperuricemia Lecografia presenta elevate sensibilità e specificità nella diagnosi di steatosi La biopsia epatica è lunica metodica in grado di porre diagnosi definitiva, non esistono comunque precise raccomandazioni su quando eseguirla valutare nel contesto clinico.

29 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Aspetti clinici Secondo una nostra recente osservazione i pazienti non obesi con transaminasi normali e con ipertensione essenziale, presentano una maggior prevalenza di steatosi allecografia (30.9% vs 12.7% nei soggetti controllo). Ciò sembra essere in relazione allo stato di insulino-resistenza tipico del paziente iperteso. Evidenza di una stretta associazione tra insulino-resistenza e transaminasi. Steatoepatite anche se transaminasi normali? Il paziente con steatosi allecografia anche se magro e non diabetico svilupperà più facilmente ipertensione arteriosa? Donati, Gut 2004 in press

30 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Aspetti clinici Vista laasociazione con linsulino-resistenza è sempre bene stimare la sensibilità allinsulina mediante uno dei seguenti metodi: HOMA index calcolato come: insulina a digiuno x glicemia a digiuno / 22.5 Rapporto c-peptide / insulina Test di tolleranza al glucosio Glicemia a digiuno > 126 mg/dl = diabete Se dopo 2 h da un carico di 75 g di glucosio orale glicemia >140 < 200 mg/dl = intoll gluc glicemia > 200 mg/dl=diabete

31 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Terapia Regole generali Stop alcol Stop farmaci potenzialmente lesivi (es. amiodarone, tamoxifene, triciclici) Aumentare lattvità fisica Diminuire lapporto calorico (ridurre grassi animali)

32 IPERTRANSAMINASEMIA Non-alcoholic fatty liver disease (NAFLD) - Terapia Agenti citoprotettivi Acido ursodesosicolico Agenti antiossidanti Vitamina E S-adenosil-metionina N-acetilcisteina Betaina Agenti anti-diabetici Metformina Tiazolidinedioni (pioglitazone) Tutti hanno presentato risultati promettenti in esperienze preliminari si attendono risultati da trial randomizzati in corso

33 IPERTRANSAMINASEMIA DANNO EPATICO CRONICO – altre cause Tratti clinici salientiTest di screening Test probanti Emocromatosimalattia autosomicaSat transferr >45% Studio mutaz recessiva 1:200UIBC < 28 umol/L C282Y M. Di Wilsonmalattia autosomicaBassa ceruplasmina Cupremia recessiva, 1:30000 Cupruria anemia emolitica analisi genetica Epatiti autoimmuni18% delle epatiti non viraliANA e SMA Biopsia giovani donne, γ-globul Cirrosi biliare primitivaDonne di mezza età, FAAMA Biopsia associazione con altre pat autoimmuni Colangite sclerosanteGiovani uomini, FAC-ANCA Imaging biliare associazione con IBDanche SMA, ANA Deficit di Mal autosomica recessivastudio del fenotipo alfa-1-antitripsina1:2000dellalfa1antitripsina


Scaricare ppt "GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE CON IPERTRANSAMINASEMIA Prof. L. Bolondi."

Presentazioni simili


Annunci Google